chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Ortensie: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Ortensia quercifolia: esposizione ideale?

    Il 08/04/2019, Elisa di Parma chiede:

    Buongiorno. Ho comprato un'ortensia quercifolia. Che esposizione vuole? Sento dire sole, ombra. Mille e più opinioni. Forse andrebbe bene il sole della mattina? Grazie mille. Elisa
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Buongiorno Elisa,

    in effetti le risposte sono un po’ vere tutte, a me piace dire che vanno a mezzo sole, perché reggono benissimo il sole, ma il fiore e le foglie se sono in una posizione soleggiata e molto calda senza la compensazione di altre piante che mitigano l’impatto del caldo, un po’ si bruciano, mentre la pianta se ben bagnata rimane sana.

    Una posizione in ombra anche se luminosa consente alla pianta di vivere molto bene, ma nello stesso tempo si perde la possibilità di godere dei suoi splendidi colori autunnali, quindi, a mio avviso la posizione migliore è sempre quella in cui prendono sole per una buona parte della giornata, condividendo magari lo spazio con altre piante in modo tale da creare un microclima perfetto per avere splendide piante, fiori che passano dal bianco al rosa con sfumature verdi ed infine foglie coloratissime in autunno.

    Da evitare l’ombra buia, quindi, sostanzialmente evitare gli estremi.

    Lucia Mazzarello
    I Giardini e le Fronde

    Condividi su:

  • Ortensia danneggiata: è stato il freddo?

    Ortensia danneggiata: è stato il freddo?

    Il 06/04/2019, Maria Clotilde di Moncalieri - Torino - Italia chiede:

    Buongiorno, vorrei sapere se i danni a questa ortensia possono essere stati causati dalle gelate delle scorse notti: sono sulla collina di Torino a circa 650metri s.l.m. e la scorsa settimana le temperature sono scese molto. I nuovi germogli stavano benissimo e adesso sembrano bruciati. Da notare che alcune ortensie con vegetazione più avanti nello sviluppo stanno benissimo. Grazie in anticipo per l'aiuto.
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentile Maria Clotilde,

    sì sono danni da gelata tardiva, dipende molto dalle posizione delle piante, sotto gli alberi tendono a danneggiarsi meno mentre in zone più aperte si danneggiano maggiormente.

    Dipende anche dalle specie, le macrophylla sono quelle che di solito vengono colpite in modo più netto. Non si preoccupi, si riprendono sempre, molto probabilmente faranno qualche fiore in meno, ma vedrà che riuscirà ad avere, comunque una buona fioritura. Purtroppo parlo per esperienza, anche a noi in vivaio una parte delle macrophylla sono state danneggiate e questa tendenza ad avere inverni miti ha portato ad avere ricorrenti danni in primavera. La potatura in tarda primavera un pochino le protegge, ma non è sempre risolutiva.

    Lucia Mazzarello
    I Giardini e le Fronde

    Condividi su:

  • Ortensia petiolaris: rami con foglie scolorite, come mai?

    Ortensia petiolaris: rami con foglie scolorite, come mai?

    Il 05/04/2019, Carla di Colico chiede:

    Buongiorno, ho notato che la mia ortensia Petiolaris (in vaso) ha alcuni rami con foglie di un bel verde carico, mentre altri rami presentano foglie scolorite e quasi gialle. Sto somministrando dall'inizio di primavera, una volta alla settimana, un fertilizzante per acidofile, ma non mi spiego questa diversità tra i rami della stessa pianta. Spero che la foto chiarisca il mio problema. Grazie per la vostra gentile risposta. Carla
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentile Carla,

    a mio avviso la nuova vegetazione presenta delle carenze di ferro, quindi, io sostituirei il concime per acidofile con il ferro chelato almeno una volta al mese.

    Potrebbe aver sofferto la sete? In molte regioni italiane abbiamo avuto problemi di siccità, talvolta quando vanno in sofferenza, tendono ad andare anche in carenza di sostanze nutritive. In realtà, poi, la petiolaris non ha esigenze di terra acida, io arricchirei il terreno con del buon concime biologico e dell’humus sempre biologico.

    Il concime chimico, sul lungo periodo danneggia i microrganismi del terreno, peggiorandone la struttura e di conseguenza anche le piante che vengono coltivate in terra povera di microrganismi faticano ad assorbire i nutrienti.

    Un’ultima possibilità potrebbe essere un problema opposto a quello sopra indicato, occorre verificare anche che non ci siano dei problemi di ristagno idrico. La terra deve essere sempre ben drenata anche se umida. Nessun sottovaso deve essere utilizzato.

    Lucia Mazzarello
    I giardini e le fronde

    Condividi su:

  • Ortensia che nonostante le cure è in sofferenza: come mai?

    Ortensia che nonostante le cure è in sofferenza: come mai?

    Il 04/04/2019, Rosa di Reggio Calabria chiede:

    Ho comprato 20 giorni fa queste ortensia in fiore, era in un vasetto piccolo quindi l'ho trapiantata in uno più grande. Ho messo acqua tutti giorni 1 bicchiere la mattina uno la sera, l'ho tenuta dentro in casa niente sole. Perché si è ridotta così? In cosa ho sbagliato?
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentile Rosa,

    le ortensie in questa stagione non sono ancora fiorite in natura, quindi, il primo problema è che si tratta di una pianta forzata ad hoc per la vendita. Cosa ottima per avere del fiorito per eventi, matrimoni o feste, un po’ meno per avere piante forti e sane per il giardino.

    Dalla foto, mi sembra che comunque la pianta abbia sete, la terra mi sembra piuttosto secca, un bicchiere due volte al giorno per un ortensia tenuta in casa al caldo è comunque poca, io proverei a vaporizzarla sulla foglia dargli un po’ più di acqua e la posizionerei all’aperto in una posizione protetta, in ogni caso all’ombra.
    Le ortensie non sono piante da appartamento, quindi il loro habitat migliore è all’esterno, oltretutto tu vivi al sud, quindi, credo siano anche scongiurate eventuali gelate tardive.

    Lucia Mazzarello

    Condividi su:

  • Ortensie: solo una è già fiorita, come mai?

    Ortensie: solo una è già fiorita, come mai?

