chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come recuperare una Plectranthus o pianta dell'incenso

Il 04/02/2017, Gabriele di Milano chiede:

Salve vorrei capire meglio se la mia pianta incenso, o Plectranthus coleoides, dato che ora si è completamente seccata, c'è la possibilità che dalla primavera posso ricacciare lasciando le radici o ormai è completamente andata? Grazie.

Il 13/02/2017, Giosuè Marrazzo risponde:

Buongiorno Sig. Gabriele

La maggior parte delle specie del genere delle Plectranthus, sono piante sempre verdi ma che non amano le basse temperature. Il freddo inverno può quindi rovinarle in modo irreversibile.
Il consiglio tuttavia, è quello di spezzare un ramo e controllare se al suo interno le fibre risultano ancora di colore verde acceso.
Se così fosse c'è ancora qualche speranza e si potrebbe provare a moltiplicarla con la tecnica delle talee.
 
Spero di essere stato chiaro ed esaustivo.
Distinti saluti e buon lavoro!
 
Giosue' Marrazzo

Pianta incenso: coltivazione e cura

Pianta incenso: descrizione generale

Il nome scientifico della pianta dell’incenso è Plectranthus Coleidos. Si tratta di una sempreverde che ha la sua origine nelle regioni tropicali ed appartiene alla numerosa famiglia delle Labiate. Ha l’aspetto di un cespuglio e le sue foglie sono verdi con screziature bianche ai margini. Sia i fusti che le foglie presentano una peluria molto sottile. Nel periodo della fioritura vi crescono delle piccolissime infiorescenze

Pianta incenso: varietà

Esistono moltissime varietà di pianta di incenso. Quelle maggiormente amate presentano foglie a forma di cuore. Per quanto concerne il nome, è d’obbligo una precisazione: non bisogna confondere il Plecthranthus con la Boswellia sacra, che è la pianta da cui viene estratta la resina che serve alla produzione dell’incenso. Questo nonostante il Plechtrantus sia conosciuto unanimemente come pianta dell’incenso e presenti un profumo caratteristico e davvero molto intenso. Tra le varietà esistenti si segnalano in particolar modo:

• l'Oertendahlii

• l'Australia;

• la Coleoides;

• la Nummularius;

• la Behrii;

• la Saccatum.

L'esposizione ideale per la pianta dell'incenso

La crescita della pianta dell'incenso avviene meglio nei luoghi riparati dal vento e posti all’ombra. Non resiste bene alle basse temperature, pertanto nei mesi invernali sarà opportuno spostarla all’interno dell’abitazione. Chi vive in zone molto calde potrà esporla gradualmente nelle zone pienamente al sole. L’ideale, ad ogni modo, è posizionarla in punti della casa o del balcone dove sia solo parzialmente all’ombra. Se coltivata in casa, il punto migliore dove porre il vaso è accanto ad una finestra. 

La fioritura della pianta dell’incenso

Il periodo di fioritura della pianta di incenso è davvero molto breve: in questo ristretto lasso di tempo la pianta getta dei fiori azzurri molto piccoli ed estremamente delicati. 

La concimazione della pianta dell’incenso

La migliore concimazione della pianta incenso si ha tramite l'utilizzo di un concime a formula granulare, che avendo un rilascio molto lento permette un'assimilazione dei principi attivi lenta e costante. Questa operazione andrà svolta ogni 10 o 15 giorni nel periodo che va dalla primavera a tutto l'autunno. Si potrà inoltre usare un concime in forma liquida, mescolato all'acqua utilizzata per innaffiare. Durante i mesi invernali la concimazione potrà essere svolta meno spesso e limitata ad una volta ogni 2 o 3 mesi.

L'irrigazione per la pianta dell'incenso

È possibile innaffiare la pianta dell’incenso anche solo una volta a settimana in maniera piuttosto discontinua, senza che questa ne soffra particolarmente. L’importante è che ci sia un terreno umido soprattutto nei periodi estivi, in cui sarà sufficiente vaporizzare dell'acqua sulla pianta per mantenerlo tale. È importante garantire un buon drenaggio della pianta da incenso, poichè mal tollera il ristagno idrico. Per evitare ciò, quando nei mesi invernali la Plectranthus si trova in casa, si dovrà fare attenzione che gli interni non siano troppo umidi, ponendo una bacinella d'acqua sui termosifoni. 

