Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Bonsai Ficus Ginseng: quali sono i trucchi per farlo crescere al meglio?

Il 19/09/2016, Carlo di Poggio S. Marcello chiede:

Salve, vorrei fare alcune domande all'esperto sul mio bonsai ginseng. Me ne hanno regalato uno qualche settimana fa e vorrei sapere quali sono le indicazioni di massima per curarlo... ovvero qual è la grandezza del vaso ideale, quando effettuare la potatura se la chioma diventa troppo folta (è corretto portarlo), ci sono prodotti per concimarlo e farlo crescere ancora più sano? Grazie 1000 per i consigli.

Il 20/09/2016, Gianfranco Chiapperini risponde:

Buongiorno Sig. Carlo,

gestire un Bonsai Ficus Ginseng è abbastanza semplice, motivo per cui è una pianta molto diffusa, infatti vive bene all’interno (assicurandole una buona luminosità) o anche all’esterno evitando i raggi diretti del sole (questa è indubbiamente la soluzione migliore), a patto che la temperatura non vada sotto i 5-6 gradi circa.

Le innaffiature non devono essere mai abbondanti e deve assicurarsi di lasciare asciugare il terreno tra una innaffiatura e l’altra. Il Ficus non ama il terriccio costantemente umido, a differenza invece delle nebulizzazioni sul fogliame che sono molto gradite (i Ficus sono piante autoctone di climi tropicali quindi con tassi di umidità altissimi).

La dimensione del vaso fondamentalmente non deve essere molto grande, (poco più grande della zolla della pianta) in quanto il Ficus non necessita di molta terra, nella tecnica bonsai in genere la larghezza del vaso è 2/3 dell’altezza della pianta per garantire un ottimo rapporto estetico, con il Ficus Ginseng però questo rapporto dei 2/3 a volte è difficile da mantenere per via della base molto larga del tronco; è invece molto importante il substrato che utilizza, in quanto deve essere molto drenante e areato, altrimenti rischia nell’arco di breve tempo, di far soffrire la pianta per asfissia delle radici.

La concimazione può effettuarla con questo prodotto o anche con un buon concime liquido per bonsai, di cui se ne trovano parecchi in commercio, in genere si somministrano 2-3 volte al mese, fermandosi nel pieno inverno, periodo nel quale le piante sono a riposo.

La potatura deve essere fatta almeno 2-3 volte all’anno e preferibilmente nei periodi caldi, in quanto la potatura stimola sempre lo sviluppo di nuove gemme dormienti, le quali hanno bisogno di un clima caldo per potersi sviluppare bene, inoltre è essenziale per non ritrovarsi nel punto in cui la pianta presenta lunghi rami molto vegetati agli apici e completamente spogli all’interno (tipico caso di chi non ha mai potato la pianta).

In via generale è consigliato eseguire le operazioni più stressanti per il Ficus, quali rinvaso o potatura, sempre in periodi in cui la temperatura è superiore ai 20 gradi. Spero vivamente di esserle stato d’aiuto, e le auguro che il Ficus Ginseng possa essere un trampolino di lancio per altri bonsai!

Gianfranco Chiapperini
Vivai Pollice Verde

Bonsai ficus ginseng: coltivazione e cura

Con la definizione di "piante d'appartamento" vengono indicate tutte quelle specie e cultivar che l'uomo ha selezionato nel corso degli anni per il valore estetico e, soprattutto, per la resistenza a vivere in condizioni ambientali particolarmente difficili. Alcune specie poi, come i conosciutissimi ficus, sono veri e propri alberi nel loro habitat naturale. Tuttavia molte piante si adattato alle nuove condizioni imposte dall'uomo, ne sono prova gli alberi miniaturizzati che si possono ottenere con l'arte del bonsai, una tecnica ormai ultra millenaria che affonda le proprie radici in Estremo Oriente (Cina, Giappone), ormai diffusa in tutto il mondo. Ebbene, grazie a tale arte, i bonsaisti sono in grado di far vivere le loro "minute" creature per centinaia di anni anche in luoghi chiusi come gli appartamenti. Come la specie del ficus ginseng bonsai.

Bonsai ficus ginseng 

Il ficus ginseng bonsai o meglio "ficus retusa" appartiene alla famiglia delle Moracee. Il genere comprende più di 800 specie fra arbusti, alberi e rampicanti, originarie delle regioni tropicali e subtropicali, ma che si adattano alle diverse situazioni. Sono tutte piante molto eleganti ed alcune si coltivano in appartamento per la bellezza delle loro foglie, molto ornamentali; ne è un esempio la coltivazione del ginseng bonsai. Viene utilizzato il termine ginseng perché la pianta ha delle grosse radici nodose e aeree che ricordano proprio quelle del ginseng. Il tronco è alquanto robusto ed ha un colore che varia dal grigio al rossastro.

La pianta, dall'aspetto elegante, ha un fusto allargato con propaggini nodose, le sue foglie sono ovali e lucide e crescono lungo il fusto. Tra le sue varietà ricordiamo il Bonsai Taiwan ficus, che sviluppa radici aeree intorno ai rami più bassi, per cui i bonsaisti lo coltivano come pianta ornamentale da roccia, definito semplicemente con "bonsai su roccia". È un albero sempreverde.

Ficus ginseng bonsai: esposizione

I ficus ginseng sono piante d'appartamento, infatti difficilmente tollerano il clima invernale con piogge e gelate.

Prima di posizionare il vaso del nostro bonsai ficus ginseng per ornare una stanza o un punto del nostro appartamento, dovremo valutare luce e correnti d'aria.

Il bonsai deve essere posto in una zona luminosa, magari vicino ad una vetrata o finestra. La migliore distanza è ad un metro circa dal punto luce. Infatti la luce permette il processo di fotosintesi clorofilliana e alle foglie di vegetare in maniera corretta e rigogliosa. Alcune specie di ficus, per crescere bene, hanno bisogno di valori di lux (la misura di intensità della luce) che va da un valore compreso tra 1000 a 2000 lux.

Evitiamo zone in cui vi sono correnti d'aria per non avere l'opacizzazione delle foglie e conseguente caduta delle stesse.

La fioritura del bonsai ficus ginseng

Le foglie del ginseng bonsai sono abbastanza piccole ed essendo un sempreverde, rivestono la pianta per tutto l'anno. 

La bellezza e l'originalità di forme e colori delle foglie e dei fiori non sono fini a se stesse: tutti gli attributi che la natura dona ad una foglia o fiore sono accorgimenti per assicurare la continuazione della specie.

Ficus ginseng: come concimarlo

Per far crescere sane le piante di ficus bonsai ginseng bisogna nutrirle in media una due volte al mese in primavera/estate.

Sono piante che amano un terriccio fresco ben drenato, composto in pari percentuale da akadama e buon terriccio universale. Per permettere lo sviluppo delle radici del ficus ginseng, si ha bisogno di sali minerali, perciò può essere utilizzato un composto a base di humus, con fertilizzanti come nitrato di potassio e fosfati.

Irrigazione del bonsai ficus ginseng

L'innaffiatura del ginseng bonsai è una delle operazioni che richiede maggiori attenzioni. È abbastanza semplice ma richiede una certa esperienza nel valutare di quanta acqua necessita e quale è il momento opportuno. Il nostro bonsai necessita di regolari innaffiature, ma facendo attenzione che non vi sia ristagno di acqua. Infatti una composta satura di acqua priva le radici di ossigeno e il ristagno favorisce l'inizio del dei marciumi radicali. Una pianta sana assorbe l'acqua dal terreno: questa sale dalle radici trasportando sali minerali fino al fusto e, attraverso i rami, alle foglie.

