chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Pesco

Famiglia: Rosaceae

Nettarina Prunus parsica

Pesco - Descrizione generale

Il pesco è una pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Viene inserito nel genere Prunus ed in modo più specifico all'interno della specie Prunus Persica. Appartiene inoltre alla famiglia delle angiosperme, piante particolari che generano frutti e fiori.

Il pesco è un albero da frutto che può raggiungere un'altezza compresa tra i 4 e gli 8 metri. Possiede una corteccia generalmente marrone con getti di colore rosso. I fiori di questa pianta hanno la particolarità di essere ermafroditi. I frutti, sono conosciuti comunemente come pesche, le quali hanno la particolarità di essere molto zuccherose e piene di succo. Presentano una buccia, che può essere di diverse tipologie come liscia o vellutata, la quale presenta un colore che può variare dal giallo al rosso; all'interno del frutto si trova la polpa che è morbida e profumata. Inoltre quest'ultima può essere aderente o meno aderente al nocciolo in base alla tipologia di pesca

Pesco 'Dixired'

Pesco 'Dixired'

Pesco 'Fairhaven'

Pesco 'Fairhaven'

Pesco 'J.H. Hale'

Pesco 'J.H. Hale'

Pesco 'Redhaven'

Pesco 'Redhaven'

Pesco 'Red Top'

Pesco 'Red Top'

Pesco 'Plate de Chine'

Pesco 'Plate de Chine'

Pesco 'Iris rosso'

Pesco 'Iris rosso'

Pesco 'Kappa 2'

Pesco 'Kappa 2'

Pesco 'Maria Bianca'

Pesco 'Maria Bianca'

Pesco 'Michelini'

Pesco 'Michelini'

Pesco 'Springtime'

Pesco 'Springtime'

Pesco 'Sanguine vineuse'

Pesco 'Sanguine vineuse'

Pesco 'Armking'

Pesco 'Armking'

Pesco noce - Nettarina 'Fantasia'

Pesco noce - Nettarina 'Fantasia'

Pesco noce - Nettarina 'Firebrite'

Pesco noce - Nettarina 'Firebrite'

Pesco noce - Nettarina 'Flavortop'

Pesco noce - Nettarina 'Flavortop'

   1  2  3   Avanti » 

Varietà del pesco

Il pesco è un albero molto coltivato e per questo si trovano moltissime varietà di pesche. Esse si distinguono proprio per la particolare aderenza o meno del nocciolo alla polpa. Tra le tante tipologie ricordiamo in modo particolare la pesca gialla, avente una polpa molto succosa e molto profumata. Si può trovare poi la pesca bianca, un frutto avente la polpa bianca e piena di filamenti. Entrambe queste tipologie possono avere un nocciolo aderente o non aderente alla polpa.

Esposizione del pesco

Il pesco in genere ha necessariamente bisogno di un'esposizione al sole costante e continua. La pecurialità di questa pianta è che possiede un'ottima resistenza sia alla piena luce solare sia alle basse temperature, anche se bisogna sottolineare come il verificarsi di gelate tardive può danneggiare le coltivazioni in modo permanente e irreparabile. 

Il pesco e la fioritura

La fioritura del pesco si verifica durante il periodo primaverile ed i fiori si presentano riuniti in gruppi di quattro o cinque elementi. Anche nel caso della fioritura si può trovare una enorme varietà di tipologie: infatti possono esserci fiori grandi e piccoli e in base al colore che si può trovare all'interno del fiore si può stabilire con sicurezza il colore della polpa del frutto che crescerà in seguito.  Quindi se il fiore si presenta di colore bianco, la polpa del frutto che nascerà in seguito sarà di sconseguenza di colore bianco. A questo punto si deve dire però che i fiori sono autofertili

La concimazione del pesco

Date le numerose peculiarità del pesco, si deve tener presente che bisogna adottare anche nella fase di concimazione delle accortezze particolari. Questo albero infatti, come molti altri, sfrutta un enorme dispendio di energie per crescere nel modo più corretto possibile. Ha quindi necessità di alcuni elementi quali l'azoto per la crescita e il potassio e il fosforo per i frutti, ricercabili in concimi specifici per frutteti

L'irrigazione del pesco

L'irrigazione è una componente importante, quasi fondamentale, per la buona crescita del frutto e della pianta stessa. Essa va effettuata con estrema meticolosità, in modo continuo e costante, soprattutto nella fase di fioritura della pianta. L'irrigazione è talmente importante che spesso si adottano delle metodologie specifiche come per esempio una strumentazione che permette un'irrigazione automatica ed efficente.

Il pesco e la potatura

La potatura del pesco è altresì importante per ottenere una buona espansione del frutteto. Deve essere svolta quindi in modo meticoloso e minuzioso. Si deve sottolineare che le prime attività di potatura vanno eseguite fin dalla nascita della pianta, proprio per permettere a quest'ultima di crescere in modo sicuro e per avere dei raccolti fruttuosi. Andando avanti con il tempo, l'attività di potatura viene effettuata con costanza e precione per permettere di eliminare le parti non produttive o malate della pianta.

Le malattie del pesco

Tra le avversità che colpiscono il pesco troviamo gli insetti come l'Afide, in molte delle sue varietà. Si tratta di un insetto che può attaccare in particolar modo i frutti, fino a danneggiarli del tutto. Troviamo poi i lepidotteri, considerati nemici per eccellenza delle piante, come ad esempio il Cossus Cossus, i ditteri.
Infine possiamo trovare i funghi e il marciume che può colpire i frutti. 

Le particolarità del pesco

Una particolarità comunemente riconosciuta a questa pianta è che simboleggia la primavera, proprio perchè i suoi fiori sbocciano proprio in questo periodo. Nei paesi come il Giappone l'albero di pesco è molto venerato perchè secondo questa cultura scaccia gli esorcismi. Inoltre non si può non ricordare la famosissima torta associata a questa pianta: la Torta Melba.

Il pesco e la temperatura

Questa pianta predilige il freddo, anche durante la fase vegetativa. La temperatura ideale per la crescita di un frutto è il clima temperato, con una minima esposizione al vento
Proprio per la sua resistenza ai climi più freddi, proprio in questi luoghi, la coltivazione del pesco si effettua in serra.

Il rinvaso del pesco

Per far si che anche esso sia ottimale questa pianta ha bisogno di un terreno fresco e permeabile. Il rinvaso inoltre può avvenire in diversi modi: a radice nuda oppure lasciando vicino alle radici una sostanziale della vecchia quantità di terriccio già utilizzato in precedenza. Il periodo migliore per attuare questa attività è l'autunno quando la pianta entra nel periodo vegetativo,
che precede la fioritura.  

Il substrato del pesco

Il substrato è molto particolare e richiede numerose attenzioni e cure; la pianta del pesco infatti non ama i suoli particolarmente umidi e la presenza di ristagni idrici. Il terreno inoltre deve avere delle caratteristiche ben precise per portare ad ottimi risultati: deve essere drenato costantemente, non compatto e al suo interno deve possedere una discreta percentuale di sostanza organica.

La propagazione del pesco

La propagazione del pesco può essere effettuata in varie modalità. Si può partire dal seme, inserendolo direttamente nel terreno, o può venire fatta tramite un innesco. Quest'ultimo può essere di varie tipologie ed è realizzato, in base alla tipologia scelta, in diversi periodi dell'anno. Abbiamo quindi l'innesco a occhio e l'innesco a T. Inoltre si possono acquistare le piante di pesco direttamente in specializzati ed appositi vivai.

Potatura del Pesco - I consigli dell'esperto