chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Glicine: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Glicine non fa fiori, solo foglie: cosa fare?

    Il 11/02/2019, Gabriella di Roma chiede:

    Buongiorno. Il mio glicine è stato messo a dimora 4 anni fa. Non ho messo una buona struttura rampicante quindi cresce male e basso, ritorcendosi su se stesso. Non fa fiori ma solo foglie. Posso tagliare i grossi rami (tronchi) alla base lasciando solo quello centrale oppure comprometto la salute della pianta? Sta iniziando a gemmare. Grazie dell'attenzione
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Buongiorno Gabriella.

    I glicini in terra rispondono bene a qualsiasi taglio.
    Io le credo piante indistruttibili.

    Tagli pure.

    Un saluto

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Glicine: come fare una talea?

    Il 10/02/2019, Giovanni di Cagliari chiede:

    Salve ho dei semi di glicine, volevo avere alcuni accorgimenti e un chiarimento: è vero che non va in fioritura il glicine seminato? In caso fosse vero, se volessi fare una talea, quali sono i passaggi? Grazie infinite in anticipo.
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    Salve Giovanni.

    Non sono un esperto di glicini, ma se dai semi di glicine non venissero piante che fanno a loro volta semi la specie si sarebbe estinta, quindi non mi sembra un ragionamento scientifico.

    Altra cosa, il fatto che una pianta da seme sia più lenta a raggiungere la maturità necessaria della fioritura.

    Una talea è per la natura un figlio già maggiorenne. Però io non ho mai fatto talee di glicini. Presumo si facciano a tarda primavera in condizioni di umidità costante come per la stragrande maggioranza delle talee da piante arboree.

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Glicine: dopo la fioritura le foglie con macchie e accartocciate, cosa posso fare?

    Glicine: dopo la fioritura le foglie con macchie e accartocciate, cosa posso fare?

    Il 12/09/2018, Loretta di Roma chiede:

    Il mio glicine sta male e stenta molto a svilupparsi. All'inizio, questa primavera, è fiorito e le foglie erano perfette. Dopo la fioritura le foglie hanno cominciato a macchiarsi e ad accartocciarsi. Ora molte si stanno seccando come si può vedere dalle foto. Cosa posso fare? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Loretta,
    vedere il glicine nel suo insieme mi aiuterebbe per capire se il problema è nel terreno, in vaso o piena terra che sia;
    potrebbe avere troppa acqua ad esempio o potrebbe aver, al contrario sofferto dì siccità.
    Se mi da più dettagli cerco di essere più esauriente.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Quali varietà di glicine sono più adatte alla vicinanza del mare?

    Quali varietà di glicine sono più adatte alla vicinanza del mare?

    Il 11/09/2018, Giovanni di Fano (PU) Italy chiede:

    Pregiatissimi, nel mio giardino, lato nord-est dello stesso rispetto all'abitazione, si trova un vecchio e malato ippocastano che vorrei utilizzare come "tutore" a sostegno di una o più piante di glicine (anche di colori diversi) se possibile rifiorenti. Secondo voi è fattibile, e se sì che cultivar mi consigliereste? E' da tener presente che la mia abitazione si trova a circa 300 mt. dal mare ed, in inverno soprattutto, è sferzata dalla bora. Quanto alla zona climatica, trovandosi Fano a Nord del Conero, gli inverni sono rigidi e umidi con possibilità di gelate, le estati calde e umide. Sperando di poter coronare questo sogno. Saluto cordialmente e ringrazio. Giovanni Palazzi
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Giovanni
    credo sia realizzabilissimo come progetto e di varietà che può scegliere c'è ne sono tante, in primis il classico prolific.

    Il clima non è un ostacolo unica cosa importante è assicurarsi che alla base delle piante non ci sia umidità in eccesso.
    Provveda casomai apportando un "letto" di materiale che premetta un buon drenaggio dell'acqua.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Glicine con foglie gialle: cos'ha e cosa fare?

    Glicine con foglie gialle: cos'ha e cosa fare?

    Il 27/08/2018, Marta di Cuneo/Italia chiede:

    Buonasera, potete aiutarmi a capire che cos’ha il mio glicine? Le foglie, dopo esser spuntate e cresciute, diventano così fino a cadere... cosa devo fare? Grazie.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Marta,
    la pianta è in terra o in vaso? Potrebbe essere un problema di umidità e quelle macchioline essere spia di un attacco fungino dovuto alle escursioni termiche
    Se potesse mandare foto con un'inquadratura più ampia potrei meglio valutare.
    Cordiali saluti

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Strane radici nel vaso del glicine: cosa sono e cosa fare?

    Strane radici nel vaso del glicine: cosa sono e cosa fare?

    Il 02/08/2018, Maria di Monza chiede:

    Ho messo a nudo le radici del mio glicine per sistemare lo stolone che si vede, ma non so cosa sono le altre escrescenze vicine. Cosa devo fare?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Maria,
    sono la reazione delle radici ad attacchi spesso batterici a volte virali o di parassiti presenti nel terriccio. Sono solo brutte da vedersi, li rimuova semplicemete.

    Talvolta si usano rimedi naturali per "disinfettare il terreno" (vedo un micio lì).
    Ma io semplicemente eliminerei il terriccio, ripulendo la vasca e lavando come possibile le radici.
    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Glicine con macchie marroni sulle foglie e ha smesso di crescere: cosa posso fare?

    Glicine con macchie marroni sulle foglie e ha smesso di crescere: cosa posso fare?

    Il 17/07/2018, Angela di Serre chiede:

    Salve, vorrei un consiglio per la cura del mio glicine, dall'inizio della primavera si sono formate delle macchie marroni sulle foglie che sono di un colore sbiadito tendente al giallo, inoltre le gemme che si erano formate si sono seccate e quindi non sono sbocciate e la crescita si è arrestata. Ho concimato con del biostallatico e ho aggiunto anche dell' humus al terreno ma la situazione è rimasta invariata. È piantato in vaso sul terrazzo. Cosa posso fare per salvarlo? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Angela,
    le foglie mi sembrano malate, ha controllato sulla pagina inferiore se ci sono parassiti?
    Se ci sono, sono visibili anche se minuscoli, ma potrebbero anche esserci stati ed aver lasciato le foglie in cattive condizioni.

    Se ci sono tratti con antiparassitario specifico che trova alle agrarie.
    Se ci sono stati tratti con rame, anzi con rame tratti comunque.
    Inoltre verifichi le condizioni del terriccio: che non sia troppo umido e sia ben drenato.

    Cordiali saluti 
    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Glicine con foglie macchiate e che cadono: perché e cosa posso fare?

    Glicine con foglie macchiate e che cadono: perché e cosa posso fare?

    Il 08/07/2018, Stefano di Riano chiede:

    Help me! Ho provato di tutto, verde rame e zolfo sulle foglie, concime, ho usato un fungicida, ho ridotto l’apporto di acqua ho tolto la terra che poteva essere terra di riporto, ho chiesto al mondo intero perche’ il mio glicine sistematicamente dopo aver fatto delle belle foglie verdi comincia con il macchiarsi... mi hanno detto addirittura che essendo un glicine che fiorisce due volte ha questa particolarita’ nel perdere le Foglie...aiutatemi non so piu’ che fare perde continuamente le foglie grazie mille.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Stefano,
    il glicine è in terra o in vaso?
    un'errata irrigazione potrebbe infatti portare un indebolimento della pianta rendendola più facilmente attaccabile da funghi e muffe.

    Verifichi le condizioni delle radici, dopodiché tratti con fungicida e utilizzi il trattamento rameico a protocollo, inizio primavera quindi e ripeta con regolarità.
    le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Si può innestare un glicine su altri tipi di piante?

    Il 06/06/2018, Giuseppe di Catania chiede:

    Salve volevo sapere se si può innestare un glicine con altri tipi di piante (gelsomino) oppure cosa. grazie buona giornata
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    normalmente gli innesti si effettuano fra piante dello stesso genere o della stessa specie, o fra generi e specie simili per 
    caratteristiche morfologiche e genetiche, e quelli da lei elencati non sono molto simili.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Un glicine potrebbe vivere a vita in un vaso o va necessariamente interrato?

    Il 01/06/2018, Catia di Mongrassano chiede:

    Buongiorno vorrei sapere se un glicine potrebbe vivere a vita in un vaso o va necessariamente interrato. Inoltre quale è il periodo migliore per acquistarne uno? O si può ottenere per talea? Grazie mille e complimenti.
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    le piante in vaso possono essere trapiantate in qualsiasi momento dell'anno, soprattutto se dimostrano segni di sofferenza dovuti a spazi diventati troppo piccoli e radici che "scoppiano"; l'importante è supportare la pianta con le adeguate irrigazioni, specialmente se si va verso periodi più caldi, e fare attenzione a non esagerare con i concimi. Adesso il periodo è ancora favorevole, ci sono alcune settimane prima dello stop vegetativo, e le piante hanno margini di crescita.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Glicine in vaso con gemme che non crescono: cosa fare?

    Il 31/05/2018, Annalisa di Novara chiede:

    Buongiorno. Ho un glicine in vaso. Ha 7 anni e non è mai fiorito. Non mi preoccupo della mancanza di una fornitura, ma di un problema più serio. Ho fatto un travaso ad aprile ed ho notato radici pochissime e sottilissime. Non avevo mai fatto un travaso ed immaginavo tante radici invece erano piccole e di colore marrone scuro. Ho messo un terriccio argillosi e statistico. Si sono formate gemme di cui allego foto. Pensavo di aver fatto un buon lavoro, ma da un mese le gemme non crescono. In queste settimane sta piovendo tanto a Novara e la temperatura è calata vertiginosamente. Può essere che il freddo ha gelato le gemme? Ho tagliato alcuni rami ed ho notato il secco ed in altri rami esternamente secchi, invece internamente ho trovato il colore verde. Non capisco cosa succede. Sta morendo? Pensavo al mal secco e ho trattato la pianta con poltiglia. Cosa mi consigliate. Grazie
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Le gemme in foto sono quelle latenti che si trovano sotto la scorza e se stimolate vegetano ma a quest'ora dovrebbero essere ben sviluppate con foglie già formate.

    Le radici del glicine sono bianche o marroncino chiaro, ben turgide. se sono scure e sottili  è una sofferenza da malattia o terriccio non adatto. Il miglior terriccio è quello venduto nei garden per piante da fiore, mescolato al 30/50 con terriccio per acidofile.

    Se i rami sono secchi o marroni non è un buon sintomo. Comunque i trattamenti con prodotti rameici sono inutili.

    Un considerazione: Se questa pianta, dopo 8 anni non ha ancora fatto fiori ed è cosi sofferente, non può prendere in considerazione di sostituirla con una nuova pianta di varietà certa, adatta per coltivare in vaso come le varietà del gruppo sinensis o brachybotrys?

    Saluti

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Glicine in vaso con foglie secche: cosa fare?

    Il 30/05/2018, Eleonora di Putignano chiede:

    Buongiorno, ho un glicine in vaso da due anni e puntualmente in questo periodo le foglie da verdissima diventano scolorite (no però le nervature) e secche in punta e sui bordi. Soprattutto le foglie più vecchiotte. Potrebbe essere il pericolo radicale che ha bisogno di più spazio? Devo togliere una parte e aggiungere nuovo terriccio? Posso innaffiare con l'acqua di scarico dell'asciugatrice? Grazie e chiedo scusa per le troppe domande. In attesa di un suo riscontro le auguro una buona giornata.
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Sembrerebbe uno stress da siccità. Se la pianta è nello stesso vaso da tempo, le radici hanno riempito tutto lo spazio e il terriccio è poco per cui anche annaffiando, rapidamente si asciuga.

    Consiglio il rinvaso in un vaso più grande se è possibile. Questa operazione la può fare anche adesso. Se invece si vuol mantenere il vaso delle stesse dimensioni, durante l'inverno, cadute le foglie, occorre svasare, tagliare radici e terriccio per circa 10 cm tutto intorno e mettere terriccio nuovo. In quel caso è bene fare anche una potatura un po' più drastica.

    Per l'acqua di scarico dell'asciugatrice non so rispondere, potrebbe contenere residui di detersivi ecc. meglio non rischiare. La migliore acqua per irrigare è quella piovana.

    Buone fioriture

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Il mio glicine non fiorisce: cosa posso fare?

    Il 25/04/2018, Raffaella di Firenze chiede:

    Buongiorno, ho due glicini in giardino e sono piuttosto vecchi ma purtroppo sono sterili quindi non fanno fiori e in questo periodo dove i glicini fioriscono io li guardo con invidia. Ma non si possono innestare e vederli finalmente fioriti? Grazie per la risposta Raffaella
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Non sono sterili, sono riprodotti di seme quindi fioriranno, magari fra qualche decennio.

    Non si possono innestare glicini grandi. E' meglio sradicare le piante e ripiantarci un glicine di varietà certa. La crescita dei giovani glicini è cosi rapida che in un paio di anni tutto sarà risolto.

    Saluti

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Glicine con macchie gialle sulle foglie: qual è il problema e come risolverlo

    Glicine con macchie gialle sulle foglie: qual è il problema e come risolverlo

    Il 24/09/2017, Giuliana di Torino chiede:

    Buongiorno. Ho comprato e travasato il glicine in foto a fine primavera. Era piccolino e nel giro di pochi mesi è cresciuto fin su la cima del supporto che vede in foto. A fine agosto ho notato una massiccia diminuzione della crescita ed un progressivo ingiallimento delle foglie. Da circa una settimana ho notato questi puntini. La pianta è stata potata per eliminare le foglie secche e per "aggiustare" la crescita. La pianta è posizionata su un terrazzo molto luminoso e ben areato pur non prendendo sole diretto se non nelle ultime ore della giornata in estate. Ho bagnato spesso la pianta durante i mesi caldi, integrando con il fertilizzante Asso di fiori. Premetto che non ho il pollice verde, ma ce la metto tutta e sto imparando molto. Ho due terrazzi pieni di piante rigogliose, mi aiuta a risolvere il problema? Ho letto in giro che potrebbe essere carenza di ferro... Attendo sue istruzioni e nel frattempo le auguro buona domenica. Giuliana
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Buongiorno,
    non è una malattia e neanche mancanza di ferro. Sembra uno stress da siccità oppure è stato dato alla pianta troppo concime durante la stagione calda, questo ha fatto alzare troppo la salinità nel terriccio.

    Le consiglio di rinvasare di nuovo la pianta durante questo inverno, usando un terriccio metà per piante da fiore e metà per acidofile (Camelie, Azalee), senza mettere ulteriore concime. In seguito potare leggermente.
    In primavera dovrebbe riprendersi.

    Saluti

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Glicine con puntini marroni: che malattia è?

    Glicine con puntini marroni: che malattia è?

    Il 28/06/2017, Stefano di Roma chiede:

    Buongiorno, volevo porre una domanda riguardo il glicine che ho piantato da oramai due anni e ho notato che dopo aver fatto le foglie verdi incomincia a fare dei puntini marroni, con conseguente ingiallimento della foglia che poi, puntualmente, cade. Volevo avere notizie su che cosa potrebbe essere e da che cosa potrebbe derivare questo ingiallimento . Ho già somministrato un acaricida pensando a un ragnetto rosso e anche del chelato di ferro pensando fosse clorosi ma la situazione non migliora. Cosa fare? Grazie
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Salve Stefano,

    quella del suo glicine è una malattia fungina che si chiama Phyllosticta Wisteriae.  Alcune varietà sono attaccate di più, altre meno.

    La cura consiste in alcune irrorazioni con sali di rame quando le foglie sono giovani.

    Adesso è tardi.

    Occorre, durante l'inverno, spazzare accuratamente le foglie del glicine cadute invece di farle marcire sotto la pianta perché è da li che si inocula la nuova generazione di fungo.

    Buon lavoro

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Glicine: che cos'hanno le foglie?

    Glicine: che cos'hanno le foglie?

    Il 18/06/2017, Loredana Salerno di Bellinzago lombardo chiede:

    Buongiorno, il mio glicine si presenta come evidenziato dalle foto e sono molto preoccupata. Come posso curarlo? Grazie mille. Loredana
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Buongiorno Loredana,

    le foglie del suo Glicine sono mangiate da vermi.
    Questi rosicchiano il lembo sottostante delle foglie e in quel punto la foglia diventa necrotica. In alcuni punti fa dei fori.

    Il nome del parassita non possiamo saperlo sin che non lo vediamo ma non ha importanza.

    Deve controllare accuratamente sotto le foglie se si vedono i vermicelli, solitamente sono piccoli e verdi, non è facile individuarli.  E' anche probabile che con questo caldo si siano imbozzolati per cui adesso è tutto fermo ma il problema si ripresenterà quando migliorerà il clima.

    Quando si notano i vermicelli ancora attivi sulle foglie del Glicine occorre fare un trattamento con insetticida. In vivaio usiamo un prodotto molto efficace che si chiama 'Warrant' ma non so se questo prodotto può essere venduto ai privati sprovvisti di patentino. Comunque può recarsi in un centro di giardinaggio o di agraria e vedere quello che c'è disponibile. Per intendersi, è lo stesso insetticida che si usa per la Cavolaia o la Dorifora.

    Occorre controllare dopo una decina di giorni, se il problema persiste occorre un altro trattamento. Sono i vermi che al momento del trattamento erano uova e sono nati dopo.

    Auguri di buona riuscita.

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Il mio glicine ha smesso di crescere, perchè?

    Il 29/05/2017, Grazia di Genova - Italia chiede:

    Buon giorno vorrei alcuni consigli. La scorsa primavera ho acquistato una piantina di glicine, trapiantata ha iniziato ad arrampicarsi vigorosamente adesso si è bloccata non ha emesso fiori e le foglie sono verde pallido. Ha perso tutto il suo vigore, la annaffio 1 volta a settimana con un concime liquido per piante da fiore. Cosa posso fare x rinvigorirla? Vorrei anche sapere dopo quanti anni fiorirà perchè dopo l'acquisto ho scoperto che dipende se la pianta è da talea o da seme. Interpellando il vivaio olandese mi hanno assicurato che è da talea, è vero? Grazie per la cortese risposta e per la possibilità di scoprire nozioni interessanti sulla coltivazione delle nostre piante. Saluti e buona giornata Grazia
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Buongiorno, evidentemente la giovane pianta sta subendo uno stress radicale.
    Continui ad innaffiarla con moderazione e cessi le concimazioni, continue concimazioni infatti, possono creare un eccesso di salinità che  ustiona le radici.

    Alla seconda domanda, se la piantina fiorirà, come e quando non possiamo saperlo, è scritto nel suo DNA.

    Anche le piante riprodotte per talea fioriscono ma nell'acquistare un glicine è sempre consigliabile optare per piante di innesto provviste di un etichetta che indichi esattamente il nome della varietà.
    Conoscendo  il nome botanico, possiamo cercare nel Web le sue caratteristiche, alcune varietà iniziano a fiorire dopo 3/5 anni dall'innesto. Questo dato possiamo conoscerlo solo se conosciamo  il nome della varietà che abbiamo acquistato.

    Vivaio Vignoli 

    Condividi su:

  • Il mio Glicine non fiorisce, posso tentare un innesto sul vecchio tronco?

    Il 22/05/2017, Giuseppe di PREGANZIOL (TV) chiede:

    Due stagioni fa ho acquistato e messo a dimora da vaso un glicine gia formato (vedi foto) che mi aveva colpito per la forma. Non ha mai fiorito ed in seguito ho saputo che quasi certamente mai fiorirà. Per non sostituirlo, posso tentare un innesto sul vecchio tronco (e dove?) di un glicine fiorente? Come fare? Grazie fin da ora per la risposta ed un complimento per il servizio. Giuseppe S.
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    GlicineInnestare un glicine già adulto non è facile ma la pianta della foto non è poi cosi vecchia.

    Stabilito con sentenza inappellabile che non fiorirà mai, occorre capitozzare i rami secondari ed inserire 2-3 marze per ramo.
    Legare bene con rafia o tubetto agricolo da innesti, coprire tutti i tagli con paraffina e sperare per la buona riuscita.

    L'operazione va fatta nel mese di febbraio/primi marzo o comunque prima della ripresa vegetativa.
    Se la pianta è molto vigorosa occorre con una vanga tagliare un po' di radici per diminuirne la forza.
    Una pianta troppo in vegetazione rischia di 'affogare ' le marze per la troppa linfa.

    Nell'allevamento degli anni successivi si può comunque conservare un ramo del selvatico tenuto a bada con le potature.
    Magari dopo alcuni anni magari fiorirà con una bella nuova varietà.

     

    Buon lavoro

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Il glicine può soffocare con le sue radici le piante e gli arbusti vicini?

    Il 05/05/2017, Alberto di Massa chiede:

    Il glicine può soffocare con le sue radici le piante e gli arbusti vicini?
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Il glicine ha un accrescimento molto veloce, e, sia con l'apparato radicale che con quello aereo, è in grado di farsi spazio a discapito di piante e arbusti che si trovano in prossimità. Il consiglio è quello di piantarlo dove possa avere un abbondante spazio per crescere libero; si può guidare anche su alberi già grandi, e su ringhiere robuste.

    Alberta Ballati
     

    Condividi su:

  • Le radici del glicine possono danneggiare la strada?

