chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Piante da appartamento: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Falangio con foglie flosce: cosa fare?

    Falangio con foglie flosce: cosa fare?

    Il 24/02/2019, Lores di Francavilla al Mare chiede:

    Buon pomeriggio, volevo qualche informazione sulla pianta in foto (l'ho trovata nell'appartamento dove mi sono trasferita da poco). Si tratta di un Falangio, giusto? Bisogna rinvasarla? La vedo un po' "triste" come posso farle tornare un po' di vigore? Grazie mille in anticipo
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    ciao Lores,

    sì, la pianta di cui ci hai mandato le foto è un falangio o nastrino, ovvero un Clorophytum. È una pianta molto usuale per un angolo verde casalingo.

    Non necessita di grandi cure.

    La posizione ideale molto luminosa, ma lontana dai raggi diretti del sole. Teme il freddo ed è quindi consigliabile mantenerla a temperature costanti che non scendano mai sotto i 14°. Teme i ristagni d'acqua

    Concimare più frequentemente in primavera estate e diradare in autunno inverno.

    È probabile che il tuo povero falangio sia stato lasciato un po' a se stesso. Se le radici stanno bene manterrei il vaso, probabilmente se manca di cure ringiovanirei il terriccio in modo da dare vigore e anche un po' di concime

    Se invece vedi che le radici stanno strette travasa.

    Fammi Sapere come va.

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Che pianta è? - Myrtus

    Che pianta è? - Myrtus

    Il 19/02/2019, Silvia di Zanè chiede:

    Buonasera, volevo per cortesia chiedere un suo parere. Non so di che pianta si tratta, parrebbe un evonimo ma non riesco a trovare la varietà. Lei che ne pensa? Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno, 

    se profuma potrebbe essere un Myrtus.

     

    Un saluto

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Come si chiama questa pianta d'appartamento?

    Come si chiama questa pianta d'appartamento?

    Il 18/02/2019, Adelina di Borgo val di Taro (Pr) chiede:

    Come si chiama e come si deve tenere?
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Adelina,

    si tratta della varietà 'Princess' di Clusia rosea, un arbusto o piccolo alberello sub-tropicale originario dell'America centrale. In natura raggiunge anche i 15 metri, ma allevato in vaso non supera i due metri.

    Necessita di una buona illuminazione ma non sole diretto, temperature superiori ai 18°C anche in inverno, frequenti annaffiature tali da mantenere sempre il terreno leggermente umido, ma evitando il ristagno dell'acqua nel sottovaso, e concimazioni periodiche (più frequenti se liquide o più rade se granulari a lenta cessione - poiché anche se in natura fiorisce è difficile che nei nostri climi lo faccia, andrà bene un concime specifico per piante verdi). 

    Quando la pianta riempie il vaso di coltivazione, si rinvasa (preferibilmente in primavera) in un contenitore più grande, con terriccio drenante e ricco di sostanza organica (meglio se humus).
    Non necessita di particolari potature se non la rimozione di eventuali parti secche

    Saluti,
    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Talea di pothos: foglie accartocciate, come mai?

    Il 18/02/2019, Sara di Roma chiede:

    Salve, ho una talea di pothos in acqua da circa 6 mesi. Ha messo tante radici e quasi nessuna foglia nuova. Da un paio di giorni si sono ammosciate ed accartocciate tutte le foglie. Ho appena cambiato casa, e di conseguenza acqua del vaso e posizione della talea. Cosa potrebbe essere e come posso fare? Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Sara,

    non escludo che il suo Pothos possa aver subito uno shock dovuto al cambio di casa, ma dalla sua descrizione del comportamento della talea in questi mesi, mi viene il sospetto che lei non abbia mai aggiunto del concime specifico nell'acqua.

    Di solito si pongono le talee di Pothos a radicare in acqua per poi piantarle nel terreno non appena emettono radici, in un lasso di tempo generalmente più breve di sei mesi, e in questo caso non è necessario concimare. Tuttavia il Pothos si presta anche ad essere allevato in acqua, ma in questo caso ha bisogno di essere regolarmente concimato con un concime specifico per idrocoltura, altrimenti non ha gli elementi minerali per poter produrre nuova vegetazione e alla fine secca completamente.

    Spero comunque che non sia questo il caso e che per la sua talea ci sia ancora tempo per tornare a vegetare rigogliosa!

    Saluti,
    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Cissus con foglie secche e flosce: come mai?

    Cissus con foglie secche e flosce: come mai?

    Il 13/02/2019, Cissus di Viadana MN chiede:

    Buongiorno ho un problema con il cissus. È da un mese che ho acquistato questa pianta e alcune foglie diventano secche e flosce. È comunque in una posiziona luminosa e con una temperatura sui 23 gradi. La innaffio poco, quando sento che il terreno è quasi asciutto gli verso un bicchiere circa di acqua. A cosa può essere dovuto? Mi potete consigliare un modo per tenerla al meglio? Grazie in anticipo, Jessica
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Jessica,

    è molto probabile che il problema sia dovuto ad una scarsa umidità dell'aria, condizione particolarmente temuta dal Cissus rhombifolia. 
    Provi a sistemare dei contenitori aperti con dell'acqua nei pressi della pianta.
    Per quanto riguarda l'irrigazione, fa bene a non eccedere, lasciando che il terreno si asciughi tra l'una e l'altra, ma quando annaffia le consiglio di non limitarsi ad un bicchiere, dia acqua in abbondanza e a più riprese (rimuovendo quella in eccesso nel sottovaso), così da assicurarsi che il terriccio si impregni omogeneamente.

    Saluti, 

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Beaucarnea con cocciniglia: tolti tutti i rami, ho fatto bene?

    Beaucarnea con cocciniglia: tolti tutti i rami, ho fatto bene?

    Il 13/02/2019, Lina di Ancona chiede:

    Salve, su consiglio del venditore ho completamente tagliato i ciuffi alla mia beaucarnea che era infestata da cocciniglia e che stava morendo, lasciando praticamente solo il fusto. Vorrei sapere se ho fatto la cosa giusta e se devo fare altro per aiutare la pianta a far nascere nuovi getti grazie.
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Lina.
    Mi spiace molto per la tua beaucarnea.
    In generale non è un pianta che si ammala molto, nè ha bisogno di molte cure per il suo mantenimento. Per valutare lo stato di salute della pianta tocca il tronco che deve risultare ben sodo.
    Ricorda che è una pianta che ha una lentissima crescita per cui dovrai dargli molto tempo. 

    Qualora dovesse succederti nuovamente, togli la cocciniglia con un batuffolo di alcool se la pianta non è troppo grande oppure il classico rimedio acqua e sapone neutro passando sulle foglie malate e poi risciacquare. 

    Facci sapere se  si riprende. 

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Mangiafumo con foglie ingiallite: di cosa si tratta?

    Mangiafumo con foglie ingiallite: di cosa si tratta?

    Il 11/02/2019, Valentina di Mantova chiede:

    Buongiorno, la mia mangiafumo ha le foglie ingiallite e flosce. Cosa potrebbe essere? Sicuramente non l’acqua eccessiva, in inverno l’ho innaffiata pochissimo. È in una stanza con temperatura tra i 18 e 22 gradi... come posso aiutarla? Grazie
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Valentina.

    La pianta mangiafumo, ovvero la BEAUCARNEA, è una pianta d'appartamento della famiglia della Aspargaceae. È una sempreverde a crescita lenta originaria del Messico. La più diffusa è la Beaucarnea recurvata proprio per le sue foglie cadenti.

    Per una crescita rigogliosa è bene posizionarla in un luogo con luce abbondante e costante tutto l'anno (non diretta) e, come hai fatto giustamente te, a una temperatura che non scenda mai sotto i 10°. Tollera bene fino a 30°, ce l'ha nel suo DNA. 

    Non ha bisogno di grandi cure, è importante non eccedere con l'acqua. Si ammala raramente se viene colpita da cocciniglia. 

    Elemento di successo per la sua cura: il grado di umidità dell'ambiente. Se il livello di umidità è basso, i bordi delle foglie possono diventare marroni, in questo caso spostarla o rendere l'ambiente più umido.

    Ti consiglio di dare uno sguardo anche al video sulla cura del nostro canale youtube. 

    Facci sapere come va :)

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Pianta con fiore rosso centrale: come si chiama?

    Pianta con fiore rosso centrale: come si chiama?

    Il 31/01/2019, Monica di Londra chiede:

    Buongiorno! Tempo fa mi hanno regalato questa pianta. Non so nemmeno cosa sia però! Quando l'ho ricevuta, quel "fiore" al centro era rosso. Come si cura? Devo tagliare il "fiore" ora che è secco? Grazie mille in anticipo!
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Monica,
    la tua pianta è una billbergia pyramidalis della famiglia delle bromeliaceae, originaria dell'America latina. 

    NON è una pianta difficile da coltivare, va posizionata in ambienti luminosi che favoriscono la fioritura con temperature costanti tra i 10° e i 30°. 

    Senza eccedere, ama gli ambienti umidi va quindi innaffiata ogni qual volta il terreno si asciuga in superficie.
    Per innaffiare, utilizzare se possibile acqua non calcarea e terreno per acidofile.

    La sua infiorescenza ha una durata di qualche mese. Una volta che si secca è possibile levare lo stelo partendo dalla base. Andrà curata con le solite cure.
    Togliere le folgie dalla pianta madre che nel tempo si rovineranno mentre, a fianco del ceppo principale, potranno spuntare dei piccoli figlioletti che cresceranno e potrai lasciarli al loro posto finchè non saranno grandi quanto la metà della pianta madre. 

    Chiara Brunori

     

    Condividi su:

  • monstera foglie ingiallite cosa fare

    monstera foglie ingiallite cosa fare

    Il 25/01/2019, Alice di Torino chiede:

    Buongiorno. Ho rinvasatola monstera a settembre e le ho messo un sostegno come in foto. Sul fondo ho fatto uno strato di argilla espansa e ho aggiunto sotto e intorno del terriccio da interni e ho aspettato una decina di giorni a innaffiare. Poi l’ho innaffiata regolarmente ogni 10/15 gg come avevo sempre fatto, ma da subito ho notato questo ingiallimento delle foglie che ora sta diventando molto pronunciato. Non capisco se l’abbia bagnata troppo o troppo poco. Non c'è ristagno d’acqua. Ho perfino il dubbio che in fondo al vaso l’acqua non sia proprio arrivata e la pianta abbia sete. Questo terriccio si inzuppa molto e non lascia scorrere l’acqua (constatato in altri vasi). Avreste un consiglio da darmi? Grazie per l’attenzione è una buona giornata. Alice
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Alice, 

    credo effettivamente che la sua Monstera abbia sete

    Normalmente foglie gialle e margini secchi indicano proprio un apporto idrico insufficiente. Le consiglio di integrare al terreno (per non rinvasarla di nuovo subito, ma in futuro lo tenga presente durante il rinvaso) della pomice, un materiale in grado di assorbire acqua e trattenerla come una spugna, rilasciandola gradualmente senza danneggiare la pianta.

    Nell'immediato può anche usare prodotti che contengano agenti umettanti, normalmente venduti sotto forma di polveri e quindi più facilmente somministrabili in profondità nel terreno sciogliendoli in acqua. 

    Cordiali saluti,

    Francesca Vernile

    Leggi le altre risposte dell'esperto sulla MONSTERA:

    Condividi su:

  • Composizione di piante: quando devo nebulizzare?

    Composizione di piante: quando devo nebulizzare?

    Il 07/01/2019, Martina di Chieti chiede:

    Salve, mi è stata regalata questa composizione. Non sono esperta di piante, né di giardinaggio ma tengo parecchio a questo regalo e non capisco cosa devo fare per prendermene cura in modo adeguato. 3 piante su 5 si stanno seccando e non so proprio cosa sto sbagliando. Le innaffio con il nebulizzatore ogni 3/4 giorni, perché mi è stato detto di non bagnarle troppo spesso, ma nonostante questo le foglie si stanno seccando, appassendo e stanno cadendo. Potreste darmi qualche consiglio? Grazie in anticipo.
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Martina,
    non preoccuparti il pollice verde si allena e si coltiva.

    Prima di nebulizzare prova a verificare il grado di umidità del terreno. È probabile che tu stia dando acqua, ma le piante ne abbiano ancora in riserva, diciamo, nel terreno.
    Procedi mettendo un dito nel terreno, se il terreno è umido aspetta ancora qualche giorno per nebulizzare se invece noti che il terreno è secco allora nebulizza.
    Delle volte pecchiamo di troppo amore per le piante.

    Non demordere!

    Chiara Brunori

     

    Condividi su:

  • Monstera con macchie: di cosa si tratta?

    Monstera con macchie: di cosa si tratta?

    Il 27/12/2018, Cristina di Osimo chiede:

    Salve, da circa un mese ho acquistato una monstera deliciosa e la tengo nel mio appartamento in una zona luminosa ma priva di raggi solari diretti, essendo inverno annaffio la mia pianta una volta ogni 2 settimane circa, o comunque quando il terreno in superficie si è appena seccato, nebulizzo e pulisco le foglie una volta a settimana con acqua distillata e ho creato umidità tramite il sottovaso con ghiaia e acqua. Da una settimana circa ho notato le macchie che potete vedere bene nelle foto allegate. Di cosa si tratta? E come posso rimediare? È forse un fungo? Grazie mille per la risposta
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Cristina.

    La monstera è una delle mie piante preferite. Il suo nome deriva proprio dalla forma e dalla dimensione “mostruosa” delle foglie.

    È una pianta che tollera fino a 32° se trova il giusto grado di umidità, ma non scende sotto gli 11°.

    Va posizionata in un luogo molto luminoso, ma EVITARE il sole diretto. Sta bene anche con poca luce, ma posizionandola in ombra le foglie rimarranno piccole e con poche incisioni.

    Arriviamo al dunque. Le macchie sulle foglie: se compaiono macchie MARRONI/SECCHE/CIRCOSCRITTE è una bruciatura da sole.

    Se le macchie partono dall’apice e progressivamente si allargano a tutta la foglia sono determinate da SECCHEZZA e POCA UMIDITA’.

    Se invece ci sono macchie nere e molli che si allargano rimanendo mollicce annerendo completamente la foglia allora eccesso di umidità o di irrigazione.

    Spero di esserti stata utile. Buon giardinaggio

    Chiara Brunori

    Leggi le altre risposte dell'esperto sulla MONSTERA:

    Condividi su:

  • Pianta con venature argento: che tipo è?

    Pianta con venature argento: che tipo è?

    Il 26/12/2018, Rossella di Enna chiede:

    Buongiorno come si chiama questa bellissima piantina dalle venature argento? Mi hanno detto che fa dei fiorellini bianchi. Grazie
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Rossella, 
    sembrerebbe una Pilea Cadierei o pianta d’alluminio
    La pianta forma dei ciuffetti di foglie verde scuro cuoriformi, con delle sfumature argentee nella venatura centrale. La pianta produce delle infiorescenze sui toni del bianco, giallo e verdino. Difficilmente però sbocciano nella coltivazione indoor. 

    Per una buona cura e sviluppo della pianta ti consiglio di posizionarla in un luogo semi ombreggiato e al riparo dal freddo. E’ una pianta che non sopravvive se le temperature scendono al di sotto dei 10° temperatura ottimale è sui 25°.
    Bagnala ogni 4/5 giorni e abbi cura che il terreno sia ben asciutto tra una e l ‘altra poichè non ama i ristagni d’acqua sebbene ami un ambiente umido.

    Spero esserti stata utile e ti auguro buona giornata e buon giardinaggio .

    Chiara Brunori

    Leggi le altre risposte dell'esperto sulla PILEA:

    Condividi su:

  • Margherite gialle: consigli sulla coltivazione dell'euryops pectinatus

    Margherite gialle: consigli sulla coltivazione dell'euryops pectinatus

    Il 19/12/2018, Lorenzo di Capovalle (BS) chiede:

    Buonasera a tutti. Di tanto in tanto ho qualche guaio da risolvere e spero di trovare in voi tutti un valido aiuto. Possiedo qualche pianta di Euryops Pectinatus, (abito sulle prealpi Bresciane a 900 mt di quota). Contrariamente a quanto leggo non mi sembra una specie facile da tenere: d'estate ha bisogno d'acqua e cure costantemente (quasi tutti i giorni), in inverno un po' meno ma comunque ogni settimana un goccino. L'anno scorso ho dovuto ingaggiare una lotta con il mal bianco. Quest'anno, (per ora) va meglio, però subito dopo il ritiro all'interno, una di esse l'ho trovata con tutte le foglie intorno completamente secche e con dei rigetti che spuntavano nuovi sul tronco (credo per mancanza di luce e poco da bere). Da come la interpreto io, è rimasta per oltre una settimana senz'acqua e per almeno due settimane con scarsissima luce, pertanto per salvarsi ha tentato questa via: lasciar morire le foglie e ripartire con nuovi getti. A questo punto l'ho ripulita completamente lasciando solo il tronco e un po' di ramaglia, però invece di proseguire con l'emissione di nuove foglie, sembra più propensa a retrocedere, le punte dei nuovi getti sembra che tentino di seccare. Gli ho dato un po' d'acqua e anche il sangue di bue, quello che non capisco è se sia il caso di tenerla in ombra oppure al sole (dai vetri), di fuori a 5/10 gradi oppure in casa a 18/20 gradi? Qualcuno mi sa consigliare il da farsi? Non è tanto che mi dispiaccia per quest'esemplare, è che voglio imparare questa storia perché quasi tutti gli anni mi tormenta. Ringrazio anticipatamente quanti vorranno prendersi la briga di prestarmi attenzione.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Lorenzo,

    la sua Euryops Pectinatus mi sembra piuttosto malconcia.

    Le consiglio di tenerla a 5/10 gradi. Meglio una temperatura più bassa che troppo secca.
    Inoltre è di sicuro meglio tenerla alla luce.

    Saluti 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Piante da appartamento secche dopo il travaso: cosa fare?

    Piante da appartamento secche dopo il travaso: cosa fare?

    Il 12/12/2018, Agnese di Catania chiede:

    La mia pianta dopo il travaso non riesce a riprendersi, mi potreste dare qualche consiglio? Grazie
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Agnese.
    Può succedere che alcune piante siano più sensibili al travaso e che, quindi, manifestino uno stato di malessere una volta effettuata questa operazione. C’è però da dire che, al di là della rusticità della pianta, tutte, chi più chi meno, manifestino uno stress da travaso.

    Solitamente una pianta più sensibile, o che ha subito un travaso poco corretto, può avere una battuta di arresto nella crescita, nell’emissione di nuovi getti rimanendo di fatto “ferma”.

    Questa condizione è transitoria e se la pianta è sana, dopo due/tre settimane riprende a crescere vigorosa come prima.

    Per prevenire e limitare al massimo questo stress, si consiglia di effettuare questa operazione nel momento più adatto in base alla pianta (solitamente primavera o tardo autunno) e cercando di maneggiare il meno possibile il pane di terra contenente le radici.

    Nel tuo caso: leva le foglie evidentemente malate, non esagerare con l’acqua e prova ad aspettare che la pianta si assesti.

    Facci sapere come procede :)

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Monstera deliciosa: come contenere la sua crescita?

    Monstera deliciosa: come contenere la sua crescita?

    Il 11/12/2018, Fabio di Roma/Italia chiede:

    Buongiorno. Vorrei un parere e un consiglio riguardo la pianta in allegato ‘Monstera deliciosa’. Vorrei diminuire il volume della pianta perché è davvero arrivata a coprire un raggio che non entra più in salone. Ho legato il più possibile i rami che sporgevano, al tronco centrale. Tanti altri però non posso essere piegati perché si spezzerebbero. Come posso fare? È il caso di tagliare le foglie che occupano più spazio? Se si in che modo, che tipo di taglio devo applicare? Grazie in anticipo per la disponibilità e la risposta. Buona giornata, Fabio
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Fabio,
    purtroppo non è facile addomesticare una Monstera deliciosa, per sua natura ha uno sviluppo molto esteso e anche le singole foglie raggiungono dimensioni notevoli, circa un metro di lunghezza e 60 cm di larghezza.
    In questa foto tratta dal web può rendersi conto dello sviluppo in casa di questa pianta. 

    La soluzione, quindi, è trovarle un angolo in cui poterla far salire sulla parete. Può certamente tagliare le foglie basali più grandi (con un paio di forbici pulite, senza necessità di applicare prodotti), ma il portamento generale non la rende comunque una pianta adatta a stare in mezzo ad una stanza, bisogna garantirle un supporto sul quale salire.

    Vale comunque la pena trovarle un posto perché è una pianta eccezionale, in grado di regalare molte soddisfazioni!

    Saluti,

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Che cos'ha la mia pianta?

    Che cos'ha la mia pianta?

    Il 02/12/2018, Valentina di Verona ma sarda chiede:

    Buongiorno vorrei sapere cosa potrebbe avere la mia pianta. Premetto che era all'esterno, poi l'ho portata dentro casa. L'ambiente è molto umido e anche il terriccio è umido.
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Ciao Valentina.
    Le piante negli spostamenti da dentro a fuori risentono spesso del cambiamento. Modificando le condizioni in cui stavano (temperatura, aria, esposizione) devono riadattarsi alla nuova posizione.

    Fossi in te aspetterei qualche giorno per vedere come reagisce la pianta. Se le macchie aumentano, potrebbe essere proprio un eccesso di umidità, quindi parsimonia. Come sempre controllare il terriccio con il sistema dello stecchino in modo tale da valutare se la pianta necessita o meno di innaffiature.

    Chiara Brunori

    Condividi su:

  • Dieffenbachia: cause macchie foglie?

    Dieffenbachia: cause macchie foglie?

    Il 30/11/2018, Alberto di Prato chiede:

    Salve ho un problema con la mia Dieffenbachia acquistata a settembre. Da qualche giorno si stanno formando delle strane macchie sulle foglie. Dall'acquisto a oggi non ho rinvasato (vaso ∅19), annaffio con acqua demineralizzata e nebulizzo le foglie con regolarità. Ho eseguito una sola concimazione con cifo liquido. La pianta ha già rimesso nuove foglie. Vorrei sapere come posso intervenire e quale sia il problema. Grazie
    Verdi_e_Contenti
    Risponde l'esperto
    Chiara Brunori

    Salve Alberto,
    la Diffenbachia è una pianta sempreverde della famiglia delle Araceae. Ѐ una pianta velenosa in tutte le sue parti, soprattutto per i gatti. Ѐ una pianta che ama il caldo e pertanto si presta bene in casa con temperature tra i 20-30°C e d'inverno la minima in cui deve essere tenuta non deve mai essere sotti i 15°. Teme moltissimo le correnti di aria fredda e gli sbalzi di temperatura. Ama gli ambienti soleggiati ma non il sole diretto che potrebbe bruciare le foglie. La screziatura delle foglie è direttamente proporzionale alla luminosità della stanza.

    Per la comparsa delle macchie due possono essere le cause:

    1) se sono macchie tendenti al tondo, al tatto flaccide che cambiano colore diventando sempre più scure e che si allargano coinvolgendo la parte centrale della nervatura, si tratta di un'infezione. In questo caso sarà difficile salvare la pianta. In extremis è meglio: togliere subito le foglie malate e disinfettare le forbici per evitare di contaminare altre piante, cambiare totalmente la terra e il vaso che andrà anch'esso disinfettato. 

    2) Se invece le macchie coinvolgono solamente i bordi delle foglie è probabile che la pianta sia posizionata troppo vicino alla finestra e che per effetto lente abbia ricevuto troppo sole diretto. In tal caso è bene cambiare la posizione.

    Un saluto
    Chiara Brunori

     

    Condividi su:

  • Falangio con foglie gialle, perché?

    Falangio con foglie gialle, perché?

    Il 21/11/2018, Simona di Mirandola chiede:

    La mia pianta di falangio da quando l'ho portata in casa fa un sacco di foglie gialle.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Simona,
    accade spesso che, portate in casa. le piante perdano le foglie o ingialliscano.
    Cerchi di esporle in zona luminosa, quanto più possibile arieggiata e stia molto attenta a non annaffiare troppo.

    Le auguro buona giornata
    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Pianta di kentia in vaso con alcune foglie che stanno seccando, come mai?

    Pianta di kentia in vaso con alcune foglie che stanno seccando, come mai?

    Il 20/10/2018, Margherita di Milano chiede:

    Buongiorno, la nostra kentia ha delle foglie ingiallite, sembrano secche ma hanno le punte e il gambo verdi. Quale potrebbe essere il problema? Come possiamo recuperarla?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Margherita,
    alcune foglie ingialliscono e muoiono ciclicamente, le tolga via tagliandole alla base facendo attenzione di non andare proprio vicino al tronco.
    Poi però controlli anche il terriccio nel vaso che non sia troppo bagnato o che le radici non si siano scurite.
    Le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Come si chiamano queste tre piantine che mi hanno regalato? Come devo tenerle per...

    Come si chiamano queste tre piantine che mi hanno regalato? Come devo tenerle per l'inverno?

    Il 11/10/2018, Laura di Torino Italia chiede:

    Buongiorno, vorrei sapere come si chiamano queste tre piantine che mi hanno regalato? Come devo tenerle per l'inverno? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Laura,
    quella coi fiori è una begonia elatior: pianta da esterno in estate ma che in inverno necessita riparo in casa preferibilmente vicino ad una finestra almeno finché non finisce il suo ciclo è infatti pianta annuale.

    La seconda è una calanchoe, una pianta considerabile grassa che tollera anche temperature un pochino più rigide ma è consigliabile una posizione riparata.

    La terza ingrandendo l'immagine perde definizione e non riesco a riconoscerla, aveva dei fiori? Mi ricontatti se vuole e cercheremo di darle un nome. Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Piantina di Saintpaulia con foglie macchiate anche dopo aver usato un fungicida: come...

    Piantina di Saintpaulia con foglie macchiate anche dopo aver usato un fungicida: come mai? Cosa posso fare?

    Il 27/09/2018, Alessandra di Roma chiede:

    Buongiorno, la mia Saintpaulia ha le foglie che si macchiano in questo modo. Pensando fosse un fungo ho tolto tutte le foglie rovinate e spruzzato con un fungicida spray che avevo a base di tebuconazolo. Dopo un po' le macchie sono tornate. La pianta si trova nella stanza del mio ufficio, molto calda e dove arriva il sole nel pomeriggio e c'è quasi sempre la portafinestra aperta e un po' di condizionatore acceso con temperatura alta e getto d'aria non indirizzato sulle piante. Vi ringrazio per i consigli che potrete darmi. Cordiali saluti.
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno, probabilmente è proprio un problema "ambientale", dovuto a caldo e sole diretto e dalle caratteristiche che ha descritto. 

    Può provare a travasare la pianta in un vaso appena più grande, assicurando un buon drenaggio, e spostando la pianta in modo da escluderla da quelle condizioni ambientali.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Come posso potare la mia pianta di appartamento? Sopravvivrebbe se trapiantata in...

    Come posso potare la mia pianta di appartamento? Sopravvivrebbe se trapiantata in giardino?

    Il 12/09/2018, Chiara di Milano chiede:

    Buongiorno, ho questa pianta nel mio appartamento che in un paio d’anni ha raggiunto dimensioni un po’ esagerate, quindi risulta essere ingombrante e non molto bella. E’ possibile potarla? Come potrei fare? Se trapiantata in un giardino esterno potrebbe morire? Grazie mille per le risposte che mi darete!
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    normalmente questo tipo di piante si sviluppa in altezza, spogliandosi via via delle foglie sottostanti e lasciando il tronco "nudo" al di sotto della vegetazione; può travasarla in un vaso più grande per stimolare la vegetazione dalla base, e magari metterla in giardino solo nel periodo primaverile - estivo, ritirandola in casa in inverno. Se sarà comunque troppo alta potrà, solo se però ci sono altri rami che si sviluppano, potare il ramo "sfuggito" al controllo.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Pianta di medinilla in vaso con foglie che stanno seccando e accartocciandosi: perché e...

    Pianta di medinilla in vaso con foglie che stanno seccando e accartocciandosi: perché e cosa posso fare?

    Il 03/09/2018, Arianna di Seriate chiede:

    Buonasera!! Mi hanno regalato una splendida Medinilla due settimane fa ma da qualche giorno le foglie stanno diventando come le vedete in foto!! Per favore aiutatemi!!! :( La pianta è posizionata in salotto, una stanza ritengo abbastanza soleggiata (dalle 12 del mattino alla sera in estate, in questo periodo piove sempre) ed è in alto così che la luce del sole non la colpisca direttamente. Le do l’acqua demineralizzata se il terreno risulta asciutto e sto attenta che non ristagni. In fondo al sottovaso ho messo anche l’argilla espansa per assorbire l’acqua e creare umidità. Anche le foglie le nebulizzo con acqua demineralizzata almeno una volta alla settimana. Non vedo parassiti sulla pianta a parte una polvere bianca che però mi sa più di polvere che di cocciniglia (che conosco perché tratto le piante grasse a causa della siepe dei giardini sotto di me). Non so davvero cosa fare e cosa potrebbe essere, per favore potete aiutarmi??
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Arianna,
    secondo me è una sorta di muffa sviluppatasi per le alte temperature ed umidità. Tenga conto poi che la medinilla è una pianta delicata di difficile coltivazione. Eviterei di spruzzarla almeno per un po'. Rimuova le parti malate e provi a trattare con rame per "disinfettare" i tagli e le parti sane.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Piantina di peperomia con foglie macchiate che in seguito marciscono: cosa posso fare?

    Piantina di peperomia con foglie macchiate che in seguito marciscono: cosa posso fare?

    Il 31/08/2018, Ketty di Trieste chiede:

    Buongiorno. Avrei bisogno di un consiglio. Da un paio di mesi ho acquistato una peperomia fino ad ora era in ottimo stato, da una decina di giorni però sta cambiando. Le foglie si sono accasciate e una dopo l'altra iniziano ad annerirsi al centro e poi marciscono. Cosa potrei fare? Potrebbe essere un fungo forse?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Ketty,
    potrebbe essere un fungo sviluppatosi per le forti temperature; controlli anche l'umidità del vaso, se il terreno è in buone condizioni allora è davvero un fungo.

    Rimuova le foglie più malconce e tratti la sua pianta con del rame, lo troverà sicuramente all'agraria più vicina.

    Le auguro buona giornata.
    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Qualche chiarimento su questa piantina?

    Qualche chiarimento su questa piantina?

    Il 09/07/2018, Sergio di Ancona chiede:

    Buongiorno. Spero di aver indovinato il sito. Mi avevano parlato di questo portale per porre la mia domanda. Vi sarei grati se mi scioglieste un dubbio su questa pianta che mi hanno venduto ad una fiera come "pianta dell'amore". Sarebbe formata da steli legati su una composizione, senza terra. Dicono che è un'alga che non necessita di acqua e anzi teme il sole. Si svilupperebbe anche al buio con l'umidità di casa. Mi è venuto il dubbio che sia una pianta finta ed ecco perchè non appassisce. Spero di poter ricevere una cortese risposta per sapere se è una pianta conosciuta ed eventualmente il suo nome e se invece fosse finta. Grazie mille a prescindere da una risposta.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Sergio,
    in tutta onestà io non so aiutarla con questa pianta, anche ingrandendo la foto non riesco a capire bene.
    Le piante che vivono della sola umidità dell'aria, come le tillandsie, hanno fogliame più coriaceo. Provo a fare qualche ricerca, lei intanto provi a staccare con le dita una piccola porzione di pianta la schiacci tra le dita, se la pianta è vera, qualunque cosa sia le dita risulteranno umide. Mi faccia sapere.

    Le auguro buona giornata.
    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Calathea Crocata che ha perso i fiori ed ora appare indebolita: come rimediare?

    Calathea Crocata che ha perso i fiori ed ora appare indebolita: come rimediare?

    Il 10/04/2018, Ester di Roma chiede:

    Salve, a gennaio ho acquistato una calathea crocata, non ho mai cambiato la terra ne il vaso, lasciando quella del vivaio. I fiori sono appassiti subito, ed ora è così. Do acqua solo quando il terreno è asciutto e nebulizzo con acqua di rubinetto. Cosa manca alla mia pianta? Fertilizzante?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Ester,
    purtroppo capita spesso che acquistiamo piante da appartamento e poi ci troviamo con questo problema;
    ho notato anche le punte annerite delle foglie. 

    Proverei a svasare e sostituire il terriccio, giudichi lei in base al l'apparato radicale se aumentare o meno il vaso.
    Va bene come la sta innaffiando; mi creda, le piante che escono dalle serre di forzatura a habitat controllato accusano sempre il cambio di ambiente.

    Faccia questa operazione e se ne ha la possibilità quando piove e non fa freddo la metta un pochino all'aperto anche solo una mezz'ora.

    Le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Questa pianta, di cui non conosco il nome, non fa più fiori e vorrei rinvasarla....

    Questa pianta, di cui non conosco il nome, non fa più fiori e vorrei rinvasarla. Qualche consiglio?

    Il 30/12/2017, Mauro di Norvegia chiede:

    Salve, ho comprato questa pianta un anno fa a Oslo (Norvegia), ora vorrei cambiargli la terra, capire perchè non fa più i fiori, ma ho difficoltà a capire che pianta sia. Mi potreste aiutare per piacere? Ho provato a chiedere in alcuni negozi e anche con la ricerca su google immagini, ma niente. Grazie in anticipo. Buone feste a tutto lo staff!
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    potrebbe essere una Kalanchoe, ma, non essendo un'esperta di piante da interno, potrei anche aver completamente sbagliato genere.

    Consiglio comunque di rinvasarla, in quanto sembra aver bisogno di nuovo spazio, e metterla in una zona della casa luminosa ma non troppo calda.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Qual è il nome della piantina in foto?

    Qual è il nome della piantina in foto?

    Il 02/12/2017, Pietro di Mangone chiede:

    Volevo sapere qual è il nome della pianta in foto e il metodo di coltivazione. Grazie in anticipo
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buonasera,
    da quanto vedo in foto credo si tratti di Euphorbia marginata, una specie erbacea annuale che spesso si autosemina, quindi si propaga in "autonomia",ed è di coltivazione piuttosto semplice
    Necessita di zona a mezz'ombra, o di ombra luminosa.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Di che pianta si tratta?

    Di che pianta si tratta?

    Il 03/07/2017, Sandra di Vicenza chiede:

    Gentile esperto, ho avuto in regalo un seme che mi è stato detto essere solo ornamentale e di difficile germinazione (v. foto di involucro e piantina). Il seme ha invece germogliato, ma non so di cosa si tratti. Potete aiutarmi? Grazie mille. Sandra
    paolo_zacchera
    Risponde l'esperto
    Paolo Zacchera

    E' certamente un frutto di camelia che abitualmente racchiude 3 semi, germinabilità di solito medio/buona, intorno l'80%. 

    Nella foto piante da seme di camelia (tea sinensis).

    Cordiali saluti

    Paolo Zacchera

    Condividi su:

  • Come si chiama questa pianta? Deve essere potata?

    Il 13/06/2017, Nicola di Palo del Colle chiede:

    Buonasera, ho questa pianta in giardino, mi sapreste dire il nome e se bisogna tagliare qualche ramo? In caso, il taglio da dove deve essere fatto? Grazie
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Nicola,
    é una dracaena, viste le dimensioni e la ramificazione, che ha parecchi anni.

    Può potarla, direi, per contenere lo sviluppo laterale tagliando i rami non alla base e soprattutto non operi una potatura drastica in una sola volta.

    Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Il fiore della Bromelia si è sbiadito, devo toglierlo?

    Il 29/05/2017, Luciana di Torino chiede:

    Mi è stata regalata, a fine novembre 2016, una Bromelia con un bellissimo fiore rosso/viola, fiore che si è sbiadito quasi a diventare verdino, ma la pianta ha germogliato altri due fiori che ad oggi non sono ancora sbocciati. La mia domanda è: devo tagliare il vecchio fiore o devo lasciare tutto come si trova? Finirà per morire la pianta? Grazie per l'aiuto. Luciana
    federica-salomoni
    Risponde l'esperto
    Federica Salomoni

    Gentile Sig.ra Luciana

    grazie per aver richiesto il mio consiglio.

    Dalla Sua descrizione non riesco a capire esattamente la specie di Bromelia di cui si tratta, tenga conto che esistono almeno una ventina di specie.

    Tuttavia le dirò quello che consiglio vivamente nel mio negozio: eliminare i fiori vecchi con delicatezza

    Se riesce a farmi sapere la varietà esatta sarò in grado di dirle se come un' Aechemea (una Bromeliacea) anche la sua Bromelia può morire dopo la fioritura.

    Può inviarci delle foto se ne ha la possibilità, le basterà cliccare nell'email che riceve ora "Se vuoi invece ringraziare il nostro esperto e dare una valutazione della sua risposta clicca qui".

    Aspetto Sue notizie 

    Federica Salomoni
    Officina dei fiori, Via San Bonaventura, 56, Viterbo

     

    Condividi su: