Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Rose: i rosai a grandi fiori. Quali sono le forme più comuni?

Rose: i rosai a grandi fiori. Quali sono le forme più comuni?

I rosai a grandi fiori

Le rose sono state tra i primi fiori ad essere coltivati a fini ornamentali. Le specie primitive di rose risalgono a milioni di anni fa ed, evolvendosi, hanno dato origine alle più di trecento varietà di rosai ad oggi esistenti.

Molte delle piante moderne sono il risultato di incroci multipli e, rappresentando prodotti ibridi, si caratterizzano per fiori decisamente più grandi ed odorosi rispetto alle rose che spontaneamente crescono in natura.

I rosai a grandi fiori possono appartenere a diverse varietà o specie di piante. Se si segue la classificazione basata sulle caratteristiche fisiche (portamento e fiori) e sull'utilizzo della pianta in giardino o in vaso, come solitamente appare sui cataloghi vivaistici specializzati, si possono includere tra i principali rosai a grandi fiori: le Tea ibride, alcune rose a cespuglio, le rose di Natale, le rose rampicanti rifiorenti e le ibride rifiorenti. La maggior parte delle rose che fioriscono in questi rosai si possono coltivare facilmente e non richiedono cure particolari. E' necessario però, come per ogni pianta, albero o arbusto, avere delle accortezze nella cura dei rosai a grandi fiori se si desidera mantenerle in buona salute e per permetterne una migliore fioritura.

Seguendo alcuni semplici accorgimenti sarà più semplice ottenere la nascita di rose particolarmente grandi e profumate. Alcuni dei rosai a grandi fiori, ad esempio, possono essere piantati a cespuglio monocolore su sfondo erboso oppure a cespuglio multicolore posto davanti ad una siepe a seconda dei diversi gusti o necessità. Se piantati in gruppi di cinque o sei piante della stessa varietà, questi rosai a grandi fiori profumati regalano il loro migliore effetto di colori e sfumature in un giardino o in un grande vaso. 

Leggi le risposte dell'esperto su COLTIVAZIONE E CURA ROSE:

Quali sono le loro caratteristiche?

I rosai a grandi fiori si caratterizzano per le rose a doppi petali, che fioriscono nel periodo da marzo fino al tardo autunno. Queste rose sono molto profumate e sono considerate tra le specie più eleganti all'interno dei giardini.

Solitamente fioriscono una prima volta in primavera, hanno una seconda fioritura all'inizio dell'estate e, qualche volta, a seconda delle condizioni climatiche, possono avere un'ultima modesta fioritura durante il periodo autunnale.

Tra i rosai rampicanti esiste una specie rifiorente a grandi fiori caratterizzata dall'elegante fioritura di veri e propri mazzi di rose, ma queste piante richiedono una particolare cura nella potatura e nella scelta della posizione in cui vengono interrate e coltivate ricordando comunque che le rose preferiscono sempre zone ombreggiate.

Anche per quanto riguarda la raccolta dei fiori dei rosai è necessario prestare particolare attenzione a non recidere fiori di rosai che abbiano meno di un anno di vita, per non togliere loro l'energia di cui necessitano per le successive fioriture.

Tecniche di potatura per rosai a grandi fiori

Per ottenere rose sempre più grandi nei rosai, si può ricorrere ad alcune tecniche da effettuare in fase di potatura, sia che si tratti di piante invasate che di piante interrate in giardino. In particolare, gli esperti di giardinaggio suggeriscono di procedere con la tecnica della "scacchiatura" dei boccioli, che consiste nel cimare le piante prima che inizi il periodo invernale, andando a recidere con una cesoia affilata i boccioli di rosa secchi tagliando al di sotto del fiore.

La scacchiatura può essere praticata per tutte le rose che producono più di un bocciolo fiorale per stelo. Bisognerà selezionare il bocciolo migliore (solitamente quello che si trova in cima) ed eliminare quelli laterali quando hanno raggiunto la dimensione di circa uno o due centimetri. Questo procedimento di decimazione dei fiori porterà la pianta a concentrarsi sulla gemmatura anzicchè sulla produzione di semi e la indurrà ad avere fioriture più limitate a fronte dell'aumento della bellezza e della grandezza delle singole rose precedentemente selezionate.

Leggi le risposte degli esperti su MALATTIE ROSE:

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.