chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Agrumi: guida alla coltivazione

Le varietà, come coltivarli, potarli e loro malattie.

Agrumi: guida alla coltivazione

Gli agrumi devono il loro nome al latino. Infatti, in passato, acer voleva dire aspro.
Questo aggettivo ci fa comprendere un po' di che tipologia di piante stiamo parlando. Infatti in epoche passate, gli ortaggi dal sapore aspro o acre venivano chiamati agrumi. Generalmente è l'uomo che coltiva l'agrume, quindi è molto difficile che sia spontaneo ma in alcune regioni d'Italia, ad esempio in Sicilia, è possibile trovarne di piante spontanee che l'uomo ha successivamente coltivato.

Agrumi: quali sono?

Gli agrumi sono molti, sia per varietà che per sapore. Fare un elenco agrumi potrebbe risultare una cosa lunghissima, se non impossibile. Ci basti sapere che noi dividiamo gli agrumi in 3 grandi categorie:

  1. Citrus: in questa categoria ritroviamo tutti quanti gli agrumi più consumati: arancio, bergamotto, cedro, chinotto, mandarino, pompelmo e limone;
  2. Fortunella: il frutto più conosciuto di questa categoria è la fortunella margarita;
  3. Poncirus: sarebbe essenzialmente l'arancio trifogliato.

Un agrume può essere diviso in varie parti.
Immaginiamo di tagliarlo esattamente a metà: troveremo, sulla sua faccia, nella parte più esterna, il flavedo.
Questo può essere di colore giallo, verde o arancio. Le pareti che compongono il flavedo negli agrumi, sono molto sottili. Subito sotto il flavedo troviamo l'albedo. Esso è composto da strati di cellule a struttura tubolare.

L'endocarpo è molto probabilmente la parte più importante di tutti gli agrumi.
Infatti, al suo interno troviamo il succo e i semini. Esso è composto da cellule chiamate vescichette, che devono il loro nome proprio alla loro proprietà di riuscire a preservare il succo e soltanto se strizzate lo rilasceranno.
All'interno degli agrumi potremmo inoltre trovare, ove presenti, dei semi. Questi semi, di forma ovoidale, servono per l'appunto come sistema per far nascere un nuovo arbusto di agrumi. La parte più interna degli agrumi è spugnoso e bianco, tendente al color crema in alcuni agrumi. Esso è al tatto molto simile all'albedo.

Leggi le risposte dell'esperto su CURA E COLTIVAZIONE AGRUMI:

Come potare gli agrumi

Le proprietà benefiche degli agrumi sono note a tutti. Non c'è persona che non sappia quanto bene fa una spremuta d'arancia la mattina appena alzati, oppure mangiare mandarini e aranci appena colti. Non tutti sanno però che si possono mantenere, o addirittura aumentare, le proprietà benefiche proprio grazie ad un'attenta potatura.

Abbiamo bisogno di una semplice forbice da giardinaggio, raccomandabile il modello lower, un po' più piccolo. Gli agrumi non vanno potati in maniera drastica. Non si deve tagliare senza avere ben in mente cosa si stia facendo. Si rischierebbe di andare a distruggere la pianta, facendo danni irrecuperabili.
La potatura ideale per la pianta di agrumi va a toccare i rami secchi o completamente morti. Infatti, con una giusta potatura si aumentano gli effetti benefici proprio in virtù del fatto che non si vanno a disperdere le energie necessarie. Quindi, così facendo, si fa in modo che tutta l'energia che la pianta può dare la impieghi sui rami vivi, che possano produrre frutti e non si disperdano dunque proprietà nutritive preziose.

Molte diatribe nascono tra i coltivatori su quando potare. Non ci sono regole specifiche che cambino da specie a specie di agrumi, ma è fatto noto che gli agrumi siano potati dalla primavera fino all'estate. Comunque, la potatura deve essere fatta tra una fioritura e l'altra. Chiaramente la fioritura può cambiare da zona a zona, e dunque si andrà a cambiare anche il calendario della potatura. Se siamo a Nord si dovrà anticipare il mese della potatura rispetto alle regioni del centro e del sud. La potatura dovrà essere fatta in due forme: o di aspetto, oppure di produzione.

La potatura di aspetto

Si andrà a regolare maggiormente la situazione estetica.

La potatura di produzione

Attraverso questa potatura si andrà a far in modo che la pianta produca più frutti.
Si devono utilizzare attrezzi affilati, in maniera tale che si possa fare in modo da non lasciare i rami rovinati. Questo perché, se si taglia male un ramo, questo può diventare un facile e veloce veicolo di trasmissione dei parassiti che infettano le piante.

Dove piantare gli agrumi

Gli agrumi sono piante originariamente tropicali, dunque il clima in cui dovrebbero essere piantati deve avere estati calde e inverni non particolarmente rigidi.
La giusta umidità, in maniera che questa possa rinforzare e far crescere sempre di più la pianta. Sperimentazioni sono state fatte anche in situazioni non propriamente tropicali, si è provato a piantare alberi di agrumi nelle zone collinari dell'Abruzzo ad esempio. Con scarsi risultati in termini di produzione commerciale.
Temperature al di sotto dello 0° possono danneggiare le colture.

Le malattie degli agrumi

Gli agrumi, nonostante siano una tipologia di pianta molto resistente, sono soggetti come tutte le piante ad infestazioni di vario genere. Un'attenta potatura e la cura necessaria potrebbero fare in modo di donare alla pianta nuova vitalità e prevenire malattie che ne ridurrebbero drasticamente la produzione di frutti.

Uno degli attacchi più comuni alle piante di agrumi si ha con le cocciniglie. Queste sono infestazioni particolarmente pesanti se a svilupparle sono le cocciniglie rosse. In questo caso si possono vedere seccature oppure parti discrepate sui frutti e sul legno degli alberi di agrumi. Invece, se le cocciniglie sono bianche potremmo notare deformazioni del frutto. Non particolarmente grave, quindi.

Gli afidi sono un'altra forma terribile di infestazione.
Generalmente sono le formiche argentine ad infestare gli agrumi, ci sono vari rimedi all'infestazione degli afidi, tra cui i concimi azotati. Potrebbero sopraggiungere comunque problemi di secchezza della pianta, di debolezza e quant'altro.
Il tutto potrà essere risolto attraverso un attento drenaggio della stessa terra e l'utilizzo di insetticidi, in maniera tale da tenere la situazione sotto controllo e cercare comunque di sfruttare al meglio le proprietà benefiche dell'acqua sulla pianta.
Gommosi, sono una tipologia di malattia molto dura da debellare. Allla lunga potrebbero completamente distruggere le piante, tanto che se non ci agisce subito potrebbe essere necessario estirpare la pianta e ripiantarla.

Leggi le altre risposte degli esperti su MALATTIE E PROBLEMI AGRUMI:

Quando innaffiare gli agrumi

Gli agrumi devono essere innaffiati periodicamente in estate, con regolarità ma mai troppo abbondantemente. Si rischia di creare un effetto che affoghi la pianta, e non è salutare per la stessa. Quindi si dovrebbe cercare di essere regolari durante l'estate, diminuire d'inverno, se non annullare completamente l'irrigazione. Difatti, se ci troviamo davanti ad inverni umidi e piovosi è sconsigliato continuare ad irrigare gli agrumi. In autunno possiamo fare la stessa cosa, molto dipende da clima, umidità e meteo. 

Perché concimare gli agrumi

La concimazione degli agrumi può essere fatta in vaso o su campi aperti. Qualora si faccia in vasi, generalmente viene fatta per scopi puramente estetici o comunque di approvigionamento famigliare. Quindi, il concimare risulterebbe essere eccessivo se non inutile. Quando invece si va a coltivare agrumi su larga scala, su campi e terreni agricoli il discorso cambia. Infatti l'utilizzo di concime è prezioso e può servire a prevenire le malattie della pianta e ad aiutarla a crescere. La concimazione da effettuare varia come la potatura.

Sei un appassionato di Agrumi?
Scarica subito l'ebook gratuito sulla coltivazione degli agrumi in vaso

Leggi altri articoli su AGRUMI nel nostro Blog:

Cedro, lime, chinotto, limone, bergamotto e altri agrumi...

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.