chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Dionaea: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Talea Dionaea: posso farla con lo stelo del fiore tagliato?

    Il 13/03/2019, Andrea di Alessandria chiede:

    Ma tagliando lo stelo del fiore della dionaea... Invece di buttarlo si può tentare di riprodurre una nuova dionaea? Ho solo la classica torba acida di sfagno e perlite, va bene lo stesso o devo per forza comprare lo sfagno?
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    Buongiorno,

    è possibile interrare lo stelo fiorale anche in un mix torba-perlite, in tal caso deve però coprire il vaso con la talea con una busta di plastica trasparente in modo da mantenere l'umidità e le temperatura costanti.
    Assicuri inoltre una buona idratazione al substrato che deve essere sempre umido.

    Marco Oliosi 

    Condividi su:

  • Venere acchiappamosche: annaffiare con acqua del depuratore?

    Il 05/03/2019, Lorenzo di Solaro italia chiede:

    Salve, io vorrei acquistare una venere acchiappamosche. Volevo chiedervi: ho un depuratore per l'acqua del rubinetto che utilizzo anche per il ferro da stiro, posso usare questo tipo di acqua?
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    Buongiorno, 

    il depuratore domestico, se utilizzato per produrre acqua potabile, non è idoneo in quanto elimina solo cloro e metalli pesanti, salvaguardando i sali più comuni necessari per l'alimentazione umana.

    Per le piante carnivore, compresa la dionaea, serve invece un'acqua che non contenga sali o che ne contenga pochissimi. Vanno bene gli impianti ad osmosi inversa, che filtrano tutti i minerali presenti. La soluzione migliore, tra l'altro a costo zero, è quella di utilizzare acqua piovana, meglio se pulita, che assicura le condizioni perfette per la sua carnivora.

    Marco Oliosi

    Condividi su:

  • Dionaea: come riprodurla?

    Dionaea: come riprodurla?

    Il 01/03/2019, Andrea di Alessandria chiede:

    Buon giorno, vorrei sapere per la riproduzione se devo comprare un'altra dionaea o va bene solo una? Ho sentito dire che forse non è auto-impollinante. Per l'impollinazione vorrei farmi aiutare dalle api. Tra un po' la dionaea riceverà il sole pieno.
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    Buongiorno,
    la dionaea è autoimpollinante ma può benissimo, ad inizio stagione durante il rinvaso, separare le divisioni che si sono create per ottenere nuove piante.

    È consigliabile recidere il fiore già dalle prime fasi di crescita perché lo stesso in genere comporta un enorme dispendio energetico alla pianta, che non sarebbe poi così vigorosa.

    L'impollinazione è consigliata solo se incrociata e se vuole ottenere piante non identiche.

    Marco Oliosi 

    Condividi su:

  • Perlite per dionaea: ph elevato, va bene lo stesso?

    Perlite per dionaea: ph elevato, va bene lo stesso?

    Il 14/02/2019, Andrea di Alessandria chiede:

    Buona sera, oggi ho comprato la perlite per la torba bionda acida di sfagno per la mia dionaea ma ho scoperto che dietro al sacco c'è scritto il pH che è 6,5 - 7,5. Come in foto. Va bene lo stesso da mischiare in parti uguali per creare terriccio?
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    Buongiorno, 

    la perlite è un materiale frutto della lavorazione e cottura ad altissime temperature di rocce vetrose di origine vulcanica. Pur avendo un pH come indicato (6.5-7.5) è inerte, ossia non altera le caratteristiche chimiche della torba bionda acida di sfagno a cui viene unita per formare il substrato per piante insettivore.

    Si solito si utilizzano parti uguali di torba e perlite, mentre nel caso di torba molto o mediamente fibrosa è possibile utilizzare un rapporto fino a 60/40 in torba/perlite.

    Concludendo, usi tranquillamente la perlite acquistata.

    Saluti.

    Agr. Marco Oliosi

    Condividi su:

  • Dionaea muscipula: consigli sul terriccio?

    Dionaea muscipula: consigli sul terriccio?

    Il 11/02/2019, Andrea di Alessandria chiede:

    Buona sera, mia mamma mi ha regalato la Dionaea muscipula. Ho visto che ha la terra strana ma vorrei sapere per sicurezza, qual è il miglior terriccio per la dionaea? Ho sentito dire che forse ci vuole lo sfagno ma non so. Ho sentito dire che ci vuole la torba, ma normale o bionda? Ci vuole anche la perlite? E che tipo? La Dionaea è attualmente in casa di sera.
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    salve sig. Andrea, 

    la sua bella pianta di Dionaea muscipula predilige, come la quasi totalità di specie di piante carnivore, un substrato decisamente acido e al contempo poverissimo in contenuto di sali minerali.

    La torba bionda acida di sfagno possiede tali caratteristiche:

    • è molto acida con un PH intorno a 3,5-4
    • è estremamente povera di sali minerali (per esempio l'azoto generalmente non supera lo 0,2% sulla sostanza secca)
    • presenta un grado di decomposizione estremamente basso, con una fibrosità accentuata.

    Una buona torba bionda acida di sfagno può essere quindi sufficiente per ottenere buoni risultati in coltivazione.
    Alla torba è comunque preferibile aggiungere la perlite (o agriperlite), un materiale inerte che non altera le caratteristiche chimiche della torba ma che ne migliora quelle fisiche portando il substrato cosi creato (torba e perlite vanno miscelate in parti uguali) ad essere perfetto.

    Durante il rinvaso elimini totalmente il muschio cresciuto in superficie che non porta alcun vantaggio alla crescita della pianta durante la ripresa vegetativa.

    Non vanno bene le torbe con pH elevati (oltre 5), come le torbe brune e nere e che oltretutto presentano granulometrie più fini (sono poco fibrose).

    È importante procedere al rinvaso annualmente, appena prima della stagione vegetativa (febbraio-marzo), per evitare problemi legati al deperimento della torba.

    Se le temperature minime notturne in questo periodo sono ancora sotto lo zero termico, fa bene a ripararla al chiuso, questo perché la pianta è già in vegetazione e presumibilmente non ha fatto il riposo invernale. viceversa per piante acclimatate, è preferibile esporre al freddo le piante durante tutto l'inverno con l'unica accortezza di evitare temperature troppo fredde (sotto i -3°C).

    Ringraziandola per la domanda, le auguro buona coltivazione!

    Agr. Marco Oliosi.

    Condividi su:

  • Dionaea: consigli di coltivazione

    Il 11/02/2019, Marco di Villaperuccio chiede:

    Salve, ho acquistato dei semi di Dionaea e anche la torba acida e la perlite. Vorrei sapere come vanno piantati i semi (distanza e profondità). Grazie mille
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    Buongiorno,

    la semina di Dionaea muscipula è un'operazione abbastanza semplice.

    Deve innanzitutto miscelare la torba e la perlite in parti uguali, dopodichè deve idratare il substrato ottenuto lasciandolo a bagno con acqua da osmosi o piovana pulita per almeno 4-6 ore rimescolando ogni tanto. 
    Poi deve strizzare il substrato allo scopo di eliminare l'acqua in eccesso e infine riempire i vasi fino all'orlo e senza lasciare spazi vuoti, avendo cura di livellare bene la superficie. 

    I semi, che debbono essere freschi (cioè raccolti nella tarda primavera del 2018) vanno solo appoggiati sulla superficie del terriccio ( non deve coprirli) cercando di distanziarli di 0,5-1 cm uno dall'altro e al contempo mantenendo una distanza dal bordo del vaso di almeno 0,5 cm. Può usare vasi di varie misure, sia tondi che quadrati.

    A questo punto i vasi devono essere posti in un sottovaso con almeno 1 cm di acqua (che deve sempre essere piovana o distillata o da osmosi inversa).

    Metta il tutto in posizione riparata dal freddo e alla luce, è preferibile che le temperature minime non vadano sotto i 15°C (anche se non è indispensabile): più sono alte le temperature, prima germineranno i semi.

    Alcuni accorgimenti utili:
    nei primi giorni dalla semina può coprire il tutto con un foglio di plastica trasparente, senza appoggiarlo direttamente sui vasi e avendo cura di non mettere alla piena luce del sole, per far sì che anche l'umidità si elevi.
    Il tandem calore-umidità accelera di molto i tempi di germinazione. Una volta germinati almeno la metà dei semi, quando le foglie cotiledonali sono ben sviluppate, può togliere la plastica.

    Le giovani piantine possono stare nel letto di semina per qualche mese e si può procedere al loro trapianto, se ben sviluppate, dai primi di ottobre a tutto febbraio successivi.
    Per tutto il primo anno di vita tenga le giovani dionaee in luogo riparato da gelate e dal sole diretto sebbene sia necessaria una buona quantità di luce.

    Buona semina!

    Marco Oliosi

    Condividi su:

  • Dionaea muscipula: consigli sulla coltivazione?

    Il 04/01/2019, Akram di Emilia-Romagna chiede:

    Buonasera. Ho appena ordinato da internet dei semi di dionaea muscipula. Volevo chiedere gentilmente informazioni riguardo alla coltivazione: quand'è il periodo di semina? Quanto tempo impiega per germinare e completare il suo sviluppo? Una volta cresciuta la luce deve essere diretta? Di sera d'estate si abbassa leggermente la temperatura, devo metterla dentro casa? Grazie mille per la disponibilità.
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi

    Buongiorno e grazie per la domanda.

    Consigli sulla semina

    La semina di Dionaea muscipula si effettua preferibilmente in tarda primavera (da metà maggio a tutto giugno subito dopo la raccolta dei semi) oppure ad inizio primavera (dalla metà di febbraio a tutto marzo).
    Può utilizzare il normale substrato per carnivore (torba bionda acida di sfagno e agriperlite) oppure solo torba bionda, seminando i semi in superficie senza coprirli. Ponga i vasi di semina in luogo riparato dal freddo e luce diretta, assicuri sempre almeno 1 cm di acqua piovana o distillata o da osmosi nel sottovaso, bagni sempre nel sottovaso quindi mai direttamente sui semi che può invece nebulizzare di tanto in tanto anche dopo la nascita delle prime piantine.
    Appena si sono sviluppate le foglie "vere" (le prime sono le foglie cotiledonali, proprie della germinazione) può metterle insieme alle piante adulte, senza trapiantarle, all'esterno e in piena luce senza spostarle ulteriormente.
    Il trapianto andrà fatto alla fine dell'inverno successivo (gennaio-febbraio) ponendole singolarmente in contenitori adeguati (non troppo grandi).

    Illuminazione

    Fondamentalmente la luce deve essere diretta ad eccezione, per il bacino padano, del periodo più caldo (metà giugno-metà agosto) dove è raccomandabile una buona illuminazione senza tuttavia sole diretto. 
    Nell'Italia meridionale tale condizione deve essere estesa al periodo metà maggio-metà settembre. raccomando sempre un buon livello idrico nel sottovaso (in piena estate almeno un paio di cm di acqua). Consiglio l'utilizzo di coprivasi in ceramica che isolano le radici dal calore intenso.

    Germinazione e sviluppo

    Per quanto riguarda i tempi di germinazione e sviluppo, in linea di massima dipende molto dall'andamento stagionale ma è possibile indicare tempi medi: per la germinazione servono alcune settimane (2-6 settimane), noterà che non cresceranno tutte insieme ma si svilupperanno gradualmente. Il successivo sviluppo delle foglie vere è relativamente rapido (1-2 settimane) dopodiché bisogna armarsi di pazienza. In effetti la Dionaea, dopo aver fatto 1 o 2 trappole microscopiche tende a crescere pochissimo durante il primo anno d'età, inoltre in questo periodo è statisticamente probabile che alcune piante muoiano (avviene una sorta di selezione in cui gli individui più deboli soccombono). Per giungere a dimensioni di 10 cm di diametro servono 2-4 anni (anche qui dipende molto dalla vigoria di ogni singolo individuo). Lo sviluppo completo coincide con la prima fioritura che si verifica all'età di 3-4 anni, è meglio evitare la prima fioritura recidendo lo stelo nelle prime fasi di sviluppo, questa tecnica serve per evitare di togliere energia vitale alla pianta allo scopo di non comprometterne il corretto sviluppo.

    La pianta può vivere per diversi anni senza problemi fiorendo annualmente in primavera. Il fiore è auto-fertile quindi produrrà sempre semi fertili anche se è preferibile l'incrocio per aumentare le probabilità di sopravvivenza dei futuri individui.

    Mi permetto una piccola considerazione finale: consiglio a tutti di cimentarsi con la semina di carnivore (e non solo), è un modo utilissimo per imparare a conoscere (e amare) le piante.

    Le auguro tante piccole Dionaee!
    Marco Oliosi

    Condividi su:

  • Dionaea muscipula: trappole annerite, come mai?

    Il 13/12/2018, Elena di Cattolica (Rimini) chiede:

    Ciao, volevo sapere se in inverno la dionea muscipula riesce a sopravvivere bene anche senza cibo. Visto che gli insetti o formiche ce ne sono praticamente zero, la mia è piccolina e mi sembra stia soffrendo e le trappole si anneriscono e ne sono rimaste poche, grazie mille.
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signora Elena, 
    la sua pianta richiede un periodo annuale di riposo di 3/5 mesi durante la stagione fredda, in cui riduce il suo sviluppo. In questo periodo non è necessario nutrirla e la temperatura non deve superare i 10 gradi centigradi, e preferibilmente non dovrebbe scendere sotto i 2, anche se la pianta comunque tollera bene gelate leggere.

    Cordiali saluti

    Marco Alberti

    Condividi su:

  • Nephentes e Dionaea, come si conservano per l'inverno?

    Nephentes e Dionaea, come si conservano per l'inverno?

    Il 25/11/2018, Elisa di Macerata chiede:

    Buongiorno, avrei bisogno del vostro aiuto per salvare le nuove entrate. La Nephentes ha delle parti secche. Cosa sto sbagliando? Posso tagliare le parti secche? Al momento la pianta si trova sul davanzale al di fuori della finestra. Per quanto riguarda la seconda pianta, che si trova in casa, l'avevo acquistata in pessime condizioni, aveva fatto poco tempo fa delle nuove foglie, ma ora anche quelle si stanno seccando e il terreno è bianchiccio. Per favore aiutatemi, poco tempo fa mi è morta una Sarracenia che aveva più di 4 anni. Se avessi trovato prima il vostro sito sono sicura che ora vivrebbe! Grazie mille per l'attenzione!
    Marco_Oliosi
    Risponde l'esperto
    Marco Oliosi


    Buongiorno Elisa e grazie per la domanda.

    Le foto riguardano una Nepenthes x Ventrata (ibrido di N. ventricosa x N. alata), e una Dionaea Muscipula.
    Il disseccamento su entrambe è dovuto all'avanzare della stagione fredda; la patina bianca sulla superficie del terreno potrebbe essere una colonia di funghi, non necessariamente dannosi, ma la cui presenza è un indice di troppa umidità o di scarsa areazione. Vista la stagione, non terrei sempre acqua nel sottovaso, aggiungendola solo di tanto in tanto avendo cura di controllare che il terriccio sia sempre sufficientemente umido.

    Dionea

    Per la Dionaea è tutto normale, visto che è una carnivora originaria del sud-est degli USA dove le temperature invernali si avvicinano allo 0°C termico, con brevi puntate fino a qualche grado sotto lo 0°C. In effetti la Dionaea Muscipula è considerata, come le Sarracenie, una pianta erbacea perenne che necessita quindi del riposo vegetativo invernale. Più che il freddo, la pianta ha bisogno di un rinvaso in terriccio per carnivore (50% di torba bionda acida di sfagno + 50% di agriperlite) perchè il terriccio visibile in foto, fatto di sola torba fine, è ormai destrutturato e non è perciò più idoneo. L'epoca di rinvaso coincide con i mesi da novembre a marzo, quindi ci siamo.

     

    Nepenthes

    Per quanto riguarda la Nepenthes, il disseccamento delle trappole più vecchie è normale, visto che anch'esse sostituiscono periodicamente le foglie (la trappola - tecnicamente detta "ascidio" - fa parte della foglia). Può recidere l'ascidio solo quando completamente secco fino all'altezza del "cordone" che lo unisce alla foglia, preservando quest'ultima. Non conosco le temperature medie invernali di Macerata, ma credo che non faccia molto più caldo che al Nord Italia, consiglio quindi di portarla all'interno vicino ad una finestra. Le temperature minime di conforto per quel tipo di Nepenthes sono di 11-14°C, anche se per brevissimi periodi possono scendere poco sotto i 10°C. Ad ogni modo preferiscono sicuramente temperature più alte intorno ai 18-24°C. Inoltre, in inverno, vedrà che le piccole trappole in via di formazione sulle foglie nuove, tenderanno a seccare: anche qui è tutto normale. Il fenomeno è dovuto alla scarsità di luce (alle nostre latitudini la luce invernale è molto più scarsa, specialmente in casa, rispetto ai tropici, luoghi d'origine delle Nepenthes). Anche qui consiglio un rinvaso nel solito mix per carnivore.

    Sperando di essere stato esaustivo in merito ai suoi dubbi, la saluto e le auguro Buona Coltivazione!
    Marco Oliosi

    Condividi su:

  • Dionaea muscipula: qualche consiglio per la sua cura e coltivazione?

    Dionaea muscipula: qualche consiglio per la sua cura e coltivazione?

    Il 26/09/2018, Agostino di Prato chiede:

    Buonasera! Innanzitutto grazie per la disponibilità! Ieri (25 settembre 2018) ho comprato una piccola Dionaea Muscipula è subito ho cercato delle informazioni per la sua cura e mantenimento! Ho trovato però delle opinioni discordanti sulle cure invernali! Va bene tenerle fuori? Con acqua o senza? Per ora le ho messe nel terrazzo coperte dal vento ma esposte a sud in modo che abbiano luce dal sole mattutino e pomeridiano! Va bene? Posso lasciarla lì per tutto l’inverno? Magari coperta da uno strato di tessuto-non-tessuto? Grazie mille per l’aiuto!
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signor Agostino,

    la sua pianta carnivora vuole una temperatura mite in inverno quindi la esponga alla luce ma in luogo riparato dal freddo, con poca acqua per garantirle il riposo di cui ha bisogno in inverno. La esca poi di nuovo in primavera quando a temperatura supera sicuramente i 10 gradi.

    Cordiali saluti

    Marco Alberti

    Condividi su:

  • Dionaea Muscipula: qualche consiglio per la semina e la germinazione?

    Il 22/08/2018, Pietro di Rosolini chiede:

    Salve sono un vivaista amatoriale e vorrei fare l'esperienza delle piante carnivore. Ho acquistato dei semi di Dionaea muscipula su ebay. Nel video Michè dice che il periodo è agosto e che devono stare fuori che il gelo è un aiuto in più. Ma dal momento della semina alla germinazione è necessario coprirli? Io ho una camera di semina dentro un tunnel: la germinazione li dentro potrebbe essere più facile? Grazie mille
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signor Pietro,

    usare la camera di semina mi pare una buona idea, in inverno questa pianta deve andare in riposo, pertanto la metta o in serra fredda o in un luogo a temperatura compresa tra 4 e 10 gradi e vedrà che dopo la germinazione la pianta crescerà regolarmente.

    Cordiali saluti

    Marco Alberti

    Condividi su: