Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Magnolia Grandiflora 'Gallissonnière' o ‘Gallisoniensis’

L'albero ornamentale sempreverde più maestoso e grande dei nostri giardini

Magnolia Grandiflora 'Gallissonnière' o ‘Gallisoniensis’

Al genere Magnolia appartengono diverse specie a foglia caduca o sempreverdi provenienti dall'America ma anche dall'Asia, dalla Cina, come dal Giappone, ed importate in Europa. Sono state classificate a metà del XVIII secolo.

La Magnolia Grandiflora Gallisoniensis deve il nome al Barone de La Gallisonnier che selezionò la cultivar.

Si tratta di piante maestose e molto diffuse. All'Orto Botanico di Padova vive dal 1786 uno degli esemplari più antichi.

Prediligono un terreno acido, ricco e fresco ma soffrono il ristagno di umidità alle radici. L'esposizione ideale è in pieno sole o ombra luminosa, ma le troviamo spesso in ampi spazi aperti dato il loro grande sviluppo. Gli esemplari raggiungono infatti i 20-30 metri di altezza.

Caratteristiche della Magnolia Grandiflora Gallisoniensis

Il fogliame è lucido. La pagina superiore è verde scuro, mentre quella inferiore è di color ruggine. Fiorisce in tarda primavera - inizio estate.

I fiori della Magnolia sono grandi, solitari e profumatissimi. Si aprono creando col fogliame un bellissimo contrasto.

Oriana Fallaci cita il fiore di magnolia in un suo celebre libro e il lettore percepisce la maestosità della pianta che cresce vicino all'edificio, portando al cielo questi fiori bellissimi bianco crema il cui profumo ricorda il limone.

In autunno la generosa magnolia regala i suoi frutti, ovvero coni simili a pigne che, quando maturano, lasciano uscire semi rosso arancio. Riprodotta per seme è facilmente riconoscibile per i rami più chiari e per le foglie, più piccole e verdi su entrambe le pagine. Di solito, quindi, le riproduciamo per innesto o più semplicemente per talea semi legnosa.

Annualmente si eliminano i rami secchi senza grandi potature.

La larga diffusione di questa specie testimonia come poche siano le avversità contro cui deve lottare, tuttavia teme le gelate tardive che colpendo i bocci li espongono all'attacco di muffe, come talvolta accade al suo apparato radicale.

Assai rari sono gli attacchi di afidi.

Leggi le risposte dell'esperto su MAGNOLIA:

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da kety_cialdi

kety_cialdi

Kety Cialdi è una delle vivaiste produttrici dell'Associazione Pollici Rosa - www.pollicirosa.com, vivaio fondato nel 2012 da Rita Paoli e Francesca Moscatelli ed ora diretto esclusivamente da Kety ed Alberta Ballati, con lo scopo di promuovere “al femminile” il vivaismo pistoiese di qualità. La cooperativa di donne vivaiste appartiene al Consorzio Ortovivaisti Pistoiesi - www.coppt.com e tratta il canale di vendita privato, sia al dettaglio che tramite ecommerce.

Nel1992 Kety ha scelto di dedicarsi completamente alla storica attività di famiglia: la coltivazione di piante ornamentali da esterno.

Nei quasi nove ettari di terreni a Pistoia fra alberature, cespugli da fiore, frutti minori e conifere, Kety pota, innesta, invasa, carica e scarica, guida camioncino, muletto e trattore. Oggi coltiva piante e varietà per il Vivaio Pollici Rosa di Pistoia, che propone agli appassionati tutti i tipi di piante da giardino, con una grande variabilità di specie dedicate agli spazi verdi e ai giardini: Giovani piante; Cespugli; Conifere; Ortensie hydrangee; Climber - rampicanti; Alberi e fruttiferi; Specie erbacee; Bambu phormium; Specie acquatiche; Rose; Specie per i climi caldi; Palmacee e cactus.

Pollici Rosa
Via Vergine dei Mei 2B 
Casenuove di Masiano, 51100 Pistoia
(all'interno della sede del Consorzio Ortovivaisti Pistoiesi)
Kety: cell.329-5940067
Alberta: cell.335-5242534
www.pollicirosa.com