chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Varietà di pesco migliori per innesto a gemma dormiente su 'franco'?

Il 14/12/2017, Livio di Genova chiede:

Quali varietà di pesco sono preferibili per innesto a gemma dormiente su franco? Ho provato senza successo sprincrest. Grazie

Il 18/12/2017, Fabio Di Gioia risponde:

Salve gentilissimo signor Livio.
Dal punto di vista teorico ogni varietà di pesco è innestabile su franco da seme (soprattutto se di pesco), di conseguenza non c'è preferenza tra una varietà e l'altro.
Più che altro ciò che condiziona la riuscita dell'innesto, è dipendente strettamente sopratutto dalle condizioni ambientali esterne e dalla condizioni vegetative dei due soggetti, tra cui:

  • Epoca di prelievo delle marze
  • Temperatura
  • Umidità
  • Presenza di sostanze utili all'attecchimento
  • Condizioni vegetative della marza e del portinnesto
  • Presenza/assenza di fitotossine o parassiti che impediscono l'attecchimento degli innesti

Le consiglierei per questo per avere una migliore riuscita dell'innesto, di provare con la tecnica dell'innesto a marza o a gemma vegetante da eseguire quando le piante sono in succhio e cioè quando la corteccia del fusto si distacca bene perché significa che si sta attivando la ripresa vegetativa della pianta. Il periodo preferibile è alla fine dell'inverno tra febbraio e marzo.
Con queste tipologie d'innesto fatte poco prima della ripresa vegetativa, è più facile controllare se la riuscita e l'attecchimento dell'innesto è avvenuta o meno proprio perché la pianta si sta riattivando e quindi è più facile che attecchisca.
Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.

Fabio Di Gioia
Leggi le altre risposte dell'esperto su PESCO:
 
 
Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Fabio Di Gioia Fabio Di Gioia

Fabio Di Gioia è nato a Montelupo Fiorentino nel febbraio del 1980, da una famiglia caratterizzata da una lunga e radicata tradizione contadina. Esperto di recupero e valorizzazione delle varietà vegetali antiche.

Dal 2010 a oggi organizza corsi e seminari sulle buone pratiche di conservazione e coltivazione delle varietà antiche vegetali sia in ambito erbaceo e orticolo che arboreo e frutticolo.

Lo scopo principale del suo lavoro è quello principalmente di recuperare le varietà locali e poterle reinserire in un contesto agricolo e produttivo, verso tutti coloro come le aziende agricole credono sempre di più nelle potenzialità di questo settore.

Blog: fabio13280 - fabio13280.wordpress.com