Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come si utilizza la pianta di bambù?

Ecco tutti gli impieghi e gli utilizzi di questa pianta tipica dell'Asia

Pubblicato il 31/03/2016 da Bambù Bio in Bambù
Come si utilizza la pianta di bambù?

L’utilizzo del bambù come pianta in Italia viene spesso criticato, forse perché non si conoscono o non si sono mai approfondite le sue proprietà.

Come si pianta il bambù?

La pianta, soprattutto nei paesi asiatici, viene apprezzata per tanti aspetti, ad esempio:

  • Il consolidamento dei terreni e scarpate, produzione di legname e biomasse, in quanto ha la capacità di cementificare il terreno;
  • La massa vegetale che crea un utile habitat alla fauna, favorisce il ricrearsi dell’humus e dell’equilibrio chimico del terreno;
  • È sempreverde, elegante e decorativa; crea siepi e barriere che riparano da suoni, assorbono sostanze inquinanti, polveri e CO2 e produce enormi quantità di ossigeno;
  • Non soffre di particolari malattie e non attrae parassiti danneggianti, per questo non sono necessari trattamenti con prodotti chimici e inquinanti, quindi è considerabile a priori una coltivazione biologica;
  • Permette di ricavare prodotti farmaceutici o cosmetici;
  • Solo i rizomi (chiamati anche culmi)  di alcune specie sono commestibili.

La classificazione delle piante avviene attraverso l’esame del germoglio di crescita, la linguetta, le ciglia auricolari, il culmo, la foglia e molti altri aspetti ancora.

I bambù si piantano da ottobre a maggio. Crescono al sole e all'ombra, in ogni buona terra da giardino, anche calcarea, ricca di humus e che contenga una certa umidità tutto l'anno. Le terre pesanti, appiccicose e fredde devono essere migliorate con un'aggiunta di compost e terriccio da piantagione. Occorre preparare il terreno con una vangatura profonda per rimuovere le erbacce e i sassi, e aggiungere letame compostato e cornunghia per nutrirlo in profondità.

Immergere il vaso in un secchio d'acqua per reidratare la zolla di terra prima della piantagione.

Le distanze di piantagione vanno da 30/40 cm per le varietà a piccolo sviluppo e fino a 1,50/2m per le varietà a grande sviluppo. I bambù possono essere coltivati in vaso, mescolando in uguale misura una buona terra da giardino a del terriccio di piantagione, in qualsiasi situazione.

Pianta di Bamboo - I consigli dell'esperto sulla sua coltivazione

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Bambubio

Bambubio

Bambùbio è un'azienda produttrice di bambù, ideata e condotta dalle sorelle Marianna e Cinzia Ziliati. L'idea di creare questa nuova azienda nasce da un viaggio in Cina, durante il quale le ragazze scoprono un "nuovo" alimento e decidono di dare vita ad una piantagione di bambù da germoglio commestibile a Treviglio, in provincia di Bergamo.

Marianna cuoca e Cinzia sommelier sono unite da un filo sottile che lega e le motiva entrambe: dare al cliente un prodotto buono, sano, ma che soprattutto non abbia eguali.

Bambùbio è una piantagione di bambù Moso che vanta più di 2.000 piante, tutte coltivate con prodotti biologici quindi senza l’utilizzo di pesticidi o agenti chimici. La pianta di bambù produce il germoglio, commestibile e ricco di sostanze nutritive, ma solo per tre mesi all’anno, ovvero da Marzo a Giugno. Nei restanti mesi, in azienda, vengono coltivate altre tipologie di bambù dalla foglia commestibile, utili per dare vita a tisane, essenze, estratti o altri prodotti come grissini, crackers, biscotti e pasta fresca.