chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Piante acquatiche: come coltivarle e quali scegliere

Piante acquatiche: come coltivarle e quali scegliere

Molto spesso si pensa che coltivare piante acquatiche sia una possibilità riservata a una élite di persone, ricchi, nobili, che abbiano ville e/o comunque grandi spazi e grande disponibilità finanziaria.

In queste poche righe spiegheremo che non è così: la possibilità di coltivare piante acquatiche è un’opportunità per tutti anche per coloro che dispongono di piccoli spazi e risorse economiche limitate.

Piante acquatiche: quali scegliere e dove piantarle

In sintesi quindi, tutti possono avere il loro laghetto piccolo o grande, coltivare la singola pianta o creare meglio ancora un microcosmo in equilibrio.

Pochi sanno che basta una tazza, una piccola ciotola per le nostre piante.

È chiaro che maggiore spazio si ha a disposizione maggiore sarà la possibilità di sbizzarrirsi, ed inserire oltre le piante, dei gamberetti, delle gambusie e contro le zanzare delle piante ossigenanti.

Facciamo qualche esempio: prendiamo una ciotola del diametro di 50 cm: in essa posso tranquillamente mettere una o due ninfee nane, delle piante ossigenanti, come l’elodea, una pianta filtrante come la pontederia o un iris e una coppia di gambusie, pesci minuscoli che si nutrono di larve di zanzare.

Nel caso avessi a disposizione un bicchiere o una tazza potresti mettere tranquillamente un giacinto d’acqua, una lattuga d’acqua, delle galleggianti.

I giapponesi usano molto una pianta singola da compagnia nella stanza adibita alla cerimonia del tè. Normalmente viene usato l’equiseto, una pianta antichissima che ricorda (ma non lo è) il bambù.

Molto esplicative più che le parole ritengo siano le foto, che dimostrano di cosa stiamo parlando e vi permettono di prendere dimestichezza con le piante, di cui parleremo in maniera più approfondita nei prossimi scritti, creando anche delle schede per alcune delle piante più comuni utilizzate. 

Scopri le varietà di piante acquatiche consigliate dall'esperto!

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Gianni_Ricci

Gianni_Ricci

Gianni Ricci, da sempre amante dell'acqua e di ciò che rappresenta per la vita di flora e fauna, ha dedicato la sua vita allo studio delle varietà di piante e animali acquatiche.

Il punto di forza della sua azienda agricola "Eta Beta", è proprio la produzione di piante acquatiche, tra cui ninfee, iris, acquatici e palustri, insieme alla collezione di fiori di loto e a tantissime altre piante, non solo di alto valore estetico, ma anche funzionali per l'ambiente naturale che le ospita; tantissime di quelle coltivate, infatti, hanno capacità depurative dell'acqua dalla presenza di sostanze inquinanti.

In mezzo a tutta questa vegetazione, trovano il loro abitat ideale tante specie animali, come pesci rossi, molluschi, rane e tartarughe. 

Il vivaio di Gianni permette quindi una completa esperienza del mondo naturale, a contatto con piante ed animali che normalmente non si vedrebbero con così tanta facilità e da così vicino; per queste ragioni sono un patrimonio importante, da visitare per chi ne ha l'opportunità.

Az. Agricola Eta Beta

Cascina Gualina, 24
Conzano (AL) 15030
Piemonte
349 7523198
www.etabeta-ninfee.it