chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come annaffiare la orchidea Phalaenopsis

Pubblicato il 18/05/2017 da Giancarlo Pozzi in Orchidee
Come annaffiare la orchidea Phalaenopsis

Orchidea Phalaenopsissono piante epifite, (significa che vivono sugli alberi senza però arrecare alcun danno all’albero che serve loro solo come sostegno) ed hanno radici aeree che appunto vivono all’aria e devono asciugare bene tra una bagnatura e l’altra, per cui vanno bagnate solo quando sono sicuramente asciutte, poichè altrimenti marciranno rapidamente. Non ci si stancherà mai di dire che la maggior parte delle orchidee che muore in casa muore per troppa acqua, Scopri come curare la tua orchidea.

Quando e come annaffiare un'orchidea Phalaenopsis

Il modo migliore per capire quando una orchidea è asciutta, è di soppesarla, seguendo questa regola: se la pianta è leggera si bagna, se non è leggera non si bagna; in caso di dubbio non lo si fa. Quando si bagnerà, successivamente, sarà in maniera abbondantemente, fin che il vaso diventa pesante.

Se si bagna dall’alto vedrete che gran parte dell’acqua esce dai fori di scolo del vaso, anche se dopo un po' quest'ultimo diventerà pesante. Se bagnate per immersione, mettete il vaso in una bacinella non immersa completamente, ma fin quasi all’orlo, altrimenti la corteccia in superficie uscirà dal vaso. Bastano pochi minuti, quando il vaso è pesante la pianta è bagnata.

Un altro sistema per capire quando bagnare l'ochidea è verificare se la pianta è asciutta, controllando le radici: quando sono bagnate le radici sono verdi mentre, asciugando, diventano bianche fino a diventare di color argento quando sono completamente asciutte.
Le Phalaenopsis si coltivano in vasi trasparenti soprattutto per questa ragione.

Leggi le risposte dell'esperto su MALATTIE ORCHIDEE:

Che tipo di acqua utilizzare

La qualità dell’acqua è importante, anche se quella dell’acquedotto nella maggior parte dei casi va bene. Bisogna però farla decantare un giorno, in modo che il cloro che viene utilizzato per potabilizzare l’acqua evapori (io la uso ed il mio tecnico dice che va bene, c’è un pochino di calcare ma è tollerabile).

Nel caso la cosidetta "acqua del Sindaco" non sia utilizzabile per troppa salinità, potete usare l’acqua piovana correggendone l’acidità (potete misurare e correggere il PH con appositi kit che trovate nei negozi di acquari), o l’acqua da osmosi inversa, si può trovare nei supermercati o nei negozi di acquari, o potete acquistare un piccolo impianto da osmosi inversa (tra l'altro molto adatta per fare il caffè).
Per entrambe le tipologie di acqua è consigliato comunque di aggiungere un minimo di concime, o un 10% di acqua del rubinetto, per dare un minimo di salinità.

Per garantire il giusto nutrimento alle tue orchidee, Portale del Verde ha valutato tra i vari concimi disponibili su Amazon e ha selezionato quello della Cifo il quale garantisce, grazie al contenuto equilibrato di azoto, fosforo e potassio in associazione ai microelementi essenziali, un rigoglioso sviluppo della pianta. Non potrai più farne a meno. Acquistalo subito per vedere le tue Orchidee fiorite e sane!

Temperatura dell’acqua

Le Phalaenopsis in natura vivono in zone tropicali a livello del mare o comunque vicino al caldo, per questo in inverno vanno bagnate con acqua tiepida, ideale 25°-30°.

Vuoi approfondire l'argomento ORCHIDEA PHALAENOPSIS? Leggi "Il mondo delle orchidee", e-book scaricabile gratuitamente dal nostro Portale!

Orchidea Phalaenopsis: annaffiatura e cura

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Giancarlo_Pozzi

Giancarlo_Pozzi

Giancarlo Pozzi, titolare dell'azienda floroviavaistica Orchideria di Morosolo, è esperto di Orchidee.

La sua passione per le Orchidee inizia davvero presto. All'età di 16 anni il sig. Pozzi utilizza le serre del padre per la coltivazione delle prime orchidee, inizialmente come fiore reciso, con Phalaenopsis, Cattleya e Cymbidium. In seguito, un po' per caso, in seguito ad una partita sbagliata di orchidee, comincia la coltivazione di alcune specie botaniche.

Oggi l'Orchideria di Morosolo, con le sue oltre 2.000 orchidee in coltivazione, rappresenta un punto di riferimento essenziale, oltre che un fiore all'occhiello della floricoltura italiana, per gli ibridi creati, che, fino a questo momento, sono ben 39 registrati presso l'Orchid Register della Royal Horticultural Society di Londra, l'"anagrafe" mondiale delle orchidee.

Orchideria di Morosolo 
Floricoltura Edmondo Pozzi di Giancarlo Pozzi
via La Preja,4
21020 Casciago (VA) ITALY
tel./fax (+39) 0332820661
cell. (+39) 3291248363
www.orchideria.it