    Il 17/03/2019, Serena di Roma chiede:

    Buongiorno, ho te ortensie comprate lo scorso anno ad aprile non posso dire che tipo di ortensie perché non lo so, una bianca, rossa e blu. La bianca ha già iniziato la fioritura come è possibile? Sempre la stessa ha fatto dei piccolissimi fiori a luglio e ottobre. Quelli di ottobre hanno resistito fino a Natale e le foglie le ha mantenute sempre verdi cambiandole solo a febbraio, in realtà le ho tolte io. Come mai la mia ortensia si comporta in un modo così diverso dalle altre? Grazie
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentilissima Serena,

    effettivamente il comportamento delle tue piante è parecchio anomalo, dalle foto non riesco a capire bene, ma, sembrano macrophylla. Molto spesso le Hydrangee macrophylla, vengono forzate, costrette al frigo per simulare l’inverno e poi messe in serra per portarle a fioritura nel periodo desiderato. Abitando tu a Roma, deduco che le temperature invernali siano miti, quindi, molto probabilmente queste ortensie devono ancora ritrovare il loro normale ciclo biologico.

    Attenzione solo al colore dei fiori, da quello che vedo nella foto sembra aprire verde, nel caso tutti i fiori li apra di quel colore è possibile che sia stata attaccata da un virus piuttosto pericoloso, quindi verifica e se continua ad aprire solo fiori verdi, estirpala ed eliminala. L’ideale sarebbe bruciarla, ma, non potendo, gettala nell’umido stando attenta a non lasciare rami o radici in giardino.

    Spero di essere stata utile.

    Buona giornata,

    Lucia Mazzarello

    Condividi su:

  • Ortensie: quali varietà una hanno fioritura precoce?

    Il 15/03/2019, Sabina di Cagliari chiede:

    Buongiorno. Vorrei forzare delle ortensie per avere la fioritura verso fine aprile, quali sono le specie già di per sé a fioritura più precoce rispetto ad altre? Da quel che ho letto sarebbero le Macrophilla, ma quali tra queste? Abito a Cagliari. Grazie!
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentile Sabrina,

    abitando a Cagliari è già agevolata dal clima, quest’anno poi, la maggior parte delle fioriture è anticipata. 
    Le confermo, inoltre, che le Hydrangee più semplici da forzare solo le macrophylla. Tutte, tendenzialmente utilizzando i tunnel o ambienti protetti che simulano temperature più elevate da quelle di stagione. 

    Tuttavia, io tendo ad evitare di consigliare questa pratica, se l’obiettivo è quello di avere delle piante sane in giardino, in quanto dopo questo intervento, le ortensie hanno bisogno di tempo per ritornare al loro normale ciclo biologico e talvolta possono anche rimanere indebolite, specialmente se, in concomitanza con il posizionamento in un ambiente artificiale, vengono anche concimate in modo importante proprio per stimolare una fioritura precoce.  

    In ogni caso io sceglierei varietà come la “Bela”, “Benelux”, “Bodensee” , “Schneeball”, “Leuchtfeuer” varietà molto forti e, quindi, capaci di reagire molto bene a questo intervento.  
    Anche la serie Magical, essendo state inizialmente selezionate per il reciso, sono, piante che ben si adattano alle forzature.

    Grazie per la domanda e buon lavoro,

    Lucia Mazzarello

    Condividi su:

  • Ortensie: quali piantare in zona ombreggiata?

    Il 09/03/2019, Roberta di Firenze Italia chiede:

    Vorrei piantare delle Ortensie insieme ad un’altra specie in zona ombreggiata esposizione sud/est creando una composizione sotto un grosso abete e cipresso. Quali specie di ortensie sono consigliate? Quali piante a cespuglio sarebbero in armonia? Vorrei ottenere una buona fioritura fino almeno a 1/2 Settembre. Il mio giardino è in Valdarno. Grazie, attendo vostre
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentilissima Roberta,

    per quanto riguarda le ortensie può scegliere quelle che più le piacciono, se, come descrive, la posizione della futura aiuola si trova ai piedi di un pino e di un cipresso; infatti queste piante con i loro aghi acidificano il substrato rendendolo ideale anche per macrophylla e serrate. Queste ultime però necessitano di situazioni fresche in estate anche se parzialmente assolate, quindi, valuti lei, ma, se è in collina non dovrebbe avere problemi neppure con questa specie.

    Per qualunque Hydrangea occorre ombra luminosa, ancor meglio se con qualche ora di sole diretto nelle ore meno calde. Le serrate, così come le quercifolia sono veramente decorative in autunno per il colore del fogliame, a condizione che, come ripeto, siano esposte al sole nelle ore meno calde. Se, come scrive, c’è ombra prevalentemente, io preferirei macrophylla bianche e a colori tenui che illuminino la zona, eventualmente associate con delle serrate scelte però per la bellezza del fiore, meno appariscente rispetto alle macrophylla ma molto elegante. Due involucrate potrebbero completare l’aiuola per avere una fioritura tardiva.

    Il problema che si potrebbe presentare, se lei va a piantare troppo vicino al pino o al cipresso, è che avendo questi ultimi, specialmente il primo, radici molto superficiali potrebbe non esserci sufficiente terra per le ortensie e di conseguenza potrebbero, andare in crisi idrica e carenza di sostanze nutritive. Le posizioni, quindi un pochino lontane dal tronco e verifichi la profondità disponibile.

    Non le consiglio di mischiare tante varietà e specie, perché gli abbinamenti per essere armoniosi vanno studiati a fondo, mentre delle piccole masse di ortensie simili garantiscono un effetto elegante al giardino.

    Insieme alle ortensie, se ha dei punti dove il sole è diretto per qualche ora, come credo, vista l’esposizione a sud est, potrebbe mettere a dimora dei viburnum plicatum, ce ne sono diverse varietà e fioriscono in primavera. Per completare l’insieme aggiungerei delle erbacee perenni, belle non solo per il fiore, ma, alcune, anche per la foglia, ci sono davvero tante possibilità, dalle Ajuga, tappezzanti a fioritura precoce, alle Campanule, ce ne sono diverse, con fioriture a scalare, le Persicarie a fioritura estiva, in punti più assolati gli anemoni per la fioritura di fine estate. Finendo con delle felci, su queste ultime devo studiare ancora un po’ anch’io non coltivandole in vivaio, ma, ce ne sono davvero tante e, devo dire, che viste nei giardini ombrosi associate alle ortensie sono davvero meravigliose.

    Spero di esserle stata utile,

    Lucia Mazzarello

    Condividi su:

  • Ortensie: quando e come potarle?

    Il 05/12/2018, Federico di Massarosa chiede:

    Buonasera, vorrei qualche consiglio riguardo alle ortensie. Quale sarebbe il periodo giusto per potarle? In questo momento hanno i fiori secchi e le foglie quasi tutte cadute. Posso già farlo adesso? Soprattutto, a che altezza potarle e quando devo concimare? Grazie, buona serata
    Lucia_Mazzarello
    Risponde l'esperto
    Lucia Mazzarello

    Gentile Federico,
    la potatura delle ortensie normalmente si effettua a fine inverno

    SPECIE

    Occorre distinguere fra le diverse specie:

    - le classiche ortensie diffuse nei giardini appartengono alla specie delle macrophylla. Queste Hydrangee fioriscono sul ramo dell'anno precedente, occorre quindi stare molto attenti ed evitare di tagliare le gemme da fiore. Normalmente si taglia il fiore sfiorito fino all'altezza della prima coppia di gemme da fiore, mentre non si toccano le gemme apicali e si tolgono i rami secchi. lo stesso vale per le serrate.

    - Le quercifolia e le petiolaris (l'ortensia rampicante) normalmente non si potano, si eliminano solo i rami secchi se presenti.

    - Le arborescens fioriscono sul ramo dell'anno, si possono potare anche prima dell'inverno perché molto resistenti al freddo. Ricordo che il fiore protegge le piante dalle basse temperature, si tagliano fino a 30/40 cm da terra. Più si potano più tenderanno a fare fiori grandi. Se invece si lasciano crescere spontaneamente tenderanno a fare fiori più piccoli e numerosi. A differenza delle altre Hydrangee, le arborescens sopportano i terreni poveri ed anzi, consiglio di non concimarle per evitare che gli steli si allunghino troppo per poi non riuscire a reggere il peso dei grandi fiori.

    - Le paniculate, anche loro, fioriscono sul ramo dell'anno precedente. Si può optare per dei cespugli più piccoli a fiori molto grandi con una potatura decisa anche a 30 cm da terra. Tuttavia, io consiglio sempre di farle crescere come è nella loro natura di grandi arbusti e, quindi, potarle solo finché sono molto giovani per favorire una bella forma a cespuglio.

    - Le aspera, infine, richiedono solo il taglio del vecchio fiore e degli eventuali fiori secchi.

    CONCIMAZIONE

    Per quanto riguarda la concimazione in questo periodo si può distribuire del chelato di ferro e si possono aggiungere aghi di pino al terreno. Una buona concimazione con letame maturo o cornunghia si può effettuare da novembre a febbraio. Se la terra fosse particolarmente povera di nutrienti si possono utilizzare dei buoni concimi biologici in primavera.

    Non bisogna, però, esagerare con l'azoto perché favorirà il fogliame a scapito della fioritura.
    Due cose che sconsiglio: l'utilizzo dei concimi chimici che distruggono i microrganismi del terreno e la concimazione in tarda estate, perché rende i rami meno legnosi e, quindi, più sensibili al freddo.

    Un saluto
    Lucia Mazzarello

    Leggi le altre risposte dell'esperto sulle ORTENSIE:

    Condividi su:

  • Qual è il periodo più adatto per spostare le ortensie?

    Il 09/11/2018, Camilla di Domodossola chiede:

    Buongiorno, vorrei sapere quand'è il periodo migliore per spostare delle Ortensie, già abbastanza grandi, calcolando che vivo al nord quindi con neve e gelo. Vorrei anche sapere se, qualora si dovessero spostare nei mesi invernali, è consigliabile farlo da potate (sulla potatura ci sono un sacco di pensieri, ne vengo sempre meno a capo ma va bene lo stesso :) Grazie mille e buon fine settimana
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno,
    io le sposterei a fine marzo, ma si possono ridurre in qualsiasi momento dopo la caduta delle foglie.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Foglie di ortensie in vaso con scottature: da cosa è causato e cosa fare?

    Foglie di ortensie in vaso con scottature: da cosa è causato e cosa fare?

    Il 27/10/2018, Al Sala di Monza chiede:

    Buongiorno, le mie ortensie in vaso hanno mostrato improvvisamente delle scottature delle foglie che sembrerebbero dovute a contatto con fuoco. Da cosa può essere dovuto e cosa devo fare? Grazie. Al sala
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno.
    Siamo a fine stagione, sono foglie che hanno pochi giorni di vita, inutile fare alcunché.
    Piuttosto vedo un po' di clorosi: ferro e un po' di concime (senza esagerare) PER L'ANNO PROSSIMO.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Ortensie in vaso con foglie che stanno in parte seccando: come mai?

    Ortensie in vaso con foglie che stanno in parte seccando: come mai?

    Il 24/10/2018, Stefano di Trieste chiede:

    Perché le mie ortensie si sono ridotte così? Erano stupende fino a 2 mesi fa poi piano piano si sono imbruttite. Acqua sempre presente e con poco sole diretto. Non riesco proprio a capire. Grazie se riuscirete a spiegarmi il motivo. Adesso le lascio che sfioriscano, ma non mi do pace.
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Non si peoccupi, sono solo danni da un colpo di calore che ha ustionato i bordi esterni delle piante.
    Le foglie adesso cadranno, dia un po’ di concime (moderatamente) ALLA RIPRESA VEGETATIVA NEL 2019.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Talee di ortensie che hanno attecchito in un microclima: posso scoprirle ora?

    Il 21/10/2018, Stefano di Trieste chiede:

    Agli inizi di Settembre ho fatto due belle talee di Ortensie rosse utilizzando un vaso ricoperto con un nylon trasparente per creare un micro clima caldo umido. Le talee hanno attecchito. Posso scoprirle e lasciarle esposte al tempo atmosferico? Sopporteranno, ancora giovani come sono, l'imminente inverno. È meglio se le lascio ancora sotto la busta della mini serra?
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno,
    credo sia meglio scoprirle, ma tenerle in un ambiente riparato dove il freddo non le geli e non si disidratino... un ambiente come una serra fredda.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Potatura ortensia: quali rami taglio? Va bene farlo a maggio?

    Potatura ortensia: quali rami taglio? Va bene farlo a maggio?

    Il 03/10/2018, Lucia di Pozza di fassa chiede:

    Vivo a 1350 m. Poto la mia ortensia paniculata a maggio passate le gelate per paura che si brucino i nuovi getti. I rami non fioriti dell'anno precedente vanno lasciati? Va bene il periodo?
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Bella pianta.
    Le paniculate fioriscono sul ramo dell'anno. È indifferente, poti lei come crede tenendo conto della fragilità in caso di nevicate.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Quando e come travasare un'ortensia da terra al vaso?

