chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Fiori: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Fiori rosa e arancioni: posso propagarli per talea?

    Fiori rosa e arancioni: posso propagarli per talea?

    Il 18/04/2019, Noemi di Milazzo chiede:

    Salve, sono alle prime armi, volevo sapere se è possibile propagare queste piantine per talea, oppure quale potrebbe essere in metodo di propagazione più efficace?
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Noemi,

    brava continua a coltivare il tuo pollice e animo verde. Sperimenta e ti appassionerai sempre di più. 

    Le piante che mi mostri sono delle stagionali che di solito vengono propagate da seme.
    Per la talea ogni pianta ha più o meno il suo momento e procedimento anche se molto simile per tutte.
    Io ti consiglio di provare con la semina che dà sempre tante soddisfazioni.

    Fammi sapere come procede il tuo spazio verde.

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Margherita arancione: come si chiama e come coltivarla?

    Margherita arancione: come si chiama e come coltivarla?

    Il 17/04/2019, Bartolomeo di Palermo chiede:

    Buonasera, vorrei conoscere il nome di questa Margherita.... E sapere se la si può coltivare in ambienti secchi e assolati. Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Bartolomeo,

    credo si tratti di una varietà di Gazania rigens e gli ambienti secchi (di un po' d'acqua ha comunque bisogno) e assolati sono esattamente il suo habitat. 

    In ogni caso, la foglia grigia e tomentosa è sempre indizio di un habitat assolato.

    Saluti,

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Fiori grandi gialli e rossi: come si chiamano?

    Fiori grandi gialli e rossi: come si chiamano?

    Il 12/04/2019, Giuseppe di Avellino chiede:

    Ho comprato questa pianta alcuni anni fa, ma non sono mai riuscito a saperne il nome. Tra l'altro al momento dell'acquisto era bella folta e senza fiori, poi ha cominciato a fiorire e a rinsecchirsi, tanto che oggi ha solo due rami, che sono legnosi per intero con rari ciuffetti di foglie, da cui nascono gli steli dei fiori. Questi sono costituiti da un bottone centrale sulla cui periferia nascono i fiori; quando seccano diventano come dei cuscinetti bianchi e pungenti che contengono dei minuscoli granelli neri (penso siano i semi). Ho provato a seminarli, ma senza esito. Vuole moltissima acqua, tanto che la tengo immersa in un contenitore; per fortuna non marcisce. Grazie, Giuseppe
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Giuseppe,

    si tratta di una Gaillardia, in particolare credo sia l'ibrido Gaillardia × grandiflora 'Sun Devil'. 

    Le consiglio di provvedere a rinvasarla in un contenitore più grande e profondo, almeno di 35 cm di diametro, con un buon terriccio mescolato a pomice e sostanza organica (stallatico sfarinato o humus). 

    In realtà non sono piante difficili né richiedono molta acqua, ma se coltivate in piccoli vasi diventano più esigenti e al tempo stesso meno vigorose. Necessitano, inoltre, di posizioni soleggiate e concimazioni periodiche (almeno due volte l'anno con sostanza organica o concime granulare a lenta cessione).

    Essendo un ibrido, è possibile che i suoi semi siano sterili e per questo non ha avuto successo, ma comunque, anche nascendo non c'è la garanzia che riproducano una pianta uguale all'originaria. 

    Saluti, 

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Come si chiamano queste due piante? Come curarle?

    Come si chiamano queste due piante? Come curarle?

    Il 01/04/2019, Ivano di Brescia chiede:

    Vorrei sapere il nome di queste due piante e come curarle. Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Ivano, 

    la pianta con i fiori bianchi e rosa è una cultivar di Schizanthus pinnatus, un'erbacea annuale, in fiore per tutta l'estate, proveniente dal Cile. Preferisce una posizione soleggiata e abbondanti annaffiature, ma non il ristagno idrico. Per stimolare la produzione di nuovi fiori e mantenere la pianta ordinata, può cimare i fusti che hanno già fiorito.

    L'altra è un Lampranthus aurantiacus, piccolo arbusto succulento originario del Sud-Africa; vuole il pieno sole, terreno povero e drenante e moderate annaffiature. In zone a clima rigido va riparata durante l'inverno.

    Saluti, 

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Rosa a cespuglio: non ha ancora fatto foglie, come mai?

    Il 28/03/2019, Anna di Genova Italia chiede:

    Ho comprato a febbraio arbusti di rosa a cespuglio in confezione con radici nella segatura. Liberate le radici dalla segatura piantate in giardino, non hanno buttato neanche una fogliolina.
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,

    a questo punto della stagione dovrebbero aver iniziato a vegetare, ma aspettiamo ancora qualche giorno. Se non vegetano evidentemente hanno sofferto.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Primule obconiche: foglie afflosciate, cosa fare?

    Il 25/03/2019, Monia di Rosate chiede:

    Salve, ho un problema con le mie primule obconiche! Ne avevo acquistato due a metà febbraio, posizionandole nel davanzale dove arriva il sole nel pomeriggio, ed erano in salute, fiorite e rigogliose. Poiché crescevano e il vaso in cui erano mi pareva iniziasse e diventare piccolo per le dimensioni che stavano iniziando ad assumere, due settimane fa ho deciso di metterle in vasi più grandi, mai l'avessi fatto! Pochi giorni dopo hanno iniziato a manifestare segni di sofferenza: le foglie sono diventate molli e afflosciate, idem i fiori. Sempre due settimane fa ho acquistato altre due primule obconiche che ho subito trapiantato in un'unica grande fioriera: una delle due, però, mostra gli stessi sintomi che ho descritto sopra, mentre l'altra pare stare bene (almeno per ora). Cosa sta succedendo alle mie primule? Troppa acqua? Troppo poca? Posso ancora recuperarle o moriranno? Quando stavano nei vasetti piccoli bevevano tantissima acqua, pensavo che sarebbe stato altrettanto nei nuovi vasi grandi invece vedo che l'acqua che metto rimane nel sottovaso; il terreno invece non è zuppo, anzi in superficie mi pare ben asciutto. Spero di recuperarle perché sono davvero belle, con i loro colori portano tanta armonia i casa. Grazie, Monia
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno, 

    normalmente le piante acquistate dai garden hanno la caratteristica di essere coltivate in ambienti super protetti, con concimazioni e trattamenti che portano a fioriture fuori stagione. Quando le piante arrivano in casa non hanno quasi mai le stesse condizioni, per cui occorre loro un po' di tempo per abituarsi al nuovo clima e a volte non ce la fanno neppure.

    Conviene sempre travasare in vasi non troppo più grandi e non esagerare con l'acqua.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Garofani secchi: come salvarli?

    Garofani secchi: come salvarli?

    Il 22/03/2019, Silvia di Tivoli chiede:

    I miei garofani stanno lentamente seccando. Ci sono ancora dei rametti verdi, come posso salvare la mia piantina? Grazie mille.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Salve Silvia,

    direi che innanzitutto bisogna ripulire dalle parti secche poi verificare le condizioni delle radici.
    Eventualmente sostituire il terriccio e innaffiare con moderazione.

    Un saluto
    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Cosa sono questi due frutti?

    Cosa sono questi due frutti?

    Il 14/03/2019, Federico di Broni (PV) chiede:

    In giardino, zappando mi sono usciti questi due affari, di cui uno l'ho distrutto con la zappa. Mi sapete dire di che si tratta? Grazie per la risposta. Federico
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Federico.

    Dalle foto così fatte, apparentemente non saprei di cosa si tratta essenzialmente.

    Le consiglierei di fare delle foto più ravvicinate, per capire di quale problema o struttura si tratta.

    In attesa di un suo riscontro, le porgo i miei Distinti saluti.

    Dott. Fabio Di Gioia
    Specializzato nel recupero e valorizzazione di varietà vegetali antiche.

    Condividi su:

  • Surfinia ricresciuta più grande del previsto: come mai?

