chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Piante aromatiche: come coltivarle e curarle sul proprio balcone

Piante aromatiche: come coltivarle e curarle sul proprio balcone

Le piante aromatiche sono una risorsa indispensabile in cucina e coltivarle sul proprio balcone o in casa è più semplice di quanto si possa pensare. Essendo piante resistenti e che non necessitano di particolari cure e attenzioni, la loro coltivazione è indicata sia per i principianti che per gli esperti di giardinaggio.

Piante aromatiche in vaso: quali le varietà più rinomate

Varietà di piante aromatiche

Prima di tutto, è opportuno considerare che le piante disponibili in commercio non sono tutte biologiche e prive di pesticidi, quindi vanno sempre acquistate in luoghi di fiducia o che garantiscano l'origine biologica delle stesse: sarebbe ridicolo dedicare cure, attenzioni e tempo a piante non organiche o minimamente contaminate.  Alcune piante aromatiche possono essere riprodotte per talea, come nel caso del sedano, del basilico, della menta, del rosmarino. Anche in questo caso è fondamentale prelevare la talea da piante aromatiche biologiche, altrimenti la nuova piantina crescerebbe mantenendo, anche se in quantità ridotta, pesticidi ed altre sostanze tossiche. Le piante aromatiche si differenziano in annuali, biennali e perenni. Quindi, nella creazione del proprio orto personale sul balcone, è indispensabile utilizzare un vaso o un contenitore per ogni varietà, e sostituire le annuali o biennali con specie diverse, garantendo così una maggiore resa del terreno ed un rischio minore di malattie. 

Esposizione delle piante aromatiche

Le piante aromatiche hanno la caratteristica di essere molto resistenti a condizioni avverse. Inoltre, presentano una grande capacità di adattamento anche in spazi ristretti

L'esposizione più indicata è quella soleggiata, in un ambiente asciutto e caldo, evitando luoghi esposti a vento, freddo e ombra.

Se il clima non è troppo freddo, potranno resistere in balcone anche d'inverno. Se invece le temperature nei mesi invernali scendono notevolmente, sarà opportuno tenerle coperte, vicino ad un muro, se possibile, per evitare forti sbalzi termici.

Il terriccio ideale per le piante aromatiche

Le piante aromatiche necessitano di un terreno arieggiato, che garantisca un buon drenaggio: un terreno troppo compatto porterebbe le radici a marcire, un terreno troppo drenante impedirebbe di assorbire il nutrimento e l'acqua necessaria, indebolendola e impedendole lo sviluppo naturale.

Inoltre il terreno deve avere la quantità necessaria di nutrimento. Abbondare con elementi nutritivi può danneggiare le piantine, velocizzando la crescita e riducendo l'intensità degli aromi

Leggi le risposte dell'esperto su CURA PIANTE AROMATICHE:

Concimazione piante aromatiche

Se il terreno già contiene gli elementi nutritivi necessari, le piante cresceranno forti e rigogliose senza bisogno di ulteriore nutrimento.

La cenere, mai in quantità superiore ad 1/4 del terriccio totale impiegato, è un ottimo concime naturale e si aggiunge direttamente al terreno prima di trapiantarvi o piantarvi le piantine. Vanno evitati concimi troppo ricchi di azoto perché questo elemento potrebbe indebolire le piante e renderle troppo fragili.

Generalmente, le piante perenni non vanno concimate più di tre volte l'anno. Se dopo una cena con gli amici rimane un fondo di bottiglia di vino rosso, piuttosto che gettarlo, si può utilizzare diluito in molta acqua per innaffiare le piantine.


Irrigazione corretta piante aromatiche

È fondamentale che le piante aromatiche non ricevano troppa acqua. Appena trapiantate nel terreno o nel vaso vanno irrigate senza bagnare le foglie, mettendo l'acqua direttamente nel terreno, e successivamente richiedono poca acqua e possibilmente al mattino o alla sera, ma mai nelle ore più calde della giornata.

Malattie delle piante aromatiche

Fortunatamente la maggior parte delle piante aromatiche contiene principi attivi che sono repellenti per insetti e parassiti. Tuttavia, alcune piante come basilico, salvia, origano e rosmarino possono essere soggetti ad attacchi da parte di funghi. In questi casi, si sconsiglia qualunque intervento antiparassitario: l'unica soluzione è quella di rimuovere le parti più danneggiate.

Leggi le risposte dell'esperto su MALATTIE E PROBLEMI ERBE AROMATICHE:

Altre utili informazioni sulle piante aromatiche da un grande esperto

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.