    Il 26/09/2018, Ugo di Besana Brianza chiede:

    Vorrei togliere l'ortensia dall'aiuola dove si trova e metterla in vaso. Sono circa 8 rami non grandi altezza i metro in condizioni non ottimali, quindi la voglio invasare e recuperare al 100%. In quale periodo lo posso fare e come mi devo comportare con l'apparato radicante. Grazie. Inoltre se mi può consigliare la misura del vaso e i prodotti per invasamento. Terra e concimi vari. Mentre quella in vaso è il primo anno che butta le foglie non ha fatto fiori e non ha gemme apicali cosa faccio devo potarla o aspetto un altro anno? Grazie di nuovo
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    La sua ortensia non si è sviluppata in quanto ha avuto concorrenza dall'edera (concorrente sempre aggressivo) e probabilmente anche da altre piante/erbe intorno.

    Ha fame di sostanza organica e suolo nuovo. Tirarla fuori dal terreno per metterla in vaso è possibile da oggi in poi per tutto l'inverno. Non serve concimarla adesso, ma da fine aprile in poi. Meglio con concimi do origine organica a lenta cessione: cornunghia ecc

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Propagazione delle ortensie per talea: qualche consiglio utile?

    Il 18/09/2018, Maria di Napoli chiede:

    Buongiorno. Ogni anno tento di riprodurre per talea le ortensie che ornano i vialetti del parco in cui abito. Vorrei metterne in qualche vaso sul mio balcone esposto a nord-ovest ma non ci riesco. Potreste darmi dei consigli? Grazie
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Non so come Lei abbia provato, ma adesso fa ancora caldo e può riprovare:
    è sufficiente mettere dei pezzi da 12 cm di rami giovanili ma sodi, ancora di colore verde, in un vaso all'ombra, bagnare con regolarità o coprire vaso e talee con un sacchetto di plastica trasparente che possa mantenere umidità ai tessuti.

    Le ricordo che basta lasciare una sola foglia o due mezze foglie.
    Scelga dei rami con evidenti gemme laterali da cui partirà la prossima nuova vegetazione.
    Se non le riesce quest'anno provi a fine maggio 2019.

    Può velocizzare e aiutare il processo di radicamento e crescita della talea somministrando degli ormoni radicanti, prodotti che forniscono alle talee i giusti elementi nutritivi per la crescita.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Consigli per sistemare con la potatura questa pianta di ortensie disordinata?

    Consigli per sistemare con la potatura questa pianta di ortensie disordinata?

    Il 29/08/2018, Laura di Cervinara (AV) chiede:

    Ho delle ortensie che credo abbiano quasi un centinaio d'anni. Adesso sono troppo disordinate e informi, probabilmente sono il risultato di potature sbagliate. Vorrei sapere come intervenire per riportarle all'antico splendore, prima erano bellissime ma venivano potate da uno che purtroppo non c'è più.
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Gentile Signora.
    Non posso aiutarla più di un tanto: le sue vecchie ortensie sono come dei mobili antichi.
    Richiedono uno sfoltimento e una riduzione di altezza, è un lavoro semplice per un giardiniere che conosce le ortensie, ma come è restaurare un mobile antico bisogna avere il pezzo davanti agli occhi.

    Comunque non si perda d'animo, quando perderanno le foglie seghi alla base i rami piu vecchi lasciando quelli piu giovani che accorcerà. Qualsiasi errore possa fare la pianta vegeterà rigogliosa e l'anno successivo potrà modificare il taglio in base alle sue osservazioni. Il ceppo di ortensia risponderà sempre con tanto vigore.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Pianta di ortensia con fiori seccati e foglie flosce: cosa posso fare?

    Il 22/07/2018, Stefania di Bari chiede:

    Salve, ho comprato per la terza volta una pianta di ortensie e da subito i fiori sono steccati e le foglie ancora verdi ma flosce. Non è posta al sole l'ho rinvasata in un vaso più grande ma il risultato non cambia, cosa posso fare?
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Hydrangea = Ortensia.  É la pianta dell‘acqua.
    Non é una pianta acquatica, ma ha bisogno di una disponibilità di acqua regolare e continua per poter sostenere le sue foglie e i suoi fiori così grandi.

    Può darsi che un solo colpo di asciutto (prima dell’acquisto, durante il trasporto, dopo l’invasatura) ne abbia afflosciato le parti delicate.

    Comunque è una pianta che rigetta di continuo dalle radici e quindi anche se attualmente è triste da vedere potrebbe dare soddisfazione l’anno prossimo.
    Se la parte verde non si riprende tagli, ricaccerà subito.

    Per i nuovi fiori bisognerà però aspettare un anno. Coltivare è un lavoro di pazienza!

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Piantina di ortensia in vaso appassita: dove ho sbagliato?

    Piantina di ortensia in vaso appassita: dove ho sbagliato?

    Il 11/07/2018, Valentina di Germania chiede:

    Buongiorno, sabato ho comprato questa piantina di ortensia e ora che siamo a mercoledì risulta appassita purtroppo. Dopo averla acquistata è stata in auto qualche ora. Sabato qui in Germania è stata una giornata particolarmente calda e soleggiata e una volta arrivata a casa si vedevano già i primi segni di malessere. Una delle 3 palle di fiori cominciava ad assumere un colore marroncino e una foglia presentava una macchia bruna. Pensando di fare cosa gradita ho messo la piantina sul balcone al sole ma dopo un paio di ore mi sono accorta che la situazione peggiorava. L'ho subito spostata in bagno, un luogo luminoso e caldo ma non esposto alla luce del sole diretta. Domenica e lunedì ha dato segni di peggioramento e allora invece di annaffiarla un pochino due volte al giorno ho semplicemente smesso di annaffiarla e ho spostato la piantina in camera da letto, sul comodino, dove la condizione di luce è leggermente inferiore rispetto al bagno ma essendo la stanza un po' più fresca ho pensato potesse essere il luogo perfetto. Da ieri non l'ho annaffiata e la terra risulta ancora umida. Dove ho sbagliato? Come posso recuperarla? Quali sono le condizioni di luce e temperatura ideali? Grazie in anticipo e saluti dalla Germania!
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Le ortensie non muoiono quasi mai ... ma si afflosciano e seccano se non hanno tanta, tanta acqua a disposizione

    La sua ortensia è un prodotto quasi industriale prodotto in serra.
    Tagli i fiori secchi, la pianta si rigenererà buttando nuovi rami dal ceppo. Ma i nuovi fiori li vedrà tra un anno. 

    Se vuole riprovare con un‘altra pianta NON le faccia mai mancare un po‘ d‘acqua nel sottovaso.

    Ortensia = idrangea = pianta dell‘acqua 

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Potatura ortensie: quando va eseguita e perché la mia pianta ha pochi fiori?