    Il 06/03/2019, Erika di Spianate, Altopascio, Lucca chiede:

    Buongiorno! Ho un quesito per i più esperti di me. Tutti gli anni a primavera pianto le surfinie sulla terrazza con esposizione mezzo sole. L'anno scorso con il troppo caldo me ne è morta una e ho deciso di non rimettere nulla, quando tutto d'un colpo ne è nata una spontaneamente ma ben diversa dalle altre acquistate. Difatti aveva foglie molto più grandi e fiori di colore più intenso. L'ho lasciata e in poco tempo ha inglobato l'altra rimasta. Poi è venuto l'inverno. Sono morte tutte tranne lei e ora con il caldo sta iniziando già a fare i primi boccioli. Ma com'è possibile una pianta di surfinia con tale forza? Grazie mille
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao! 

    La surfinia è sicuramente tra le piante più viste e coltivate grazie al suo portamento e la nota di colore che dona ad aiuole e balconi.

    La surfinia è una varietà appartenente alla famiglia delle petunia. 

    Si propaga tramite seme probabilmente da quelle che avevi si sono propagati naturalmente i semi che hanno trovato una condizione favorevole che li ha portati a germinare e creare una nuova pianta più robusta che si è perfettamente ambientata generando questa nuova pianta.

    Goditi la tua bella nuova piantina e magari vedi se produce semi per generare delle "sorelle" più avanti. Fammi sapere come va. A questo punto sono curiosa di vederne la fioritura :)

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Fiori selvatici: come si chiamano?

    Fiori selvatici: come si chiamano?

    Il 04/03/2019, Gianvito di Bari chiede:

    Salve volevo sapere il nome di questi fiori selvatici e se fossero anche in vendita i semi, inoltre volevo chiedere io li ho strappati questi che ho trovato in un parcheggio possono riprendersi per poi essere piantati?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Gianvito,

    a fiore chiuso si giudica male; avrebbe la possibilità di fare una foto a fiore aperto? 

    Comunque no, il rametto non mi sembra avere radici quindi non può attecchire.

    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Fiori: quali piantare su balcone esposto a nord-ovest?

    Il 23/02/2019, Rossella di Enna chiede:

    Salve, ho un balcone esterno a nord ovest. Di solito in primavera lo riempio di gerani ortensie e surfinie. Il freddo di questo inverno ha raso al suolo ogni pianta nonostante le avessi incappucciate con del cartene. Le chiedo di consigliarmi qualche nuova combinazione di fiori e piante dato che devo comprarle di nuovo in primavera. Tenendo conto dell'esposizione. Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Rossella,

    le propongo due combinazioni di cui le mando un fotomontaggio, ma sono tante altre le piante che può scegliere, mescolando erbacee perenni e stagionali per aggiungere colore (Impatiens, Astilbe, Helleborus sono ad esempio altre tre che mi vengono in mente). 

    Buon giardinaggio!

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Che fiori sono?

    Che fiori sono?

    Il 14/02/2019, Samuele di Roma, Italia chiede:

    Salve. Ero curioso di sapere che fiore fosse quello delle foto dato che si trovava in un bouquet che ho regalato.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Samuele 

    sono dei lilium, molto utilizzati in mazzi e composizioni, possono essere anche coltivati meglio in piena terra ma con un po' di cura anche in vaso.

    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Come si chiama questo fiore?

    Come si chiama questo fiore?

    Il 02/02/2019, Valeria di Romano di Lombardia chiede:

    Buonasera, mi chiamo Valeria e sto facendo una piccola ricerca per trovare il nome di questo fiore, spero che nella foto si possa vedere bene. Ho provato a cercare sul web ma non ho trovato molto. Grazie e attendo risposta, Valeria
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    buongiorno Valeria 

    senza un'idea delle dimensioni, così, solo dai petali e dalla loro inserzione, direi che potrebbe essere un fiore di vinca.

    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Fiore viola: come si chiama?

    Fiore viola: come si chiama?

    Il 31/01/2019, Elio di Napoli chiede:

    Ho trovato questa Iridacea in giardino, zona collinare del golfo di Napoli (Parco Regionale dei Monti Lattari), circa 300 mt slm. Facendo alcune ricerche ho scoperto appartiene al genere Crocus, piante caratterizzate dall'elevata tossicità. Credo che questo sia un Crocus Imperati, dico bene? Vorrei sapere se sia tossico per l'uomo e di conseguenza vi siano precauzioni da prendere per l'eventuale coltivazione. Grazie per l'attenzione!
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Elio,
    premesso che non sono esperta di piante spontanee, credo che la pianta tossica cui lei si riferisce sia il colchico, simile nei colori al suo crocus.

    Ovviamente le raccomando di non utilizzarla senza prima aver consultato personale esperto, ma almeno nella coltivazione mi sento di dirle che non ritengo ci siano controindicazioni.

    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Fiori bianchi: di che pianta si tratta?

    Fiori bianchi: di che pianta si tratta?

    Il 31/01/2019, Simona di Catania chiede:

    Buongiorno, vorrei conoscere il nome esatto di questa pianta dagli steli sottili e dai fiori bianchi con la corolla gialla che si richiudono quando tramonta il sole. Grazie per l'attenzione, cordiali saluti. Simona.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno simona.

    È ornitogallo, conosciuto come stella di betlemme, o qui da noi come agliacei.

    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Leggi l'articolo "Ornitogallo: tutto sulla stella di Betlemme".

    Condividi su:

  • Di che fiore si tratta?

    Di che fiore si tratta?

    Il 27/01/2019, Francesca di Lecce chiede:

    Salve, sapreste gentilmente dirmi che fiore è quello nella foto? È fiorito su un albero. Grazie mille per la vostra preziosa attenzione
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Francesca 

    si tratta di una solandra.

    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi 

     

    Leggi l'articolo sul nostro blog "Solandra: gigantesche rampicanti dai fiori stupendi"

    Condividi su:

  • Rinvaso piantine di hebe: hanno macchie marroni sulle foglie, cosa ho sbagliato?

    Rinvaso piantine di hebe: hanno macchie marroni sulle foglie, cosa ho sbagliato?

    Il 30/10/2018, Giuliano di Napoli chiede:

    Buonasera, due settimane fa ho fatto il travaso delle hebe allegate alla presente. Dopo un paio di giorni alcune foglie hanno iniziato a fare delle macchioline marroni sui contorni. Inoltre le spighe di fiori sono diventate marroni. In cosa ho peccato? Come posso rimediare? Il 05/11/2018 Giuliano risponde: Buongiorno dott. ssa Cialdi, le piante appena acquistate sono stata ubicate fuori al balcone. Forse per la grandezza delle piante (HEBE-Veronica) il vaso è un tantino piccolino.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

     

    Buongiorno Giuliano,
    vorrei capire se prima erano in casa e poi sono state messe fuori sul balcone, la luce solare potrebbe averle rovinate se non erano abituate a riceverla, e la misura dei vasi, dalla foto la cassetta mi sembra un tantino piccola ma mi corregga se è solo un'impressione da foto.

    Alla luce di queste nuove informazioni potremo cercare di capire cosa è successo;
    le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi

    Il 06/11/2018, Kety Cialdi risponde:

    Buongiorno,
    sì anche secondo me la balconetta è insufficiente per entrambe; c'è anche da dire però che potrebbero aver risentito del passaggio dal vivaio al nuovo ambiente.
    Se ha bisogno io sono qua,
    le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Qual è il nome del fiore in foto?

    Qual è il nome del fiore in foto?

    Il 15/09/2018, Cristina di Chiusdino chiede:

    Salve vorrei sapere qual è il nome del fiore che le ho inviato nell'allegato.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Cristina,
    direi impatiens sultanii, comunemente detta gambo di vetro.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Come piantare e far crescere i semi della gerbera?

    Il 24/08/2018, Elena di Italia chiede:

    Ciao a tutti...dal fiore della mia gerbera ho recuperato i semi.... sembrano quelli dei soffioni.....come devo fare pèr farli crescere? Li metto subito nella terra? Aspetto un'altra stagione? Devo guardare la luna? Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

     

    Buongiorno, conviene aspettare la fine dell'inverno e tentare la semina in primavera, in un substrato leggero, tenuto umido ma non fradicio. Essendo spesso ibridi non si sa con esattezza cosa potrà venir fuori.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Di che insetto si tratta quello che ha infestato le mie piante di rose e surfine?

