chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Nasturzio: coltivazione e proprietà

Nasturzio: coltivazione e proprietà

Quando si parla di Nasturzio ci si riferisce ad una pianta appartenente alla famiglia Tropaeolaceae, che cresce nella terra del Perù. Il suo nome scientifico Tropaeolum rimanda alla parola greca tropaion, che tradotta letteralmente significa trofeo. Tale pianta si riallaccerebbe, infatti, ad un palo sul quale in antichità venivano posti in segno di vittoria alcuni oggetti dei nemici sconfitti, come spade ed elmi. Si dice che il Nasturzio sia giunto nel nostro Paese e in tutta l'Europa, grazie alla Spagna. I fiori oltre ad essere un bel colpo d'occhio emanano un odore dolce e delicato, alcuni lo definiscono anche speziato. Le foglie sono tondeggianti ed hanno un colore verde intenso.

Varietà più conosciute

Il Nasturzio originale è pian piano evoluto nel tempo dando spazio ad ibridi molto interessanti. Tra le innumerevoli varietà del Nasturzio sicuramente una delle più conosciute è il T. majus, giunto in Europa nel lontano 1684. Nello specifico questa pianta si presenta con fusti rampicanti, fiori ricchi di colore e particolarmente profumati. Colpiscono, tra le altre cose, anche le foglie che presentano una forma circolare molto particolare. Le varietà del Nasturzio si differenziano per le loro sfumature più o meno intense ed anche per le foglie: non tutte, infatti, sono rampicanti. Come quelle, ad esempio, del T. minus che colpisce per il suoi fiori giallo dorato. Piace molto anche il T. peregrinum con petali sfrangiati in evidenza.

Esposizione del Nasturzio

La migliore esposizione del Nasturzio è quella ad est e preferisce un clima abbastanza fresco. La pianta ama essere riscaldata teneramente la mattina dai raggi del sole, mentre nel corso della giornata desidera un po' d'ombra. Questo è il modo migliore per farla crescere e fiorire. Si può anche decidere di esporre il Nasturzio nel tardo pomeriggio, posizionandolo in questo caso a nord-ovest.

I fiori del Nasturzio

Per quanto riguarda la fioritura del Nasturzio è importante sottolineare che per avere un'ottima resa della pianta è necessario non adoperare un terreno troppo fertile. I tempi di fioritura del Nasturzio sono differenti anche in base alla varietà della pianta stessa.

Concimazione

La concimazione del Nasturzio è fondamentale. Nel periodo compreso tra la primavera e l'estate è assolutamente necessario utilizzare un buon fertilizzante. Questo va immesso nell'acqua dell'innaffiatura almeno ogni due settimane. Un ottimo concime deve possedere elementi come l'azoto, il potassio, il fosforo ed ancora lo zinco ed il rame.

Quando irrigare il nasturzio

L'irrigazione del Nasturzio dev'essere assolutamente interrotta in un momento molto preciso. Questo periodo coincide con l'arrivo dell'autunno. Nel momento in cui, infatti, le foglie del Nasturzio incominciano ad acquistare un colore giallo vuol dire che la pianta è pronta ad entrare in riposo vegetativo. L'innaffiatura potrà in seguito essere ripresa nella stagione primaverile.

Come potarlo?

A differenza di altre piante, il Nasturzio non va in alcun modo potato. Ciò che si deve togliere sono unicamente le foglie che si seccano, proprio per evitare che si sviluppino antipatiche malattie parassitarie.

Malattie del Nasturzio

Per evitare l'insorgere di brutte malattie del Nasturzio, è necessario seguire alcune regole. È possibile che le foglie vengano invase da piccolissimi insetti di colore biancastro. Se ciò accade vuol dire che si è in presenza di pidocchi. È opportuno intervenire subito sulla pianta per evitare che la situazione peggiori ed il Nasturzio si ammali in modo irreparabile. Il rimedio giusto è quello di curare la pianta attraverso l'uso di antiparassitari specifici. Tali prodotti sono in grado d'entrare senza alcuna difficoltà nel circolo linfatico della pianta. Può avvenire anche un'infestazione da funghi a causa di un ristagno d'acqua.

Temperatura ideale

Il Nasturzio ha una sua buona resistenza. È pur vero che non amano molto il sole caldo e preferiscono temperature basse. Anche se, è da tenere presente, che non amano le gelate. Nel periodo invernale si consiglia infatti, di togliere i tuberi dal terreno. Questi possono essere facilmente conservati in un luogo asciutto e fresco fino all'arrivo della stagione primaverile.

Rinvaso del Nasturzio

Nel rinvaso del Nasturzio si suggerisce di utilizzare un tipo di terreno non troppo ricco di elementi nutritivi. Ciò per evitare uno sviluppo eccessivo della parte vegetativa rispetto poi a quella riproduttiva. È fondamentale, tra le altre cose, evitare ristagni idrici.

Substrato ideale

Il substrato del Nasturzio deve essere non solo permeabile, ma anche ricco di nutrienti.

Nasturzio: come propagarlo

Il Nasturzio, in seguito alla fioritura, dà vita a gruppi di tre semi. Si consiglia di raccoglierli nel momento in cui appaiono gonfi e verdi e di lasciarli asciugare su un semplice foglio di carta. Tali semi possono essere conservati in un luogo asciutto per essere adoperati nella semina successiva. La propagazione della pianta può avvenire facilmente anche grazie alla tecnica della talea.

Particolarità

Si racconta che il Nasturzio venga scelto spesso per realizzare originali ed inconfondibili bouquet per le spose, proprio per il gradevole profumo dei fiori e per il loro allegro colore. Un'altra interessante particolarità del Nasturzio è che sia i fiori, che i frutti ed ancora le foglie della pianta possono essere mangiati. Ci sono infatti, alcune persone che usano tali elementi del Nasturzio per arricchire le proprie insalate. Addirittura si dice che i fiori in bocciolo possano essere utilizzati in cucina al posto dei capperi.

Leggi le risposte degli esperti sui FIORI:

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.