    Il 04/07/2018, Paola di Gubbio chiede:

    Buonasera Paolo, la mia domanda riguarda la potatura delle ortensie, nel suo tutorial dice che la potatura va fatta in ottobre mentre altri consigliano a fine inverno (febbraio). Mi aiuti a capire. Inoltre io quest'anno ho potato la pianta a febbraio ma ora ho pochi e piccoli fiori come mai? Grazie. Paola
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    La fioritura abbondante delle ortensie é solo in parte legata alla potatura: andamento della primavera, età della pianta, concimazione, tipo di terreno e in ultima .... la potatura.

    Quindi NON si danni pensando di aver fatto errori di tempo nella potatura.
    Se le piante sono mature e forti fioriscono senza nessuna potatura.
    La potatura va fatta per tenere le piante in ordine, erette e di bell'aspetto.

    Una potatura di pulizia dei rami più vecchi é una buona prassi. Se si taglia con molta decisione é verosimile una pausa nella fioritura.
    Le allego foto delle mie ortensie intorno a casa: questˋanno non ho proprio trovato il tempo di potarle. Fioritura eccezionale, ma le piante sono molto alte e "fragili“ in caso di forti temporali.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Ortensia che ha perso tutti i fiori: cosa fare?

    Il 01/06/2018, Paola di Verona chiede:

    Ho acquistato in aprile un'ortensia color corallo, siamo in giungo e ha perso tutti i fiori, le foglie son bellissime ma non fiorisce, le do il concime ogni 10 giorni. Mi aiuta?
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno,
    la pianta ha esaurito presumibilmente le sue gemme a fiore.
    La lasci tranquilla, senza potature, devono uscire altri nuovi getti che porteranno fiori più tardi a metà estate

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Ortensie: quando piantarle, che distanza tenere e terriccio migliore?

    Il 09/05/2018, Cristina di Parma chiede:

    Buonasera, scrivo per avere dei consigli e delucidazioni sulla messa a terra delle mie ortensie (ora in vaso da un paio d'anni). Volevo sapere se posso piantarle ora o è già troppo tardi e la distanza che devo tenere tra una pianta e l'altra. Volevo disporle sotto due tigli, quindi starebbero perlopiù all'ombra; e usare terriccio per acidofile, è corretto? Grazie per i preziosi consigli.
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno,
    le sue ortensie in vaso possono andare in terra anche subito.
    Se non ha bisogno di un pronto effetto io ne pianterei lasciando tra gli 80 cm e il metro, crescono con generosità.

    Si, terreno acido, ma soprattutto ricco di humus in alternativa usi concimi organici.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Piantina di ortensia con foglie marroni e fiori secchi: cosa posso fare?

    Piantina di ortensia con foglie marroni e fiori secchi: cosa posso fare?

    Il 08/05/2018, Alessia di Pavia chiede:

    Buonasera. Mi è stata regalata ieri questa piccola piantina di ortensia, già ieri c'era qualche petalino dei fiori un po' rinsecchito, oggi come puó vedere i petali marroni sono aumentati. Per tutta la giornata di ieri mi sono scordata di annaffiarla, mentre stamattina l'avevo piantata nel giardino e le avevo dato molta acqua. Stasera ho dovuto rimetterla temporaneamente nel vasino di plastica perché abbiamo deciso di tenerla in vaso, provvederó domani a trasferirla in un vaso più grande (ho anche già letto del fertilizzante apposito per le piante acidofile). Come mai i fiori stanno diventando sempre piu rinsecchiti? Come funzionano i fiori dell ortensia? Se rinsecchiscono cadono qualche giorno/settimana dopo rifioriscono o ormai si deve aspettare la primavera prossima? Posso chiederle anche un altra cosa: se tenessi il vaso in giardino un eventuale pioggia/temporale rovina la pianta? Come mi devo comportare in questo caso? Grazie
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno,
    con gli anni la sua ortensia potrebbe fiorire a lungo e bene.

    Adesso però è ancora una piantina giovane, da poco uscita da un serra.
    Le dia del tempo, un terriccio ricco di humus possibilmente acido.

    Sono piante longeve che ricacciano alla base dopo qualsiasi avversità.
    Coraggio.

    Se la vede sofferente TAGLI, ricaccia con facilità.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Ortensia con rami rotti dalla neve. A gennaio posso fare le talee?

    Ortensia con rami rotti dalla neve. A gennaio posso fare le talee?

    Il 01/01/2018, Dory di Torino chiede:

    A un'ortensia si sono rotti tre rami per la neve. Posso fare a gennaio le talee? In che modo? Grazie, Dory
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno,
    non c'è abbastanza calore nel suolo affinché i rami possano riuscire a fare radici in questo momento.
    L'ortensia è comunque generosa di rami nuovi, se vuole fare delle talee lo faccia dopo la metà di maggio
    Avrà facilmente successo.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Potatura delle ortensie: qual è il periodo migliore?

    Il 17/09/2017, Marzia di Casalmaggiore (cr) chiede:

    Abitando in pianura padana (cremona), qual è il periodo migliore per la potatura delle ortensie? Grazie mille
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Salve Marzia,

    per quanto riguarda la potatura delle ortensie, il taglio migliore è alla fine dell'inverno, tagliando alla base i rami più vecchi e lasciando intatti quelli più giovani.

    Nel caso l'inverno abbia bruciato le gemme di punta, scendere con il taglio alle prime gemme verdi.

    Se la pianta è invecchiata o troppo voluminosa sfoltire tagliando rami dalla loro base.

    Se le fa piacere, la invito a guardare il video sulla potatura delle Ortensie presente nel nostro canale Youtube.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Terriccio per ortensie fai da te: cosa usare?

    Il 02/09/2017, Cristina di San Casciano in Val di Pesa (FI) chiede:

    Ringrazio moltissimo per la cortese risposta che, almeno, mi lascia qualche speranza. Cambiando argomento; mi farebbe piacere preparare da me il terriccio per le ortensie e vorrei delle indicazioni chiare come quelle per le azalee che il magister ci ha dato in un tutorial di youtube. Grazie ancora e penso che mi mi leggerete presto, di nuovo.
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Salve Cristina,

    premettendo che possono crescere bene in tutta Italia, per preparare il terriccio per ortensie va considerato che vegetano meglio nei terreni ricchi di humus e dove le precipitazioni sono ben diffuse su tutto l'arco dell'anno. 

    Se la coltura é in terra é corretto essere generosi in materiali tipo: letame maturo, compost, materiali  vegetali in maturazione.

    In vaso: mix di torba e terreno organico. Quello per gerani va abbastanza bene come pure quello per acidofile. Non dimenticare mai di bagnarle soprattutto se fa caldo.

    Cordiali saluti
    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Quale ortensia per il mio giardino in ombra?

    Il 28/06/2017, Vincenzo di Napoli chiede:

    Quale ortensia cresce bene in zona d'ombra sotto una conifera irrigata con acqua salmastra?
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno Vincenzo,
    ottima la zona d'ombra, ottimo il terreno acido, meno bene l'acqua salmastra.

    Per i primi due andrebbero bene queste ortensie: Hydrangea macrophylla, quercifolia, aspera, involucrata.

    Per l'acqua salmastra, meglio la paniculata e la arborescens.

    Per l'insieme dei fattori in questione, direi Hydrangea paniculata: ce ne sono tantissime varietà.

    Grazie per la sua domanda.
    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • La mia ortensia non fa fiori, come devo concimarla?

    Il 03/06/2017, Gilda di Toronto, Canada chiede:

    Posizione: aiuola attaccata al muro di casa esposta a Nord-nord/ovest. La pianta mi e' stata regalata tre anni fa, bellissima. Due anni fa ha fatto due teste di fiori, lo scorso anno niente fiori; quest'anno si presenta cosi' come le foto allegate: non ho effettuato nessuna potatura ed ho lasciato tutti i germogli. Ho appena fertilizzato con 15/30/15 solubile in acqua ed ho aggiunto del ferro: ho fatto male? Qualche altro consiglio sarà molto gradito! Grazie.
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    OrtensiaSalve sig.ra Gilda
    Guardando le foto della sua pianta si può tranquillamente vedere che non gode di ottima salute.

    Se non ha potato la pianta ok....Ma una pianta non potata deve avere qualche fiore....
    La fertilizzazione va sicuramente anticipata a fine inverno possibilmente con un un concime con titolo di fosforo molto più basso  a lenta cessione e contenente micro elementi.

    Il ferro: se ha dato chelato di ferro va bene ma credo che dovrà ripeterlo vista la forte clorosi  in atto... Comunque  le consiglio di cambiare concime, somministrare chelato di ferro ancora una volta o due...
    Sicuramente la pianta regalatela era una pianta forzata e tutte le piante forzate negli anni successivi alla prima fioritura hanno dei problemi.

    Un saluto cordiale 

    Mauro di Sorte

    Condividi su:

  • La mia Ortensia petiolaris deve essere potata?

    Il 27/05/2017, Claudia di Genova chiede:

    Buongiorno, vorrei chiedervi un consiglio per un' Ortensia petiolaris. Come mi comporto per la sua eventuale potatura? Alcuni sostengono che non vada potata ma solamente tolti i fiori una volta seccati... Purtroppo essendo una varietà poco diffusa i pareri sono contrastanti! Grazie infinite
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Ciao Claudia,
    Hydrangea anomala petiolaris è sicuramnete il rampicante della famiglia delle Hydrangea più conosciuto.
    E' una pianta molto semplice da coltivare se si rispettano le tecniche di coltura, tra questi la potatura.  

    Hydramgea anomala petiolaris non va potata specialmente nella fase giovanile, si fa soltanto una pulizia, a fine febbraio, dei fiori secchi ed eventuali rami danneggiati ed esili.
    Se in fase adulta raggiunge dimensioni importanti può essere contenuta, sempre senza esagerare con i tagli.

    Con la speranza di esserle stato d'aiuto le porgo cordiali saluti

    Mauro Di Sorte

    Condividi su:

  • Sulle ortensie metto il verderame ad aprile ogni 15/20 giorni

    Il 04/04/2017, Gianni di Ozzano Emilia (Bo) chiede:

    Come prevenzione da aprile spruzzo sulle mie numerose ortensie ogni 15/20 gg. Verderame (2gr.x lt). Vi chiedo se dosaggio e frequenza sono corrette. Per evitare di avere le foglie costantemente macchiate posso usare Syllit flo/Bayer ottenendo la stessa protezione? Grazie per la cortese risposta.
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Buongiorno Gianni, mi scusi per il ritardo della risposta.
    Resto abbastanza perplesso sui trattamenti  che fa alle sue ortensie.
    Mi sembra veramente eccessivo trattare ogni 15 -20gg .con prodotti rameici.
    La maculatura fogliare  di solito colpisce le piante in condizioni di ristagni di acqua, 
    Eccessi di umidità' , le consiglio di fare questi controlli ,provi a diminuire le innaffiature. I trattamenti e veda come reagiscono le piante , sicuramente i rischi  di attacchi fungini diminuiranno .....qualora il problema persiste continui a trattare le sue ortensie.

    Un saluto cordiale

    Mauro Di Sorte

    Condividi su:

  • quante ortensie può contenere una fioriera di 3 metri quadrati?

    Il 27/03/2017, Simonetta di Castiglione del Lago, Italia chiede:

    Ho una fioriera di circa 3 metri quadrati, quante piante di ortensia può contenere? Grazie
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Buongirono, lo spazio che di solito serve ad una ortensia e' subordinato alla 
    famiglia...... Macrophylla, paniculata, arborescenze.......
    Per risponderle prendo in esame la classica Macrophylla, lo spazio da dare a 
    queste piante e' subordinato alla cultivar che andrà' a piantumare.....
    Se sono cultivar di piccola media taglia può' metterle anche 3, se invece sono di 
    grande taglia bastano sicuramente 2 piante.
    Quindi quando le acquisterà' chieda  al suo rivenditore che dimensioni 
    raggiungono le piante e .si comporti di conseguenza. 
    A disposizione per eventuali chiarimenti, la saluto cordialmente.

    DiSorte Mauro

    Condividi su:

  • Hydrangea: tagliare o lasciar crescere i polloni?

    Il 11/03/2017, Carla di Milano chiede:

    Buongiorno, possiedo una Hydrangea quercifolia in vaso da circa tre anni. Ha un aspetto sano e ora è piena di germogli, ma alla base mi sono accorta che sono spuntati tantissimi polloni alti ormai dai 10 ai 20 centimetri. Devo tagliarli drasticamente o lasciare che la pianta diventi un grande cespuglio (cosa che non mi dispiacerebbe)? Grazie per un vostro gentile consiglio, Carla
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Salve Sig.ra Carla,
    La sua hydrangea quercifolia gode sicuramente di ottima salute visto il proliferare di polloni basali, come ben saprà la quercifolia mal sopporta le potature,quindi le consiglio vivamente di non tagliare i polloni basali, e assecondare la pianta nella sua crescita naturale,si ritroverà cosi un grande bellissimo cespuglio, che le regalerà una opulenta fioritura.
    A disposizione per eventuali chiarimenti la saluto e le auguro una stagione ricca di fiori.

    Mauro Di Sorte

    Condividi su:

  • Ortensie da giardino che non fioriscono: colpa di una potatura sbagliata?

    Ortensie da giardino che non fioriscono: colpa di una potatura sbagliata?

    Il 02/09/2016, Pier di Varese chiede:

    Buongiorno, avendo avuto una stagione a dir poco deludente per le mie ortensie (nessuna delle circa 20 piante che ho ha fatto più di 4 fiori!!) per colpa sicuramente di una mia errata potatura, da più parti mi è stato consigliato di andare a togliere solo i rami che hanno generato fiori lasciando gli altri. Ora vi chiedo, guardando le foto che vi ho allegato, come faccio a fare una potatura di ortensie che sono diventate enormi e non hanno fatto fiori? Se ascolto i consigli praticamente alcune piante che non hanno fatto nemmeno un fiore non dovrei nemmeno toccarle e quindi tenerle cosi come sono. Sono sconsolato e in cerca di una risposta a cui potermi attenere da un vero esperto di ortensie... Grazie molte per l'attenzione
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Sig. Pier,

    Ortensie da giardino o Hydrangee: come si potano?Le sue ortensie sono bellissime. Ha praticato purtroppo una potatura errata, ossia la capitozzatura o abbassamento di tutti i rami della pianta. Voglio ricordare che tutte le Hydrangee del gruppo macrophylla fioriscono sulle gemme apicali dell'anno precedente, quindi a fine inverno vanno tolti solo ed esclusivamente gli steli che hanno fiorito, abbassando il ramo, se si tratta di piante giovani a 2-3 gemme. Se invece si tratta di un ramo già vecchio, è necessario reciderlo al suolo, stimolando così la pianta ad emettere nuovi rami basali. Tutti gli altri non vanno toccati.

    Veniamo al suo problema.

    Effettivamente le sue ortensie l'anno prossimo non andrebbero potate. Le dò comunque delle indicazioni per contenere un po' le piante ed avere una buona fioritura. La pianta in vaso non la tocchi: è bellissima. Per quanto riguarda le altre che fa vedere in foto, le consiglio di eliminare i rami più deboli ed esili ed abbassare di 3-4 gemme i rami più alti, cercando, prima di tagliare, di individuare le gemme a fiore, che di solito sono gemme più grandi di quelle a legno.

    Vedrà che le sue Ortensie il prossimo anno saranno bellissime.

    Se ha difficoltà ad individuare la gemma a fiore, abbassi i rami più alti e basta. La pianta ha comunque talmente tanti rami che avrà comunque un'ottima fioritura.

    Nella speranza di essere stato esaudiente, rimango a sua disposizione per eventuali chiarimenti.

    Buona fioritura 2017.

    Mauro di Sorte
    Vivaio Giardino Tara

    Condividi su:

  • Ortensie senza fiori, ma solo rami: che cosa ho sbagliato nella potatura?

    Il 20/08/2016, Michele di Milano chiede:

    Buongiorno, leggendo tra le vostre domande fatte agli esperti, ho visto che consigliavate, a coloro che non hanno ottenuto una bella fioritura con le proprie ortensie, di tagliare i rami che hanno fatto i fiori e lasciare quelli che non hanno presentato fioriture. La mia domanda è questa. Io ho delle piante di ortensie che non hanno fatto nemmeno un fiore! Sono praticamente decine e decine di rami lunghi, pieni di moltissime foglie che invadono anche lo spazio di altre piante. Come faccio a non potarle? Sicuramente so di sbagliare nella potatura delle mie ortensie in quanto nessuna, tra le oltre 15 che ho in giardino, ha una bella fioritura. Quindi sono consapevole di essere io il responsabile di tanta bruttura, ma non so proprio come uscirne! Il vostro esperto in ortensie può darmi una mano? Grazie!!
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Gentile Michele, 

    Il problema della non fioritura delle Ortensie è quasi sempre legato ad una potatura errata. Sicuramente lei in fase di potatura ha tagliato tutti i rami con gemma apicale, eliminando così quasi tutti i fiori.

    Le dò una bella notizia: se nella potatura di fine inverno toglierà soltanto i rami che hanno fiorito, avrà una fioritura spettacolare. Mi sembra però che lei intenda potare di nuovo: in questo caso dobbiamo trovare un compromesso. Elimini i rami che hanno fiorito e i rami che, come dice lei, invadono spazi di altre piante. Gli altri rami non li tocchi. E buona fioritura 2017!

    Ringraziandola per il quesito, resto a sua disposizione per eventuali chiarimenti.

    Cordialmente

    Mauro Di Sorte
    Vivaio Giardino Tara

    Condividi su:

  • Hydrangea Paniculata con segni di deperimento: come posso curarla?

    Hydrangea Paniculata con segni di deperimento: come posso curarla?

    Il 21/07/2016, Rosanna di Siena chiede:

    Gentile Sig.ra Paoli, mi rivolgo in particolare a lei conoscendo la sua esperienza con le ortensie. Da diversi anni ho una hydrangea paniculata in vaso che mi sorprende a ogni stagione per la sua capacità di ripresa nonostante dia ogni anno, in questa stagione, chiari segni di deperimento (vedi foto allegata). Le foglie inizialmente presentano delle piccole maculature brune che sembrano interessare solo la pagina superiore, poi ingialliscono e cadono. Questo naturalmente conferisce alla pianta in piena fioritura un aspetto molto misero. La concimo in primavera con concime a lenta cessione. Potrebbe aiutarmi a capire di cosa si tratta? Grazie. Rosanna
    Redazione
    Risponde l'esperto
    Redazione Portale del Verde

    Gentile sig.ra Rosanna,

    La ringrazio innanzitutto per essersi rivolta a me per la cura della sua Ortensia. 

    In base alla mia esperienza nella coltivazione delle Hydrangee, le consiglio di trattare le piante a Febbraio dell'anno prossimo con rame e, sempre a Febbraio, di somministrare alla pianta letame pellettato. 

    Questo favorirà la crescita della sua pianta e le permetterà di assumere, a fioritura raggiunta, uno stato rigoglioso e sano. Mi tenga informata sullo sviluppo della sua Ortensia. Resto a disposizione per qualsiasi consiglio o suggerimento desideri in materia. Se è appassionata di Ortensie, mi permetto di suggerirle l'e-book scritto dalla mia collega, Kety Cialdi, del Vivaio Pollicirosa di Rare Piante (PT) e scaricabile direttamente online: troverà ottimi suggerimenti in materia di classificazione, coltivazione e cura delle Ortensie.

