chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Buddleja Morning Mist: come si coltiva e quali sono le sue caratteristiche principali

Entra nel mondo della Buddleja insieme alla nostra esperta Francesca Moscatelli

Buddleja Morning Mist: come si coltiva e quali sono le sue caratteristiche principali

Conosciuta con il nome commerciale di Buddleja Silver Anniversary®, la Buddleja Morning Mist è un ibrido ottenuto in Inghilterra nel 1994 da Peter Moore e brevettato nel 2007 negli Stati Uniti. Deriva dall’incrocio fra Buddleja crispa x Buddleja loricata ed è un arbusto insolito, che può raggiungere 1,5 m di altezza e altrettanti di larghezza, a portamento arrotondato e caratterizzato da un bellissimo fogliame color argento, che costituisce il suo principale elemento decorativo in ogni stagione dell’anno. I fiori, piuttosto tardivi, si aprono alla fine dell’estate sino all’autunno e sono panicoli di color giallo crema, rotondeggianti, intensamente profumati di miele e assai attrattivi per api, insetti impollinatori e naturalmente farfalle.

È una pianta che cresce bene in pieno sole, in luoghi soleggiati e caldi, preferibilmente al riparo da freddo e gelo umido e persistente. Resiste alle basse temperature, ma in caso di freddo intenso, perde completamente la parte aerea, che si rigenera dalla base nella primavera successiva. In Italia può essere coltivata praticamente ovunque, con un minimo di riguardo e protezione invernale al di sopra dei 500-700 m di Alpi e Appennini.

La coltivazione è piuttosto semplice: predilige terreni sciolti, drenati, freschi e moderatamente fertili di qualsiasi natura; esposizioni soleggiate e al riparo da venti forti e geli prolungati e intensi. Si consiglia di effettuare una potatura drastica a fine inverno, a 15-20 cm da terra per promuovere la rigenerazione della parte aerea e mantenere l’arbusto folto e compatto. Beneficia inoltre di una concimazione primaverile con un concime complesso ternario a lenta cessione. Non tollera assolutamente ristagni d’acqua al piede, così come irrigazioni eccessive. Nel momento della fioritura, piuttosto tardiva, si consiglia di rimuovere i fiori via via che appassiscono, per stimolarne l’emissione di nuovi.

Ancora poco conosciuta in Italia, è una pianta di grande effetto decorativo, che meriterebbe, soprattutto nei nostri climi, un maggior utilizzo. Il suo fogliame lanoso e argentato, che ricorda molto quello della Stachys lanata, è indicato sia da solo, che all’interno di un bordo erbaceo misto, ad esempio in contrasto con piante dai colori scuri, come Dalie o Heuchere, oppure in associazione con colori pastello, quali azzurri, violetti, bianchi e rosa dati da Verbena bonariensis, Gaure, Echinops, ma anche con altre Buddleja a portamento contenuto, quali Buddleja davidii Nahno Blu o Buddleja davidii Blue Chip®. Ottima anche l’associazione con graminacee, quali Miscanthus Morning Light, Pennisetum alopecuroides, Stipe, Cortaderia selloana Pumila. Per il suo portamento contenuto inoltre, si adatta bene anche alla coltivazione in vaso.

La Buddleja Morning Mist inoltre è una selezione sterile, che non infesta il giardino, dal momento che non produce seme. Pertanto può essere introdotta ed utilizzata laddove l’uso delle Buddleje davidii è vietato a causa della loro presunta “invasività”.

Leggi le risposte dell'esperto su BUDDLEJA:

Buddleja Morning Mist - Consigli dell'esperto sulla coltivazione

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Francesca_Moscatelli

Francesca_Moscatelli

Francesca Moscatelli, di origini pesaresi, è esperta di Buddleja, Hibiscus e Malvacee.

Gestisce e conduce con successo il vivaio Donna di Piante - www.donnadipiante.com, con sede a Pistoia (PT), azienda specializzata nella produzione e vendita di piante ornamentali. 

Nel corso della sua carriera professionale Francesca si è occupata di diversi progetti, tra cui commercio italiano ed estero, ricerca botanica e pianificazione della produzione. Laureatasi in Scienze Forestali, lavora per oltre un anno in Germania come tecnico forestale.

Tornata in Italia, ha iniziato la sua carriera di vivaista prima da Guido degl’Innocenti e poi da Piante Mati - www.piantevivai.com. Collabora con la rivista "Vita in Campagna" - www.vitaincampagna.it scrivendo rubriche e articoli inerenti il giardino. 

Donna di Piante
Via San Sebastiano 4
Loc Bottegone
51100 - Pistoia
Tel. 339-7844796
www.donnadipiante.com