Potatura e propagazione del bonsai ficus ginseng

Non sono richieste potature drastiche per il ficus ginseng, risultano utili in primavera, quando la pianta inizia il nuovo periodo vegetativo. È consigliato potare rami secchi anche per dare una nuova estetica alla pianta o per mantenere la forma dell'albero, e due foglie ogni sei-otto cresciute. Se si vuole un albero più grande si può anche evitare di potarlo. I rami tagliati durante la potatura possono essere piantati per una nuova coltivazione. È preferibile effettuare la propagazione a metà estate.

Una procedura di propagazione di sicuro successo è la margotta. Si sceglie un ramo giovane e si asporta un sottile strato di corteccia o si fa una incisione diagonale, quindi si circonda la parte incisa con del muschio. Si avvolge il manicotto in un foglio trasparente, sigillato accuratamente. Una volta formate le radici, si stacca la margotta dalla pianta e la si colloca a dimora.

Malattie del bonsai ficus ginseng

Quando si osserva un bonsai ficus ginseng malato, occorre prima di tutto fare attenzione a non confondere le sintomatologie causate da squilibri fisiologici (stress idrico, terriccio inadatto, scarsità di luce o di temperatura) con le malattie di origine vegetale (provocate da funghi o batteri) o animale (causate da insetti, acari, vermi). Il ficus ginseng è una pianta abbastanza resistente ma può comunque essere attaccato dagli acari. Gli acari, comunemente conosciuti anche come "ragnetti rossi", con le loro punture provocano ingiallimento e caduta delle foglie. Si sviluppano soprattutto quando il clima è caldo e secco, ma anche su piante che sono state trattate precedentemente con insetticidi chimici. Gli acari possono essere eliminati con specifici acaricidi.

Anche gli afidi possono attaccare il bonsai. Questi succhiano la linfa delle piante e favoriscono lo sviluppo di muffe e fumaggini. Di solito vengono combattute con oli bianchi paraffinici attivati. Anche l'irrorazione con acqua e alcol fornisce buoni risultati ed è consigliabile effettuare il trattamento d'inverno.

Rinvasare il bonsai ficus ginseng 

Il rinvaso del ficus ginseng si può fare a primavera, ogni due anni, utilizzando una miscela universale di terriccio.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Gianfranco Chiapperini Gianfranco Chiapperini

Gianfranco Chiapperini, titolare dal 2004 del vivaio e garden center Pollice verde - polliceverdestore.com, è esperto di Bonsai.

Gianfranco Chiapperini è titolare dell'azienda Pollice Verde, fondata nel 1983 a Giovinazzo, in provincia di Bari, con l'impegno di progettare, realizzare e manutenere giardini, parchi e aree verdi condominiali. Negli anni l'impresa è cresciuta diventando un punto di riferimento nel settore del verde ed assicurando sempre la qualità dei prodotti forniti. Nel frattempo, con l’avvento del bonsai nel mondo occidentale, Pollice Verde apre un suo Centro Bonsai divenendo così uno dei più importanti punti di riferimento del settore nel sud Italia.

Nel 2011 Pollice Verde arriva sul web con il sito PolliceVerdeStore.com, un portale di e-commerce con l'obiettivo di diventare un punto di riferimento per gli amanti del bonsai, del giardinaggio e del mondo dell’arredo "green". Nel sito gli appassionati possono trovare tutto ciò che gli serve per la cura del bonsai, articoli legati al mondo di laghetti, qualsiasi prodotto fitosanitario (compresa una linea biologica), un vasto assortimento di vasi in resina e luminosi, i più moderni prati sintetici, e tanto altro ancora.

Nella sede a Giovinazzo (BA), in uno splendido atrio di una villa nobiliare di fine ‘800 è presente il Centro Bonsai con centinaia di bonsai mediterranei e anche giapponesi, disponibili alla vendita o anche alla sola visione al fine di conoscere questa antica e affascinante arte.

Pollice Verde di Gianfranco Chiapperini
S. P. Giovinazzo-Bitonto, contrada Lama
70054 Giovinazzo (BA)
Tel/Fax: 080.3942263

www.polliceverdestore.com
www.vivaipolliceverde.it