chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Cytisus (Ginestra)

Famiglia: Leguminosae

Nome Volgare: Ginestra

Il Cytisus conosciuto come Ginestra, è un arbusto a fogliame caduco poco abbondante, rami rigidi, di color verde scuro tutto l'anno.

Raggiunge in media l'altezza di 1,50 m. e il diametro di 1,20 m.

Forma arrotondata.

Queste magnifiche piante sopportano i terreni secchi.

Non amano i terreni calcarei e le posizioni troppo ombreggiate. Dopo la fioritura potare i rami corti.

Utilizzo: isolato, a gruppi o a macchie.

Cytisus BATTANDIERI = ARGYROCYTISUS BATTANDIERI

Cytisus BATTANDIERI = ARGYROCYTISUS BATTANDIERI

Cytisus x KEWENSIS

Cytisus x KEWENSIS

Cytisus x KEWENSIS 'NIKI'

Cytisus x KEWENSIS 'NIKI'

Cytisus NIGRICANS 'CYNI'

Cytisus NIGRICANS 'CYNI'

Cytisus x PRAECOX

Cytisus x PRAECOX

Cytisus SCOPARIUS (Ginestra dei Carbonai)

Cytisus SCOPARIUS (Ginestra dei Carbonai)

Cytisus: descrizione generale

Il Cytisus (citiso), comunemente noto come "ginestra", è un genere di pianta spermatrofita dicotiledone, appartenente alla famiglia delle Fabaceae (o Leguminose), che ha l'aspetto di arbusti dai fiori papilionacei. Si tratta di piante legnose alla base, con gemme svernanti poste a un'altezza che va tra i 10 e i 50 cm. In alcune specie, le piante sono spinose. I fusti legnosi sono molto ramosi e hanno un portamento prostrato. Le foglie sono trifogliate oppure semplici. Il nome di "ginestra" identifica in realtà un numero più ampio di specie, chiamate collettivamente "Genisteae" e appartenenti alla famiglia delle Fabacee.

Varietà di Cytisus

Esistono circa 30 varietà di citiso, tra cui il Cytisus Albus, originario dell'Africa e della penisola iberica; il Cytisus Canariensis, che prende il nome dalle isole Canarie (in cui è presente), caratterizzato da foglie ricoperte da una lieve peluria e dai fiori tipicamente gialli; il Cytisus Supinus, che può arrivare all'altezza massima di 50 cm; il Cytisus Racemosus, di origine mediterranea, con i suoi fiori giallo oro e i rami arcuati; il Cytisus Ardoinii, una specie nana (non supera i 15 cm di altezza), le cui dimensioni fanno sì che sia spesso impiegato come pianta da decorazione. 

Esposizione del Cytisus

Queste piante devono essere esposte in luoghi soleggiati e luminosi, preferibilmente in uno spazio ampio e ben areato, poiché tendono ad appassire se si trovano all'interno di ambienti chiusi. Allevarle in appartamento è possibile, ma in questo caso è consigliabile porle su un balcone o su un terrazzo quando il clima non è troppo freddo.

Fioritura Cytisus

I fiori, numerosissimi in primavera, conferiscono agli arbusti di Cytisus un aspetto molto coreografico. I petali dei fiori, ermafroditi, sono disposti ad "ali di farfalla", per cui vengono detti "papilionacei", dal latino "papilio", che vuol dire appunto "farfalla". Gli stami sono in numero doppio rispetto ai petali. 

Concimazione del Cytisus

Le piante si concimano in autunno e in primavera, preferibilmente con concime di tipo granulare universale. In alternativa, si può usare un concime liquido in aggiunta all'acqua di annaffiatura.

Irrigazione del Cytisus

L'irrigazione deve essere media in primavera ed estate, mentre in inverno è sufficiente un'irrigazione scarsa. È bene comunque annaffiare il Cytisus quando il terriccio si è asciugato. Ciò vale esclusivamente per le piante in vaso o in giardino, mentre per quelle che si trovano in piena terra si può evitare del tutto di annaffiare, eccetto in caso di siccità.

Potatura Cytisus

Le ginestre si potano preferibilmente in autunno. È possibile comunque accorciare i rami dopo la fioritura allo scopo di dare alla pianta la forma desiderata. Se i rami crescono eccessivamente, la pianta può infatti perdere la sua tradizionale forma compatta ed è necessario intervenire per preservare l'aspetto estetico.

Malattie Cytisus

Pur non essendo soggette a malattie particolari, queste piante possono soffrire di clorosi, un sintomo di eziologia generica facilmente riconoscibile in quanto è caratterizzato dall'ingiallimento delle foglie. Ciò si deve spesso alla presenza di un acaro che ha attaccato la pianta. Se non si riesce a rimuoverlo lavando le foglie, si può ricorrere a un insetticida specifico. Anche gli afidi, i cosiddetti "pidocchi dei vegetali", possono attaccare le ginestre diffondendosi in breve tempo su tutta la loro superficie. Se non si interviene rapidamento con l'uso di antiparassitari, gli afidi possono danneggiare la pianta e provocare gravi infezioni.

Cytisus e temperatura

Le ginestre soffrono le basse temperature, mentre sopportano decisamente meglio il caldo. In piena terra, solo una grave e prolungata siccità può mettere a rischio la loro sopravvivenza. Le varietà originarie delle zone alpine sono tuttavia molto resistenti anche ai climi più freddi.

Rinvaso del Cytisus

Alcuni effettuano il rinvaso del citiso ogni anno, all'inizio dell'autunno o in primavera, mentre altri preferiscono farlo più raramente o solo quando la pianta ha raggiunto dimensioni tali da non poter essere contenuta nel vaso attuale.

Substrato ideale per il Cytisus

Tutte le specie di Cytisus prediligono generalmente il terreno fertile e ben drenato, ma si adattano comunque a substrati anche asciutti, poveri e persino inospitali.

Propagazione del Cytisus

La propagazione avviene per seme o per talea:

  • Propagazione per seme: si effettua a marzo, distribuendo i semi a una profondità di 5-6 mm in un buon terriccio mescolato a un po' di sabbia. Quando le piantine raggiungono un'altezza di 7-10 cm, occorre piantarle in vasi singoli.
  • Propagazione per talea: si realizza tra i mesi di aprile e maggio, prelevandole dai nuovi getti insieme a un pezzo di corteccia dal fusto. Una volta eliminate le foglie che si trovano più in basso, si piantano in vasi con una composta di torba e sabbia in parti uguali.