Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Sorprendenti spiree. La spirea, pianta generosa, rustica e resistente ai climi e ai terreni più diversi

Scopri come coltivare e curare la Spirea e come si riconoscono le diverse varietà

Sorprendenti spiree. La spirea, pianta generosa, rustica e resistente ai climi e ai terreni più diversi

Ogni giardino che si rispetti dovrebbe riservare un angolo, uno spazio, una posizione privilegiata e di onore alle Spiree, questi splendidi, docili, robusti e generosi arbusti da fiore. Silenziosi e discreti, tenaci e vigorosi, resistenti ed umili, colorano le stagioni dei nostri spazi verdi con le loro fioriture scalari e le loro foglie variegate, senza chiedere molto in cambio, adattandosi a climi e terreni, necessitando di poche e sporadiche cure, disegnando macchie, curve, cascate di splendidi fiori, che spesso appaiono ancor prima delle foglie, o che addirittura le nascondono, con una generosità che poche altre rivali hanno, in giardino.

Le Spiree sono arbusti da fiore di medie dimensioni, a foglia caduca, appartenenti, in circa 100 specie, alla famiglia delle Rosacee, e provenienti dall’Asia Sud-Orientale, dall’Europa Centrale e dal Nord America; vengono utilizzate per formare siepi, macchie, o come esemplari isolati, per coprire piccole scarpate o per aiuole o bordure, anche in giardini rocciosi; si possono utilizzare, con eccellenti risultati, su terrazze o balconi, perché si adattano bene a vasi e cassette, soprattutto le specie nane, anche grazie alla possibilità di sostenere ottimamente le potature.

Le Spiree si dividono in due grandi gruppi di specie e varietà da esse derivate:

  1. le Spiree bianche, a crescita rapida, che fioriscono in primavera, e raggiungono altezze di due-tre metri;
  2. le Spiree rosa o rosse, più piccole e lente nella crescita, che fioriscono da inizio a fine estate, con fiori rossi o rosa più o meno scuro, e con un fogliame spesso variegato e colorato, anche in autunno.

Questa fioritura così scalare fa sì che il nostro giardino possa essere colorato e fiorito di Spiree per tutta la bella stagione, tingendosi di splendide sfumature anche con il fogliame autunnale.

Spiree bianche

Spiccano tra le Spiree bianche, molto interessanti per la loro rusticità e semplicità di coltivazione, e per la bellezza delle loro fioriture:

  • SPIRAEA X ARGUTA, raggiunge un’altezza ed un diametro di 2-2,50 mt, ha piccoli fiori bianchi riuniti in corimbi (piccole ombrelle) di 5 cm, profumati, disposti fittamente lungo eleganti rami arcuati e sottili, da marzo a maggio;
  • SPIRAEA X VANHOUTTEI, con rami che formano splendide cascate, e fiori bianco puro, profumatissimi; si utilizza in siepi e per coprire piccole scarpate, grazie al suo portamento scandente; fiorisce in aprile. La varietà “Pink Ice” ha foglie variegate, fiori con sfumature rosate ed un portamento più contenuto e compatto;
  • SPIERAEA THUNBERGII, ha rami sottili, foglie piccole e portamento denso e compatto, fiori piccoli e numerosi; particolarmente interessante la varietà “Fujino Pink”, dalla fioritura precoce, con sfumature rosate;
  • SPIRAEA REEVESIANA (sin. SPIRAEA CANTONIENSIS), più vigorosa della X VANHOUTTEI, ha lunghi rami arcuati e robusti, ed una fioritura più rada;
  • SPIRAEA PRUNIFOLIA, ha piccoli fiori bianchi dai petali doppi, numerosissimi, fogliame verde lucente; la fioritura è precoce ed anticipa le foglie; in autunno il fogliame assume un bel colore rosso;
  • SPIRAEA CINEREA, var. Grefsheim, ha fiori bianchi che anticipano le foglie, leggermente profumati, ed ha portamento elegante, denso, con lunghi rami arcuati.

Spiree rosa

Fra le Spiree rosa, invece, sono interessanti le seguenti specie a fioritura estiva:

  • SPIERAEA JAPONICA, ha fiori rossi o rosa più o meno scuro, fogliame verde scuro, lanceolato con margine dentellato; comprende numerose interessanti varietà:
  • SPIRAEA JAP. “ANTHONY WATERER” (o X BUMALDA WATERER), dal portamento eretto e fiori rosa scuro riuniti in corimbi;
  • SPIRAEA JAP. SUPERSTAR, simile alla precedente, con i germogli fogliari di un bel colore rosso violaceo, e fiori rosa;
  • SPIRAEA JAP. DART’S RED, con i germogli rosso vivo;
  • SPIRAEA JAP. CRISPA, con foglie arricciate e fiori rosa scuro;
  • SPIERAEA JAP. GOLDFLAME, con le foglie giovani di un bel color giallo oro, che poi vira al verde chiaro;
  • SPIERAEA JAP. GOLDMOUND (o GOLD PRINCESS), dal portamento nano e le foglie che mantengono il color giallo oro;
  • SPIERAEA JAP. BULLATA, specie nana dall’accrescimento lento e foglie piccole verde scuro, adatta ai giardini rocciosi ed alla coltivazione in vaso;
  • SPIERAEA JAP. LITTLE PRINCESS, dal portamento nano e quasi strisciante e dai fiori rosa chiaro;
  • SPIERAEA JAP. ALBIFLORA, specie con i fiori simili alla Waterer ma dal colore bianco puro;
  • SPIERAEA JAP. SHIROBANA, dal portamento compatto e dal medio accrescimento, che ha la particolarità di avere fiori bianchi e rossi sulla stessa pianta;
  • SPIRAEA JAP. SNOWMOUND, dai fiori bianchi densi e compatti, utilizzati anche come recisi.

Fra le Spiree a fiori rosa sono interessanti anche la SPIERAEA DOUGLASII, assieme alla varietà “TRIUMPHANS”, che ha fioritura riunita in pannocchie di circa 25 cm, estiva, e che raggiunge il massimo accrescimento in 10-20 anni.

In generale le Spiree si adattano a posizioni in pieno sole o mezz’ombra luminosa, prediligono terreni ben drenati e ricchi, sopportano i freddi più intensi e le estati più calde; non hanno bisogno di potature frequenti, se non per togliere i fiori secchi o per essere contenute nelle dimensioni; generalmente le varietà Japonica e Bumalda fioriscono sui rami dell’anno, per cui possono essere potate prima dell’inizio della vegetazione, in marzo; le appartenenti alle specie Arguta e Thunbergii, si potano dopo la fioritura, per aver modo di formare nuova vegetazione sulla quale, l’anno successivo, fioriranno; le Spiree sono inoltre molto resistenti agli agenti patogeni. Per tutti questi motivi trovano largo impiego nell’architettura di giardini e balconi, e rappresentano un’ottima soluzione per ogni necessità decorativa.

E, per concludere, una curiosità che riguarda questa generosissima pianta. Il nome del genere deriva dalla forma a spirale del frutto, ed era una delle erbe sacre dei druidi; nel Rinascimento è stata un rimedio popolare per la cura di numerose malattie, grazie alle sue proprietà antipiretiche, antinfiammatorie ed analgesiche; ma la sua importanza terapeutica divenne notevole quando, nel 1845 il dott. Kolbe riuscì per primo ad isolare l’acido salicilico, per distillazione dei fiori. Nel 1899, unendo il prefisso “a-“ con “-spirina” (appunto da Spirea, da cui si ricava l’acido salicilico), fu brevettato dalla Bayer, con il nome ASPIRIN, il principio attivo dell’acido acetilsalicilico che tutti conosciamo, per essere messo in commercio.

Le Spiree: piante generose, rustiche, resistenti ai climi ed ai terreni più diversi, con straordinarie proprietà medicamentose; insomma le amiche migliori per i nostri spazi verdi.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Alberta_Ballati

Alberta_Ballati

Alberta Ballati, che insieme a Kety Cialdi conduce il Vivaio Pollicirosa di Rare Piante (PT), è esperta in Alberi e Arbusti ornamentali. 

Alberta Ballati, nata a Pistoia il 25 maggio 1966, diplomata all'Istituto Professionale di Stato per l'Agricoltura "Barone Carlo De' Franceschi" nel 1985, ha frequentato i primi due anni del corso di laurea in Scienze Forestali dell'Università degli Studi di Firenze.

Da oltre 25 anni dirige, in qualità di imprenditore agricolo, l'omonima azienda vivaistica di proprietà "Ballati Alberta", associata al Consorzio Ortovivaisti Pistoiesi, all'interno del quale svolge attività di consigliere. Nella sua azienda produce vasetteria, in particolare arbusti da fiore, rose paesaggistiche, ortensie in numerose specie e varietà. L'azienda si trova a Pistoia, in Via di Saturnana, 58. 

Nel 2013 ha collaborato alla costituzione e sviluppo dell'iniziativa di Pollicirosa di Rare Piante, che si occupa della produzione e della vendita online di piante ornamentali, in particolare delle varietà care alla tradizione vivaistica pistoiese. 

Dal dicembre 2015 si occupa direttamente, insieme a Kety Cialdi, della gestione ed organizzazione dell'e-commerce, della realizzazione e partecipazione ad eventi quali mostre e fiere.

Alberta Ballati
cell. 335-5242534

www.pollicirosa.com