chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Verbena: varietà e coltivazione

Verbena: varietà e coltivazione

La verbena rappresenta sicuramente una delle piante più conosciute al mondo in quanto è dotata di numerose proprietà e benefici estremamente utili al corpo umano.
Si tratta di una pianta apprezzata già nei tempi antichi da poeti e scrittori che la ritenevano addirittura sacra. Oggi essa viene adoperata in modo particolare in campo erboristico per curare alcuni fastidiosi disturbi e problematiche lievi. 

Verbena: varietà

La verbena ha numerose varietà. Al giorno d'oggi infatti le specie conosciute sono circa duecentocinquanta.
Le più comuni sono:

  • la verbena Officinalis, composta da foglioline esigue e lisce;
  • la verbena nana, caratterizzata da un'altezza abbastanza ridotta;
  • la verbena Bonariensis, dotata di foglie di colore rosa;
  • la verbena Canadensis, le cui foglie invece hanno una forma ovale;
  • la verbena Peruviana, la cui particolarità sono i fiori di colore roso;
  • la verbena Venosa, le cui foglie sono verde scuro ed hanno una forma rotondeggiante;
  • la verbena ibrida, che si ottiene dall'incrocio della pianta con diverse altre specie. 

Come potare la verbenaVerbena

La potatura della Verbena non deve essere eccessiva. Quello che occorre infatti è solamente l'esecuzione della cimatura quando la pianta lo richiede, aiutandola a rimanere sempre in forma e dall'aspetto sano.
Durante la potatura è consigliabile avvalersi di strumenti puliti e ben affilati in modo tale da non compromettere la salute della pianta. Inoltre è necessario rimuovere le parti estremamente rovinate come i fiori e le foglie ormai secche.

Dove piantare la verbena

La verbena, per poter crescere in modo efficace, deve essere piantata in luoghi particolarmente soleggiati soprattutto durante la primavera ed il periodo invernale.
Durante il periodo estivo invece è consigliabile collocarla in un'area abbastanza ombreggiata.
Si tratta inoltre di una pianta che riesce a resistere bene alle temperature calde ma non a quelle molto fredde.
Pertanto è altamente sconsigliato disporre la verbena in un ambiente in cui la temperatura è al di sotto dei 7 gradi. 
È importante utilizzare un terreno piuttosto leggero e spugnoso.

Malattie della Verbena

Anche la verbena, come tutte le altre piante, può essere soggetta a diverse malattie che possono irrimediabilmente rovinarla. I parassiti più comuni ai quali essa è esposta sono senza dubbio la mosca bianca e gli afidi. Essi si possono formare in seguito ad un'eccessiva quantità di acqua che può far marcire le radici.
Per poter quindi combattere questi parassiti è necessario utilizzare degli insetticida appositi.

Annaffiatura della Verbena

L'annaffiatura della verbena deve avvenire in maniera regolare e costante ma non deve essere eccessiva per non danneggiare la pianta. In estate si possono aumentare le annaffiature, mentre durante il periodo invernale esse possono essere minori. L'acqua da utilizzare deve essere a temperatura ambiente ed è opportuno non lasciare asciugare troppo il terreno dopo l'innaffiatura.

Riproduzione della Verbena

VerbenaLa Verbena si riproduce per semina, da eseguire nel periodo di gennaio e marzo.
Bisogna riporre i semi all'interno di un contenitore nel quale poi bisogna inserire anche del terreno umido e una piccola quantità di sabbia. Dopodiché è necessario disporre il contenitore in una zona all'ombra ad una temperatura compresa tra i 18 e i 23 gradi circa.
Quando i semi germoglieranno è possibile spostare la pianta al sole e trasferirla in vaso.
Può anche essere replicata la riproduzione per Talea, ma questa soluzione non è molto comune e generalmente non viene effettuata quasi mai. Nel caso si volesse provare comunque è possibile facilitare e velocizzare la radicazione delle talee con degli ormoni radicanti.

Concimazione della Verbena

La concimazione della Verbena è importante affinché possa crescere nel modo migliore. La concimazione può avvenire utilizzando del semplice concime organico che può essere miscelato con l'acqua durante la fase dell'innaffiatura. Il concime si può adoperare una volta ogni due settimane solamente durante la fase di fioritura.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.