    Di che insetto si tratta quello che ha infestato le mie piante di rose e surfine?

    Il 24/06/2018, Anna di Parma chiede:

    Salve sono Anna.. volevo un informazione.. Ho comprato delle surfine erano bellissime e da qualche settimana che hanno questi insetti sulle foglie ..sono tantissimi e ha infestato anche pianta delle rose , Ho messo più di un insetticida ma niente sono li.. Ho chiesto a più di un fioraio e nn sanno che insetto sia..vi prego mi sapreste dire voi di cosa si tratta?.. cordiali saluti Anna PS : Ho allegato foto
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Anna,
    purtroppo questi afidi sono tenaci ad andarsene, unico metodo infallibile sarebbe un trattamento sistemico ma vicino, sulle abitazioni meglio evitare. Deve rivolgersi ad una buona agraria che saprà consigliare il giusto prodotto.
    Le auguro buona serata,

    Kety Cialdi

    Gli afidi delle piante - Come riconoscerli e combatterli

    Condividi su:

  • Piante di fresia: quando fioriscono? Va bene tenerle al sole per mezza giornata?

    Il 11/06/2018, Carla di Bondeno (Fe) chiede:

    Ho piantato in vaso dei bulbi di fresia circa da tre mesi. Molti sono marciti, i sopravvissuti invece hanno sviluppato delle belle foglie alte. Ma quando fioriscono? Va bene tenerle in pieno solo per metà giornata? Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    la fioritura delle fresie è estiva, e per essere copiosa necessita di molta luce, per cui zone ombreggiate non la favoriranno; inoltre occorre fare attenzione ad impedire ristagni d'acqua, che sono dannosi per questa pianta, la quale teme anche il freddo.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Pianta di nasturzio con foglie gialle e rovinate: quale potrebbe essere la causa?

    Pianta di nasturzio con foglie gialle e rovinate: quale potrebbe essere la causa?

    Il 04/06/2018, Roberta di Napoli chiede:

    Buongiorno, il mio nasturzio ha le foglie rovinate, appaiono come in foto e alcune piccoline sono anche gialle. Quale potrebbe essere la causa? Ho ridotto le innaffiature, tolto il sottovaso e prende il sole dalle 14 alle 17. Grazie in anticipo, Roberta
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    le condizioni descritte sembrano ottimali per la coltivazione di questa specie erbacea, le macchioline sembrerebbero dovute a piccoli danni effettuati da qualche insetto, ma non dovrebbero portare grossi problemi.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Pianta di Aechmea fendleri che non è mai fiorita in 3 anni: dove sbaglio?

    Il 03/06/2018, Francesco di Ivrea chiede:

    Buongiorno ho un Aechmea fendleri che mi hanno regalato, in tre anni non è mai fiorita e non capisco in cosa sbaglio Grazie della risposta Lauretta
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno,
    in queste piante la fioritura non è così scontata se non sono in ambiente forzato, umido caldo e luminoso al punto tale che un appartamento difficilmente può essere.

    Comunque l'aechmea non fiorisce prima dei tre anni di età e dopo questa fioritura spesso muore.
    Provi a concimarla, collocarla in zona molto luminosa e un paio di volta al giorno la vaporizzi con acqua, poco, giusto quel che occorre per renderle meno secca l'aria e vediamo se quest'estate fiorirà.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Sapreste dirmi qual è il nome di questa piantina?

    Sapreste dirmi qual è il nome di questa piantina?

    Il 02/06/2018, Ami di Udine chiede:

    Buonasera, mi sa dire il nome di questa pianta? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Ami
    mi sembrerebbe un clorodendro ugandense bellissima pianta che necessita riparo in inverno.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Quali fiori piantare che fioriscano nei mesi di luglio e agosto?

    Quali fiori piantare che fioriscano nei mesi di luglio e agosto?

    Il 18/05/2018, Marisa di Taranto/Italia chiede:

    Ho un prato che viene irrigato due volte al giorno vicino al mare, ci sono alberi di pino che lo ricoprono. Vorrei realizzare delle piccole zone di fiori di cui io possa godere nei mesi di luglio e agosto (mi trasferisco lì solo in quel periodo). Quali sono i fiori che potrei mettere e che non si distruggono con l'acqua a pioggia degli irrigatori? Inoltre cosa mi consiglia di mettere nelle aiuole triangolari delimitate dal cordolo bianco? (una a sinistra della foto e l'altra a destra).
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Marisa, 

    non è facile rispondere alla sua domanda, le condizioni poste, fioritura luglio/agosto, ombreggiamento da parte dei pini e getti degli irrigatori, lasciano purtroppo pochissima scelta. Innanzi tutto di che getto d'acqua parliamo? Mi spiego: l'acqua proveniente da un irrigatore arriva con pressione maggiore tanto più vicini siamo al corpo dell'irrigatore stesso, le piante dunque andrebbero messe nel punto in cui il getto termina e cade più delicatamente. In questo modo si evitano i danni meccanici dell'acqua ma molti fiori che prosperano in ombra sono comunque troppo delicati e ne risulterebbero danneggiati. Il mio personale consiglio sarebbe quello di limitare piante da fiore nelle sole due aiuole triangolari, in ogni caso può provare a realizzare piccole zone con Astrantia majorVinca minor V.majorAlstroemeria ed Heuchera 
    (non tanto per i fiori ma per le foglie colorate).

    Per le aiuole, oltre a quelle già citate, le consiglio Abelia x grandiflora 'Edward Goucher', è un arbusto generoso che le garantirebbe la fioritura anche nei mesi di luglio/agosto senza bisogno di grandi cure, in alternativa, se ha modo di andarle a mettere a dimora per tempo un paio di mesi prima, può scegliere delle stagionali, LobeliaImpatiensBegonia e simili. 

    Buon giardinaggio!

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Campanula trapiantata che ha perso tutti i fiori: quali sono le cause e cosa fare?

    Campanula trapiantata che ha perso tutti i fiori: quali sono le cause e cosa fare?

    Il 15/05/2018, Gessica di Fossano chiede:

    Buonasera, vorrei un'informazione riguardante la campanula. 20 giorni fa ho comprato una campanula e poi l'ho trapiantata nel mio giardino. Dopo pochi giorni ha iniziato a perdere tutti i suoi bei fiorellini viola/blu e ora e completamente sfiorita e non dà segno di ripresa. In queste ultime settimane qui ha piovuto continuamente quindi ho dato anche colpa al tempo però vorrei più sicurezza. Grazie mille.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Gessica,
    sì, certamente il tempo bizzarro di questi ultimi giorni non aiuta; probabilmente la temperatura bassa e la grande umidità hanno "fermato" la sua piantina.

    Aspettiamo che il tempo migliori e vediamo se la pianta reagisce.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi
     

    Condividi su:

  • Si può incrociare una rosa con una peonia?

    Si può incrociare una rosa con una peonia?

    Il 13/05/2018, Roberto di Mombercelli (AT) chiede:

    Questa rosa sembra essere un incrocio con una peonia che è nelle vicinanze: è possibile? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Roberto,
    direi di no, appartenendo a famiglie diverse, almeno teoricamente non ci sono affinità.
    Quindi direi che è solo una casualità, ma continuo a cercare, dalle piante e delle esperienze altrui c'è sempre da imparare
    Le auguro buona serata,

    Kety Cialdi
     

    Condividi su:

  • Fiori che cambiano colore a seconda del tipo di terreno: qualche chiarimento

    Il 03/05/2018, Gabriele di Milano chiede:

    Salve a tutti, spero di non andare off topic, nel caso mi scuso anticipatamente. Vorrei sapere se qualcuno di voi sa darmi informazioni su fiori che subiscono modifiche nel colore a seconda delle proprietà del terreno, o di qualche altro fattore controllabile attraverso uso di additivi e in quanto tempo riescono a farlo. Per ora ho scoperto che l'ortensia cambia colore a seconda del ph della terra, ma non mi è chiaro se lo faccia durante la stessa fioritura, oppure no, non ho ben capito in quanto tempo possa manifestarsi il cambiamento. il mio obbiettivo è quello di fare un esperimento cambiando il colore dei petali, ho visto che somministrando del colorante alimentare ad un fiore reciso in breve tempo i petali modificano il loro aspetto, ma io vorrei che l'esperimento potesse durare alcune settimane sullo stesso fiore per vedere gli effetti a lungo termine, qui sorge la domanda(forse stupida): esistono modi per far durare qualche settimana un fiore tagliato attraverso nutrienti liquidi? oppure è possibile somministrare del colorante attraverso la terra o ogni tipo di radice li filtra? Ho trovato pareri contrastanti invece sulla somministrazione attraverso le radici a causa del sistema selettivo che applicano nell’assorbimento delle sostanze, tuttavia alcuni affermano che seppur più lentamente che con un fiore reciso si possano comunque ottenere risultati. Che voi sappiate esistono fiori più o meno adatti allo scopo o applicano pressoché criteri simili per selezionare le sostanze? frugando per il web ho trovato questo fiore geneticamente modificato che cambia colore quando gli viene somministrata la birra, la Petunia Circadia, ma sfortunatamente il seme non è ancora in commercio. https://vimeo.com/121508228 Ringrazio anticipatamente chiunque possa darmi un consiglio!!
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Gabriele,
    purtroppo io posso risponderle solo sulle ortensie.

    Le hydrangee macrophylla sono sensibili al ph del terreno:

    • il ph neutro fa fiorire le ortensie di quel rosa tenue che un po' tutte le accomuna;
    • il ph acido le fa virare al blu;
    • il ph basico al rosso;

    Ovviamente per quanto il discorso sia valido per tutte (ad eccezione delle bianche), esistono varietà che sviluppano colori più intensi e altre di meno.

    La pianta va prepararata quando ancora è quiescente, a seconda delle zone climatiche rimuovono prima o dopo rispetto a qui, a Pistoia.

    Comunque verso la fine di gennaio si fa un trattamento con solfato di alluminio per il blu, di carbonato di calcio per il rosso, nella quantità di un cucchiaino da caffè per un caso di 18 cm di diametro. Si ripete altre 2 volte, sempre a distanza di 20 gg.

    Un inverno piovoso come questo ultimo tende a dilavare il terriccio ed inficia un po' il nostro operato.
    Per quanto riguarda il mantenimento in salute di un fiore reciso, conosco solo il vecchio metodo empirico di aggiungere un goccio di varichina nell'acqua per ritardare i marciumi.

    Spero di averla aiutata almeno un po'.

    Buona giornata 

    Kety Cialdi
     

    Condividi su:

  • Petunia con rami che vanno verso l'esterno creando un vuoto all'interno: è normale?

    Petunia con rami che vanno verso l'esterno creando un vuoto all'interno: è normale?

    Il 19/04/2018, Michelina di Foggia chiede:

    Ciao. Ho questa petunia sul balcone. É la prima volta che mi dedico alla cura di questa pianta. Come potete vedere in foto, ha i rami che vanno verso l'esterno creando un "vuoto" al centro. Cosa posso fare? E soprattutto é normale?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Michelina,
    si la petunia lo fa, tende a fare lunghi tralci che poi si dividono.

    Non faccia nulla se non innaffiare con regolarità, se la pianta sta bene piano piano butta nuove vegetazioni anche nella parte centrale e si "riempie".

    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi
     

    Condividi su:

  • Piante di eliantemo che dopo rinvaso stanno ingiallendo e perdendo fiori: cosa fare?

    Piante di eliantemo che dopo rinvaso stanno ingiallendo e perdendo fiori: cosa fare?

    Il 17/04/2018, Sara di Giarre, Catania chiede:

    Salve, ho acquistato circa 6 giorni fa queste tre piantine di Helianthemum 'Lawrenson's Pink' e le ho rinvasate insieme a tre piantine di campanule, nel vasetto al loro arrivo erano molto più verdi e vigorose, ora però soprattutto una, stanno cominciando a perdere le foglie, ad ingiallire, e a sfibrarsi, una sembra ancora messa bene però anche lì le foglie cominciano a rovinarsi e a cadere (anche le campanule stavano meglio prima del mio intervento). Ho messo un drenaggio alla base dei vasi, terriccio universale e sono messe in esterno con sole dal mattino alle 14 circa. Ho dato acqua il giorno del rinvaso e poi sono stata ferma per due giorni ma vedendo che diventavano così gli ho dato acqua sia ieri sia oggi. Che faccio?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Sara,
    purtroppo quando piante tenere così vengon trapiantate in un clima non protetto come quello da cui provengono a volte reagiscono così, per questo io consiglio di acquistarle e lasciarle ambientare nei loro vasetti.

    Secondo me ora come ora nei vasi in foto il terriccio è troppo umido e per questo soffrono anche quelle che prima stavano bene. Lasci asciugare prima di bagnare ancora.

    Nel giro di una settimana si dovrebbe capire se reagiscono positivamente o meno.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi 
     

    Condividi su:

  • Come si chiama questo fiore trovato sulle sponde di un torrente?

    Come si chiama questo fiore trovato sulle sponde di un torrente?

    Il 11/04/2018, FEDERICO di BRONI chiede:

    Ho raccolto questo fiore sulle sponde di un torrente. Sapreste dirmi di che si tratta? Rinfgraziando anticipatamente, porgo cordiali saluti. Federico
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Federico,
    secondo me è un tulipano, non so dirle se si tratti di una varietà selezionata o un ibrido spontaneo ma soprattutto la foto dal basso mi dà questa convinzione.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Quali piante sono più adatte ad una zona soggetta a forte vento?

    Il 21/02/2018, Milena di Formigine Modena (Colombaro) chiede:

    Nella casa del mare sull'isola di Ponza vorrei avere piante con fiori e fiori da aprile ad ottobre avendo noi un B&B. La zona è soggetta a fortissimi venti, ma non abbiamo problemi di spazio. Anche attorno alla piscina mi piacerebbe sapere quali piante sono più indicate. Nella speranza di potervi leggere a breve per mettere in pratica i Vs. suggerimenti, ringraziando porgo cordiali saluti.
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    posso suggerire arbusti da fiore, quindi perenni, che hanno poche difficoltà ad ambientarsi anche in climi ventosi, tipo spiree, weigele, physocarpus, Deutzia, philadelphus per le fioriture primaverili; spiree a fiore rosso, abelie, caryopteris, Hydrangea paniculata e arborescens per le fioriture estive e tardo estive, e rosmarino prostrato che forma deliziose siepi.

    Alberta Ballati
     

    Condividi su:

  • Che fiori posso mettere in un wellness dove la temperatura è di 29, 30 gradi constante?

    Che fiori posso mettere in un wellness dove la temperatura è di 29, 30 gradi constante?

    Il 31/01/2018, Maria di Como chiede:

    Che fiori posso mettere in un wellness dove la temperatura è di 29, 30 gradi constante? Ho sempre messo delle orchidee fin ora ma muoiono nel giro di un mese.
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    qui occorrono piante che sopportano un microclima caldo e umido, e penso che le orchidee possano essere una valida soluzione, ma che sembra non aver avuto successo, finora.

    In alternativa potrebbero essere utilizzate delle Bromeliacee, tipo Vriesea, che sono piante di origine tropicale che amano condizioni climatiche simili, calde e umide. Hanno belle foglie lunghe a nastro e fanno fiori a spata spesso colorati.

    Alberta Ballati
     

    Condividi su:

  • Esistono piante che non abbiano un sapore apprezzabile per i daini?

    Il 23/01/2018, Mariangela di Borghetto di Borbera chiede:

    Vorrei piantare delle piante perenni in 4 grossi vasi davanti a casa, ma purtroppo i fiori finora da me piantati sono stati puntualmente divorati da daini. Esistono piante che non abbiano un sapore apprezzabile per i daini? Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    purtroppo quello degli animali selvatici è un problema di difficile soluzione, se non con recinzioni, che però hanno costi elevati ed impatti "estetici" non proprio fra i migliori.

    Potrei consigliare piante con foglie dal sapore amaro, o dall'odore poco gradevole, come alcuni viburni, tipo tinus, o roseum, ma non ci sono troppe garanzie.

