chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Robinia: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Innesto della robinia casque rouge: mi sapreste dare qualche informazione in più?

    Il 02/09/2018, Massimiliano di Riccione chiede:

    Da qualche tempo mi sono appassionato della robinia a fiori rossi in particolar modo la robinia casque Rouge però non riesco a capire perché tutte quelle che trovo sono innestate. Vorrei sapere il procedimento, se possibile, che esegue questa pianta e naturalmente se nasce da seme; ho anche aquistato i vostri libri ma pur essendoci la pianta non specificava questi particolari e anche su internet non riesco a trovare una risposta. Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    normalmente le varietà di molte piante sono innestate sulla specie, generalmente spontanea, per accentuare le caratteristiche di resistenza e rusticità, che nella varietà sarebbero molto minori.
    Si può riprodurre la varietà per talea, ma spesso i risultati sono poco soddisfacenti e lenti.

    Alberta Ballati

  • Robinia: come farla ricrescere dopo che è stata tagliata?

    Il 06/06/2018, Marco di Rimini chiede:

    Hanno tagliato una robinia che era abbastanza alta, davanti casa mia. Sono però spuntati nuovi rami dal terreno e stanno rapidamente formandi un cespuglio. Come posso aiutare a far ricrescere un nuovo albero? Devo tagliare tuti gli arbusti paralleli e lasciarne solo uno? Oppure posso legarne una parte insieme e si "fonderanno" insieme? Oppure? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Marco, 
    se vuole un albero, scelga l'astinenza più robusta, più dritta ed elimini tutti gli altri.
    Scelto il ramo, lo aiuti con un tutore perché non si curvi durante la crescita. Quando la pianta avrà raggiunto l'altezza desiderata, di solito almeno i 2/2,30 metri complessivi di altezza, dovrà "appalcarlo", ripulire cioè il tronco fino ad 1,80/2 metri e da lì lasciare la vegetazione.

    Mi contatti per qualsiasi chiarimento; le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

  • Vorrei realizzare un boschetto per ricavare legna da ardere: la Robinia Pseudoacacia è...

    Il 06/07/2016, Francesco di Palombara Sabina chiede:

    Buongiorno, vorrei realizzare un piccolo boschetto su circa 3000mq di terreno, per ricavare della legna da ardere. Avrei pensato di piantare delle Robinie Pseudoacacia (senza spine). Mi dicono che sono di rapida evoluzione e quindi potrebbero soddisfare le mie esigenze, ma sono di difficile reperimento. Quale può essere il vostro consiglio? Ringrazio anticipatamente ed invio cordiali saluti.
    dott_Bartolini_Umbra
    Risponde l'esperto
    Simone Bartolini

    Ciao Francesco,

    Il legno di Robinia è ottimo per il riscaldamento, perché se confrontato con quello di altre specie a parità di peso rende di più perché più alto è il potere calorifico.

    A parte questo aspetto non mi risulta che esistano robinie senza spine se non le robinie da fiore. Queste ultime non producono spine (robina frisia, robinia casque rouge, robinia umbraculifera, etc..) ma non sono adatte per la produzione di legno. Non puoi fare un rimboschimento con queste specie: non sono infatti piante adatte a questo scopo in quanto crescono di meno.

    Se vuoi fare un rimboschimento con robinia, devi utilizzare la robinia pseudoacacia propagata per seme e certificata secondo D.Lgs 386/2003, alla quale ti rimando per consultare quanto stabilito dalla Normativa forestale vigente.

    Come alternativa ti consiglio l’Olmo San Zanobi che riproduce Umbraflor ed è certificato dal CNR . È una pianta a rapidissimo accrescimento paragonabile ad un pioppo, ma il legno è di qualità nettamente superiore. L’ulmus San Zanobi inoltre è resistente alla grafiosi, per cui non avrai problemi con questa malattia che ha determinato la quasi scomparsa di questa specie in Italia.

    Inoltre questa varietà di olmo è adattabile a moltissimi ambienti pedoclimatici.

    Ti consiglio di farci un pensiero.

    Dott. Simone Bartolini
    Umbraflor azienda vivaistica regionale