La potatura della pianta dell’incenso

Gestire la Plectranthus è davvero molto semplice: cresce in fretta ed è ottima per decorare sia terrazzi che balconi, ma fa bella mostra di sé anche in appartamento. In caso i fusti si allunghino troppo, occorrerà potare tagliando gli apici in modo tale da mantenere un aspetto rigoglioso ma ordinato. 

Pianta incenso: malattie e parassiti

È piuttosto raro che l’incenso possa essere infestato da parassiti. Tuttavia, se è stato posto accanto a piante infestate, potrebbe contrarne dei problemi. Afidi o ragnetti rossi saranno, in questo caso, visibili sui fusti. Per debellarli occorrerà utilizzare degli antiparassitari sotto forma di nebulizzatori spray. Ben più pericolosi sono i ristagni d’acqua, che possono portare a conseguenze anche gravi come il marciume radicale. In tal caso, i rami si seccheranno e le foglie cadranno con estrema facilità al minimo contatto. Per ovviare a questo problema basta evitare che il terriccio diventi eccessivamente umido, ponendo la pianta in punto più assolato del balcone o della casa, oppure cambiando il substrato. Se tenuta troppo all’ombra, invece, può essere infettata da funghi.

Incenso: pianta e particolarità

Il portamento della pianta incenso è ricadente: i fusti si piegano verso il basso, contribuendo a conferire al Plectranthus un aspetto decorativo che l’ha fatta eleggere come pianta ornamentale molto amata anche grazie alle sue notevoli virtù: il suo profumo intenso funge da repellente naturale contro insetti e, soprattutto, zanzare. Particolarmente apprezzate sono anche le numerose proprietà fitoterapiche attribuibili alla pianta d'incenso.

La temperatura della pianta dell’incenso

La Plectranthus tollera temperature alte molto bene, ma soffre parecchio il freddo. Quando il termometro scende al di sotto dei 10°C è quindi opportuno riporla all’interno della propria abitazione, dove continuerà a prosperare e spanderà un delicato profumo per tutta casa. 

Rinvaso di una pianta di incenso

Il rinvaso della pianta incenso deve essere eseguito ogni due anni, in modo tale da renderla più forte e robusta. È opportuno che il vaso sia ogni volta più grande per consentire un maggiore sviluppo della pianta. I mesi più indicati per questa operazione sono aprile e maggio.

Il substrato della pianta dell’incenso

Per quanto concerne il substrato della Plectranthus, questo dovrà essere composto da terra fertile di giardino a cui sarà stata aggiunta sabbia e torba e terra di foglia, tutto in parti uguali. 

Propagazione di una pianta da incenso

Facile da accudire, la coltivazione della pianta dell'incenso può avvenire dentro ad un vaso, sia quando la pianta è giovane, sia quando sarà adulta. Basta tagliare le estremità superiori della pianta, purché presentino qualche foglia, posizionandole poi dentro ad una vaschetta d’acqua. Nel giro di una ventina di giorni spunteranno autonomamente le radici. Avviene così la propagazione per talea. Il taglio va eseguito con un coltello molto affilato o una lametta.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Giosuè Marrazzo Giosuè Marrazzo

Giosuè Marrazzo è titolare del Vivaio MG Vivai a Fondi (LT), di proprietà della famiglia da oltre 30 anni.

L'Az. Agr. Ortoflorovivaistica Marrazzo Giovanni, conosciuta come MG Vivai, rappresenta un punto di riferimento per la produzione e vendita di piante da orto, piante fiorite ed aromatiche nel territorio del Sud Pontino. 

Oggi chi lo desidera può acquistare direttamente online le varietà prodotte in vivaio mediante l'ecommerce www.mgvivai.it, dove tutti possono trovare una risposta alle loro necessità: dall'appassionato ed amatore del verde, al professionista che opera nel settore Ortoflorovivaistico.

MG Vivai
Via Guado II, snc
04022 - Fondi (LT)
tel. 0771-556092
www.mgvivai.it
Fan Page Facebook MGVivai