    Il 11/04/2017, Marco di Firenze chiede:

    Buongiorno, vorrei piantare un glicine lungo una palizzata in legno bordo di una strada sterrata. Mi chiedo se le radici possono danneggiare la strada. Inoltre dalla parte opposta ho una casa con un vialetto fatto di lastre di cemento forate appoggiate a terra profonde circa 20 cm del peso di 25 kg l'una e i tubi di scarico della fossa biologica. Qual'è la distanza minima perchè le radici non danneggino il vialetto il muro ed i tubi della fossa? Grazie tante.
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Buongiorno

    Le strade sterrate, le cosiddette 'Strade bianche' non vengono danneggiate dalle radici.

    Ugualmente se il muretto è fatto di cemento con un po' di fondazione in cemento non c'è pericolo. I tubi della fossa biologica sono sicuramente in materia plastica quindi vengono 'ignorati' dalle radici del glicine, ovviamente  si dovrebbe piantarlo ad almeno un paio di metri di distanza dalle stesse perché le radici ingrossandosi, dopo molti anni, potrebbero piegarli ma questo vale per tutte le piante di grandi dimensioni. Direi che è una situazione senza grandi problemi.

    Saluti

    Vignoli Francesco

    Condividi su:

  • Le fosse biologiche interrate sarebbero a rischio danneggiamento dalle radici?

    Le fosse biologiche interrate sarebbero a rischio danneggiamento dalle radici?

    Il 20/03/2017, Luisa Berselli di Chiesanuova (Firenze) chiede:

    Buongiorno, questo è il mio cortile, esposto a est sud ovest, quindi soleggiato (arriva un pò di ombra del cipresso verso le 16) e vorrei mettere un po di ordine. In particolare mi piacerebbe un glicine. Il contenitore più grande è diametro 80 e altezza 60, avrei visto una varietà con fioritura molto ricca e rifiorente Winseria sinensis prolific e mi piacerebbe allevarla attorno a un tutore ad albero con chioma "a ombrello" La priorità è comunque sapere se è posibile coltivare un glicine nel contenitore e se la varietà eventualmente scelta da me potrebbe starci. Altra possibilità sarebbe togliere un paio di pietre dall' aia anche se non so che tipo di terra ci sia sotto. In questo caso le fosse biologiche interrate sarebbero a circa 5 metri sarebbero a rischio di essere danneggiate dalle radici? grazie! Luisa
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Buongiorno

    La sistemazione descritta per un glicine  è buona e la varietà scelta (Wisteria sinensis 'Prolific)  è ottima perché è una delle più facili per coltivare in vaso.

    Un vaso di quelle dimensioni (300 litri)  è un po' troppo grande se si inizia col piantare una pianta giovane, va bene invece se si acquista una pianta più grande già formata.

    Il glicine piantato in piena terra da ovviamente meno problemi di manutenzione ma dalle foto inviate sembra che si tratti di un pavimento di pietre poggiate sul cemento.
    Non ci sono problemi per la pavimentazione ne per le fosse biologiche distanti 5 metri. 
    C'è solo l'incognita di sapere cosa c'è sotto quel pavimento.
    Se ci fossero stati riportati calcinacci questo pregiudicherebbe in seguito la  crescita della pianta.

    In commercio si trovano piante di glicine  già formate ad alberello.
    Se si opta per la coltivazione in vaso si deve scegliere una alberello con un tronco di 140 cm, mentre se si sceglie di piantare in terra si deve scegliere un alberello di almeno 180 cm di tronco. 

    Saluti

    Francesco Vignoli

    Condividi su:

  • Glicine a ridosso della strada: può causare danni alle tubature?

    Glicine a ridosso della strada: può causare danni alle tubature?

    Il 10/10/2016, Giuseppe di Lequile (LE) chiede:

    Il mio glicine di 10 anni è piantato a ridosso della strada comunale. Le radici possono causare danni alle tubature comunali di Gas, Acqua e Fognatura? Grazie.
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Gentile Giuseppe, 

    osservando il contesto urbano relativo alle foto inviate, non c'è nessun pericolo per tubi comunali di gas e acqua e neanche per le fognature moderne.

    Cordialmente

    Francesco Vignoli
    Vivai Vignoli

    Condividi su:

  • Come si esegue l'innesto del glicine e qual è il periodo giusto per farla?

    Il 16/09/2016, saturnino di parma chiede:

    Quando posso innestare i glicini su glicine da seme?
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Gentile Saturnino,

    L'innesto del glicine si fa in Febbraio. 

    Visitando la pagina del sito www.wisteria.it relativa alla nascita del Glicine, troverà una galleria fotografica progressiva, che spiega nei minimi dettagli come si esegue l'innesto del Glicine.
    Buon lavoro.
     
    Francesco Vignoli
    Vivai Vignoli

    Condividi su:

  • Il mio glicine è sofferente e le foglie non spuntano più: qual è la ragione?

    Il mio glicine è sofferente e le foglie non spuntano più: qual è la ragione?

    Il 26/07/2016, Eleonora Paolicchio di Putignano chiede:

    Buongiorno, ho acquistato da una ventina di giorni un glicine, di cui le ho allegato la foto dell'etichetta. Era in un vaso molto piccolo, ma appariva in buone condizioni. Alto circa 2 metri. Premetto che sono costretta a tenerlo in vaso, così l'ho subito trapiantato in un vaso di 40-50 cm di diametro e l'ho legato ad un palo di ferro di un pergolato, dove spero si arrampichino. Presenta un baccello e molte foglie. Il problema è che ultimamente vedo le foglie sofferenti (allego foto), non ne è spuntata nessun'altra e tendono a seccare. Forse sarà che ho un po' tagliato le radici in eccesso dal panetto? Ho tagliato sbagliando dei rami troppo lunghi? Ho anche messo del concime liquido povero di azoto una sola volta e innaffio solo quando la terra si presenta asciutta. La prego gentilmente di darmi delle dritte se possibile. Amo il mio glicine e voglio si sviluppi al meglio. In attesa di una sua risposta le porgo cordiali saluti. Grazie
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Gentile Eleonora,

    Come si coltiva il Glicinesembrerebbe un leggero stress da siccità. 

    Alcune foglie seccate per metà indicano questa ipotesi.

    Quando si rinvasa da un vaso piccolo a uno più grande non è necessario tagliare le radici del glicine. Se si tagliano le radici si devono potare anche i rami per riequilibrare. Consiglio di controllare se il terriccio del vecchio vasetto è asciutto, anche se il terriccio nuovo è bagnato. 

    Le suggerisco di fare un'altra leggera concimazione anche con azoto. 

    Non sembra grave e sicuramente in primavera la pianta inizierà a crescere bene.

    Cordialmente

    Francesco Vignoli
    Vivaio Vignoli

    Condividi su:

  • Glicine non fiorisce: come mai?

    Il 07/06/2016, Anita di Legnano chiede:

    Buongiorno, io ho un glicine piantato circa 12 anni fa in zona con sole dalle 11 alle 17 (in estate) praticamente ad ovest. È a ridosso di una colonna per porticato ad archi e protetto dalla grondaia di circa 120 cm (l'acqua comunque non gli manca prendendola di stra-vento o dalle radici che affondano nel prato adiacente). Il problema che ho è che tutti gli anni la fioritura si limita a pochissimi fiori poco grandi e in compenso continua e fare un sacco di nuovi rametti disordinati che si "agganciano" ovunque!!! Sono delusa dal mio glicine e vi chiedo aiuto! Grazie
    francesco_vignoli
    Risponde l'esperto
    Francesco Vignoli

    Gentile Anita,

    Ho il sospetto che abbia piantato un glicine di seme. Il glicine riprodotto per seme ha proprio quelle caratteristiche che lei descrive, scarsa fioritura con fiori poco appariscenti e molta vegetazione. Una pianta selvatica insomma. Se è così non c'è molto da fare, perché queste caratteristiche sono scritte nel DNA della pianta. 

    Consiglierei di fare una "potatura  verde" a fine giugno o primi di luglio, che consiste nel tagliare tutti i rami dell'anno a 60 cm/1 metro. In questo modo, oltre ad avere un aspetto più ordinato, i glicini smetteranno di "agganciarsi" e si darà luce alla base dei rami stimolando la formazione delle gemme da fiore.

    Un'altra cosa importante è non usare nelle vicinanze concimi contenenti azoto, sostanza che stimola la crescita a scapito della fioritura. Le consiglio di somministrare, invece, concimi a base di Fosforo che al contrario stimola la fioritura. 

    Saluti

    Vignoli Francesco 
    Vivai Vignoli

    Condividi su: