chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come si coltiva il Carpino: terreno, esposizione, annaffiature, concime e altre esigenze di coltivazione

Il 20/06/2016, Carlo di Numana chiede:

Buonasera, abito vicino al bellissimo parco del Conero. Mi piacerebbe coltivare alcune delle varietà di alberi forestali nel mio giardino. Una delle mie preferite è il Carpino. Vorrei sapere quali sono le sue esigenze di coltivazione: terreno, esposizione, annaffiature, concime etc. Grazie in anticipo all'esperto per la risposta.

Il 21/06/2016, Simone Bartolini risponde:

Ciao Carlo,

Di carpino ne esistono diverse specie:

  • carpino nero (Ostrya carpinifolia);
  • carpino bianco o carpino comune (Carpinus betulus);
  • carpinella (Carpino orientalis) ed altre specie.

Se ti riferisci al carpino comune (Carpinus betulus) questo è diffuso in Italia dalla pianura fino a quote oltre i 1000 metri.

È una pianta adattabile a diverse condizioni pedoclimatiche. Vegeta bene in terreni argillosi, profondi, calcarei e ricchi di humus ma si adatta anche ai terreni poveri e, pur prediligendo posizioni soleggiate, vegeta bene anche in zone parzialmente ombreggiate.

È una pianta forestale ma di interesse anche ornamentale, molto impiegata per la costituzione di siepi.

Particolarmente interessante è la varietà Carpinus 'Pyramidalis' caratteristica per la forma conica della chioma ramificata dalla base o ad alto fusto con chioma impalcata a 210 cm. Oltre a queste ci sono altre varietà di Carpino:

  • La varietà purpurea a foglie rosse;
  • La varietà pendula (Carpinus betulus 'pendula') a rami ricadenti;
  • La varietà 'monumentalis' dal fogliame di color verde che vira al giallo in autunno.

Essendo una pianta molto rustica non ho particolari cure da suggerirti per una corretta coltivazione; sono sufficienti le normali attenzioni che riserveresti a qualsiasi pianta arborea.

Irrigazioni e concimazioni al bisogno, evitare ristagni idrici.

Saluti 

Dott. Simone Bartolini
Umbraflor azienda vivaistica regionale

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Simone Bartolini Simone Bartolini

Il dott. Simone Bartolini è Responsabile Commerciale di Umbraflor, importante azienda vivaistica nata nel 2001 su iniziativa della Regione Umbria e del Comune di Gubbio, con l'obiettivo di dare forte impulso allo sviluppo economico regionale, alla promozione dell’ambiente e alla tutela della biodiversità.

Il dott. Bartolini è esperto di:

  • Piante Tartufigine;
  • Piante Forestali;
  • Perenni e Graminacee;
  • Noci e castagne innestate.

Tra le attività principali di Umbraflor vi sono:

  • Attività Vivaistica e Forestale all'interno dei vivai di Spello, Gubbio e Spoleto;
  • Ricerca applicata in collaborazione con le associazioni CRN, CRA e Parco Tecnologico 3A di Todi;
  • Formazione ed aggiornamento per studenti ed operatori del settore; 
  • Diagnosi ed analisi delle condizioni di stabilità di tutte le specie arboree;
  • Assistenza, realizzazione e gestione di impianti di arboricoltura per verde pubblico e privato.

Umbraflor si occupa della produzione di:

  • Piante micorizzate con tartufi di provenienza locale certificate dall’ Universita di Perugia; 
  • Cultivar di pregio di Noci e Castagni innestati per frutticoltura e arboricoltura da legno e pioppi che non producono lanuggine;
  • Cipressi resistenti al cancro e brevettati dall’IPP-CNR; 
  • Olmi resistenti alla grafiosi; 
  • Alberi, arbusti, siepi e piante forestali certificate ai sensi D.Lgs 386/2003. 

Azienda Vivaistica Regionale UmbraFlor
Via Castellaccio, 8 - 06038 SPELLO (PG)
Tel./Fax 0742.315007 - Cell. 335.1225760
www.umbraflor.it

Vivaio "Il Castellaccio" - via Castellaccio, 6 - 06038 Spello (PG)
Vivaio "La Torraccia" - frazione S. Secondo - 06024 Gubbio (PG)
Vivaio di Capezzano - loc. Capezzano - Spoleto (PG)