chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Illuminazione orchidee: guida pratica

Illuminazione orchidee: guida pratica

Le orchidee appartengono alle più grandi famiglie di piante da fiore e attualmente sono note 25.000 specie, anche se periodicamente ne vengono scoperte e descritte delle nuove.

Descrizione dell'ambiente in cui crescono le orchidee

L'ambiente che un'orchidea preferisce si basa in gran parte sul tipo di specie a cui appartiene. Sebbene la maggior parte di esse abbia alcuni tratti in comune, l'ambiente preferito non è sempre lo stesso. Alcune orchidee vendute per propagarsi al chiuso oggi si possono anche coltivare all'aperto, tenendo presente che sia all'interno che all'esterno tendono a preferire livelli di luce da bassa a moderata, con elevata umidità e un'irrigazione minima.

Gli articoli per il giardinaggio in tal senso propongono ottime soluzioni per ottimizzare il risultato. Le orchidee possono prosperare in casa ed in particolare alcune varietà come la Phalaenopsis, il Paphiopedilum e il Cymbidium ovvero delle specie in grado di vivere in quasi tutte le stanze purché la temperatura sia moderata e l'esposizione alla luce risulti sufficiente. Se si mantiene la casa più fresca durante la notte e più calda durante il giorno questo ambiente è particolarmente ideale; infatti, quando la temperatura scende di circa 10 gradi durante la notte e aumenta durante il giorno incoraggia la fioritura. Le orchidee crescono meglio vicino a una finestra, in particolare su un lato sud o ovest la cui luce è regolare ma non costante. Se tuttavia le orchidee sono esposte alla luce diretta del sole, è necessario filtrarla attraverso una sottile tenda. Questi esemplari da giardino come la Bletilla striata comunemente chiamata orchidea di terra cinese, preferisce un ambiente più ombreggiato rispetto alle loro controparti indoor. Le suddette orchidee da giardino dovrebbero tra l'altro essere coltivate in un terreno ben drenato, mentre nelle regioni più fredde richiedono invece una pesante pacciamatura in inverno. Le orchidee da giardino preferiscono temperature moderate, fioriscono in primavera e giacciono dormienti durante l'inverno a temperature che non scendono al di sotto dei livelli di congelamento.

 PRODOTTI CONSIGLIATI PER LA COLTIVAZIONE E CURA DELLE ORCHIDEE 

Di seguito un elenco di prodotti per il giardinaggio che abbiamo scelto per te (e che puoi acquistare online), che ti permetteranno di mettere in pratica, fin da subito, le indicazioni contenute in questo articolo.

1. Luci artificiali --> https://amzn.to/2OoRoDn

2. Terriccio per orchidee --> https://amzn.to/2Au7CDG

3. Concime --> https://bit.ly/37ZRPf8

4. Antiparassitario --> https://amzn.to/2V21dsC

5. Vaso trasparente --> https://amzn.to/32KQjtW

Quanta luce serve alle orchidee?

Le orchidee, come le Phalaenopsis, rappresentano la varietà più comune da tenere in casa. Per fortuna hanno requisiti di luce relativamente bassi rispetto ad altre specie. Le orchidee Phalaenopsis necessitano infatti di una luce intensa ma indiretta, e si trovano meglio in corrispondenza di una finestra esposta a est o ovest. Le foglie pallide con macchie marroni indicano in tal senso una luce eccessiva, mentre quelle di colore verde scuro un'illuminazione insufficiente. Le orchidee Phalaenopsis crescono in genere sotto gli alberi e non sono abituate a ricevere molta luce se non quella filtrata attraverso la loro folta chioma. Di conseguenza si adattano anche in casa poiché in genere questi ambienti hanno condizioni di illuminazione non dissimili da un suolo come quello poc’anzi descritto. Per ottimizzare il risultato è però necessario disporre di alcuni articoli per il giardinaggio come ad esempio delle lampade che garantiscono una luce artificiale in grado di favorirne la crescita.

Illuminazione artificiale delle orchidee

Molti tipi di orchidee possono essere coltivate con successo con la luce artificiale. Questa tipologia di illuminazione potrebbe anche funzionare meglio di un davanzale, poiché consente di avere il controllo totale sulla quantità e l'intensità della luce che le orchidee ricevono ogni giorno. Tuttavia, è importante assicurarsi di considerare pienamente il proprio budget prima di intraprendere un progetto di illuminazione artificiale, poiché le bollette energetiche per l’utilizzo delle apparecchiature e dell'elettricità potrebbero risultare piuttosto costose.

Le sorgenti luminose artificiali consentono però di coltivare orchidee senza serre o esposizione sui davanzali. Il costo di questi articoli per il giardinaggio e dell'elettricità sono in tal senso le uniche limitazioni. I sistemi fluorescenti rappresentano l’illuminazione più accessibile ed economica, e i portalampada leggeri a tre bracci filiformi sono estremamente versatili e pratici specie se si opta per la coltivazione di orchidee compatte poiché ci sarà abbastanza spazio per averne almeno una o più in fiore tutto l'anno. Usando questo sistema di illuminazione fluorescente è dunque una buona opzione specie se la casa è priva di luce sufficiente per le orchidee. Una lampada orientabile facilmente reperibile nei negozi tradizionali e sugli store online che vendono articoli per il giardinaggio, è anch’essa molto utile per illuminare le orchidee e altre piante in via di sviluppo. A questo punto è importante sapere che già alcuni anni fa l'unica vera scelta erano i tubi a luce bianca fredda e calda e che rappresentano ancora oggi la scelta migliore, poiché questi fluorescenti sono luminosi e molto economici.

Quali lampade usare?

I 3 tipi più comuni di illuminazione artificiale utilizzati per le orchidee in crescita sono: fluorescenti, a scarica ad alta intensità e a LED. Le lampadine a incandescenza domestiche di base, non sono consigliate in quanto emettono molto calore e non sono efficienti dal punto di vista energetico.

Premesso ciò, il primo tipo di lampade sono i tubi fluorescenti che sono molto facili da trovare e risultano anche efficienti dal punto di vista energetico. Se si dispone di orchidee che lamentano scarsa luminosità, sono sufficienti quattro tubi di luce fluorescenti da 60 Watt da posizionare a circa 90 centimetri sulla parte superiore. Una volta che l’orchidea si sviluppa in altezza bisogna però evitare che tocchi il fluorescente poiché il calore potrebbe causargli dei danni strutturali.

Il secondo tipo di lampadina consigliata è quella con le luci a scarica ad alta intensità nota come alogena. Questa tipologia tende ad essere più costosa ma è perfetta per le orchidee che richiedono un'intensità di luce maggiore. Le lampade alogene sono disponibili di due tipi: ioduri metallici e a sodio ad alta pressione.
Le lampade ad alogenuri metallici producono una luce blu dall'aspetto naturale che incoraggia la crescita delle foglie, mentre quelle al sodio ad alta pressione producono una luce giallo-arancione che aiuta le piante a crescere più alte. Le luci alogene sono disponibili in diverse potenze nei negozi tradizionali, online e che vendono articoli per il giardinaggio. Maggiore è la potenza e più lontano dall’orchidea queste luci dovrebbero comunque essere posizionate. Ad esempio quelle da 250 W vanno collocate a circa 80-100 cm sopra le orchidee, la luce da 400 W invece è preferibile posizionarla a 120 cm circa, mentre la tipologia da 1.000 W è sicuramente meglio collocarla a circa 150 cm sopra le orchidee per evitare che si surriscaldino.

Il terzo tipo di lampadine consigliate sono le luci a LED che rappresentano le opzioni più efficienti dal punto di vista energetico, ma sono piuttosto costose rispetto agli altri tipi. Queste luci sono però ottime per le orchidee che crescono bene poiché emettono meno calore rispetto agli altri tipi di illuminazione artificiale. Alcune luci a LED sono appositamente progettate per le piante in crescita e includono anche un ampio spettro di luce.

Quali sono gli errori più comuni nella coltivazione di orchidee?

Le orchidee della specie Phalaenopsis sono tra le più belle piante da fiore che si possono coltivare in casa e richiedono solo cure minime. Questo è il motivo per cui sono adatte anche per i giardinieri meno esperti che desiderano coltivarle nella loro casa ma mancano della conoscenza avanzata e della cura necessaria. Questa specie di orchidee è molto resistente e può crescere con un minimo di attenzione. Tutto quello che bisogna fornirgli è la giusta quantità di luce, una buona umidità, acqua e concimi appropriati. Gli errori più comuni che i giardinieri alle prime armi commettono quando cercano di far crescere le orchidee Phalaenopsis includono un'irrigazione eccessiva, le piantano nel terrapieno, optano per troppa luce solare e non gli forniscono abbastanza umidità. Questi errori possono portare più danni che benefici e mettere in pericolo le orchidee.

Sempre in riferimento a ciò, è altresì importante evitare i suddetti errori se si desidera avere orchidee forte e sane e che crescano quindi regalando degli splendidi fiori. L'irrigazione eccessiva è pericolosa per le orchidee, e questo è l'errore più comune che fanno i giardinieri principianti. Le orchidee Phalaenopsis richiedono infatti solo una quantità limitata di acqua per prosperare. L'irrigazione eccessiva può causare diversi problemi tra cui quello del marciume dell'apparato radicale. I migliori terreni di coltivazione per l'orchidea Phalaenopsis sono brandelli di sughero, corteccia d'albero o cocco. Un altro errore del principiante è quello di esporre l'orchidea a troppa luce solare; infatti, prospera sotto quella indiretta quindi è importante posizionarla lontano dai raggi solari preferendo una finestra esposta a sud o ad est, oppure optando per alcuni articoli per il giardinaggio come ad esempio un set di luci artificiali.

A margine di questo elenco di errori comuni che si commettono quando si coltivano le orchidee, va detto che non fornendo loro abbastanza umidità si rischia di creare dei danni strutturali. Se infatti si vive in una zona con queste condizioni climatiche bisogna fornirne una artificiale e di buon livello, visto che questa tipologia di pianta da fiore ne richiede un valore alto per prosperare al meglio. Acquistare un set di luci per fornire alle orchidee la giusta illuminazione di cui hanno bisogno, è oggi possibile visitando le pagine di alcuni store online che propongono tanti articoli per il giardinaggio compresi svariati sistemi e set per la suddetta luce artificiale di cui le orchidee hanno bisogno per crescere sane e rigogliose.


Se hai letto questo articolo, potrebbe interessarti anche:

Quanta luce serve alle orchidee? Come si possono illuminare?

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.