    Lo trova visitando questo link: www.portaledelverde.it/gli-e-book-del-portale-del-verde/il-colorato-mondo-delle-ortensie, insieme ad altri e-book di giardinaggio che completano la Collana di e-book di Portale del Verde.

    A presto

    Rita Paoli
    Vivaio Le Rose di Firenze di Stefano Magi

    Condividi su:

  • Le mie ortensie non fioriscono più come prima: cosa devo fare per farle fiorire?

    Il 30/05/2016, marco di Como chiede:

    Buongiorno, sono un appassionato di giardinaggio e soprattutto amo le ortensie in tutte le loro forme e colori! Il problema è che, per quanto io cerchi di potarle nel modo giusto, consultando vari manuali e consigli su internet, negli anni, se escludo i primi anni di vita delle piante, mi ritrovo sempre una grande crescita di rami e fogliame ma pochissimi fiori. La domanda è: perchè? Perchè prima fiorivano in modo generoso e ora invece si fanno pregare per darmi una misera fioritura? L'esposizione al sole è la stessa in quanto non ho spostato le piante e cioè sono posizionate a nord con sole che arriva solo nel tardo pomeriggio. Spero voi possiate darmi qualche consiglio per le mie "povere" ortensie! Grazie in anticipo. Marco
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Salve Marco,

    Dalla descrizione delle sue ortensie, ossia buona crescita di rami e foglie ma pochi fiori, deduco che il problema sta sicuramente in una potatura sbagliata.

    Per la prossima potatura tenga conto che le Hydrangea macrophylla fioriscono sulle gemme apicali dell'anno precedente. Pertanto in fase di potatura dovrà accorciare a due o tre gemme i rami che hanno fiorito, per poi recidere al suolo i rami piu vecchi.

    Lo scopo è stimolare le piante a fare dei getti nuovi e lasciare intatti tutti gli altri con gemma apicale.

    Attenendosi a queste semplici regole vedrà che la fioritura sarà di nuovo molto generosa.

    A disposizione per eventuali chiarimenti.

    Distinti saluti

    Mauro Di Sorte
    Vivaio Giardino Tara
     

    Condividi su:

  • Esistono delle Ortensie che si adattano a posti molto soleggiati in estate?

    Il 16/05/2016, Michela C. di Rimini chiede:

    Salve, sono un'appassionata di giardinaggio ed in particolare di ortensie... ci sono delle varietà che sono davvero molto belle. Vorrei sapere dall'esperto se esistono delle specie di Ortensie che si adattano a posti molto soleggiati, soprattutto in estate. Grazie mille.
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Gentile signora Michela,

    ha proprio ragione. Le Ortensie sono veramente molto belle. Tra le più belle possiamo annoverare sicuramente le Ortensie Paniculate, piante di grandi soddisfazioni e di facile coltivazione.

    Le paniculate vanno coltivate in pieno sole ed hanno una fioritura tardiva. Esistono tantissime cultivar il cui paniculo può variare dal bianco al rosato-rosso a maturazione.

    Altre Ortensie che sopportano il sole sono le Heteromalle.

    Un saluto a presto.

    Mauro Di Sorte

    Condividi su:

  • Ortensia con fiori rosa: posso usarla in composizioni di spugna?

    Il 09/05/2016, Valentina di Sant'Arcangelo chiede:

    Ho in giardino una pianta di ortensia che a giugno si riempie di bellissimi fiori rosa: posso usare questi fiori per fare delle composizioni in spugna?
    scuola_arte_floreale
    Risponde l'esperto
    Scuola di Arte floreale

    Certamente.

    I fiori dell’Hydrangea, nome botanico dell’Ortensia, possono essere usati per creare splendide composizioni. Occorre però recidere i fiori al mattino presto in modo che siano ben idratati e poi lasciarli con il gambo immerso in 20 cm d’acqua per almeno un paio d’ore prima di inserirli nella spugna.

    Se il fiore non si presentasse turgido e consistente, si può provare ad immergerlo interamente (fiore, gambo e foglie) in acqua leggermente tiepida per farlo reidratare, prima di inserirlo nella composizione.

    Essendo l’Hydrangea un fiore che necessita di molta acqua, è bene inserirlo in spugna con il gambo corto in modo da garantirgli un assorbimento idrico ottimale.

    Condividi su:

  • In quale momento dell'anno è preferibile piantumare le Ortensie Macrophylla?

    Il 01/05/2016, Elena di Legnano chiede:

    In quale momento dell'anno è preferibile piantumare le Ortensie Macrophylla?
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Cara Elena,

    le Ortensie Macrophylla in vaso, ben radicate, si possono piantumare in ogni periodo dell'anno, ad esclusione dei mesi più caldi. Il mio consiglio è quello di eseguire questa operazione a fine inverno/ inizio primavera, oppure nei mesi di settembre-ottobre. 

    Se hai bisogno di altri consigli, resto a tua disposizione.

    Condividi su:

  • Qual è il terreno ideale per far crescere le Ortensie Macrophylla?

    Il 09/04/2016, Eleonora di Biella chiede:

    Qual è il terreno ideale per far crescere le Ortensie Macrophylla?
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Cara Eleonora, 

    rispondo alla tua domanda dicendoti che le Ortensie Macrophylla prediligono terreni acidi e ricchi, ma non amano i terreni con forte ritenzione idrica.

    L'esposizione ideale per far crescere rigogliose le tue piante è una mezza ombra. La situazione perfetta sarebbe preligere una zona in cui ci sia sole di mattina e ombra il pomeriggio.

    Grazie mille per la tua domanda.

    Condividi su:

  • Con quale frequenza è consigliabile innaffiare le Ortensie?

    Il 04/03/2016, Valerio di Parabiago chiede:

    Con quale frequenza è consigliabile innaffiare le Ortensie?
    Vivaio_Giardino_Tara
    Risponde l'esperto
    Mauro Di Sorte

    Gentile Valerio,

    ti ringrazio per la tua domanda.

    Parlare di innaffiature è sempre un po' difficile quando ci si riferisce alle Ortensie Macrophylla. I fattori che possono influire sono davvero tanti: la frequenza può variare in base alla stagione e alle temperature. 

    L'Ortensia comunque è una pianta che ama l'acqua. Innaffiare nel periodo più caldo giornalmente, senza eccedere, evitando i ristagni idrici, che possono rivelarsi estremamente pericolosi per la pianta.

    Condividi su: