Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Solandra: gigantesche rampicanti dai fiori stupendi

Solandra: gigantesche rampicanti dai fiori stupendi

Dall’America tropicale le piante del sole

Nei giardini mediterranei sono molto apprezzate le specie di questo genere tropicale proveniente dall’America centro-meridionale; si tratta di arbusti o rampicanti molto vigorosi, dall’aspetto lussureggiante, introdotti nel secolo scorso e ora acquistabili anche nei vivai specializzati. Due sono le specie più diffuse in Italia, lungo le coste più calde.

Solandra maxima

Chiamata coppa d'oro e rampicante dai calici dorati è questa una robusta sarmentosa legnosa sempreverde, alta sino a 10 metri, con foglie di colore verde lucido, ellittiche, a margine intero, lunghe sino a 15 centimetri; i fiori sono a forma di tromba, di colore giallo oro con striature bruno-violacee all'interno. Fiori molto profumati durante la notte. L’habitat è quello delle foreste tropicali dal Messico al Venezuela. Fiorisce da metà inverno sino a tarda primavera.

Solandra longiflora

Grande sarmentosa legnosa sempreverde, alta sino a 9 metri, con grandi foglie verde scuro, in genere arrotondate all'apice, membranose, lunghe 5-12 centimetri, picciolate; i fiori sono a forma di tromba, con un lungo calice di colore bianco o giallo pallido e striature bruno-violacee all'interno, lunghi fino a 30 centimetri, con la corolla sfrangiata. Profumano di notte. Originaria delle foreste tropicali di Cuba ed isola Hispaniola. L’ epoca di fioritura è compresa tra ottobre e primavera.

Coltivazione e utilizzi

Entrambe le specie vogliono esposizione soleggiata o in ombra parziale, su terreno fresco, fertile e ben drenato, con irrigazione regolare durante la stagione di crescita. Resistono sino a 0°C, con danni però alle foglie che anneriscono e possono in parte cadere. Si consiglia di potarle regolarmente se si vuole contenere il loro lo sviluppo. Solandra longiflora è tollerante al vento e alla salinità dell'aria. Si propagano per talea semi-legnosa in estate. I loro organi risultano velenosi.

Utilizzarle accanto a un muro o per una pergola.

 

 

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da marco_alberti

marco_alberti

Marco Alberti è Dottore Forestale, esperto in Piante Cactacee e Succulente, e autore di alcuni studi e volumi sulla flora spontanea e ornamentale. In particolare si occupa di piante succulente coltivate in Italia sia nei giardini pubblici che a livello amatoriale e acquistabili presso vivai specializzati.

La lunga carriera professionale del professor Alberti è costellata di esperienze lavorative di successo, arricchite da Studi botanici, ecologici e paesaggistici, Consulenze per progettazione di aree verdi con analisi paesaggistica, valutazione di impatto ambientale, studi d’incidenza ecologica, Pianificazione forestale per le proprietà di numerosi comuni ed istituzioni locali; Progettazione e direzione lavori in ambito forestale.

Il professor Alberti è docente e autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative ed è stato relatore in seminari e convegni.

Se desideri saperne di più sulle Piante Cactacee e Succulente, contatta Marco Alberti:

Dottore Forestale Marco Alberti
via Giulio Cesare, 61
18012 Bordighera (IM)
cellulare: 3293115080