Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Graminacee ornamentali: imparare a conoscerle e ad impiegarle con successo

Introduzione al mondo delle Graminacee e delle loro caratteristiche ornamentali

Pubblicato il 23/05/2016 da Carlo Parodi in Graminacee
Graminacee ornamentali: imparare a conoscerle e ad impiegarle con successo

Inizia con questo primo articolo un percorso dedicato a questo gruppo di piante dal notevole pregio ornamentale ed ancora poco utilizzate nei giardini italiani.

Graminacee: di che piante parliamo?

Il termine "Graminacee ornamentali", nel senso attribuitogli ovunque da chi si occupa di progettazione e realizzazione del verde, coinvolge un numero di famiglie ben più ampio di quello delimitato dal termine in senso botanico stretto. In quest'ultima accezione con il termine Graminacee ci si riferisce esclusivamente a piante appartenenti alla famiglia delle Poaceae.

Il gruppo delle Graminacee ornamentali coinvolge invece un numero più ampio di famiglie, oltre alle già citate Poacee sono ben rappresentate le famiglie Cyperaceae, Restoniaceae, Juncaceae con qualche spaziatura nelle Ruscaceae (ad esempio Ophiopogon), Asparagaceae (Liriope, Arthropodium) e, un po' più in là, le Equisetaceae (sistematicamente più vicine alle felci).

Per una prima impressione sulla ricchezza e bellezza di queste piante basta andare su internet con qualsiasi motore di ricerca, digitare “ornamental grasses” e scegliere immagini: all'istante si aprirà un mondo nuovo e fantastico.

Parlando di Graminacee il pensiero va più spesso alla loro presenza in situazioni ed impieghi piuttosto distanti dal settore ornamentale. Le graminacee infatti costituiscono la maggioranza dei cereali, ampiamente utilizzati per l'alimentazione umana ed animale.

Stesso discorso se pensiamo a come esse rappresentino una componente essenziale in prati e pascoli oppure, in maniera più negativa, come infestanti delle coltivazioni. Che dire poi dei prati ornamentali e sportivi dove queste piante “la fanno da padrone”.

Oltre ciò a molti riesce un po' più difficile immaginarle come piante da giardino. In effetti da noi, salvo qualche eccezione (Cortaderia o erba delle Pampas ed i bambù) è piuttosto raro vederle impiegate in ambito ornamentale.

Basta però spostarsi oltralpe per cogliere con quale ampiezza questo gruppo di piante trovi utilizzo nel verde pubblico e non solo. 

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da carlo_parodi

carlo_parodi

Carlo Parodi, dottore agronomo di Albenga (SV), è titolare di Azienda Agricola Carlo Parodi - www.florparodi.it, un'impresa familiare giovane e dinamica, fondata nel 2003.

Il vivaio nasce dagli oltre 15 anni di esperienza professionale maturati dal dott. Parodi nel settore floricolo e si presenta subito come attività "sperimentale", per saggiare direttamente prodotti innovativi.

Oltre alle colture tradizionali di margherite ed aromatiche in vaso, il dott. Parodi ed il suo team producono una vasta gamma di graminacee ornamentalisedum e perenni fiorite, che, anno dopo anno, viene estesa ed ampliata con l'attenzione sempre rivolta alla rusticità, oltre che alla bellezza ed ai colori delle singole varietà.

Carlo Parodi 
Azienda Agricola Carlo Parodi
Regione Baffico 15
17031 ALBENGA (SV)
Tel. +39 0182 21899
Fax +39 01821971052
www.florparodi.com