Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Chi è Mauro Di Sorte, uno dei massimi esperti e collezionisti di Ortensie in Italia

Ricostruiamo la storia della diffusione delle Ortensie e del vivaismo in Italia attraverso le parole di Mauro

Chi è Mauro Di Sorte, uno dei massimi esperti e collezionisti di Ortensie in Italia

La Redazione di Portale del Verde è lieta, oggi, di presentarvi Mauro Di Sorte, esperto di Ortensie e collaboratore del Vivaio Giardino Tara di Bolsena (VT), specializzato nella produzione e vendita di Ortensie.

"Come e quando è nata in lei la passione per questo specifico genere di piante?"

"La mia passione per le Ortensie nasce e matura a Bolsena, in anni in cui la città di Bolsena aveva cominciato, con speciali intenti innovativi, ad ornare giardini e spazi pubblici con varietà di Ortensie. Bolsena, negli anni '50, era un contesto ancora prettamente agricolo. Mio padre, per esempio, pensava che rubare spazio alle coltivazioni produttive per coltivare le Ortensie fosse davvero uno spreco. Io ho imparato da solo a produrre Ortensie. Oggi Bolsena ha scelto, ormai da tempo, di valorizzare questo fiore che, con migliaia di piante, fa da cornice al suo meraviglioso lungolago ed al caratteristico borgo medioevale."

"Cosa l'ha spinta a diventare vivaista? Era il suo sogno nel cassetto sin da bambino?"

"Ho iniziato il mio percorso professionale come imprenditore. Gestivo e conduco tutt'ora un'attività di articoli per l'infanzia. La mia vita lavorativa è cambiata quando ho conosciuto Maddalena, titolare del vivaio Giardino Tara di Bolsena (VT), che, all'epoca, aveva un piccolo vivaio ed era alla ricerca di qualcuno che la aiutasse a mandare avanti l'attività vivaistica. In quel momento ho deciso di dare ascolto al mio cuore e di iniziare questa bella avventura, che oggi sono più che mai deciso a continuare. Quello di lavorare in vivaio era sempre stato un sogno nel cassetto."

"Qual è il fiore all'occhiello del suo vivaio?"

"Il vivaio Giardino Tara propone una collezione davvero importante di Ortensie, con oltre 400 cultivar. La nostra produzione si orienta prevalentemente verso le ortensie in vaso, punto di riferimento per tutti coloro che amano queste meravigliose piante. Nel nostro vivaio-giardino si producono, però, anche ortensie rare per collezionisti. La nostra collezione di ortensie comprende: Hydrangea arborescens, Hydrangea aspera, Hydrangea heteromalla, Hydrangea involucrata, Hydrangea macrophylla, Hydrangea paniculata, Hydrangea quercifolia, Hydrangea rampicante, Hydrangea serrata e altre Hydrangeacee. Seguiamo tutti gli stadi della coltivazione delle Ortensie, dalla talea alla pianta finita e mettiamo in vendita solo piante di prima qualità."

"Come si vede tra 10 anni?"

"Con i capelli più bianchi di adesso. Ma spero di poter comunque continuare a lavorare nel mondo del vivaismo".

"Ricorda il suo primo 'incontro' con il giardinaggio? Provi a raccontarcelo."

"Il mio primo incontro con il vivaismo e con le Ortensie fu durante una mostra-mercato florovivaistica. Fu lì che conobbi per la prima volta le Ortensie Paniculate e me ne innamorai".

"Quanto sono cambiati il vivaismo e il giardinaggio negli anni rispetto a quando l'ha conosciuto lei?"

"Direi che è cambiato profondamente. Basta osservare cosa è accaduto alle mostre-mercato florovivaistiche di un tempo, nate per educare il pubblico di appassionati del verde e per avvicinare sempre di più i non addetti al settore alla conoscenza delle varietà. Oggi sono poche le mostre-mercato che possono davvero dirsi "educative", mentre sono tante quelle che si presentano letteralmente come "mercati" dove si vendono tante cose e basta. Sarebbe bello poter tornare al collezionismo sano e produttivo di una volta, quello dove si andava a caccia di varietà nuove proprio nelle mostre-mercato. Ora il più delle volte occorre andare all'estero per trovare novità.

Colgo inoltre l'occasione per esprimere il mio disappunto nei confronti di chi vende piante fiorite in tutte le stagioni e dunque commercializza piante nutrite con ormoni della crescita, che vengono forzate nel loro sviluppo accelerato. Da vendere sono senza dubbio molto belle e piacevoli, ma una volta portate a casa e messe a dimora nel proprio giardino la loro durata e resistenza è inferiore ad una pianta che non ha subito 'deformazioni'."

"Pensa che la tecnologia possa fornire al giardinaggio e al verde un buon trampolino di crescita per le nuove generazioni? Nell'era del web e dello smartphone quali sono oggi gli strumenti che utilizza per approfondire la conoscenza e lo studio delle varietà e per avere informazioni certe?"

"La tecnologia, negli ultimi anni, ha influito davvero tanto sulla diffusione del giardinaggio e dell'amore per il verde. Il suo contributo è decisivo e determinante soprattutto quando si parla di allargare le vedute e gli orizzonti, nonchè espandere il bacino della clientela potenziale. Inoltre Internet ci permette di fare ricerche continue per conoscere e ricavare informazioni. Ma bisogna stare attenti a non abusarne e ad utilizzarlo con moderazione: mi riferisco in particolare ai social networks, che non devono risultare mai invadenti e inopportuni, altrimenti il loro effetto positivo diventa negativo."

