Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Sedum, moquette della natura ideale per vestire i tetti di verde

Un prato sospeso con piccolissime radici, diffusissimo in America e in Inghilterra

Sedum, moquette della natura ideale per vestire i tetti di verde

I Sedum sono detti da molti "piante spartane". Moltiplicarli è davvero elementare: è sufficiente, ogni volta che un rametto viene spezzato o tagliato, lasciar prendere dell'aria alle ferite fresche, anche per due o tre giorni, e ripiantarle in un vaso pieno di torba o di terra d'orto mista a sabbia grossolana. Quasi tutti i Sedum amano il sole e non temono freddi prolungati o esposizioni ventose, tutti sono spartani e rusticissimi e preferiscono uno stato di semi-abbandono a premure eccessive.

Bastano un poco di acqua di tanto in tanto, un terreno sabbioso e molto ben drenato e soprattutto grande calma e riposo. Li ho visti ignorare i maltrattamenti di lunghi periodi di vaso, li ho visti essere bellissimi in piazzole e fiorire, di anno in anno, mai toccati, mai divisi. 

E spesso con poca, pochissima riconoscenza da parte dei giardinieri moderni. Chissà, forse coltivati ed appropriate moquette, i Sedum avranno finalmente la loro meritata rivincita. 

Sedum: minimo sforzo, massimo risultato

I Sedum hanno bisogno di poca terra. Quando sono in carenza d'acqua danno le migliori fioriture. Hanno la tendenza ad autopropagarsi. Si tratta di piante succulente che si adattano molto bene ai giardini pensili.

Il crescente interesse per i giardini sul tetto (non terrazzi di grandi attici, ma coperture verdi del lastrico solare, per le quali sono previste detrazioni fiscali in quanto riequilibratori climatici) porta alla ribalta un tipo di pianta di cui poco si parla, il Sedum. In realtà, il Sedum, di cui qualunque zia, in campagna, teneva almeno una varietà chiamandola familiarmente "Erba Teresa" o Sedum sieboldii, ha già fatto capolino nel lessico del garden design da quando la necessità di risparmio idrico è diventata impellente. 

Questa ebacea succulenta xserofita (adatta a vivere in ambienti aridi), che conta diverse centinaia di specie, vive bene a qualunque latitudine, con poca terra, con piccole radici, è perfetta come base per i giardini pensili perchè ha la propensione ad autopropagarsi

È l'ideale anche per chi ha poco tempo da dedicare alla cura dei vasi, visto che, quando è in sofferenza per la poca acqua, aumenta la fioritura

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da 25_mq_di_verde

25_mq_di_verde

La passione di Giampietro per il mondo vegetale è abbastanza recente.

Fino a pochi anni non pensava neanche all'idea di occuparsi di una piantina o un fiore. Poi tutto è iniziato con qualche vaso sul balcone, da qui l'esigenza di trovare una casa con uno spazio esterno, per quanto piccolo. 

25mq-di-verde è un blog nato insieme al piccolo giardino che rappresenta.

JampyB

http://25mq-di-verde.blogspot.it/