chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 
Trustpilot

Cocciniglia: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

  • Come combattere la cocciniglia, gli acari e gli afidi nelle mie orchidee?

    Carlo di Mondovì / Italia chiede:

    Per combattere la cocciniglia, gli acari, gli afidi etc. si può usare il prodotto “casalingo” costituito da Last al limone + olio di soia. Domanda: qualcuno dice su 100 ml mettere 5cc di Last e 10 cc di olio di soia. Qualcun altro le stesse quantità su 1000 ml cioè 1 litro. Ma qual è la formula giusta? E il trattamento va ripetuto dopo 48 ore o dopo 7 giorni? Alla fine del trattamento, occorre lavare le foglie? (Perché gli stomi potrebbero patire?). Grazie per la risposta. Gioele sei un grande!! Carlo
    Gioele_Porrini
    Risponde l'esperto
    Gioele Porrini

    Buongiorno Carlo,
    non c'è una formula corretta.
    Si tratta di un rimedio casalingo e, come tale, è soggetto a variazioni in base alle ricette di ognuno.
    Il concetto che sta alla base di questo sistema è la miscela tra un sapone (tensioattivo), in questo caso il last al limone, e un olio (olio di soia) che aiuta a emulsionare bene la miscela.
    Quello che accade quando trattiamo la pianta affetta da afidi e cocciniglie con questa miscela è assimilabile ad un soffocamento.
    Gli insetti in pratica vengono asfissiati dall'olio che chiude gli opercoli respiratori e le membrane in chitina vengono lesionate dall'effetto del tensioattivo.

    La pianta in realtà non subisce forti stress. Si può innaffiare tranquillamente il giorno dopo il trattamento che è da ripetere dopo 7 giorni comunque.

    Per qualsiasi dubbio o consultazione, o per reperire tutti i materiali per la coltivazione può consultare il nostro sito web www.varesina orchidee.it oppure iscriversi alla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornata su tutte le novità aziendali.
    Non in ultimo può iscriversi alla newsletter per rimanere aggiornata su eventuali offerte e disponibilità di nuove piante.
    Per ogni eventualità, a disposizione. 

    Gioele Porrini
    founder of Varesina Orchidee

  • Pittosporo: come eliminare la cocciniglia?

    Aldo di Palermo chiede:

    Salve, come potrei eliminare la cocciniglia da un alberello di pittosporo ormai grandicello? Ho paura che muoia. Grazie e buona serata
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,

    esistono metodi 'meccanici' che possono funzionare in caso di infestazioni lievi, cioè eliminazione manuale con batuffoli di cotone imbevuti di alcol denaturato.
    In caso di infestazioni più massicce occorrerà intervenire con oli minerali reperibili in agrarie ben fornite.

    Alberta Ballati

  • Ficus benjamin con cocciniglia: come debellarla?

    Ficus benjamin con cocciniglia: come debellarla?

    Marco di Palermo chiede:

    Buongiorno, seguo assiduamente il vostro sito da cui cerco sempre di apprendere nuove informazioni e conoscenze circa il giardinaggio, che da un po' mi sta appassionando. Per il mio appartamento ho ricevuto un ficus benjamin. La pianta era bellissima, rigogliosa e piena di salute. Da qualche mese purtroppo sta perdendo tutte le foglie e sta rimanendo totalmente nuda. Ho notato che sulla superficie di alcune foglie sono presenti delle polverine nere che vanno via passandoci su un dito. Inoltre, come potete vedere dalla documentazione fotografica allegata, sono presenti alcune (non in numero eccessivo) di queste piccole sostanze quasi setose (sembrano cotone). Potrebbe essere cocciniglia? Eventualmente, come posso debellare tale infestazione in modo da poter ridare vita alla mia pianta? Tenete presente che, come detto, la pianta la tengo in stanza e non in balcone. Sperando in un Vs riscontro, ringrazio calorosamente. Marco
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Marco,

    si tratta effettivamente di cocciniglia cotonosa, seguita da fumaggine (la polverina nera), un fungo che si nutre della melata che fuoriesce dalle foglie punte dalla cocciniglia (ma anche da altri insetti ad apparato boccale pungente-succhiante, come afidi e acari).

    Le consiglio di trattare con del sapone molle potassico, che agisce su entrambe le infestazioni ed eventualmente anche sugli acari se presenti.

    Le suggerisco inoltre di rinvasare con un buon terriccio drenante in un contenitore più grande e somministrare regolarmente un concime specifico per piante verdi, liquido o granulare a lenta cessione.

    Saluti,

    Francesca Vernile

  • Cocciniglia oleandro: serve la potatura?

    Cocciniglia oleandro: serve la potatura?

    Marcello di Vanzago chiede:

    Buonasera, ho due oleandri in vaso esposti a sud e a nord. Entrambi si sono lentamente deteriorati anche se ho cercato di trattarli con ogni riguardo. La cocciniglia è presente su tante foglie e l'ho trattata spesso con spray anticocciniglia come il Polysect o un altro della Bayer, ma con modesti risultati. Le foglie hanno cominciato a perdere il loro bel verde intenso e sono tutte come puntinate e sbiadite. Non li ho mai potati e penso di farlo al più presto. La prego di darmi una mano visto che queste due piante sono importanti per me. Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Marcello.

    Come tutti i parassiti anche la cocciniglia sceglie piante che in qualche modo siano già sofferenti.

    Direi quindi di partire dalle condizioni delle radici che non devono avere ristagno dì umidità. Questo è il periodo peggiore per agire sulle piante ma farei comunque dei trattamenti con olio minerale in grado di soffocare la cocciniglia.

    Dopo averne rimosso in maniera meccanica il più possibile, aspetterei a potare.
    Meglio in primavera, quando sono prossimi alla ripresa vegetativa, facendo seguire l'operazione da un sostanzioso trattamento a base di rame.
    Il rame è una buona soluzione per indurire e rafforzare la pianta e dovrebbe essere usato sia prima dell'inverno che in primavera.
    Provi così e se vuole mi ricontatti.

    Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi

  • Orchidea phalaenopsis attaccata dalla cocciniglia: che fare?

    Orchidea phalaenopsis attaccata dalla cocciniglia: che fare?

    Ilaria di Lecce chiede:

    Buongiorno. Tre delle mie Orchidee Phalaenopsis sono state attaccate dalla cocciniglia a "scudetto" e presentano dischi sopraelevati marroni e lesioni sul lato inferiore delle foglie, nonché un liquido appiccicoso sul lato superiore. Ho poi trovato su altre 2 orchidee (nel bark) degli insettini bianchi molto piccoli e veloci. Le foglie di queste ultime si sono ingiallite e sono cadute tutte, lasciando lo pseudobulbo nero nella parte centrale superiore (da cui in sostanza vengono fuori le foglie). C'è poi un'ultima orchidea che sembrerebbe essere infestata da uova bianche. Sono decisamente preoccupata e vorrei sapere come rimediare. Grazie mille, Ilaria
    Gioele_Porrini
    Risponde l'esperto
    Gioele Porrini

    Gentile Ilaria,
    la cocciniglia a scudetto è un parassita comune nelle orchidee; le cocciniglie sono insetti che suggono la linfa zuccherina delle piante e rilasciano poi le proprie deiezioni sui tessuti delle foglie lordandoli della sostanza appiccicosa che ha trovato sulla pianta. 
    Il modo migliore di ovviare al problema è quello di lavare bene le foglie infestate dal parassita con un batuffolo di cotone idrofilo imbevuto di alcool etilico denaturato 90°.
    Le 'uova bianche' di cui parla sono invece nient'altro che piccoli agglomerati di muffa (un fungo) che cresce sul materiale organico in decomposizione; probabilmente la corteccia è umida e vecchia e le muffe crescono. Nessun problema, si può ovviare a tale inconveniente rinvasando in composto nuovo. Il rinvaso solitamente è un'operazione da fare in primavera ma, considerando l'urgenza e considerando che la phalaenopsis è un'orchidea che non ha riposo invernale, può effettuare questa operazione anche subito. 

    Gioele Porrini 

  • Dracena Marginata infestata da cocciniglia: cosa fare?

    Dracena Marginata infestata da cocciniglia: cosa fare?

    Manuel di Cesena chiede:

    Buongiorno, Ho una Dracena Marginata acquistata a fine primavera e dopo qualche mese è stata soggetta ad una intensa infestazione di cocciniglia. Ho eseguito 3 trattamenti a distanza di circa 7/10 giorni uno dall'altro con un anticocciniglia Vithal (insetticida sistemico a base di Acetamiprid puro), preceduto da pulizia dei tronchetti e delle foglie con cotone imbevuto con soluzione alcolica. In seguito l’infestazione si è ridotta di molto ma non è stata debellata. Ho eseguito poi dopo circa un mesetto (era settembre) un trattamento con sapone di Marsiglia liquido diluito in acqua (1:8 circa) e la pianta oltre ad essere stata invasa da api (o una specie simile) e peggiorata come si vede in foto perdendo foglie tutti i giorni e ci sono comunque tracce di cocciniglia. Cosa posso fare per rimediare? Premetto che non ho effettuato un rinvaso al momento dell’acquisto ma ho concimato la pianta circa ogni 2 settimane con concime liquido completo. Ringrazio in anticipo, Manuel
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Manuel,
    verificherei comunque le condizioni delle radici anche se il vaso mi sembra grande abbastanza ed il terriccio in condizioni normali. Per la cocciniglia userei solo olio minerale, l'arma migliore per soffocare i soggetti presenti sulle foglie. Purtroppo le cocciniglie sono odiose e difficili da debellare perché soprattutto in piante come queste si annidano alla base della foglia. Provi con l'olio dopo averne rimosso con uno stecchino il maggior numero possibile.
    Le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi

  • Cocciniglia nelle piante grasse: quale rimedio naturale posso usare per eliminarle?

    Rita di Putignano (Ba) chiede:

    Ho una piccola raccolta di piante grasse (circa 50) e combatto contro la cocciniglia che quest'anno ha infestato anche altre piante del mio giardino normalmente immuni da questo flagello. La mia domanda è: "Esiste qualcosa che la stermini, non dico in eterno, ma almeno per qualche mese? Ne ho di tutti i tipi: cotonosa, a scudo...e forse anche qualche specie ancora sconosciuta. Un rimedio naturale esiste o devo ricorrere necessariamente alla guerra chimica? Qua ci sono le api e vorrei evitare di danneggiarle. Grazie sin d'ora per la risposta.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Rita,
    le consiglio di rimuovere meccanicamente tutti i parassiti possibili e poi di trattare con olio minerale, soffoca tutti i tipi di cocciniglia.

    Il 06/11/2018, Kety Cialdi risponde:

    Buongiorno Rita, 
    capisco la situazione, anch'io mi aggiro in veranda con stecchini vari; dunque se le dosi sono quelle indicate sul prodotto io direi di ripetere anche 2-3 volte per soffocare i nuovi nati. Il confidor è un antiparassitario, se non ci sono bambini o animali che possono entrarci in contatto tentar non nuoce. I sistemici sono prodotti orribili, lasciamoli fare, riprovi con olio. Mi faccia sapere

    Kety Cialdi

  • Come eliminare la cocciniglia dalla dipladenia?

    Lucia di Fiumicino chiede:

    Buonasera, volevo un consiglio per la dipladenia: non riesco a togliere la cocciniglia, ho provato sia uno spray specifico della Bayern che con il sapone di Marsiglia ma niente, va bene due giorni e ricomincia. Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    la cocciniglia è sempre difficile da debellare, anche su piante erbacee e arbustive, oltre che su piante legnose. Si può tentare con prodotti a base di olio bianco, specifico per combattere questo parassita.

    Cordiali saluti

    Alberta Ballati

  • Cocciniglia limone e macchie sulle foglie: cosa fare?

    Cocciniglia limone e macchie sulle foglie: cosa fare?

    Perla di Monza chiede:

    Buongiorno, chiedo la vostra consulenza perché sono disperata. Mi hanno regalato questo pianta di limone a maggio e fino a qualche settimana fa godeva di ottima salute. Poi le sue foglie hanno iniziato a chiudersi e ho notato la comparsa di uova di cocciniglia e di piccolissime cavallette sulle foglie. Ho così pulito a fondo il tronco e ho spruzzato un antiparassitario apposito anche sulla chioma. Il giorno successivo hanno iniziato ad apparire delle macchie sulle foglie: come se si fossero assottigliate nella parte più chiara. Si tenga conto che ogni giorno verifico l'assenza Delle cocciniglie e le pagine inferiori Delle foglie di limone sembrano essere pulite. L'esposizione del giardino oltretutto non è delle migliori perché prende il sole diretto tutto il giorno. Potrebbero essere bruciature da sole? O insetti (che non vedo)? Le cavallette sono 'pericolose' per il limone e per il giardino in genere? Grazie
    Agrumi_Lenzi
    Risponde l'esperto
    Maurizio Lenzi

    Buonasera,
    a prima vista la pianta sembra stare bene.
    Continui a starle dietro per la cocciniglia.
    Per quanto riguarda la puntecchiatura, potrebbe essere dovuta alla presenza di qualche ragnetto rosso, eliminabile con la seguente soluzione, in un litro di acqua:

    tutto da spruzzare bene sulla pianta.
    Dove vede la foglia morsicchiata, potrebbe dipendere da qualche lumachina presente, ma non si preoccupi, per ora la pianta sta abbastanza bene.

    Maurizio Lenzi

  • Alberi di mele in cattive condizioni: si tratta di cocciniglia?

    Alberi di mele in cattive condizioni: si tratta di cocciniglia?

    Maccione di Sassari chiede:

    Salve, ho degli alberi di mele che riversano in queste condizioni e non saprei che fare (in allegato foto di oggi). A quanto mi hanno detto si tratta di cocciniglia cotonosa. Vorrei capire se si possono salvare. Ringrazio in anticipo per eventuali consigli.
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Maccione.
    Ebbene si tratta proprio di Cocciniglia Cotonosa. Il colore nero che nota lungo le branche, è attribuibile a quella che viene chiamata fumaggine, una sorta d'insieme di funghi saprofiti che si insediano in presenza di sostanze zuccherine che in questo caso sono dovute e rilasciate dall'attività trofica di alimentazione della cocciniglia. La cocciniglia pungendo e succhiando la linfa zuccherina, quella in eccesso che non riesce a digerire la scarta sotto forma di melata zuccherina su cui si insedieranno queste fumaggini.

    Per togliere la cocciniglia cotonosa le consiglio il trattamento con soluzione con latte, olio e sapone molle.
    Viene impiegata nella lotta contro le cocciniglie in tutte le specie da frutto.
    In un bicchiere d’acqua si mettono ¾ di latte, un cucchiaio di olio di semi vari, e metà cucchiaino di sapone liquido. Dopodiché si mescola il tutto cercando di emulsionare l’olio. 

    Poi si passa l’emulsione su foglie, e steli con del batuffolo di cotone imbevuto di detta soluzione, cercando di eliminare le cocciniglie. Quelle che non si staccano vanno bagnate con la soluzione. Infine dopo 2 - 3 giorni si lava la pianta con acqua.
    Ringraziandola della domanda la saluto cordialmente.

    Fabio Di Gioia
  • Chinotto attaccato da cocciniglie: cosa fare?

    Chinotto attaccato da cocciniglie: cosa fare?

    Guido di Milano chiede:

    Ho un chinotto (comprato due anni fa) sul balcone, a Milano, esposto a sud-ovest su strada trafficata. Ha fin da subito mostrato apprezzamento per l'esposizione e la luce, ma è martoriato (credo sia il termine più adatto) da una colonia di cocciniglie- quelle bianche con pancia arancione. Ho provato con propoli, soluzione chimica insetticida appositamente comprata, rimozione a mano, taglio dei rami più compromessi. Questo inverno ho coperto la pianta per proteggerla dal freddo, con il risultato che la colonia è proliferata. Come posso fare? Ho letto che rinforzandola, la pianta riesce a sopravvivere anche con le cocciniglie, ma vorrei liberarmene prima che invadano altre piante. Ogni consiglio o nominativo può essere di aiuto. Grazie.
    Agrumi_Lenzi
    Risponde l'esperto
    Maurizio Lenzi

    Buonasera,
    questo sembra proprio un bell'attacco.
    Per rimediare a questo problema ci sono due o tre metodi più o meno efficaci:

    • biologici: (provi a miscelare 2.5 ml di sapone molle e 5ml di olio di soia in un litro di acqua, misceli bene e con un panno strofini bene e lavi la pianta)

    Nel caso non ci fosse cambiamento, le consiglio di effettuare due o tre interventi al mese, per 2-3 mesi.

    • chimici (dal mio punto di vista sconsigliati, perchè si tratta di veleni)
    • neonicotinoidi (per esempio il confidor).

    Maurizio Lenzi

  • Perché viene la cocciniglia sulle piante grasse? Che tipo di terra bisogna usare?

    Elisa di Spinazzino chiede:

    Perché viene la cocciniglia sulle piante grasse? Che tipo di terra bisogna usare? Io metto torba, sabbia e terra per piante grasse.
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signora Elisa,

    le cocciniglie si instaurano sulle piante grasse quando queste non sono nelle migliori condizioni di coltivazione, ossia: una buona luminosità tutto l'anno, poca umidità atmosferica, poco concime azotato che rende teneri i tessuti vegetali.
    Comunque, può utilizzare un panno con dell'alcol appena vede questi insetti sulla pianta in modo da staccarli delicatamente. 
    Il terriccio da lei presentato va bene; si ricordi di non eccedere con le bagnature.

    Cordiali saluti

    Marco Alberti

  • Arbusto colpito dalla malattia Cocciniglia: rimedi

    Arbusto colpito dalla malattia Cocciniglia: rimedi

    Ugo di Vado Ligure chiede:

    Buon giorno gradirei sapere da quale malattia è stato colpito questo arbusto che è nel mio giardino e quale trattamento posso utilizzare. Grazie, Ugo
    Gianluigi_Burdisso
    Risponde l'esperto
    Gianluigi Burdisso

    Buongiorno Sig. Trucco,
    il suo arbusto è stato colpito da Cocciniglia, purtroppo.
    Questi tipi di piante sono molto soggetti all'attacco di questi parassiti.
    Come rimedio può trattare con:
    - Olio Bianco alla dose di 350 cc ogni 10 Litri + insetticida specifico Juvinal oppure Siattol
    Il trattamento deve essere ripetuto dopo circa 15/20 giorni.
    Buon Lavoro!

    Gianluigi Burdisso

  • Agrumi attaccati dalla cocciniglia cotonosa: come posso rimediare?

    Paola di Modena chiede:

    Alcune piante (limone, mandarino, cedro fiorentino) sono state recentemente attaccate da cocciniglia cotonosa. Ho fatto un primo trattamento con Redlan, ma alcuni insetti sono ancora presenti. Come liberarle prima del ricovero? Devo ripetere il trattamento o cambiare prodotto? Devo trattare anche le piante sane per evitare il contagio? Grazie Paola

    Warning: Illegal string offset 'fotot' in /home/portaledelverde/public_html/templates_c/b77ef6a1d7fb7cd4160bfb2c862d7955c69d6ef2.file.elenco-esperto-risponde.tpl.php on line 134
    Risponde l'esperto

    Warning: Illegal string offset 'nome' in /home/portaledelverde/public_html/templates_c/b77ef6a1d7fb7cd4160bfb2c862d7955c69d6ef2.file.elenco-esperto-risponde.tpl.php on line 146

    Warning: Illegal string offset 'cognome' in /home/portaledelverde/public_html/templates_c/b77ef6a1d7fb7cd4160bfb2c862d7955c69d6ef2.file.elenco-esperto-risponde.tpl.php on line 147

    Buongiorno,
    Il trattamento con il Reldan 22 sarebbe stato meglio non farlo in quanto può eliminare la cocciniglia cotonosa dalle sue piante di agrumi semplicemente con l'utilizzo di una soluzione in 1:1 acqua/alcool denaturato spruzzato sulla parte interessata dalle cocciniglie e togliendo con un pennello quelle rimaste ancora attaccate. Dopo aver fatto questa operazione consiglio di fare un trattamento con olio bianco per proteggere ulteriormente la pianta e ritardare o fermare il ripetersi del problema.

    Saluti

    Stefano Bolognesi
    Azienda Agricola La Brina

  • Agrumi colpiti da cocciniglia: come intervenire?

    Alfredo di Gioiosa Jonica (RC) chiede:

    Coltivo un piccolo giardino familiare con diversi alberelli di frutta antica, agrumi, mele, susini, melograni, nespoli del Giappone, oltre a piante aromatiche: alloro, rosmarino, salvia, mirto e ginepro. 1) Come trattare, per una coltura esclusivamente biologica? 2) Con cosa intervenire sugli agrumi colpiti credo da cocciniglia, quella sostanza bianca appiccicosa che colpisce sopratutto le giovane foglie; 3) Come curare i melograni che giunti a maturazione spaccano e marciscono? Grazie. Sono un amatore appassionato, invalido e su carrozzella, che purtroppo non può seguire personalmente i lavori, ma li faccio tramite terzi con passione e amore.
    samueledalmonte
    Risponde l'esperto
    Samuele Dalmonte

    Gentile Alfredo,

    per quanto riguarda i frutti di melograno che si spaccano, si tratta senza dubbio di uno scompenso idrico, che capita quando le piante devono far fronte a repentini cambiamenti idrici, come i giorni di vento caldo oppure le piogge abbondanti, che portano il frutto ad ingrossare ma la buccia del frutto non riesce a crescere in proporzione.

    Per fare trattamenti biologici si possono utilizzare dei normali prodotti a base di rame per prevenire le infezioni fungine: tenga conto che i prodotti rameici si possono usare su tutte le piante ma non quando le temperature superano i 25 gradi circa perchè altrimenti diventa fitotossico.

    Per gli insetti come la cocciniglia si usano prodotti a base di olii minerali (il cosidetto olio bianco): anche questo non va usato con temperature elevate. Per parassiti come gli afidi ci sono prodotti a base di nicotina, prodotti a base di piretro naturale, oppure se vuole fare un piccolo fai da te, si può utilizzare il macerato d'ortica, oppure anche il succo di limone leggermente diluito che essendo molto acido fa morire gli afidi che non hanno protezione contro le sostanze chimicamente forti.

    Sperando di aver soddisfatto la sua richiesta di appassionato, le auguro di continuare a coltivare, con amore, le sue piante.

    Samuele Dalmonte
    Vivaio Fruttidoro frutti antichi

  • La mia pianta grassa è coperta di cocciniglie: come mi devo comportare per eliminarle?

    Sabrina di Viterbo chiede:

    La mia pianta grassa è coperta di cocciniglie: come mi devo comportare per eliminarle?
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Buongiorno Sabrina,

    In questo caso le consiglio di usare una spazzola morbida, in modo da non graffiare l'epidermide delicata della pianta grassa e quindi esporla a future infezioni e disseccamenti.

    Lo strofinamento deve essere perciò delicato, sino ad asportazione degli insetti. Se non ci sono troppe spine questa operazione può essere fatta anche con un semplice panno umido: vedrà che gli insetti si staccheranno facilmente.

    Gli insetticidi specifici, anche se efficaci, purtroppo a volte sporcano la pianta.

    Marco Alberti