"C'è un libro o un volume di giardinaggio a cui è particolarmente affezionato?"

"Per mia abitudine personale acquisto solo libri francesi e inglesi, che parlano delle piante in maniera professionale ed approfondita". Non ho un libro a cui sono più affezionato che ad altri."

"Qual è il libro che si sente di consigliare ad un ragazzo che vuole approcciarsi per la prima volta allo studio del verde?"

"Per quanto riguarda le Ortensie, mi sento di consigliare il libro scritto da Eva Ormezzano Boasso, "Ortensie e idrangee. La storia, le varietà, la coltivazione", scritto molto bene sia sotto l'aspetto storico che dal punto di vista pratico, che piace molto al pubblico degli appassionati."

"Qual è il primo consiglio che si sente di dare a chi si vuole cimentare nella coltivazione di queste piante?"

"Di mettere entusiasmo nella coltivazione e di non scegliere piante complesse da coltivare, soprattutto i primi tempi. Per esempio tra le Ortensie, che non sono piante difficili da coltivare, mi sento di consigliare, per semplicità di coltivazione, la varietà Hydrangea arborescens 'Annabelle', una tra le Ortensie arbustive più belle."

"Qual è la varietà di pianta che preferisce e perchè?"

"Dire quale varietà preferisco è come chiedere ad un padre qual è il figlio a cui vuole più bene... direi che mi piacciono allo stesso modo tutte le Ortensie, senza discriminazioni. Però se devo esprimere proprio una preferenza, amo molto le Ortensie giapponesi."

"Ci sono stati momenti difficili nel corso della sua carriera professionale, in cui ha pensato di abbandonare il vivaismo?"

"Sì, direi che anche quello che stiamo vivendo attualmente è un momento di difficoltà. In vivaio noi stiamo cercando di far fronte a questa difficoltà, ampliando le collezioni con l'aggiunta di Magnolie e di Melograni. La mia speranza e il mio augurio è che le grandi mostre-mercato tornino a sostenere il collezionismo e ad essere il punto di riferimento che sono sempre state per vivaisti e collezionisti."

"Ha dei figli? Lavorano con lei nel settore del vivaismo oppure hanno seguito altre strade? Se ne dispiace?"

"Sì, ho un figlio che si sta approcciando ora alla coltivazione e ha studiato Agraria. Se desidera continuare, e ci spero, deve andare avanti con grinta e fermezza, tenendo presente che spesso l'impegno profuso per conseguire un obiettivo è maggiore dei risultati economici ottenuti."

"Come considera il vivaismo europeo di oggi? Conosce o ammira delle realtà vivaistiche estere?"

"In Europa è l'Olanda a fare la differenza, soprattutto per ciò che riguarda le Ortensie, ad esempio. Hanno un'ottima organizzazione logistica, legata alla tempestività e velocità nei trasporti. I vivai italiani, da questo punto di vista, sono rimasti un po' indietro rispetto ad altre realtà straniere."

Se non fosse vivaista o botanico o agronomo, quale potrebbe essere il mestiere che le piacerebbe praticare?

"Se non fossi un vivaista, sarei... vivaista. Non c'è davvero altro lavoro che vorrei fare."

"Ha scritto pubblicazioni di settore? Se sì, quali?"

"Il mio sogno è sempre stato quello di scrivere un libro, per divulgare negli anni l'esperienza e le conoscenze che ho maturato nel campo. Sono convinto, infatti, che se non divulgassimo ciò che abbiamo appreso, avremmo imparato solo per noi stessi e la conoscenza, di conseguenza, rischierebbe di morire con noi."

"La zona in cui abita e lavora è un'area “amica del verde” o pensa che si dovrebbe fare ancora tanto per avvicinare la gente alle piante e al mondo del verde?"

"Bolsena è ad oggi la città delle Ortensie. A partire dagli anni '90 ad oggi sono state messe a dimora in città tra le 5000 e le 6000 varietà di Ortensie, regalate dai produttori locali. Oggi le persone sono più sensibili alle problematiche del verde di un tempo, ma c'è ancora tanto bisogno di educarle alla cultura del giardinaggio. Basti pensare che, quando la gente decide di fare un giardino in casa propria, non è ancora disposta a spendere le cifre che, invece, all'estero vengono investite per la progettazione e creazione del verde. Un esempio fra tutti è l'Inghilterra, dove ancora di costruire la casa, si progetta e si pensa al giardino. È tutta un'altra cultura... un modo di pensare e concepire il verde completamente differente."

Ringraziamo con affetto Mauro Di Sorte per questa intervista, rubatagli telefonicamente mentre stava viaggiando verso una delle tante mostre-mercato cui il vivaio Giardino Tara partecipa da anni. Cogliamo al volo l'opportunità per ricordare a tutti coloro che, come Mauro, sono innamorati delle Ortensie e vogliono sapere i segreti per rendere le loro piante ancora più belle e fiorite, che il Mauro Di Sorte è a vostra disposizione per rispondere a tutte le vostre domande e richieste in merito al mondo delle Ortensie, all'interno della nostra rubrica gratuita "Esperto Risponde". Se volete, invece, leggere alcuni degli articoli scritti da Mauro Di Sorte, potete trovarli nella sezione Blog di Giardinaggio di Portale del Verde.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.