chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Fioritura del pesco: quale prodotto dare per proteggere la pianta?

Il 22/05/2018, Roberto di Como chiede:

Buongiorno in un vostro video dite che la poltiglia Bordolese può essere fitotossica per il pesco, e se dassi lo zolfo anche nella fioritura?

Il 01/07/2018, Fabio Di Gioia risponde:

Salve gentilissimo signor Roberto.
Nel video che ha trovato su you tube, ho parlato certamente di fitossicità del rame nei confronti della pianta di pesco, perché questa pianta soprattutto nelle prime fasi del suo germogliamento produce dei giovani germogli molto teneri e acquosi dove il rame può agire da una parte come anticrittogamico, ma dall'altra parte essere fitotossico soprattutto se si superano certe dosi. Per questo bisogna stare sempre attenti per ogni specie a ciò che viene riportato in etichetta.
Nella sua domanda proprio a causa della fitotossicità del rame nei confronti del pesco, chiede se può sostituirlo con lo zolfo.

Intanto lo zolfo agisce contro altri patogeni (es oidio) e quindi ha una modalità d'azione dal rame, poi soprattutto se distribuito in fioritura può compromettere la vitalità degli organi fiorali.
Lo zolfo soprattutto quello polverulento va dato prima della fioritura o in post - allegagione e sempre nelle ore serali e non la mattina, perché la rugiada mattutina a contatto con il sole può provocare bruciature delle foglie e anche dei frutti.
Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.

Fabio Di Gioia
Leggi le altre risposte dell'esperto su PESCO:
 
Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Fabio Di Gioia Fabio Di Gioia

Fabio Di Gioia è nato a Montelupo Fiorentino nel febbraio del 1980, da una famiglia caratterizzata da una lunga e radicata tradizione contadina. Esperto di recupero e valorizzazione delle varietà vegetali antiche.

Dal 2010 a oggi organizza corsi e seminari sulle buone pratiche di conservazione e coltivazione delle varietà antiche vegetali sia in ambito erbaceo e orticolo che arboreo e frutticolo.

Lo scopo principale del suo lavoro è quello principalmente di recuperare le varietà locali e poterle reinserire in un contesto agricolo e produttivo, verso tutti coloro come le aziende agricole credono sempre di più nelle potenzialità di questo settore.

Blog: fabio13280 - fabio13280.wordpress.com