chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Peperoncino: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Peperoncino cayenna: posso concimarlo? È normale che abbia tante foglie?

    Peperoncino cayenna: posso concimarlo? È normale che abbia tante foglie?

    Il 10/06/2019, Luca di Legnano chiede:

    Buonasera, Mi chiamo Luca, ho 21 anni e ho da poco iniziato a coltivare peperoncini. Ti scrivo per ringraziarvi per i video caricati su youtube (sono davvero di grande aiuto per chi, come me, è ancora inesperto) e per chiederti un consiglio riguardo le piante di peperoncino Cayenna di cui trovi le foto in allegato. Le piante sono 5, hanno 3 mesi di vita e fino ad ora non ho utilizzato alcun concime in quanto non ero a conoscenza della sua importanza. Ci tengo davvero tanto ad ottenere un buon risultato, quindi ecco le mie domande: 1) è possibile iniziare ad effettuare la concimazione ora, nonostante il terreno non sia mai stato concimato prima? 2) le piante nell'ultimo periodo hanno sviluppato moltissime foglie. Guardando alcune piante su internet mi è sembrato che fossero un po' troppe. Questo è un fatto positivo o negativo? Ti ringrazio in anticipo per la risposta, un saluto, Luca
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Buongiorno Luca,

    1. certo che puoi concimarlo. Fino ad ora si è nutrito di quello che c'era nel terreno di base e dei sali presenti nell’acqua. È ora di concimarlo.
    2. La pianta si vede bene, si protegge dal sole. Se vedi ancora molte foglie puoi togliere qualcuna di quelle centrali.

    Un saluto

    Marco V. Del Grosso

  • Cimatura: posso farla anche su un peperone verde friariello?

    Il 07/06/2019, Nicola di Cimitile chiede:

    Ho visto il video per la cimatura dei peperoncini piccanti per dare maggiore forza e produttività alla pianta. La mia domanda è: la stessa tecnica può essere utilizzata per il peperoncino verde friariello napoletano? A che altezza della pianta si deve cimare? Grazie.
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Nicola.

    Assolutamente sì, la tecnica della spuntatura del peperoncino la può tranquillamente adottare anche per il peperone dolce, in questo caso il Friariello Napoletano.

    La spuntatura, o meglio la cimatura, va fatta sopra la prima foglia più in alto, questo per facilitare lo sviluppo dei germogli laterali e l’allegagione dei frutti.

    Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.

    Dott. Fabio Di Gioia
    Specializzato nel recupero e valorizzazione di varietà vegetali antiche.

  • Peperoncino in vaso grande che non cresce molto: come mai?

    Peperoncino in vaso grande che non cresce molto: come mai?

    Il 04/06/2019, Giovanni di Italia chiede:

    Buongiorno è uguale se evito i travasi e metto il seme direttamente nel vaso grande finale? Se vede nell'ultima foto ho provato a mettere il seme direttamente nel vaso grande, ma sembra che la piantina stia crescendo meno rapidamente (magari è solo un'impressione) delle altre due soprattutto della che cresce nel bicchiere rosso. Grazie.
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Giovanni

    La buona norma prevederebbe di cambiare il vaso passando da quello piccolo a quello medio, per consentire la crescita delle radici al suo interno.

    Quello che ha fatto lei è stato quello di mettere subito la piantina in vaso più grande. Il vantaggio in questo caso, è che la pianta avrà modo di svilupparsi nel terreno
    Lo svantaggio invece è che per far crescere le radici all’interno di questo vaso grande, la pianta tenderà a partire e svilupparsi solo quando avrà colonizzato con le sue radici tutta la circonferenza del vaso.

    Se tra un paio di settimane vede che la pianta è confermata, mi può contattare tranquillamente, sempre attraverso il Portale del Verdi, per vedere l’evoluzione della situazione.

    Ad ogni modo grazie per la domanda e le porgo i miei distinti distinti saluti.

    Fabio Di Gioia

  • Peperoncini piccanti: info su temperatura minima ed esposizione?

    Il 18/05/2019, Riccardo di Italia chiede:

    Buonasera, ho acquistato in un vivaio alcune piante di peperoncini della varietà Chinense, ho un Habanero, un Carolina Reaper e un Naga giallo, i peperoncini andranno piantati in orto, ma visti i freddi ANOMALI di questo periodo ancora non me la sono sentita di metterli a dimora e li tengo in casa. Le mie domande sono 2, che temperatura MINIMA possono sopportare questi tipi di peperoncini, e che esposizione vogliono. Ringrazio per la gentilezza
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Buongiorno Riccardo.

    Sono tra i peperoncini che vogliono più luce e caldo, minima almeno 12 gradi.

    Per lo stesso motivo è sempre meglio che vengano esposti a sud.

    Marco V. Del Grosso

  • Peperoncino piccante: quando usare l'olio di neem?

    Il 16/05/2019, Angelo di Latiano BR chiede:

    Buongiorno. Le mie piante di peperoncino piccante si trovano in piena fioritura e alcune hanno già i primi frutti. Vorrei trattarle con l’olio di neem visto che alcune hanno gli afidi sulle foglie. L’olio di neem lo posso nebulizzare sulle piante nonostante ci siano già i frutti? O lo si può usare solo in fase di crescita? Grazie
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Buongiorno Angelo,

    Lo puoi usare tranquillamente quando vuoi.

    Tieni presente che i prodotti in commercio hanno generalmente 3 giorni di carenza, ovvero puoi raccogliere 3 giorni dopo averlo usato.

    Marco V. Del Grosso

  • Diavolicchio Calabrese con macchie: di cosa si tratta e cosa fare?

    Diavolicchio Calabrese con macchie: di cosa si tratta e cosa fare?

    Il 16/05/2019, Giulia di Milano chiede:

    Buongiorno. Sulle foglie delle mie piantine di Diavolicchio Calabrese sono comparse queste macchie: di cosa si tratta e come devo comportarmi? Potrebbe essere una carenza idrica? Ho aggiunto dei fondi di caffè intorno alla base delle piante: potrebbe essere stato un errore? La ringrazio infinitamente. Cordialmente, Giulia
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Salve Giulia,

    Dalle foto non si comprende bene.

    Sembrano ustioni da caldo o presenza di tripide. Servirebbero altre foto più vicine.

    Marco V. Del Grosso

  • Peperoncino: quanto deve essere alto per la spuntatura?

    Peperoncino: quanto deve essere alto per la spuntatura?

    Il 20/04/2019, Ignazio di Solaro MI chiede:

    Buongiorno, volevo sapere quanto devono essere alte le piantine di peperoncino per spuntare? grazie In attesa di una risposta distinti saluti.
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Salve Ignazio,

    non c'è una altezza precisa di quanto spuntare.

    Dipende dalla varietà, dalla pianta come sta e dove è trapiantata.
    60-80 cm generalmente vanno bene.

    Marco V. Del Grosso

  • Peperoncini rossi: quando seminarli?

    Il 15/04/2019, Fernando di Manila, Philippines chiede:

    Quando si seminano i primi peperoncini rossi? Quanto tempo passa prima che arrivano i primi frutti?
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Salve Fernando,

    Dipende da molti fattori: dalla data di semina e da dove si semina, se su terreno o in vaso.

    Al sud si va dai 80 ai 130 gg. Al nord dai 100 ai 150 gg.

    Marco V. Del Grosso

  • Peperoncino verde dolce: si può spuntare?

    Il 12/04/2019, Salvatore di Napoli chiede:

    Salve, ho visto il video della spuntatura sulla pianta di peperoncino piccante. Mi chiedevo se potevo farlo anche con i peperoncini verdi dolci (friggitello). Quando farlo? Prima che fiorisca o da piccola? Grazie
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Salvatore.

    La spuntatura dei germogli in eccesso si può fare tranquillamente oltre che sui peperoni piccanti, anche nei peperoni dolci (Friggitello in questo caso).

    La spuntatura, oltre a togliere i germogli in eccesso che portano via il nutrimento alla fruttificazione, è utile perché favorisce la formazione dei germogli laterali che portano i fiori e poi i frutti.

    L’operazione va eseguita per questo motivo prima della fioritura, affinché si possano formare i germogli laterali che porteranno i futuri frutti.

    Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.

    Dott. Fabio Di Gioia
    Specializzato nel recupero e valorizzazione di varietà vegetali antiche.

  • Peperone piccante: quali varietà sono più produttive?

    Il 21/03/2019, Gaetano di San Gennaro Vesuviano (NA) chiede:

    Buongiorno, Volevo chiedere quali sono le qualità di peperone piccante più produttive da porre in vaso?? Le varietà gialle o arancione sono produttive come le rosse?
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Gaetano.

    Attualmente tra le varietà di peperoncino più piccanti e più produttive da mettere in vaso, risultano:

    1. Rocoto.
    2. Schotc Bonnet.
    3. Red Savina Habanero.
    4. Chocolate Habanero.

    Per quanto riguarda la produttività delle varietà gialle, arancioni e rosse in questo caso oltre alle caratteristiche genetiche delle stesse, dipende anche dalle caratteristiche agronomiche del suolo.

    In teorie le varietà rosse, sono più produttive delle altre, ma questa caratteristica come le ho detto dipende molto anche da ciò che avviene all’esterno della pianta oltre alla sua genetica.

    Ringraziandola della domanda, le porgo i mie Distinti saluti.

    Dott. Fabio Di Gioia
    Specializzato nel recupero e valorizzazione di varietà vegetali antiche.

  • Peperoncino, coltivazione idroponica: è possibile?

    Il 20/03/2019, Federico di Catania chiede:

    È possibile produrre peperoncino con coltivazioni idroponica? Con coltivazione idroponica o comunque in serra, quanto dura il ciclo di vita della pianta mantenendo sempre le condizioni igrometriche ottimali alle sue esigenze? Continuerà a fare i frutti o occorre espiantarlo e ripiantarlo periodicamente?
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Federico.

    Certamente che è possibile produrre peperoncino in coltura idroponica, anche se tuttavia la sua diffusione e produzione non è intensiva come nel caso del pomodoro.

    In un ambiente chiuso come in idroponica o in serra e con varietà di peperoncino che vengono coltivate nei nostri climi (Capsicum annum), il ciclo di produzione è annuale proprio perché in coltivazione idroponica la pianta viene sottoposta a trattamenti di continuo apporto idrico e nutrizionale in maniera forzata.

    Proprio per questa motivazione, se vogliamo mantenere una produzione costante di peperoncino, è necessario spiantarlo e piantarlo di nuovo in maniera continuativa nel tempo.

    Ringraziandola della sua domanda, le porgo i miei Distinti saluti.

    Dott. Fabio Di Gioia
    Specializzato nel recupero e valorizzazione di varietà vegetali antiche.

  • Peperoncino: se lo poto rifarà i frutti?

    Il 26/02/2019, Alessandra di Italia chiede:

    La pianta del peperoncino, dopo aver prodotto i frutti, la si può potare per riprodurre altri peperoncini? La pianta muore o rimane attiva anche dopo la sua produzione? Grazie
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Gentile Alessandra,

    se intendi, per potatura, una cimatura ed una ripartenza della pianta è sconsigliabile per una pianta di peperoncino. Non farai un prodotto di qualità e il ricaccio dipenderà molto dal clima.

    La pianta non muore e rimane attiva dopo la produzione ma il suo ciclo dipende se la coltivi in vaso o in terra. In terra dura di più. Andando avanti comunque non farà generalmente prodotto di qualità.

    Marco Valeria Del Grosso

  • Peperoncino habanero che non fa frutti: come mai?

    Il 06/01/2019, Elia di Treviso chiede:

    Ciao, l'anno scorso ho comprato due piantine di peperoncino, una di habanero chocolate e una di acrata. Ho conservato i semi di entrambe e l'anno dopo ho piantato 6/7 semi per tipo ma solo quelli della varietà acrata hanno dato i loro frutti mentre l'habanero neanche uno. Penso che non si possano prendere e piantare i semini di tutte le varietà. Volevo sapere come mai e se per caso c'è una lista da qualche parte di tutte le piantine per cui si possono prendere i semi e piantarli. Spero riusciate ad aiutarmi. Grazie, Elia.
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Caro Elia,

    non esiste una lista di piantine da cui si possono prendere i semi e piantarle.
    Dici che una delle varietà non ha dato frutti, c'è stato quindi una mancanza di allegagione, il fiore non si è trasformato in frutto. Questo evento non è solo colpa del seme può essere dovuto anche ad altri fattori pedoclimatici.
    La piantina era normale? I fiori cadevano? I frutti piccoli cadevano?

    Marco V. Del Grosso

  • Peperoncino piccante: quando e come seminarlo?

    Il 09/12/2018, Sergio di Lucca Canigiano chiede:

    Quando e come seminare peperoncino piccante? Non riesco mai ad azzeccarci. Attendo risposta, grazie mille
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Buongiorno Sergio,
    il peperoncino piccante è una pianta che desidera il caldo più del peperone normale.
    Quando seminare dipende sempre da dove abiti, se puoi seminare sotto un tunnel o no, e dalle temperature minime. Essendo tu di Lucca e penso coltivi in pieno campo, il momento migliore sarà maggio.

    Marco V. Del Grosso

  • Potatura pianta di peperoncino piccante: qualche consiglio?

    Potatura pianta di peperoncino piccante: qualche consiglio?

    Il 27/05/2018, Riccardo di Milano chiede:

    Salve, vorrei un parere su una questione delicata per la mia pianta di peperoncino piccante; vorrei sapere se potare i rami al di sotto della biforcazione a Y, vi allego una foto con il problema. Spero mi possiate aiutare.
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    nel caso di piante erbacee annuali la potatura non ha uno scopo vero e proprio, se non nel caso si debba eliminare
    qualche ramo rotto o danneggiato dagli agenti atmosferici o da piccoli incidenti tipo urti... consiglio di lasciar crescere i rami e tagliare solo nei casi appena descritti.

    Alberta Ballati

  • Piante di peperoncino malate: di cosa si tratta e cosa posso fare?

    Piante di peperoncino malate: di cosa si tratta e cosa posso fare?

    Il 21/05/2018, Carlo di cernusco sul naviglio chiede:

    Salve, buona sera, le foto corrispondono a due piante diverse di peperoncino, che presentano due disfunzioni diverse mi chiedevo cosa possano avere, come le posso trattare, sarebbe meglio con prodotto naturali, fai-da-te, in più oltre alla deformazione delle foglie e il loro cambio di colore, sulle foglie ci sono dei piccolissimissimi animalini, mi chiedevo cosa fossero..
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo Carlo.
    Le depigmentazioni fogliari e la deformazione dei germogli è dovuta all'attacco di un insetto chiamato Frankliniellla, di cui le descriverò i sintomi e gli eventuali metodi di lotta.

    FRANKLINIELLA

    Ordine: Tisanotteri.
    Famiglia: Tripidi.

    La Frankliniella è un piccolissimo insetto di origine americana, introdotto in Europa intorno il 1986 - 1987 e segnalato in Sapgna, nei Paesi Scandinavi, In Inghilterra, in Francia e in Italia nel 1987. In Italia è stato rinvenuto per la prima volta su piante ornamentali.
    E' un insetto polifago, quindi capace di attaccare ogni specie di pianta da quelle erbacee (Solanacee, Leguminose, Cucurbitacee e Composite), floricole (Geranio, Garofano, Rosa, Ciclamino e Stella di Natale) e arboree (Pomacee e Drupacee).
    Il danno provocato dall'insetto, si manifesta su tutti gli organi aerei della pianta ed è causato dalle punture di nutrizione e ovodeposizione, sia degli adulti che degli stadi giovanili.

    Sintomi sulle foglie
    Si manifesta con decolorazioni argentate che con il tempo tendono a diventare necrotiche, provocando anche deformazioni del lembo fogliare che si arrotola e dissecca e causa delle sostanze tossiche che l'insetto inietta all'interno e che si ritrovano nella sua saliva.
    Il danno da ovodeposizione invece, è causato dall'incisione dell'organo riproduttore dell'insetto dentro la foglia determinando suberificazione e deformazioni dei tessuti colpiti.

    Sintomi sui fiori
    Particolarmente grave per le piante ornamentali, si manifesta sempre con decolorazioni a volte necrotiche sui petali e lesioni agli organi riproduttivi.

    Sintomi sui frutti
    Il danno in questo caso è causato dalle punture trofiche di nutrizione e dalle lesioni ad esse derivate, manifestandosi sulla parte esterna della buccia che suberificando porta a delle alterazioni e deformazioni del frutto stesso.
    In alcun casi la Frankliniella, è agente vettore anche di malattie virali.

    La lotta a questo insetto, risulta ad oggi molto difficoltosa, per i seguenti motivi

    a) Per la particolare difficoltà di ritrovamento delle forme mobili dell'insetto che di giorno sono riparate nel terreno, oppure tra i fiori o in altre piante ospiti.

    b) Per i sintomi che all'inizio sono poco evidenti ma che con il tempo tendono ad esplodere provocando un danno e spesso una compromissione del prodotto quasi repentina.

    c) Per la loro particolare resistenza ad alcuni insetticidi utilizzabili, in quanto non sono in grado sempre di raggiungere il fitofago ed esplicare il loro effetto in quanto rimangono riparati.

    Indicativamente la lotta alla Frankliniella si avvale di interventi diretti come ad esempio:

    1) Geodisinfestazioni in pieno campo
    2) Fumigazioni specialmente in serra.

    La tecnica di lotta prevede un frequente campionamento e monitoraggio delle popolazioni attraverso l'uso di trappole cromatiche di colore bianco che sembra essere quello più efficace.
    L'intervento chimico va eseguito quando siamo in condizioni di rischio, utilizzando prodotti a base di:

    - Endosulfan.
    - Metomil.
    - Acefate.
    - Dimetoato.
    - Piretroidi.

    I trattamenti andranno ripetuti ad intervalli molto ravvicinati almeno ogni 4 - 5 giorni.
    Un ultimo consiglio che le volevo dare, è quello di non riferirsi al fai da te, ma sempre in questo caso cercare un esperto che sia in grado di valutare e analizzare la problematica e quindi consigliarle sempre il metodo più efficace per risolvere il problema.
    Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.

    Fabio Di Gioia
  • Piante di peperone piccante che perde i fiori: cosa fare?

    Il 28/01/2018, Alvaro di Maranello chiede:

    Buongiorno sono Alvaro e sono appassionato di peperoncini e le volevo farle una domanda Da due o tre anni coltivo piante di peperoncini di diversi tipi e ho un problema: quando le piante sono nel periodo della fioritura la maggior parte dei fiori cadono, malgrado le piante sono molto belle.
    Fabio_DiGioia
    Risponde l'esperto
    Fabio Di Gioia

    Salve gentilissimo signor Alvaro.

    Il motivo principale per il quale le sue piante di peperoncino, nonostante queste siano belle rigogliose nel fogliame e nei germogli, ma la maggior parte dei suoi fiori va incontro a colatura, è da ricercarsi sicuramente in una:

    1. Elevata insolazione
    2. Elevata temperatura

    Per quanto riguarda il peperone e in particolar modo per il peperoncino, si tratta di specie ortive che hanno bisogno di un'insolazione che non debba superare le 12/14 ore giornaliere per avere una corretta fioritura

    Inoltre l'insolazione non deve essere diretta e per questo le piante non devono essere coltivate laddove vi è pieno sole, perché queste condizioni fanno seccare il picciolo fiorale determinandone una cascola anche abbondante.

    Al tempo stesso anche la temperatura non deve superare i 36/38 gradi, altrimenti si creano tutte le condizioni necessarie per favorire la colatura dei fiori.

    Per questo le consiglio per la prossima stagione di coltivare i suoi peperoncini in un ambiente leggermente ombreggiato e laddove la temperatura non sia eccessiva per favorire una buona allegagione dei frutti e prevenirne la loro cascola eccessiva.

    Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.

    Dott. Fabio Di Gioia

  • Dove posso trovare piantine peperoncino a corno dolce?

    Il 06/05/2017, Giuseppe di Forlì chiede:

    Buongiorno dove posso trovare piantine di peperoncino a corno dolce?
    Marco_DelGrosso
    Risponde l'esperto
    Marco Valerio Del Grosso

    Buonasera, a Forlî, dove abita lei, c'è il più grosso vivaio italiano, Ortomio www.ortomio.it
    Scriva una email a loro e potranno indicarle dove prendere le piantine.

    Marco Valerio Del Grosso