chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Quanto diventa grande una pianta di acero e ogni quanto devo annaffiare?

Il 17/05/2016, Alessandra di Cesena chiede:

Quanto diventa grande una pianta di acero e ogni quanto devo annaffiare?

Il 17/05/2016, Fabio Di Gioia risponde:

Gentilissima signora Alessandra,

L'acero è una pianta arborea che rientra nella categoria delle specie ornamentali da arredo urbano, ma anche tra quelle che possiamo ritrovare spontanee in boschi e foreste. Di specie di acero ce ne sono di varie tipologie, però evitando di entrare nel dettaglio concentriamoci sull'aspetto generale della domanda.

L'acero è una pianta molto lenta nel crescere e nella sua fase adulta può raggiungere anche l'altezza media di 6 metri.

Per quanto riguarda l'irrigazione (termine tecnico che viene utilizzato), una pianta di acero adulta sviluppa una radice molto profonda. Per cui in questo caso l'irrigazione si prefigura solo come un intervento di soccorso dopo lunghi periodi di siccità.

Nel caso ci sia bisogno di un intervento irriguo di soccorso, l'acero non va bagnato troppo e tra un irrigazione e l'altra, il terreno deve rimanere asciutto per un paio di giorni. L'intervallo d'irrigazione deve essere mediamente di 4-5 settimane evitando gli eccessi idrici.

Sperando di esserle stato utile nella risposta, la invito per ogni dubbio a porre qualsiasi altra domanda.

La saluto cordialmente.

Fabio Di Gioia

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Fabio Di Gioia Fabio Di Gioia

Fabio Di Gioia è nato a Montelupo Fiorentino nel febbraio del 1980, da una famiglia caratterizzata da una lunga e radicata tradizione contadina. Esperto di recupero e valorizzazione delle varietà vegetali antiche.

Dal 2010 a oggi organizza corsi e seminari sulle buone pratiche di conservazione e coltivazione delle varietà antiche vegetali sia in ambito erbaceo e orticolo che arboreo e frutticolo.

Lo scopo principale del suo lavoro è quello principalmente di recuperare le varietà locali e poterle reinserire in un contesto agricolo e produttivo, verso tutti coloro come le aziende agricole credono sempre di più nelle potenzialità di questo settore.

Blog: fabio13280 - fabio13280.wordpress.com