chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Zamioculcas: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Zamioculcas con bulbi fradici: come aiutarla?

    Il 11/03/2019, Gabriele di Salerno chiede:

    La mia zamioculcas ha i bulbi fradici, come posso fare per salvarla?
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Gabriele,

    se la pianta è marcita, purtroppo c'è poca speranza di recuperarla. 

    Le Zamioculcas non tollerano assolutamente il ristagno idrico, per questo è consigliabile rinvasarle subito in un composto altamente drenante sostituendolo al terriccio torboso in cui vengono allevate dai produttori (i quali hanno più facilmente possibilità di monitorare attentamente l'umidità del terreno ed evitare eccessi).

    Poiché la speranza è l'ultima a morire, provi a rimuovere tutte le foglie e sospenda le irrigazioni fino a quando il terriccio non risulti completamente asciutto, tornando a somministrare acqua con parsimonia e lasciando sempre asciugare il terriccio tra un'irrigazione e l'altra. Se parte della pianta è rimasta vitale, fra qualche tempo potrebbe spuntare una nuova foglia.

    Buona fortuna!

    Francesca Vernile

    Condividi su:

  • Zamioculcas: troppa acqua, posso recuperarla?

    Zamioculcas: troppa acqua, posso recuperarla?

    Il 11/02/2019, Nancy di Reggio Calabria chiede:

    Ho lasciato la mia pianta in custodia alla mia vicina e purtroppo me l'ha ridotta così. Penso abbia dato troppa acqua.. Posso recuperarla?
    Francesca_Vernile
    Risponde l'esperto
    Francesca Vernile

    Salve Nancy,

    in effetti ha ragione, sembra proprio esser stata data troppa acqua e la pianta ne ha risentito.
    Purtroppo c'è poco da fare, se tutte le foglie sono compromesse deve sperare che non lo siano gli organi sotterranei, ma può solo sospendere le irrigazioni e far asciugare completamente il terriccio aspettando di vedere come reagirà la pianta.
    Per velocizzare, può anche rinvasare con nuovo terriccio asciutto e drenante.

    Saluti,

    Francesca Vernile 

    Condividi su:

  • Pianta di zamioculcas con rami molli che si sono piegati: è normale? Cosa fare?

    Pianta di zamioculcas con rami molli che si sono piegati: è normale? Cosa fare?

    Il 19/11/2018, Francesca di Pisa chiede:

    Buongiorno, la mia Zamioculcas sembra stare bene come fogliame ma i rami sono molli e si sono flessi (vedi foto)! La pianta è posta in un angolo luminoso in basso, la bagno poco e l’acqua non ristagna! Che posso fare? Grazie
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signora Francesca, le consiglio di usare un concime liquido per piante d'appartamento a foglia verde dandolo in primavera ed estate ogni mese per rinforzare le sue foglie.

    Cordiali saluti
    Marco Alberti

    Leggi le altre risposte dell'esperto su ZAMIOCULCAS:

     

    Condividi su:

  • Pianta di zamioculcas: è vero che è dannosa per la salute?

    Pianta di zamioculcas: è vero che è dannosa per la salute?

    Il 28/07/2018, Rhoxy di Modena chiede:

    Salve, volevo chiedere un'informazione su una pianta di Zamioculcas o detta anche pianta di Padre Pio. È da due mesi che ce l’ho e la tengo dentro casa. Oggi mi ha fiorito. Alcuni dicono che sia nociva per la salute, che causi cancro, ecc. Ho dei bambini in casa: mi devo preoccupare? Attendo una sua risposta Grazie anticipatamente Distinti saluti
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile signora Rhoxy, l’ossalato di calcio presente negli organi di questa pianta può accumularsi nell’organismo causando calcoli biliari e renali. A contatto con la pelle l'ossalato estratto dalle foglie provoca infiammazioni o irritazioni acute. Tutte le altre notizie che si leggono sul web sono il frutto di disinformazione (compresa la falsa notizia sul cancro!). Comunque, il gusto per niente gradevole dei suo organi scoraggia in genere anche i più curiosi.

    Cordiali saluti

    Marco Alberti

    Condividi su:

  • Zamioculcas zamiifolia: qual è il modo giusto per coltivarla e quanto bisogna attendere...

    Zamioculcas zamiifolia: qual è il modo giusto per coltivarla e quanto bisogna attendere per veder spuntare le foglie doppie?

    Il 17/09/2016, Stefano Sangiorgio di Erba chiede:

    Buongiorno. Nel Natale 2013 ho messo in un vasetto con terriccio sabbioso, interrandola per metà, una foglia, completa di picciolo, di Zamioculcas zamiifolia. Dopo un anno la foglia è seccata, indicando la formazione di un tubero che, nella primavera del 2015, è germogliato dando uno stelo con una coppia di foglie semplici. Lo stelo, nel dicembre 2015, è seccato e, nel gennaio 2016 si è originato lo stelo attuale ben visibile nelle due foto (una senza e una con flash) La piantina è sempre stata tenuta in casa non al sole diretto a una t costante di 20-25°C. Volevo chiedervi quanti anni devo attendere prima di veder spuntare le splendide foglie pennato composte e non più semplici come quelle della foto e se sto coltivando correttamente la pianta (la bagno solo a terriccio perfettamente asciutto per non incorrere in marciumi). Grazie e cordiali saluti.
    marco_alberti
    Risponde l'esperto
    Marco Alberti

    Gentile sig. Stefano,

    la Zamioculcas zamiifolia non ha problemi di  moltiplicazione: le due foglie che vedo nella sua foto sono le prime che 
    spuntano dal bulbo e sono naturalmente diverse da quelle definitive che crescono a partire dall'anno successivo in sostituzione di quelle attuali, chiamate foglie cotiledonari; pertanto il modo migliore di moltiplicare la sua pianta è tramite i bulbi in un terriccio che deve essere bagnato poco solo se la si tiene all'ombra e un po di più alla luce indiretta.

    Provi comunque a spostare la pianta in un vaso più grande la prossima primavera, per favorire lo sviluppo delle nuove foglie.

    Cordiali saluti

    Dott. Marco Alberti

    Condividi su: