chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Bonsai: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Portulacaria crassula: foglie e rami secchi, cosa fare?

    Il 10/07/2019, Rossella di Milano chiede:

    Ho un bonsai PORTULACARIA CRASSULA, da quando l'ho spostato da casa di mia figlia a casa mia cadono le foglie secche e i rami, cosa posso/devo fare? Grazie
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signora Rossella poti basso la sua pianta e la esponga subito al sole concimandola con concime organico mescolato al terriccio presente nel vaso: così dovrebbe in breve tempo riprendersi.

    Cordiali saluti

    Marco Alberti

  • Bonsai: di che pianta si tratta e come curarlo?

    Bonsai: di che pianta si tratta e come curarlo?

    Il 05/05/2019, Luca di Nichelino chiede:

    Buongiorno. Un po' di tempo fa mi hanno regalato questo bonsai ma non ho idea di che pianta sia. Se mi poteste aiutare a scoprirlo in modo da potermi studiare le cure migliori. Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Luca,

    si tratta di un Ficus retusa, comunemente chiamato "Ficus Ginseng".
    Le consiglio innanzi tutto di rinvasare la pianta in un contenitore di alcuni centimetri più largo, usando terriccio specifico per bonsai o in alternativa una miscela di terriccio universale di buona qualità (eviti terricci troppo economici, spesso portatori di funghi e muffe), pomice e lapilli.

    Si assicuri poi che non rimanga mai acqua stagnante sul fondo del sottovaso. Le innaffiature dovranno avere frequenza tale da non permettere al terriccio di seccare del tutto tra un'innaffiatura e l'altra. Infine, somministri regolarmente un concime specifico.

    Al momento, dopo averla rinvasata, visto che la pianta è piuttosto debilitata, può anche aiutarla con un fitostimolante, ottimi quelli a base di alghe.

    Saluti,

    Francesca Vernile

  • Bonsai con poche foglie nella parte bassa: cosa fare?

    Bonsai con poche foglie nella parte bassa: cosa fare?

    Il 30/04/2019, Anna di Italia chiede:

    Buongiorno, il mio bonsai, comprato un anno fa, ha perso parecchie foglie nella parte bassa, dopo pochi giorni dall'acquisto; poi ha iniziato a fare foglioline nuove e ora, nel complesso mi sembra stare bene, solo che esteticamente, così “nudo” in basso, non è un granché! C’è qualcosa che si può fare per favorire la crescita di nuove foglie/rami nella zona mancante? Come posso intervenire? Ringraziando, porgo cordiali saluti. Anna
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Anna,

    le consiglio innanzitutto di rinvasare in un contenitore più grande con un terriccio fertile e ben drenante (va bene sia uno specifico per bonsai che un terriccio universale di buona qualità addizionato a pomice e lapilli).

    Può poi aiutare la pianta a produrre nuova vegetazione somministrandole un fitostimolante, ad esempio uno a base di alghe. Infine, non dimentichi di concimare periodicamente con un un concime specifico.

    Saluti,

    Francesca Vernile

  • Bonsai con rami senza germogli: devo tagliarli?

    Bonsai con rami senza germogli: devo tagliarli?

    Il 29/04/2019, Matteo di Vicenza chiede:

    Ho questi evidenti rametti del bonsai (foto 1) dove non germoglia più nulla, cosa dovrei fargli? Li taglio? Poi (foto 2) sulle punte di quei tre rami ho delle puntine secche, marce.. anche lì li taglio? Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Matteo,

    non mi preoccuperei di quali rami tagliare al momento, piuttosto cercherei di stimolare la produzione di nuove foglie e far rimettere la pianta. Al momento può togliere i rami evidentemente secchi, ma più per una questione estetica che colturale. Dalle foto mi pare di vedere delle piccole ragnatele, potrebbero essere acari. Per sicurezza dia del sapone molle potassico. Si assicuri poi che il terriccio sia ben drenante e se non lo è provveda a sostituirlo con uno specifico per bonsai o un terriccio universale di buona qualità addizionato con pomice e lapilli. 

    Può aiutare la pianta con un fitostimolante, ad esempio uno a base di alghe.
    Faccia attenzione alle annaffiature, mantenga il terriccio sempre fresco, evitando di far andare la pianta in stress idrico, ma mai intriso d'acqua.
    Infine si ricordi di concimare regolarmente con un concime specifico.

    Saluti,

    Francesca Vernile

  • Bonsai ficus ginseng: cosa fare coi rami senza foglie?

    Bonsai ficus ginseng: cosa fare coi rami senza foglie?

    Il 27/04/2019, Laura di Reggio Calabria chiede:

    Salve, ho questo bonsai ficus ginseng da settembre 2018, durante l'inverno aveva perso quasi tutte le foglie ora ne stanno spuntando di nuove. Cosa devo fare ai rami senza foglie? Poi ho notato dei moscerini nel terriccio, cosa devo fare?
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Laura,

    le consiglio di rinvasare sostituendo il terriccio presente con un composto specifico per bonsai o in alternativa con una miscela di buon terriccio contenente pomice e lapilli, così da garantire il corretto drenaggio e la buona salute delle radici. Faccia attenzione che la pianta non sia posta sulla traiettoria di correnti d'aria, soprattutto in inverno, e che riceva una buona illuminazione ma non i raggi solari diretti

    Annaffi regolarmente mantenendo il terreno sempre fresco ma mai intriso d'acqua, quindi se usa un sottovaso, rimuova sempre l'acqua in eccesso dopo le annaffiature.

    Infine, concimi regolarmente con un concime specifico per bonsai sempreverdi o per piante sempreverdi, nel secondo caso riducendo la dose fino alla metà. 

    Quando la pianta si sarà ripresa e avrà riemesso la nuova vegetazione, potrà rimuovere i rami secchi che non hanno prodotto foglie.

    Saluti, 

    Francesca Vernile

  • Rinvaso bonsai: come effettuarlo?

    Il 26/04/2019, Andrea di Salerno chiede:

    Salve, sono nuovo nel mondo del taleaggio e dei bonsai. La mia domanda è questa: una volta ottenuta la radificazione dalla talea scelta, il rinvaso va fatto direttamente in un vaso per bonsai? Aiutatemi con il procedimento quanto più dettagliato possibile. Grazie davvero
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Andrea,

    generalmente il vaso bonsai viene usato su esemplari "adulti", nel senso di piante già formate, ed ha una valenza prettamente estetica. Durante la coltivazione di giovani piante destinate a diventare bonsai si può usare qualunque tipo di vaso, preferibilmente più basso del normale (tecnicamente si chiama "mezzo vaso") e in terracotta. In alcuni casi, possono anche essere coltivate per un certo periodo in vasi grandi, o addirittura in piena terra, così da far ingrandire il tronco e solo dopo procedere alla zollatura e al trasferimento in vaso. Tuttavia, può sempre coltivare le giovani piante in vasi smaltati tipicamente da bonsai, ma si assicuri che abbiamo dimensioni adeguate per la taglia della sua pianta.

    Saluti, 

    Francesca Vernile

  • Ficus bonsai con foglie gialle che cadono: come mai?

    Ficus bonsai con foglie gialle che cadono: come mai?

    Il 07/04/2019, Pia di Trento chiede:

    Salve. Vorrei chiedere un informazione. Ho un ficus bonsai. Ha più di 10 anni ma da circa due settimane le foglie diventano gialle e cadono. Ho notato del liquido bianco sui rami e al tatto appiccicoso. Secondo Voi cosa può avere? Grazie in anticipo per la risposta.
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Pia,

    un parziale ricambio di foglie è assolutamente normale e a giudicare dalla foto, non mi sembra sia eccessivo. Il liquido appiccicoso è la linfa della pianta, un lattice che se toccato può risultare irritante, quindi faccia attenzione. 

    Se la caduta delle foglie dovesse diventare eccessiva, provi a rinvasare la pianta con nuovo terriccio drenante e a somministrare un biostimolante (eccellenti quelli a base di alghe). Infine non dimentichi di concimare periodicamente con del concime specifico.

    Saluti, 

    Francesca Vernile

  • Bonsai lentisco: stress da rinvaso, come curarlo?

    Bonsai lentisco: stress da rinvaso, come curarlo?

    Il 13/03/2019, Massimo di Carbonia chiede:

    Il mio vecchio bonsai di lentisco ha subito uno stress da rinvaso, le foglie hanno perso lucentezza e colore, i rami apparentemente non sembrano asciugarsi. Vorrei sapere se si può fare qualche accorgimento per aiutarlo a non seccarsi.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Massimo.

    Le dico la mia: una pianta vecchia, bonsai o no, subisce un piccolo trauma durante il rinvaso quindi al momento l'unica cosa è collocarla nella posizione ottimale, bagnare pochissimo il terreno ma aiutare la superficie fogliare con regolari nebulizzazioni ed evitare il più possibile correnti d'aria e sbalzi di temperatura che possano dare fastidio.

    Le auguro buona giornata
    Kety Cialdi

  • Bonsai: devo rinvasare?

    Bonsai: devo rinvasare?

    Il 26/02/2019, Miriam di Treviso chiede:

    È il caso che rinvasi il bonsai? Grazie.
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Miriam,

    in effetti sembrerebbe opportuno un rinvaso. Tenga conto che mediamente i bonsai si rinvasano ogni due/tre anni, aumentando leggermente la grandezza del vaso ma ricambiando tutta la terra (che dev'essere specifica per bonsai, ovvero contenente una buona percentuale di materiali drenanti e sostanza organica).
    Non dimentichi di concimare regolarmente con un prodotto specifico.

    Saluti,

    Francesca Vernile

  • Bonsai ha perso tutte le foglie dopo il rinvaso: è normale?

    Bonsai ha perso tutte le foglie dopo il rinvaso: è normale?

    Il 24/01/2019, Nadia di Bologna chiede:

    Salve, queste sono le condizione del mio Bonsai, acquistato a luglio, dopo pochi mesi ha iniziato a perdere le foglie. Purtroppo l'ho travasato poco dopo l'acquisto, lo annaffio quando sento la terra secca, circa 1 volta a settimana con 2 bicchieri d acqua. È normale che d'inverno sia così? Cosa posso fare per aiutarlo? lo tengo alla luce all'interno, d'estate sul balcone all'ombra. Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve,

    un ricambio di foglie è fisiologico nel periodo autunno-invernale ma se la quantità persa è maggiore a circa 1/3 del totale, significa che la pianta è in condizione di stress.

    Il periodo estivo non è indicato al rinvaso di un bonsai ed è quindi probabile che a ciò sia dovuta la condizione di stress attuale.
    Le consiglio di aumentare l'irrigazione cercando di non far mai arrivare la terra a completa asciugatura, inoltre non si limiti a due bicchieri ma dia acqua in abbondanza, a più riprese, oppure lasci il vaso in immersione per una decina di minuti, in modo che il terriccio possa impregnarsi completamente.
    Infine, somministri periodicamente un concime specifico per bonsai.

    Saluti,

    Francesca Vernile

  • Bonsai ficus con buco: come curarlo

    Bonsai ficus con buco: come curarlo

    Il 19/01/2019, Lucia di Meolo chiede:

    Buon giorno, ho un bonsai ficus che d’estate tengo sotto un albero ma finita l’estate lo ritiro. Quest’anno ho dovuto metterlo in magazzino, dove aveva luce, perché stavo facendo lavori in casa. Ora portandolo su mi accorgo che il tronco è stato mangiato presumo da topi. Come posso ripararlo?
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Lucia,
    i topi le hanno fatto davvero un brutto scherzo!

    Le consiglio di spennellare della poltiglia bordolese su tutto il legno rosicchiato, così da evitare l'ingresso di funghi patogeni e, se la pianta è comunque viva e in grado di vegetare, lasciare che si riassesti da sé. 
    Non riempirà il buco ma lo ingloberà, lentamente, nella crescita degli anni successivi. 

    Buona fortuna!

    Francesca Vernile

  • Bonsai Zanthoxylum: escrescenza strana, che cos'è?

    Bonsai Zanthoxylum: escrescenza strana, che cos'è?

    Il 10/01/2019, Gabriele di Brindisi chiede:

    Salve, potreste aiutarmi a capire cosa ha il mio bonsai? È stato in ottima salute per oltre 2 anni e da pochissimo (2 settimane) ha iniziato ad appassire e perdere foglie, sia verdi che gialle. Inoltre, è comparsa un'escrescenza strana ed appiccicosa, come fosse un fiore anomalo della pianta. Vi ringrazio molto. Gabriele
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Gabriele,
    innanzitutto la rassicuro che, sul suo bonsai di Zanthoxylum beecheyanum, l'escrescenza strana ed appiccicosa non è un fiore anomalo ma è proprio la tipica infiorescenza della specie però, anche nelle migliori condizioni, non arriverà a fruttificare essendo pianta dioica, ovvero con fiori femminili e maschili portati da piante distinte.

    Probabilmente la contemporanea caduta parziale delle foglie è stata causata dal dirottamento delle energie della pianta nella fioritura. Ciò dando per scontato che in questi due anni lei abbia concimato regolarmente il suo bonsai, che essendo una pianta sempreverde subtropicale va concimata anche in inverno (con frequenza ridotta).
    In caso contrario, le consiglio di iniziare a farlo subito e vedrà che la pianta sarà presto nuovamente ricca di vegetazione.

    Cordiali saluti,

    Francesca Vernile

  • Rosa del deserto, foglie gialle e molli: cosa succede?

    Rosa del deserto, foglie gialle e molli: cosa succede?

    Il 10/12/2018, Elisa di Monza chiede:

    Buonasera, ho questa pianta da marzo e la tengo da sempre fuori sul balcone, oggi l'ho guardata e aveva le foglie molli e gialle che si staccavano al tatto. Ora l'ho messa dentro, volevo chiedere se qualcuno sa cos'è o se è normale che succeda. Grazie
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Elisa,

    direi che il suo Adenium obesum, "Rosa del deserto", ha subito danni da freddo, ma se non è stato compromesso il fusto (verifichi che sia turgido e non molle come le foglie), mantenendolo a temperature non inferiori a 10° fino alla stagione primaverile, ha speranza di salvarlo. Riduca drasticamente le irrigazioni fino alla bella stagione, limitandosi ad innaffiare solo quando il terreno è completamente asciutto da qualche giorno.

    Gli Adenium sono piante succulente caudiciformi, ovvero provviste di fusti rigonfi che immagazzinano l'acqua, originarie dell'Africa sud-orientale, pertanto in estate possono essere tenute fuori ma non appena le temperature scendono vanno riposte in luogo riparato.

    In bocca al lupo!

    Francesca Vernile

  • Ficus bonsai: consigli per il rinvaso

    Ficus bonsai: consigli per il rinvaso

    Il 10/05/2018, Stefania di Villanova Mondovì Cuneo chiede:

    Ho un bonsai ficus panda da circa 4 anni. Tutte le primavere lo porto a rinvasare (e legatura delle radici). Ora se facessi io la rinvasatura, senza più legare le radici che mi sembra un intervento invasivo, cosa ne pensate?
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno Stefania,
    prima di tutto è anche eccessivo rinvasare un bonsai tutti gli anni, è vero che il ficus è una pianta dal forte sviluppo radicale, ma non è necessario rinvasarla ogni anno.

    Per quanto riguarda la legatura delle radici, che penso si riferisca alla legatura della zolla radicale al vaso tramite un filo che passa dai buchi del vaso, è una operazione che ha il solo scopo di ancorare la pianta al vaso e quindi evitare che si muova durante qualsiasi operazione come uno spostamento del bonsai stesso; la potatura o la filatura, quindi, le consiglio comunque di farle, tra l'altro non è una operazione invasiva o stressante per la pianta.

    Se poi si riferiva a qualche altra operazione me lo faccia sapere.

    Grazie

    Cordiali saluti, Gianfranco Chiapperini

  • Ligustrum Bonsai con foglie secche. Cosa fare?

    Il 14/12/2017, Maria di Roma chiede:

    Buongiorno, ho un bonsai ligustrum regalatomi 20 giorni fa: da circa 1 settimana le foglie sembrano del tutto secche e arricciate anche se non cadono. Innaffio solo quando la terra è secca, ma si presenta (la terra) sempre molto dura, mai soffice. La ringrazio Maria
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno Maria,
    a riguardo della terra del suo Ligustrum Bonsai che vede dura e non soffice, come dovrebbe essere, purtroppo è il risultato di bonsai gestiti in modo "industriale" e che quindi andrebbero subito rinvasati con un terriccio più sabbioso e drenante in modo da garantire la corretta ossigenazione delle radici, a differenza dell'attuale substrato che invece tende a soffocarle.

    A riguardo, invece, del fogliame secco e arricciato è quasi sempre l'effetto di un colpo di secco dovuto ad una scarsa irrigazione, in quanto il primo fenomeno è appunto quello che la foglia tende a stringersi e chiudersi su se stessa per mancanza di idratazione e poi il secondo effetto, se ancora tende a mancare l'acqua, è quello di seccare.

    A volte la pianta è ancora recuperabile, l'unica cosa che può fare è quella di potare tutta la pianta e assicurarsi di annaffiarla abbondantemente; se è ancora viva tenderà a ricacciare nuovi germogli.

    Ci faccia sapere come va.
    Saluti 
    Gianfranco Chiapperini 

  • Bonsai Pepper con palline bianche: di cosa si tratta?

    Bonsai Pepper con palline bianche: di cosa si tratta?

    Il 23/09/2017, Cristina di Palermo chiede:

    Salve, ho un bonsai da un mese e ho letto di tenerlo sempre alla luce, ben ventilato e soprattutto di mettere l'acqua ogni giorno. Per altro a Palermo fa molto caldo, quindi mi assicuro che la terra non sia mai asciutta. Per un paio di settimane ho pensato che la mia condotta andasse bene e ho visto tante nuove foglie e rami crescere ma altrettanti ne perde, è normale? Inoltre una cosa che mi lascia perplessa è la presenza di palline bianche, come se fossero cotone idrofilo, che una volta toccate si staccano e filano. Spero che le foto siano esaustive. Che cosa è? Un parassita? Mi può consigliare una cura? Grazie
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno Cristina,

    il suo Bonsai Pepper (così viene comunemente chiamato), è stata attaccato dalla cocciniglia, un parassita che si presenta appunto in piccoli scudetti bianchi cotonosi; non si preoccupi visto che in genere è una malattia facilmente curabile.

    Logicamente se interviene in tempo con un anticocciniglia è meglio e, se vuole, noi lo vendiamo sul ns. sito a questo link
    https://www.polliceverdestore.com/it/anticocciniglia-insetticida-pronto-alluso-500-ml
    Inoltre sappia che la cocciniglia si forma in situazioni poco arieggiate, ombrate e molto umide, quindi se riesce a tenere la pianta in un posto più ventilato, già è un ottimo passo verso il prevenire la malattia.

    Grazie 
    Cordiali saluti
    Gianfranco Chiapperini

  • Ficus Ginseng con foglie diverse

    Ficus Ginseng con foglie diverse

    Il 20/09/2017, Antonella di Mondragone chiede:

    Salve volevo un parere su un bonsai che ho acquistato un anno fa, dopo qualche mese è nato un nuovo ramo (immagine 1) ma ad oggi le foglie di questo ramo (immagine 2) sono completamente diverse dal resto dell'albero perché? Non capisco cosa sia successo. Grazie in anticipo
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno Antonella,

    non preoccuparti è normale, il bonsai che tu hai, originato da una pianta chiamata comunemente Ficus Ginseng, è formato da 2 specie diverse.

    Praticamente vengono innestati i rami di una varietà di Ficus sul tronco di un altro Ficus (quello grosso alla base), quindi tutti gli eventuali rami che partono dal tronco logicamente sono differenti dal resto della chioma.
    Comunque ti consiglio di tagliare tutti i rami che partono dalla base, anche per un fattore estetico.

    Grazie, alla prossima
    Saluti 
    Gianfranco Chiapperini

  • Bonsai con foglie ingiallite: che fare?

    Bonsai con foglie ingiallite: che fare?

    Il 20/09/2017, Michela di Bologna chiede:

    Salve, avrei bisogno di un consiglio in quanto il mio bonsai sta ingiallendo tanto le sue foglie. Ce l'ho da un anno ed è la prima volta che lo fa. Non è cambiato niente ultimamente, ne la posizione ne la cura ricevuta. Cosa potrebbe essere? Grazie in anticipo per l'attenzione. Michela
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Foto Bonsai con foglie gialleBuongiorno Michela,

    la pianta infatti sta bene, quelle che stanno ingiallendo sembrano foglie vecchie e comunque denotano una carenza di microelementi e ferro, quindi ti consiglio di concimare il bonsai con un prodotto ricco di questi ultimi.
    I bonsai a lungo andare necessitano di rinvasi e concimazioni frequenti, in quanto vivendo in un piccolo vaso con poca terra, le sostanze si esauriscono abbastanza velocemente.

    Spero di esserti stato d'aiuto.
    Saluti

    Gianfranco Chiapperini

  • Bonsai di Cipresso: consigli sulla cura?

    Il 02/04/2017, Bongiovanni di Giussago chiede:

    Buonasera, ho un Cipresso bonsai, ho cambiato il vaso mettendo della ghiaia sotto ed un insieme di sabbia e di concime per bonsai. Purtroppo nel cambiare il vaso molte foglie si sono seccate. Adesso gli ho messo questa nuova terra, ha però sotto un blocco di radici. Lei mi può dare delle informazioni basiche sulla cura del Cipresso? Grazie, Cordiali saluti, Marzio
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno,

    il bonsai di Cipresso, come tutti i bonsai di conifere, richiede sicuramente maggiori attenzioni nelle fasi di rinvaso o potatura, rispetto alle latifoglie.
    Avrei sicuramente bisogno di ulteriori dati per capire bene il suo caso specifico ma cercherò di soddisfare tutti i suoi dubbi in merito.

    Prima di tutto il rinvaso và effettuato in un preciso periodo, e il migliore rimane quello tra marzo e aprile, quando la pianta è in risveglio vegetativo; nella fase del rinvaso vanno potate le radici (preferibilmente non più di 1/3 di tutta la zolla) e potato anche nella parte aerea.

    Per quanto riguarda la miscela di substrato va benissimo creare un fondo con della ghiaia più grossolana per il drenaggio dell'acqua e un mix di sabbia e terriccio.

    Un ottimo terriccio per le conifere in genere è la Kiryuzuna  (un terriccio di origine giapponese molto ricco di microelementi che le conifere amano).

    Altre indicazioni utili per la cura di un Cipresso sono quella di tenerlo all'esterno in zone abbastanza soleggiate e concimarlo con concimi preferibilmente organici e ricchi di microelementi, per un ulteriore aiuto a questa pagina può trovare tutti i nostri concimi per bonsai: https://www.polliceverdestore.com/it/prodotti-e-concimi-2#/noFilterApplied

    Un ultimo consiglio è quello di pinzare la nuova vegetazione verso metà Giugno, in questo modo la pianta diverrà sempre più fitta e vigorosa.

    Spero di aver chiarito i suoi dubbi in merito e che la sua pianta torni più vigorosa che mai!

     

    Cordiali saluti

    Gianfranco Chiapperini

    Centro Bonsai Pollice Verde

  • Come curare un Bonsai Ficus?

    Come curare un Bonsai Ficus?

    Il 09/11/2016, Letizia di Varese chiede:

    Buon giorno, ho un problema con il mio ficus: è da quasi un paio di mesi che ha perso tantissime foglie e ci sono un paio di rami molto secchi sui quali non crescono più foglie. Cordiali saluti.
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno Letizia,

    la foto non è molto chiara ma per esperienza posso dirle che il Ficus ginseng tende a perdere foglie quando è posizionato in aree con poca luminosità, oppure quando non viene mai potato (come sembra dalla foto) vegetando, quindi, soltanto all’apice del ramo e lasciando tutto il resto secco con conseguenza che i rami più deboli, rimasti senza fogliame e senza tiraggio della linfa, secchino definitivamente.

    Anche se non è il momento perfetto per farlo, bensì in primavera-estate, se può poti la pianta anche drasticamente e la rinvasi con della terra più drenante e arieggiata, ricca di materiale a granulometria grossa e tenga la pianta in qualche zona calda e riparata da eventuali venti, tenendo conto anche del fatto che a Varese le temperature esterne iniziano ad essere troppo fredde per un Ficus.

    Gli eventuali rami completamente secchi (basta scortecciare un pò il ramo, se è verde allora è ancora vivo; invece se è marroncino è completamente secco) li tagli del tutto.
     
    Questa operazione dovrebbe farle rivegetare e ricompattare la vegetazione.
     
    Cordiali saluti.

    Gianfranco Chiapperini
    Vivaio Pollice Verde

  • Bonsai Ficus Ginseng: quali sono i trucchi per farlo crescere al meglio?

    Il 19/09/2016, Carlo di Poggio S. Marcello chiede:

    Salve, vorrei fare alcune domande all'esperto sul mio bonsai ginseng. Me ne hanno regalato uno qualche settimana fa e vorrei sapere quali sono le indicazioni di massima per curarlo... ovvero qual è la grandezza del vaso ideale, quando effettuare la potatura se la chioma diventa troppo folta (è corretto portarlo), ci sono prodotti per concimarlo e farlo crescere ancora più sano? Grazie 1000 per i consigli.
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Buongiorno Sig. Carlo,

    gestire un Bonsai Ficus Ginseng è abbastanza semplice, motivo per cui è una pianta molto diffusa, infatti vive bene all’interno (assicurandole una buona luminosità) o anche all’esterno evitando i raggi diretti del sole (questa è indubbiamente la soluzione migliore), a patto che la temperatura non vada sotto i 5-6 gradi circa.

    Le innaffiature non devono essere mai abbondanti e deve assicurarsi di lasciare asciugare il terreno tra una innaffiatura e l’altra. Il Ficus non ama il terriccio costantemente umido, a differenza invece delle nebulizzazioni sul fogliame che sono molto gradite (i Ficus sono piante autoctone di climi tropicali quindi con tassi di umidità altissimi).

    La dimensione del vaso fondamentalmente non deve essere molto grande, (poco più grande della zolla della pianta) in quanto il Ficus non necessita di molta terra, nella tecnica bonsai in genere la larghezza del vaso è 2/3 dell’altezza della pianta per garantire un ottimo rapporto estetico, con il Ficus Ginseng però questo rapporto dei 2/3 a volte è difficile da mantenere per via della base molto larga del tronco; è invece molto importante il substrato che utilizza, in quanto deve essere molto drenante e areato, altrimenti rischia nell’arco di breve tempo, di far soffrire la pianta per asfissia delle radici.

    La concimazione può effettuarla con questo prodotto o anche con un buon concime liquido per bonsai, di cui se ne trovano parecchi in commercio, in genere si somministrano 2-3 volte al mese, fermandosi nel pieno inverno, periodo nel quale le piante sono a riposo.

    La potatura deve essere fatta almeno 2-3 volte all’anno e preferibilmente nei periodi caldi, in quanto la potatura stimola sempre lo sviluppo di nuove gemme dormienti, le quali hanno bisogno di un clima caldo per potersi sviluppare bene, inoltre è essenziale per non ritrovarsi nel punto in cui la pianta presenta lunghi rami molto vegetati agli apici e completamente spogli all’interno (tipico caso di chi non ha mai potato la pianta).

    In via generale è consigliato eseguire le operazioni più stressanti per il Ficus, quali rinvaso o potatura, sempre in periodi in cui la temperatura è superiore ai 20 gradi. Spero vivamente di esserle stato d’aiuto, e le auguro che il Ficus Ginseng possa essere un trampolino di lancio per altri bonsai!

    Gianfranco Chiapperini
    Vivai Pollice Verde

  • Bonsai: consigli sull'acquisto e la coltivazione

    Il 31/08/2016, Enrica di Sestri Levante chiede:

    Ciao, mi sono da poco trasferita nella nostra nuova casetta vicino al mare (ligure) e ho un locale/portico molto bello con luce praticamente tutto il giorno, chiuso da vetrate che permettono alla temperatura di non abbassarsi mai troppo. La mia idea era quella di iniziare ad avvicinarmi al fantastico mondo del bonsai del quale sono sempre rimasta affascinata e attratta. Volevo sapere dal vostro esperto in bonsai quali sono i primi passi da fare per avere un buon approccio a tale passione. C'è una logica nell'effettuare i primi acquisti? Mi consiglia qualche lettura in particolare? Ci sono segreti/consigli a cui attenersi per i miei futuri bonsai? Molte grazie. Enrica
    gianfranco_chiapperi
    Risponde l'esperto
    Gianfranco Chiapperini

    Sig.ra Enrica,

    se non ha nessuna esperienza nel mondo del bonsai, sicuramente i primi passi da fare sono quelli di cominciare con piante di facile coltivazione e adatte al suo clima, se intende per esempio tenerle in una zona molto luminosa ma interna potrebbe cominciare con dei ficus bonsai, olmi bonsai o anche essenze mediterranee quali olivo, mirto o pyracantha, sono da evitare assolutamente tutte le conifere le quali richiedono ambientazioni esterne, spesso fresche e arieggiate, oltre che una maggiore preparazione tecnica per la loro manutenzione.

    Detto ciò, sappia che un qualsiasi bonsai, se tenuto all’esterno, crescerà sempre meglio di una zona interna, seppur ben illuminata e arieggiata. Se vuole intraprendere questo splendido percorso, il mio consiglio è prima di tutto nel cominciare (dopo avere scelto uni dei bonsai sopra descritti) semplicemente nel tenere ben in vita la pianta, capire le innaffiature di cui necessita, l’esposizione corretta, le varie concimazioni e poi pian piano addentrarsi nei dettagli delle potature e rinvasi, che sono le tecniche che le permetteranno di mantenere l’estetica del suo bonsai.

    Può acquistare alcuni manuali base per cominciare, noi ne abbiamo alcuni in vendita sul nostro sito specifici per ogni specie, inoltre per ogni bonsai che vendiamo inseriamo la relativa scheda botanica.

    Nel bonsai non ci sono segreti, c’è tanto amore e passione per la cura delle sue piante, ed esperienza nell’effettuare operazioni di manutenzione che acquisirà pian piano con il tempo, il bonsai è un'arte che ci insegna anche ad aver pazienza e rispetto per la natura, c’è gente che in un giorno vorrebbe potare, rinvasare e concimare un bonsai con il risultato di far morire la pianta, deve invece effettuare ogni singola operazione nel momento giusto nell’arco dell’anno.

    Per le sue domande e per descrivere il percorso verso il bonsai ci si potrebbe dilungare davvero tanto, spero per ora di aver assolto ai suoi primi dubbi e magari al prossimo passo sono sempre qui per qualsiasi ulteriore chiarimento.

    Cordiali saluti

    Gianfranco Chiapperini
    Vivaio e Garden Center Pollice verde