chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Siepi: elementi importanti del giardino

Guida alla realizzazione e alla manutenzione di siepi sane, fitte e di grande effetto

Siepi: elementi importanti del giardino

Un aspetto da non sottovalutare per avere un giardino in ottime condizioni è la manutenzione ordinaria delle siepi.

Ne esistono diverse specie e varietà. Sempreverdi o a foglia caduca, l’importante è valutare bene la scelta della pianta in base al contesto in cui andiamo ad inserirla.

I principali aspetti da tenere in considerazione per la scelta di una siepe da formare riguardano principalmente l’esposizione e lo spazio che abbiamo a disposizione. Da qui l’importanza della progettazione, fondamentale per non commettere errori progettuali al fine di evitare problemi in futuro, come siepi troppo cresciute o spoglie per l’insufficienza di luce.

È consigliato mettere a dimora piantine giovani (se non si ha fretta di coprirsi subito) per un facile attecchimento e per essere più agevolati nella potatura, così da donargli la forma e l’aspetto che vogliamo ottenere.

Il periodo migliore per eseguire l’impianto è l’autunno o la primavera. Il terreno va lavorato in profondità, aggiungendo sostanza organica, sabbia in caso di terreno argilloso e terriccio di qualità professionale.

Una volta individuata la specie più adatta alle nostre necessità e al luogo in cui andrà piantata, è necessario valutare la densità, quindi la distanza tra una pianta e l’altra, che in genere varia in base alla specie scelta e al loro accrescimento. Importante non aumentare eccessivamente la densità di piantine a metro lineare poichè in pochi anni riempiranno bene lo spazio dandosi fastidio a vicenda.

Per evitare stress alla pianta a causa del trapianto, soprattutto se eseguito nel periodo estivo, bisogna dedicare particolare attenzione all’innaffiatura, soprattutto durante il primo periodo di attecchimento. Pacciamature come corteccia cippato aiutano a mantenere il terreno umido. 

La potatura delle siepi: una delle operazioni più importanti

L’intervento più frequente sulle siepi è sicuramente la potatura, eseguita almeno due volte l’anno su specie molto vigorose, come ad esempio il Lauro Ceraso, molto utilizzato. Eseguite nei modi e nei tempi corretti, le potature permettono di evitare parti secche di siepe e buchi antiestetici.

La frequenza e il periodo di potatura variano in base alla specie: sempreverdi o caducifoglie, siepi da fiore o da foglia. Sicuramente è preferibile l’intervento eseguito a mano, con forbici e cesoie, che permette un taglio più preciso e pulito. Una buona prassi, una volta finita la potatura della siepe, è la pulizia interna di rami e foglie che sono rimasti incastrati, eseguita a mano o con soffiatore, evitando così che secchino internamente.

Un aspetto molto importante da considerare riguarda l’invecchiamento delle siepi. Con il passare degli anni le siepi, più o meno di tutte le specie, accrescono i diametri dei fusti andando a occupare spazi a loro non destinati in fase di impianto.

Con normali tagliasiepi non è possibile riportarle alla dimensione originale. In tal caso risulta necessario un intervento drastico di potatura eseguito con motosega attrezzi da taglio che permettono di tagliare tronchi di diametro consistente e aspettare i nuovi germogli che saranno molto vigorosi, in modo da ricostituire la siepe quasi da zero. Le potature dell’anno successivo saranno leggere e di conformazione della siepe.

Considerando tutti questi aspetti, e non dimenticando un piano adeguato di concimazione per apportare sostanze nutritive durante l’anno, si potranno ottenere siepi sane, fitte e di grande effetto.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da