    Altri arbusti potrebbero essere le rose, che formano una barriera meccanica, ma i cui germogli sono, e lo dico per esperienza diretta, molto graditi alle "gentili" bestiole.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Lilium sfioriti: cosa fare?

    Lilium sfioriti: cosa fare?

    Il 27/11/2017, Giuseppe di Taranto chiede:

    Ho questi lilium ormai sfioriti. Come mi devo comportare? È giusto tagliare apici e tronchetto? Grazie Il 29/11/2017 Giuseppe chiede: Con riferimento ai lilium precedenti, quella specie di bozzolo in apice cosa rappresenta?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Giuseppe,
    gli steli si seccano spontaneamente, quindi io eviterei di interferire con i ritmi della pianta.
    Continui ad innaffiare per evitare che anche il bulbo secchi ed aspetti che gli steli secchino spontaneamente.
    Le auguro buona giornata.

     

     

     

     

    Il 04/12/2017 Kety Cialdi risponde:

    Buongiorno Giuseppe,
    quei bozzoli, se non li ho mal interpretati dalla foto, si formano dopo la fioritura in molte piante; non sono esperta di lilium ma a parer mio se ne incide uno all'interno troverà dei semi.

    Le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Come si chiama il fiore in foto?

    Come si chiama il fiore in foto?

    Il 14/11/2017, Gio di Parma chiede:

    Vorrei sapere come si chiama il fiore nella foto, sapete aiutarmi?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Gio, mi scuso per l'attesa.
    Purtroppo da un'unica foto i cui non si vede la pianta intera o il dettaglio delle foglie è difficile dare una risposta certa,
    a mio parere comunque si tratta di muscari o liriope.
    Le auguro buona serata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Dove recidere i fiori sulla pianta?

    Il 19/08/2017, Norberto di Lissone mb chiede:

    Buongiorno volevo sapere se i fiori quando sfioriscono vanno tagliati e, se si, dove? Vicino alle ultime foglie vicino ai fiori?
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Norberto,

    dipende tutto dalla pianta in questione: ad esempio in alcuni tipi di rose generalmente si taglia lo stelo con i fiori appassiti fino alla seconda foglia al di sotto dei fiori, o anche più giù se l'arbusto è molto vigoroso.

    Nelle erbacee da fiore si rimuovono i capolini sfioriti per stimolare la produzione di nuovi fiori.

    Se ci indica di che pianta si tratta le potremo dare informazioni più precise.

    Un cordiale saluto,

    Francesca

    Condividi su:

  • Surfinie hanno dei pallini neri sulle foglie

    Surfinie hanno dei pallini neri sulle foglie

    Il 25/06/2017, Eleonora di Torino chiede:

    Buongiorno! Spero mi possiate aiutare! Non riesco a capire cosa sono quei pallini neri sulle foglie delle surfinie, se parassiti o altro. Pensando fossero parassiti ho trascurato un po' la pianta.... Grazie in anticipo
    Gianluigi_Burdisso
    Risponde l'esperto
    Gianluigi Burdisso

    Buongiorno Eleonora,
    Dalle foto della sua surfinia potrebbe essere l'afide nero detto anche pidocchio nero.
    E' un pidocchio particolarmente resistente che attacca fiori e verdure nelle estati particolarmente calde.
    Le consiglio di trattare le piante con prodotti a base di Imidacloprid (onfidor, Siattol.. ect.) oppure di Thiametoxam (Actara).
    Il trattamento deve essere effettuato alla sera, di solito dopo le 19, con temperature non oltre i 25/27 gradi per evitare shock termici alla pianta.
    Il trattamento deve essere ripetuto dopo 8-10 giorni.

    Buon Lavoro.

    Gian Burdisso

    Condividi su:

  • Come posso salvare la mia pianta di ornitogallo?

    Come posso salvare la mia pianta di ornitogallo?

    Il 16/06/2017, Carmen di Ruoti chiede:

    Buonasera, vorrei un vostro aiuto per salvare la pianta di ornitogallo. Da un po' di tempo le foglie e i fiori stanno seccando ma non so il perché visto che viene innaffiata sempre. Cosa posso fare per salvarla? Grazie in anticipo, Carmen
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Dalla foto mi sembra che il terriccio della sua pianta di Ornitogallo sia molto bagnato, quindi le consiglio di provare a travasarla con terriccio asciutto nello stesso vaso, facendo poi attenzione a non bagnare troppo.

    Il substrato sembra infatti scuro e compatto, le punte gialle delle foglie mi fanno pensare ad una sofferenza radicale.
    Diradi le innaffiature, lasci asciugare bene il terriccio e, se la mia supposizione é corretta, spingeranno presto nuove foglie sane sul suo Ornitogallo..

    Cordiali saluti
    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Sapreste dirmi che tipo di pianta è?

    Sapreste dirmi che tipo di pianta è?

    Il 09/06/2017, Armando di Roma chiede:

    Sapreste dirmi che tipo di pianta è?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Potremmo avere altre foto con dettagli di foglie ed altro che aiuti nell'identificazione? 

    Grazie

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Le piante di Gerbera non crescono, come mai?

    Il 31/05/2017, Caliano Antonio di Napoli chiede:

    Ho più volte seminato in vivaio i semi di GERBERA comprati in bustine di vari produttori ma le piantine non sono mai spuntate. Ho anche cambiato terriccio, esposizione ed innaffiatura ma tutto inutile. Come posso ovviare a questo problema? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Antonio, visti i numerosi tentativi, l'unica cosa che mi viene in mente é la profondità dei semi.
    Provi nuovamente, prepari la cassetta per la semina ponendo per un cm terriccio specifico da semina, comprima e livelli bene il substrato, dopodiché lasci ricadere altro terriccio da semina sui semi appena disposti, la quantità sufficiente a nascondermi alla vista, comprima nuovamente e bagni bene.


    Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Quando posso seminare i semi di Escolzia in miscuglio? Hanno bisogno di concime?

    Il 22/05/2017, Marzia di Specchia, Lecce chiede:

    I semi di Escolzia in miscuglio, posso seminarli a maggio? Oppure quando? Una volta interrati hanno bisogno di concime o di acqua? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Marzia,
    la semina dell'Escolzia (Eschscholzia) andrebbe effettuata a fine aprile, massimo i primi di maggio.
    Per quest'anno rinuncerei, temo che molti semi andrebbero sprecati. Se vuol fare comunque un tentativo, si ricordi che il terreno deve essere stato preparato in autunno, fresato e concimato in primavera.

    Le auguro una buona giornata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Che tipo di fiori spontanei sono quelli nella foto?

    Che tipo di fiori spontanei sono quelli nella foto?

    Il 19/05/2017, Marzia Maisto di Specchia Lecce chiede:

    Chiedo che tipo di fiori spontanei sono questi due che vedete nella foto ?? Grazie
    federica-salomoni
    Risponde l'esperto
    Federica Salomoni

    Gentile sig.ra Maisto

    Il fiore bianco in foto è un Ammi majus, una pianta spontanea del bacino mediterraneo, fiorisce in maggio 

    Il fiore in rosa è una Scabiosa, un fiore di una pianta erbacea che cresce spontaneamente in Italia 

    Entrambe le varietà provenienti da floricoltura vengono ampiamente usate per creare composizioni di fiori freschi

    Spero di esserle stata utile 

    Federica 

    Condividi su:

  • E' possibile avere dei semi di campanula?

    Il 17/05/2017, Giovanna di Sardegna chiede:

    Salve! Vorrei sapere se ho la possibilità di avere dei semi di campanula... Mi pare di aver letto che qua si possono fare scambi di sementi... Ovviamente sono disponibile anche io ad aiutare... Fatemi sapere! Grazie
    Redazione
    Risponde l'esperto
    Redazione Portale del Verde

    Buongiorno Sig. Giovanna!
    Le consigliamo di iscriversi al gruppo facebook " Giardinaggio che passione - portaledelverde.it

    Troverà molti membri disponibili che fanno scambi di semi!

    oppure può andare su questo sito: http://www.sgaravattisementi.it/shop/sementi-da-fiore/campanula-semplice-mix/#close

    Le auguriamo una buona giornata

    Redazioen PortaleDelVerde

    Condividi su:

  • Sunpatiens bruciate dal gelo: cosa devo fare?

    Il 03/05/2017, Cristina di Gorizia chiede:

    Buon giorno a tutti. Ho messo a dimora diverse piantine di Sunpatiens ma le gelate degli ultimo giorni me le han bruciate tutte. Che fare? Devo sostituirle tutte? Inoltre a chi spetta il risarcimento? Grazie e buon lavoro
    Gianluigi_Burdisso
    Risponde l'esperto
    Gianluigi Burdisso

    Buongiorno Cristina, 
    per avere una risposta certa deve attendere alcuni giorni, se i germogli non riprendono a vegetare è chiaro che le piante sono morte.
    Se si è assicurati contro i danni da gelo si può chiedere il risarcimento alla propria compagnia assicurativa che dopo aver mandato un perito a verificare i danni provvederà ad erogare il risarcimento.

    Cordiali saluti

    Gianluigi Burdisso

    Condividi su:

  • Mi hanno regalato questa pianta, come si chiama? Come devo trattarla?

    Mi hanno regalato questa pianta, come si chiama? Come devo trattarla?

    Il 29/04/2017, Giorgia di Piove di Sacco chiede:

    Buongiorno, mi hanno regalato questa pianta ma non so il nome e nemmeno come devo trattarla. Cortesemente, potreste darmi delucidazioni a riguardo ? Grazie infinite Giorgia
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Giorgia 
    É un'emerophila Nivea
    Splendida pianta che vuole esposizioni soleggiate, tollera benissimo il vento e richiede terreni ben drenati.


    Le auguro una buona giornata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Come si chiama questa piantina spuntata nell'aloe vera?

    Come si chiama questa piantina spuntata nell'aloe vera?

    Il 29/04/2017, Cosimo di Palermo chiede:

    Circa 6 mesi fa nella pianta dell'Aloe è spuntata una piantina che crescendo dava solo foglie e uno stelo ben robusto. Ora sono spuntati dei fiorellini gialli a forma di campanellino. Vorrei conoscere il nome della pianta e come va trattata. Io non l'ho mai annaffiata, essendo sul balcone è stata bagnata dalla pioggia. Grazie della risposta
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Cosimo
    Considerando la foglia e la particolare forma del fiore,secondo me si tratta di una Nicotiana Glauca, pianta originaria del sud america, naturalizzata in italia nelle zone calde.
    Cresce bene lungo i greti dei fiumi e sulle scarpate ferroviarie, ciò spiega come le sia stata sufficiente l'acqua piovana.
    Quindi direi che la sua coltivazione può essere fatta con terreno drenato, umidità moderata e concimazione annuale. 

    Le auguro buona serata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Quale pianta posso collocare all'esterno in un grande vaso rettangolare?

    Il 26/04/2017, Donata di Villafranca Forlì chiede:

    Buongiorno, sto cercando una pianta da collocare all'esterno, in una zona soleggiata e ventilata e da piantare in un vaso rettangolare, grande. Il vaso non lo vorrei spostare in inverno, perciò la pianta non deve temere le gelate. Al garden di zona mi hanno consigliato un gelsomino, di cui mi piace molto l'idea che sia rampicante, visto che il vaso sarà addossato alla recinzione... Solo immaginavo qualcosa di più vivace, per dare un tocco di colore alla casa. Escludendo glicine e passiflora, cosa mi può consigliare??? Grazie per la risposta e l'attenzione. Saluti, Donata
    vivaio_pinzaglia
    Risponde l'esperto
    Francesca Pinzaglia

    Buonasera, suggerisco una combinazione che uso molto, la rosa rampicante con il rincospernum è una buona soluzione per avere molti fiori durante l'estate e un sempreverde durante l'inverno.
    In alternativa si potrebbe provare con la passiflora che è molto generosa per le fioriture.

    Cordiali saluti

    Francesca Pinzaglia

    Condividi su:

  • Mancata germinazione dei semi di Gazanie, perchè? Cosa posso fare?

    Il 22/04/2017, Stefano Sangiorgio di Erba chiede:

    Buongiorno, in data 8 aprile ho seminato in una cassetta semi di Gazanie in miscuglio. La cassettina è stata tenuta sempre all'interno di un lettorino con temperatura costante e bagnata ogni volta che era necessario. Chiaramente nel lettorino c'è un termometro min-max che mi permette di aprirlo e/o chiuderlo a seconda che la temperatura salga o scenda comunque cerco di tenerla costante a circa 25- 28 °C. A cosa può essere dovuta la mancata germinazione? La bustina era di semi freschi e non li ho interrati profondamente poichè ho fatto la semina a spaglio e poi coperto con un sottile strato di terriccio. Attendo ancora o devo riseminare? Grazie in anticipo.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Stefano, una volta passato il tempo di germinazione, viste anche l'attenzione e la cura con cui lei ha eseguito l'operazione di semina, può a parer mio buttare via tutto.
    E non se ne rifaccia... Per quanto dispiaccia sono cose che capitano.
    In questo caso comunque direi che il problema stava nei semi.
    Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • A quale pianta appartiene questo fiore?

    A quale pianta appartiene questo fiore?

    Il 14/04/2017, Giuseppe Lagrasta di Castellarano chiede:

    Buongiorno, vorrei notizie botaniche della pianta a cui appartiene questo fiore. So solo che si trova in Nuova Zelanda. Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Giuseppe, è un Metrosideros, pianta appunto originaria della nuova Zelanda, dove è chiamata POHUTAKAWA.
    Qui da noi è soprattutto l'excelsa ad essere utilizzata; richiede terreni ben frenati e clima mite.
    Dove le temperature sono rigide é opportuna la coltivazione in casa.

    Le auguro buona giornata
     
    Kety Cialdi 
     

    Condividi su:

  • Quali fiori piantare sul mio terrazzo al lago?

    Il 06/04/2017, Roberta di Italia chiede:

    Buongiorno! Vorrei chiedervi un consiglio su quali fiori piantare nelle vaschette del mio terrazzo al lago (esposto al sole). Vorrei dei fiori cadenti, ma che non diventino troppo voluminosi dato che di fronte ho un bellissimo panorama; quindi mi piacerebbe dare un tocco di colore al terrazzo senza compromettere troppo la visuale. L'anno scorso avevo piantato delle surfinie ma sono diventate oltre che bellissime davvero giganti, quindi quest'anno vorrei optare per qualcosa che rimanga basso senza crescere troppo in altezza. Mi date per favore un consiglio su cosa scegliere ? Grazie mille
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Roberta,
    se anche le surfinie risultano troppo alte, potrebbe provare con le gazzanie o con i cosiddetti "amanti del sole"piccoli e coloratissimi ma poco ingombranti.
    Buona serata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Le foglie di edera, geranei e parigini ingialliscono, come posso intervenire?

    Il 05/04/2017, Fabrizio Cecconi di Pistoia chiede:

    Buonasera, dove lavoro gestisco circa 50 tra cassette di varia misura e grandi vasi tutti di terracotta in cui si coltivano geranei, edera e parigini. Ogni fine estate le foglie più interne quindi più vecchie iniziano ad ingiallire e poi seccare. Ho notato che questo si verifica prima di tutti nei vasi piccoli e più esposti al sole pieno. Ogni anno cambio buona parte del terriccio che arricchisco con concime a lenta cessione ed innaffio regolarmente a giorni alterni SENZA bagnare le foglie. Qualcuno mi ha detto di provare ad aumentare la porosità del substrato per limitarne il surriscaldamento. Come posso intervenire altrimenti? Mi trovo in Toscana, Vinci
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Fabrizio ,mi sembra che lei faccia per la cura dei suoi vasi tutto quel che è necessario. 
    Chiaramente a fine estate un pò di ingiallimento va messo in conto, soprattutto dove i vasi, essendo meno capienti, si stanno esaurendo.
    Oltretutto mi parla di un'esposizione completamente soleggiata quindi direi che la situazione rientra nella norma.
    Se per aumentare la porosità intende alleggerire il terreno con argilla espansa o simili, bisogna considerare che poi cambierebbe sostanzialmente il fabbisogno idrico e onestamente, se soprattutto i gerani che non amano il sole pieno e che sono da climi più freschi rispetto al nostro qui di Pistoia, arrivano solo con qualche foglia gialla, non cambierei nulla di ciò che sta facendo. 
    Buona giornata

    Kety Cialdi 

     

    Condividi su:

  • Come curare la mia pianta?

    Il 29/03/2017, Fabrizio di Massa chiede:

    Non ho i mezzi per fare e inviare foto. Pianta: giovane lantana da talea. Pagina inferiore foglie con patina polverosa biancastra uniforme che si asporta facilmente. Con lente ingrandimento non vedo parassiti o uova. La pianta è deperita. Ho provato con acaricida, fungicida, ma senza risultato.
    Gianluigi_Burdisso
    Risponde l'esperto
    Gianluigi Burdisso

    Potrebbe trattarsi di oidio, facile da combattere con zolfo bagnabile alla dose di 40 gr X 10 litri.
    Ripeta il trattamento 3/4 volte a 7-8 giorni di distanza.
    Buon lavoro!

    Gianluigi Burdisso

    Condividi su:

  • Piantine di Portulaca che muoiono, cosa fare?

    Il 28/03/2017, Antonio di Napoli chiede:

    Per ben tre volte (ed in periodi diversi) ho seminato in vivaio dei semi di PORTULACA ma l'esito è stato sempre negativo nel senso che una volta spuntate delle piantine molto piccole e delicate, dopo alcuni giorni muoiono. Quale la causa e cosa fare?
    tra_orto_e_giardino
    Risponde l'esperto
    Conversazioni tra Orto e Giardino

    Ciao Antonio,

    allora, purtroppo con così pochi elementi è difficile dire cosa può essere successo.
    Potrebbe essere dipeso dall'eccesso di acqua, o forse dalla temperatura, o ancora dal terreno.
    Quello che ti possiamo consigliare è di provare a utilizzare un terriccio soffice e ben drenato, magari con aggiunta di pomice, di bagnare solo lo stretto indispensabile e di tenere le piantine al sole diretto.
    Da noi, nel giardino roccioso, la portulaca si dissemina spontaneamente, quindi pensiamo che le condizioni ideali siano quelle non troppo "artificiali".
    Tienici aggiornati!

    Silvia e Jacopo

    Condividi su:

  • Conoscete qualche rivenditore online di Clematis bicolor?

    Il 17/03/2017, Marilù di lecce chiede:

    Buongiorno a tutti, sono Marilù e volevo ringraziarvi per la risposta celere ed esaustiva. Ho deciso di optare per la Clematis bicolor con qualche rosa. Sapreste indicarmi qualche buon rivenditore online? Visto che qui a Lecce nessuno la tratta. L'unico che ho trovato è un rivenditore inglese. Grazie
    tra_orto_e_giardino
    Risponde l'esperto
    Conversazioni tra Orto e Giardino

    Ciao Marilù,
    allora ti consigliamo di chiedere al Vivaio Anna Peyron che coltiva rose e clematis (e chi lo conduce è davvero bravissimo a consigliare), non siamo sicuri che faccia anche spedizione, ma potrebbe essere.
    Se no prova anche con Nino Sanremo, specialista di rose di tutti i tipi.
    Aspettiamo le foto del tuo angolino verde!

    Buona giornata :) A presto!

    Silvia

    Condividi su:

  • Come si chiama questo fiore?

    Come si chiama questo fiore?

    Il 08/03/2017, Salvatore di Roma chiede:

    Salve, e' nato questo fiore sul mio balcone. Di cosa si tratta? Grazie.
    roberto_cominassi
    Risponde l'esperto
    Roberto Cominassi

    Ciao Salvatore,

    il fiore che è nato sul tuo balcone è una FREESIA, una pianta bulbosa ornamentale appartenente alla famiglia delle Iridaceae e proveniente dall'Africa del Sud.
    Questa erbacea perenne, proprio in virtù della sua origine, teme il gelo mentre ama climi miti e terreni ben drenati.
    I fiori  e i bulbi che troviamo sul mercato sono però il risultato di numerose ibridazioni che hanno prodotto esemplari con infiorescenze più vistose ( ci sono persino cultivar con fiore doppio), profumazioni più intense e colorazioni più varie rispetto alle specie originarie.
    La moltiplicazione della Freesia può avvenire da semi o da bulbi (detti CORMI) da maggio a ottobre.
    I bulbi vanno inseriti in terreni ben soleggiati e caldi al Nord mentre nel centro-sud è preferibile scegliere zone a mezz'ombra o per lo meno con un po' di ombra soprattutto nelle prime ore pomeridiane, per evitare che i raggi molto caldi del sole estivo possano danneggiare le foglie.
    Al nord fiorisce a partire da maggio mentre al centro-sud i primi fiori si vedono a marzo.
    Le fresie vanno irrigate con molta moderazione per evitare marciumi del bulbo.
    Sicuramente in questo caso è volato qualche seme che nel tuo vaso ha trovato il luogo ideale per svilupparsi!

    Ciao e...buona fioritura!
    Roberto

    Condividi su:

  • Potature delle Rose e delle Ortensie

    Il 10/02/2017, Anna Girardi di Treviso chiede:

    Quando si potano le rose e le ortensie? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Anna.

    Potatura delle rose

    Dunque le rose devono essere portate a fine inverno per eliminare rami secchi e ridimensionare la pianta;in questo modo la pianta, rinvigorita, avrà in primavera estate una bella fioritura.
    Di solito il mese di febbraio rappresenta il momento ideale.
    La potatura estiva é finalizzata a rimuovere i fiori appassiti così come quella autunnale, ma non sono obbligatorie.

    Potatura delle ortensie

    Per quanto riguarda le ortensie il momento ideale è la tarda estate per le macrophylla, in questo modo la pianta é stimolata a cacciare nuove vegetazione sulle quali l'anno successivo si formeranno i fiori.
    Per le paniculata invece la potatura ideale é a fine inverno visto che fioriscono sui fiori dell'anno.
    Esistono altre "famiglie" di ortensie, la potatura cambia a seconda del periodo di vegetazione e delle caratteristiche della pianta

    Buona serata, ketycialdi

    Condividi su:

  • Uso dell'Inula Orientale e della Malva

    Il 07/02/2017, Giorgio di Italia chiede:

    Mi hanno spedito uncampione di inula orientale e nello stesso pacco hanno associato della malva... Quali sono gli usi di queste piante? Sono adatte ai frutteti?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Giorgio

    Ci troviamo di fronte a 2 piante diverse,la prima considerata pianta ornamentale adatta a bordate e macchie colorate
    Unico utilizzo che potrebbero trovare in frutteto é quello di attirare gli insetti che poi impollinano anche i frutti, infatti per quel che posso dirle io delle due solo la malva trova impiego in erboristeria con gli usi che ormai un po 'tutti conosciamo.

    Le auguro una buona giornata,

    Kety Cialdi
     

    Condividi su:

  • Fiori: possibili cause del cambiamento di colore dei petali

    Fiori: possibili cause del cambiamento di colore dei petali

    Il 30/11/2016, Arjeta di Tirana, Albania chiede:

    Buongiorno. Quando ho comprato questo fiore era bianchissimo, adesso ha preso un colore rosa. Anche i nuovi fiori nascono con questo colore. Mi è successa la stessa cosa con le margherite in primavera, le quali sono diventate da bianche a rosa. Preciso che il mio balcone è all'ombra. Mi chiedo inoltre se sia normale che i fiori si secchino in questo modo. Grazie.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Arjeta,


    spesso le fioriture bianche si comportano così. Ci sono tante ortensie, ad esempio, i cui fiori maturando virano al rosa e comunque l'ombra non aiuta a far sviluppare il bianco.
    Per il marrone deve controllare l'umidità del vaso, un eccesso di acqua oppure troppa pioggia potrebbero aver danneggiato i suoi fiori.


    Buona giornata, Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Con cosa posso sostituire le mie petunie?

    Con cosa posso sostituire le mie petunie?

    Il 09/11/2016, Santina di Librizzi chiede:

    Vorrei sapere in giardino al posto delle petunie, ormai non più fiorite, con cosa potrei sostituire. Mi servirebbe qualcosa di pendente. Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Santina,

    al posto delle Petunie, per avere un bell'effetto decorativo e ricadente con piante invernali, punterei sicuramente su un Cotoneaster salicufolius repens.

    Sono piante robuste, non temono il freddo e sono molto decorative tutto l'anno: sono sempreverdi, in primavera fioriscono ed in inverno hanno le bacche.
    Riportate e concimate, saranno belle anche per il prossimo inverno.

    Buona giornata.

    Kety Cialdi
    Vivaio Pollicirosa di Rare Piante

    Condividi su:

  • Come trattare le begonie durante l'inverno

    Come trattare le begonie durante l'inverno

    Il 06/11/2016, Danila di Bologna chiede:

    Buonasera, ieri nell'angolo delle offerte di un vivaio ho trovato queste due bellissime begonie che hanno definito "begonie giganti double" Le piante sono effettivamente giganti, volevo sapere come le posso curare, devo svasarle o attendere la bella stagione? Ora sono riparate ma vorrei sapere se le devo tenere in casa a temperature più alte. Grazie, buona serata.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    BegonieBuongiorno Danila,

    il mio consiglio é di non rinvasare le Begonie adesso ma più avanti, a fine inverno, perché ora le piante vegetano pochissimo.
    Deve assolutamente ripararle, temono il freddo ma se le tiene in casa stia attenta a muffe e marcescenze.
    A questo proposito mi sembra, dalle foto di notare una o due foglie gialle: potrebbero essere troppo bagnate.
    Faccia la prova dito premendo sul terriccio: se non le ha innaffiate da poco e sulle dita sente umidità, in quel caso l'acqua avuta é in eccesso; le lasci asciugare e le bagni solo quando si saranno asciugate completamente.

    Buona giornata.

    Kety Cialdi
    Vivaio Pollicirosa di Rare Piante

    Condividi su:

  • Come devo comportarmi se le mie piantine di mughetti hanno prodotto delle palline verdi?

    Come devo comportarmi se le mie piantine di mughetti hanno prodotto delle palline verdi?

    Il 28/09/2016, Paola di Cherasco chiede:

    Buonasera, alcune piantine di mughetti, dopo la fioritura, hanno fatto spuntare delle palline. Queste prima erano verdi ora si stanno colorando. Vorrei sapere se dentro ci sono i semi e quindi li devo seminare. Grazie mille!!!
    Pedro_Minto
    Risponde l'esperto
    Minto Pedro

    Buongiorno Paola,

    aspetti che i suoi mughetti si colorino definitivamente di marron-bruno e poi li apra delicatamente.

    Dentro ci sono i semi, che dovrebbero avere una specie di "polpa" che va tolta. A questo punto le consiglio di seminarli in luogo protetto (serra fredda) subito ed attendere che spuntino in primavera.

    Cordiali saluti

    Pedro Minto
    Raziel Srl

    Condividi su:

  • Creazione aiuola: serve telo pacciamante per evitare erbacce?

    Il 10/09/2016, Fabrizio di L'aquila chiede:

    Salve, devo fare un'aiuola con vinca minor e gaura lindheimeri: volevo sapere se devo mettere il telo pacciamato per le erbacee o piantarle senza telo. Grazie
    Pedro_Minto
    Risponde l'esperto
    Minto Pedro

    Buonasera Fabrizio,

    Il telo pacciamante é sicuramente un buon modo per tenere a bada le infestanti ma di sicuro non è l'ideale per la vinca minor; la bellezza di questa pianta è la sua capacità di tappezzare il terreno che la circonda. Là dove i suoi rami toccano terra, essa mette radici e da lì ancora ed ancora. Il telo di sicuro ne limiterebbe l'espansione.

    Quindi in sintesi il mio consiglio è di non usare il telo.

    Se lo mette, sa che dovrà lavorare di più nello stenderlo e per fare i buchi dove mettere le piante, ma poi non dovrà togliere le infestanti, consapevole del fatto che lo sviluppo della pianta potrebbe forse esserne ostacolato. Se invece non lo mette, dovrà essere paziente all'inizio per ripulire dalle erbacce ma ben presto la vinca, andando in copertura, farà il lavoro per lei.

    In ogni caso, tuttavia, mettere il telo pacciamato non crea problemi irreversibili alle piante e può dunque scegliere in totale libertà se adottare questa soluzione o meno.

    Cordiali saluti

    Pedro Minto
    Raziel Sas.

    Condividi su:

  • Che pianta è? Qual è la sua giusta collocazione nel mio giardino?

    Che pianta è? Qual è la sua giusta collocazione nel mio giardino?

    Il 06/07/2016, Paola di Varese chiede:

    Buona sera, tempo fa ho piantato in un vaso dei semi. Ora la pianta è cresciuta e tra l'altro è molto bella: mi piacerebbe per cortesia saperne il nome ed eventualmente la sua giusta collocazione in un giardino. Vi mando una foto nella speranza sia sufficiente ad identificarla. Grazie mille. Paola
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera signora Paola,

    Dalla foto direi trattarsi di una malvacea, sia per la forma della foglia sia per il boccio avvitato su se stesso.

    L'esposizione ideale é quella soleggiata: può scegliere di tenerla in vaso come di metterla a dimora in piena terra.

    La consistenza erbacea che si intuisce dalla foto richiede attenzione e cura nelle irrigazioni che devono essere regolari, senza ristagno e ovviamente proporzionate al clima. 
    Le malvacee, a fine fioritura, producono capsule contenenti semi che lei può raccogliere ed utilizzare la prossima primavera.

    Le auguro buona serata

    Kety Cialdi
    Vivaio Pollicirosa di Rare Piante

    Condividi su:

  • Come si coltiva il Nasturzio Nano? Necessita di particolari cure?

    Il 06/07/2016, Lucia di Bolzano chiede:

    Salve. La mia domanda riguarda il nasturzio nano e premetto subito che per me è una "new entry" in quanto non ho mai avuto modo di averlo nel mio piccolo giardino. Andando in villeggiatura qui vicino ho avuto modo di vedere il giardino di una casa che era praticamente un incanto! Ho chiesto alla proprietaria cosa fossero quelle meraviglie di mille colori e lei mi ha detto un po' stupita "mah! nasturzio nano!", facendomi sentire come una venuta da un altro pianeta. A distanza di giorni non riesco a togliermi dagli occhi quei vasi ricolmi di colore e gioia e dunque vorrei cimentarmi anch'io nella loro coltivazione. La domanda è un po' estesa e articolata. È possibile coltivare il nasturzio nano piantandolo dalla bustina o bisogna comprarlo già piantina? Ha bisogno di particolari cure? Esistono diversi tipi di nasturzio nano e, se sì, quali sono quelli più resistenti e più facili da coltivare? (io abito vicino Bolzano a 500 metri di altezza). Grazie infinite!
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera signora Lucia,

    Dunque il nasturzio é una pianta stagionale che, occasionalmente, e cioè in climi particolarmente miti, può diventare "perenne".

    In un clima come il suo, l'iter consigliabile per godere della generosa bellezza dei nasturzi é quello di provvedere alla semina in vaso, in casa, un mese/un mese e mezzo prima delle ultime gelate. In questo modo le piantine saranno pronte per la fine dei freddi e potranno essere trapiantate in vasi più grandi, magari pensili.

    Le caratteristiche dei nasturzi sono praticamente comuni a tutte le varietà: estremamente rustici, chiedono pochissima acqua, l'esposizione ideale é semi-soleggiata e a fine fioritura potremo raccogliere i semi per la stagione successiva.

    I nasturzi nani sono particolarmente adatti alla coltivazione in vaso visto il loro sviluppo contenuto. Essendo Luglio ormai, per la semina è tardi quindi potrebbe cercare piantine già sviluppate in un garden ben fornito.

    Buona estate

    Kety Cialdi
    Vivaio Pollicirosa di Rare Piante

    Condividi su: