chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Cipresso: Scopri le risposte dei nostri esperti

Leggi qui sotto tutte le domande sull’argomento e le risposte date dai nostri Esperti di Giardinaggio. Guarda i titoli qui sotto elencati e clicca sul titolo che più si avvicina all’argomento di tuo interesse. Una volta cliccato sul titolo potrai leggere, per intero, sia la domanda dell’appassionato che la risposta del nostro Esperto.

Buona lettura!

Scegli l'argomento di tuo interesse:

oppure

  • Cipresso: quale varietà ha un accrescimento contenuto?

    Il 29/12/2018, Giulia di Roma chiede:

    Salve, mi chiedevo se esistesse una varietà di cipresso (o simile) che raggiungesse l'altezza massima di 4 metri mantenendo però la sua caratteristica forma allungata e stretta. Grazie mille
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Giulia,

    il cipresso nero totem ha un accrescimento un po' più contenuto ma temo che col tempo ed il giusto habitat superi i 4 metri.

    Oltretutto tende ad allargare di più rispetto al cipresso nero comune.

    Unico modo per avere un cipresso e bloccarne lo sviluppo in altezza, è ricorrere all'arte topiaria e trovare una forma che "fermi" lo sviluppo verticale della pianta.

    Le auguro buona giornata 

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Cipressi: a che distanza vanno piantati tra loro?

    Il 17/12/2018, Luca di Reggio emilia chiede:

    Buon pomeriggio, avrei un'altra domanda da porre. Avendo piantato, a mia insaputa, dei cipressi comuni un po' troppo vicini, sono circa a 1 metro e 50 tra una pianta e l'altra, in un viale, in totale vi sono circa una dozzina di cipressi non sono di grandi dimensioni, raggiungono il metro e 30. Chiedo se possibile lasciarli così, oppure è meglio spostare qualche esemplare? Quale sarebbe la distanza ideale? Grazie per i consigli in anticipo.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Luca,

    per quanto riguarda il suo viale, i cipressi, piantati a questa distanza, hanno ancora tanto spazio per crescere.

    Ovviamente col tempo, la cosa dovrà essere riconsiderata.

    Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Cipresso nero: quanto può restare in vaso?

    Il 17/12/2018, Luca di Reggio emilia chiede:

    Gentilmente chiedo informazioni riguardo al cipresso nero, che tipo di apparato radicale possiede, cioè va in profondità? E chiedo cortesemente di quanto è l'accrescimento e se vi sono delle patologie che lo attaccano, perché vorrei acquistarne, ma dovrebbero stare in vaso per un anno o due. Grazie in anticipo cordiali saluti
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Luca,
    dunque il cipresso ha un buon spostato radicale fittonante anche se non ha radici aggressive o dannose. 
    Non dimentichiamo che ci sono cipressi vecchissimi alti oltre i 20 metri.

    Per il vaso non è assolutamente un problema, in vivaio rimangono in vaso anche 3-4 anni, basta che siano irrigati con regolarità e moderazione.

    Il problema più grosso è quella patologia che attacca il tronco provocando una sorta di "lacrimazione" resinosa con conseguenze essiccamento della vegetazione.

    Le auguro buona serata

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Cipressi a ridosso del cemento: sono danneggiati?

    Il 16/12/2018, Paolo di Roma chiede:

    Buongiorno. Nel fare una massicciata di cemento lungo la strada non mi sono reso conto che sono andato troppo a ridosso di una fila di cipressi. Ora temo che il cipresso possa subire danni e morire. Cosa mi consiglia di fare?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Paolo, 
    con qualche foto mi renderei meglio conto della cosa e potrei valutare se dia o meno il caso di togliere le piante, grazie.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Cupressus goldcrest: perchè ingiallisce? Cosa posso fare?

    Cupressus goldcrest: perchè ingiallisce? Cosa posso fare?

    Il 06/12/2018, Massimo di Varese chiede:

    Buongiorno, da appassionato di giardinaggio, ho da 2 settimane comprato questo piccolo Cupressus Goldcrest. L'ho piantato nella mia fioriera che è grande un 70x70cm circa. Terreno misto. È abbastanza profonda. Sul fondo terra normale, fino a salire con terriccio universale. Quando l'ho comprato era in vaso ed era bello verde. Dopo una settimana di splendore ha iniziato a ingiallire, sopratutto la parte davanti esposta al sole. La fioriera è esposta a nord. Solo che la cosa sta peggiorando di giorno in giorno. Quando l'ho trapiantato l'ho concimato. la terra è molto bagnata, anche perché ha piovuto. però le radici (ho provato a sollevare il pino) non sono marce. cosa potrebbe essere secondo voi?
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Massimo, 
    dunque ci sono alcune cose che correggerei.
    Intanto, per quanto non veda foto, lei parla di piccolo Cupressus Goldcrest quindi una fioriera di 70x70 è troppo grande, la terra sul fondo poi tende ad accumulare acqua.
    Fossi in lei, toglierei da lì la pianta e la metterei in un vaso poco più grande di quello in cui l'ha acquistato.
    La lasci drenareasciugare e la metta a dimora in primavera.
    Se proprio vuole collocarla nella fioriera, lo faccia con tutto il vaso e approntando un notevole strato di materiale drenante.
    Se ha bisogno di chiarimenti mi contatti pure. 

    La redazione può darle i miei contatti.

    Buona giornata
    Kety Cialdi

    Leggi la scheda tecnica del "Cupressus Macrocarpa 'Goldcrest'" nella nostra enciclopedia.

    Condividi su:

  • Cipresso molto alto con macchie di secco sul tronco: di cosa si tratta?

    Cipresso molto alto con macchie di secco sul tronco: di cosa si tratta?

    Il 26/10/2018, Ilaria di pessano chiede:

    Gent.ma professionista, Avrei bisogno di aiuto per l'albero nella foto che ho in giardino. Sono ignorante in materia ma so che essendo lei un’esperta saprà riconoscere sia la razza che il problema, quindi non mi metto neanche ad ipotizzare. Le dico che sono circa 3 settimane che l’albero sta degenerando a vista d’occhio e stranamente si creano delle chiazze vuote e intorno del secco marrone come vede in foto, ho paura che stia morendo e mi dispiacerebbe un sacco perché è un bel giardino oltre che un essere vivente. L'albero ha diversi anni anche se ripeto il problema c è da un mesetto. Ho provveduto su consiglio di un giardiniere a mischiare della terra acida ma il problema non si è arrestato. Ho anche stoppato il sistema d irrigazione credendo fosse l acqua ma niente. Cosa mi consiglia gentilmente? Grazie mille anticipatamente per l’aiuto, Ilaria
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Bungiorno Ilaria, 
    per quel che posso vedere dalla foto potrebbe essere un cupressus leylandii molto grande, sicuramente di tanti anni.
    Ora vorrei capire, la pianta è stata potata con regolarità? Trattandosi di una pianta di molti anni un po' di secco al centro ci può stare ma la rapidità del processo mi fa pensare ad una patologia.
    Nota per caso delle gocce di resina sul tronco, diciamo al di sotto della zona interessata dall'essiccamento? In questo caso farei un trattamento con prodotti specifici per le patologie che interessano cipressi e thuje. Sono trattamento antifungini accompagnati da rame.

    Se la pianta reagisce, la prossima stagione procederei ad una potatura leggerissima per stimolare la pianta a nuova vegetazione. Mi tenga informata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Un cipresso di 4 metri potrebbe causare danni ai garage?

    Il 12/10/2018, Ambrogio di Mezzago (MB) chiede:

    Ho un cipresso, che è sopra ai garage del condominio, volevo sapere se le radici potrebbero rovinare le solette. Il cipresso è alto 4 metri.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Ambrogio,
    bisognerebbe conoscere il tipo di guaina utilizzata e la profondità di posa.
    Detto questo, il cipresso non è tra le piante più invadenti ma certamente la misura della pianta comporta un apparato radicale significativo, dal capitolato dovrebbe estrapolare i dati necessari a formulare una risposta più pertinente.
    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Potatura del cipresso totem: come contenere altezza e circonferenza?

    Il 23/09/2018, Alessio di Mirandola (MO) chiede:

    Vorrei inserire in una piccola porzione di terreno due cipressi totem di circa 1,20 m. Mi hanno assicurato che si tratta di piante a lentissima crescita ma se dopo un certo numero di anni volessi potarle per ridurne l'altezza è un'operazione possibile o mi consigliate altri tipi di piante. Vorrei mantenerle sotto i 4-5m e con una circonferenza sotto il metro o anche meno. Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,

    i cipressi sono piante a crescita molto lenta, per cui raggiungono tali altezze in molti anni; non è consigliabile effettuare potature in altezza, per non togliere l'effetto decorativo della punta, ma si possono comunque effettuare, come si possono effettuare potature volte a limitare la circonferenza e "affinare" una forma già colonnare.

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Cipresso che si è piegato da un lato: posso raddrizzarlo?

    Il 26/05/2018, Tiziana di Pontedera chiede:

    Buongiorno, in giardino ho un cipresso alto circa 4 metri che recentemente si è piegato da un lato. Vorrei cortesemente sapere il motivo, se può cadere e cosa potrei fare per raddrizzarlo. Grazie. Tiziana
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Tiziana,
    credo che sia successo qualcosa alle radici che non tenendo come dovrebbero hanno fatto si che la pianta si piegasse;
    verifichi questa cosa e a seconda del problema potrebbe magari mettere un tutore.

    Bisogna valutare anche il fattore vento che magari agisce contro la pianta. Mi ricontatti pure dopo questa verifica.
    Le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Siepe leylandii: a che profondità arrivano le radici?

    Il 15/04/2018, Carlo di Roma chiede:

    Buongiorno, ho una siepe (25 mt lineari) di leylandii da circa 14 anni e potandola due volte l'anno contengo l'altezza a circa 2,5 mt. (max). Come si può dedurre dall'età delle piante, la base di queste è diventata col tempo abbastanza importante tanto da arrivare a pochi centimetri (circa 10) dal bordo del vialetto (cemento stampanto). In alcuni punti (in corrispondenza del fusto), il cemento, che ha una spessore di 20 cm circa, ha iniziato a fare una crepa. Ma le radici del cipresso leylandii non dovrebbero andare in profondità? Si possono anche sviluppare in orizzontale e quindi arrivare alle fondamenta della mia casa che si trova a circa 2 mt dalla siepe? Cordiali saluti.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Carlo,
    premesso che ogni situazione è diversa e che una valutazione migliore va fatta in sito,
    credo che il vialetto si stia rovinando non per la tipologia di radici bensì per la pressione che il terreno, saturo di radici, sta esercitando sulla muratura.

    Le consiglio di far valutare la situazione ad un bravo giardiniere. Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Siepe di cipressi argentati: c'è il rischio che crescendo danneggino la recinzione?

    Il 21/11/2017, Flavia di Italy chiede:

    Mi hanno consigliato di fare una siepe di cipressi argentati come recinzione in un giardino di scuola dell'infanzia. Ho fatto portare delle piante di cipresso ma adesso le colleghe mi dicono che c'è il rischio che crescano troppo e che divelgano la recinzione. Non volendo avere la responsabilità di danni alla struttura, cosa posso fare adesso con gli alberelli? Grazie in anticipo per la risposta.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Flavia,
    è vero che il cipresso argentato cresce molto, ma lo fa piuttosto lentamente. 
    Quanto ai danni alla struttura, potrei esserle più di aiuto con qualche informazione in più, come ad esempio il numero delle piante da collocare e la loro misura. Il vivaio cui si è rivolta non riesce ad aiutarla?
    Se lei non ha spazio in cui riciclarle, in ultima analisi, chieda al comune di utilizzarle come verde pubblico.
    Le auguro buona giornata,

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Cipresso Goldcrest Wilma con rami secchi: cosa fare per guarirlo?

    Cipresso Goldcrest Wilma con rami secchi: cosa fare per guarirlo?

    Il 21/11/2017, Marco di Carpenedolo chiede:

    Salve vi scrivo per avere informazioni sul mio cipresso wilma 'goldcrest' che posseggo da 2 anni. La pianta è posizionata in un grosso vaso sul balcone, dove riceve il sole nel pomeriggio. La piantina, ora che fa freddo, viene annaffiata una volta a settimana. Alla fine di ottobre ho aggiunto un'abbondante quantità di terriccio universale in tutto il vaso, dopo aver estratto la pianta dal vaso per pochi minuti. Ora, dopo circa un mese e mezzo, la piantina presenta molti rametti secchi. Vorrei sapere cosa posso fare per salvarla. Grazie
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Buongiorno,
    sembrerebbe un problema dovuto a siccità, probabilmente venuto fuori dopo il gran caldo estivo, nel momento in cui la pianta è stata stimolata dall'abbassamento delle temperature ad emettere nuovi getti. Il consiglio è quello di aspettare la nuova stagione vegetativa, verificando poi l'effettivo risveglio primaverile

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Limone con problemi di cascola, che fare?

    Limone con problemi di cascola, che fare?

    Il 24/07/2017, Leonardo di Codogno (LO) chiede:

    Anzitutto buongiorno. Vorrei sapere da una Vostra valutazione della fotografia inviata del Limone in mio possesso se ha problemi in quanto presenta la Cascola. In attesa porgo saluti. Leonardo

    Warning: Illegal string offset 'fotot' in /home/portaledelverde/public_html/templates_c/b77ef6a1d7fb7cd4160bfb2c862d7955c69d6ef2.file.elenco-esperto-risponde.tpl.php on line 143
    Risponde l'esperto

    Warning: Illegal string offset 'nome' in /home/portaledelverde/public_html/templates_c/b77ef6a1d7fb7cd4160bfb2c862d7955c69d6ef2.file.elenco-esperto-risponde.tpl.php on line 155

    Warning: Illegal string offset 'cognome' in /home/portaledelverde/public_html/templates_c/b77ef6a1d7fb7cd4160bfb2c862d7955c69d6ef2.file.elenco-esperto-risponde.tpl.php on line 156

    Buongiorno Leonardo,
    I problemi di cascola sono sicuramente provocati dall'eccesso di rame somministrato alla pianta, ricordo a tutti gli utenti che dosi eccessive di prodotti fitosanitari sono fitotossici e pertanto arrecano danni alla pianta.
    Considerando l'estate molto siccitosa un trattamento con prodotti antifungini é del tutto inutile, si consiglia di trattare solo nei mesi autunnali, quando si prospettano mesi di intensa umidità e scarsa circolazione di aria.

    Cordiali saluti
    Stefano Bolognesi

    Condividi su:

  • Cipresso: che dimensioni hanno le radici?

    Il 20/07/2017, Alessandra di Roma chiede:

    Lo sviluppo dell'apparato radicale dei cipressi è simmetrico alla chioma? C'è una distanza consigliata di messa a dimora delle piante tra di loro e da muri o abitazioni per assicurarsi che non creino danni? Ringrazio molto.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera Alessandra,
    lo sviluppo radicale dei cipressi non è particolarmente significativo, piuttosto io terrei conto dello sviluppo della pianta stessa.
    Non dobbiamo dimenticare che i cipressi raggiungono diametri significativi nel giro di 7/10 anni e che quindi sarebbe la loro forma e conseguentemente la loro bellezza ad essere limitata e danneggiata.

    Le auguro buona serata 
    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Cipresso: come bloccarne lo sviluppo?

    Il 15/06/2017, Pino di Bologna chiede:

    Ho piantato alcuni cipressi nel giardino di casa, ma ho paura che crescendo oscurino la visuale. C'è un trattamento per bloccarre lo sviluppo in altezza senza ucciderli?
    Alberta_Ballati
    Risponde l'esperto
    Alberta Ballati

    Salve Pino,

    esistono prodotti nanizzanti, ma non sono adatti a cipressi. 

    L'unica possibilità può essere una potatura che trasformi un filare in una siepe, ma molto dipende dal tipo di cipressi.

    Cordiali saluti

    Alberta Ballati

    Condividi su:

  • Il Cipresso di Leyland ha delle radici molto profonde?

    Il Cipresso di Leyland ha delle radici molto profonde?

    Il 03/04/2017, Antonio di Cosenza chiede:

    Buonasera, mi chiamo Antonio e scrivo dalla Calabria. Mi trovo oggi con un grossissimo problema a causa di una siepe. Premetto di non essere un esperto in giardinaggio, ma dopo una lunga ricerca sul web, credo che la siepe in questione sia della famiglia del Cipresso di Leyland (seppur noto una differenza sostanziale nel "frutto", quella pallina tonda tipo pigna, che nella mie piante non si è mai vista). Arriviamo dunque al problema: secondo gli organi comunali e l'ufficio manutenzione del mio comune di residenza, pare che la mia siepe sia la causa di una rottura alle tubazioni della rete fognaria che viaggiano sotto il mio giardino. Vi chiedo dunque, il Cipresso di Leyland, o comunque la mia siepe, che potete vedere nelle foto allegate, ha delle radici tali da raggiungere in profondità i tubi di una rete fognaria (relativamente recente, inizi anni '90) e addirittura perforarli/romperli causando fuoriuscita di acque nere? Vi ringrazio immensamente. Attendo con ansia una vostra risposta che spero possa aiutarmi.
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Cipresso di LeylandBuongiorno Antonio,
    è difficile dare una risposta alla sua domanda senza sapere la tipologia di terreno ed il materiale usato per la fognatura.
    Vista la dimensione delle sue piante e la loro età, non mi sento di escludere a priori che le loro radici siano all'origine del danno.
    Confrontandomi con i colleghi è emerso che esistono apposite telecamere per fognature che magari potrebbero aiutare a risolvere la questione.
    Mi dispiace non poter fare di più per aiutarla.
    Le auguro buona giornata

    Kety Cialdi 

    Condividi su:

  • Accrescimento del Cipresso Totem

    Il 10/01/2017, Anna Maria di chiede:

    Il cipresso totem, che diametro raggiunge? vorrei metterli lungo un muro di confine,ma ho problemi di spazio perche' il muro e' costeggiato dalla carrabile che porta in cantina e se riduce tropo il lume della carreggiata non si puo' fare
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buonasera,
    Dunque il cipresso nero in genere ha un accrescimento piuttosto lento ma raggiunge anche dimensioni notevoli anche in larghezza.

    Il totem sviluppandosi meno in altezza tende ad allargarsi anche più del pyramidalis, quindi sia per la forma cilindrica che verrebbe inevitabilmente penalizzata sia per un aspetto pratico, a meno che non metta in conto di toglierli tra 2-3 anni le consiglierei qualche arbusto che si possa con regolarità riportare a misure contenute tramite potatura o che si presti ad essere coltivato a "spalliera".

    Le auguro buona serata

    Kety Cialdi

    Condividi su:

  • Come si coltiva il Cipresso Chamaecyparis? Cresce molto in altezza e circonferenza?

    Il 06/07/2016, Mariella di Torino chiede:

    Buongiorno a voi, faccio questa domanda al vostro esperto di cipressi. Mi hanno consigliato il Chamaecyparis (spero sia corretto come l'ho scritto), dicendomi che è una pianta molto resistente e ornamentale. La mia idea era perciò quella di procedere all'acquisto ma vorrei da voi un consiglio imparziale e non dettato anche da scopi commerciali. Secondo voi in un giardino di circa 100/120 metri quadri può avere un senso collocare un Chamaecyparis in un angolo? Cresce molto in altezza e circonferenza? Ringraziandovi per il bel servizio che date a noi appassionati, vi auguro una buona giornata!
    kety_cialdi
    Risponde l'esperto
    Kety Cialdi

    Buongiorno Mariella, 

    I Chamaecyparis o Falsi Cipressi sono piante molto ornamentali e ne esistono diverse varietà tra le quali sicuramente potrà trovare quella che le piace e che risponde alle esigenze del suo giardino. 

    Anche se il maggior numero raggiunge dimensioni notevoli, ben oltre i 20 metri, alcune varietà si mantengono sotto i 3 metri per arrivare poi alla varietà nana. Escludendo le più alte, la cui gestione diventa impegnativa, collocherei certamente un chamaecyparis in giardino avendo cura, però, di lasciare spazio tutto intorno alla pianta affinché la mancanza di "aria" non la porti a sviluppare meno o a svuotarsi nella parte all'angolo.

    Si assicuri, in caso di terreno troppo compatto, di creare un letto con torba e materiale drenante al momento della messa a dimora e di seguire la pianta con innaffiature regolari nel primo periodo: una pianta sana e ben curata incorre meno facilmente in avversità sia animali che vegetali.

    La manutenzione non sarà complicata, la potatura sporadica e leggera, solo per correggere qualche rametto capriccioso.

    Le auguro buona giornata.

    Kety Cialdi
    Vivaio Pollicirosa di Rare Piante

    Condividi su: