chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Aglio - Allium sativum

Aglio - Descrizione generale

L'aglio è facile da coltivare e produce numerosi bulbi dopo una lunga stagione di crescita ed è resistente al gelo. Al di là del suo sapore intenso e degli usi culinari, è un ottimo alimento da tenere giardino in quanto è un repellente per gli insetti ed è stato usato per secoli come rimedio casalingo.

Aglio bianco - Allium sativum

Aglio bianco - Allium sativum

Aglio rosso - Allium sativum

Aglio rosso - Allium sativum

Esposizione dell'aglio

Selezionare un posto soleggiato per le piante d'aglio e posizionare i chiodi di garofano a circa 10 centimetri di distanza e 2 pollici di profondità, nella loro posizione verticale (il lato della radice larga rivolto verso il basso e l'estremità appuntita rivolta verso l'alto).
In primavera, quando arrivano le temperature più calde, i germogli emergeranno attraverso il terreno.

Substrato adatto per l'aglio

Per coltivare l'aglio, occorre pacciamare il terreno con la paglia, che poi deve essere rimossa in primavera dopo che è passata la minaccia del gelo. Tagliare i germogli che emergono in primavera e rimuovere le erbacce non dovrebbero essere un problema fino alla primavera.  

Concimazione dell'aglio

L'aglio può essere piantato in primavera non appena il terreno può essere lavorato, ma la concimazione è raccomandata in autunno quando i bulbi sono più grandi e più saporiti quando verranno raccolti in estate. Nelle zone con un alto livello di brina, occorre piantare l'aglio tra le 6 e le 8 settimane prima dell'inizio dell'autunno. I tempi possono variare in base al clima locale, ma in ogni caso l'obiettivo è quello di fornire un periodo abbastanza lungo alla pianta prima che il terreno congeli, affinché sviluppi buone radici, ma non abbastanza tempo per farlo formare prima che le temperature basse si stabilizzino.

Nelle zone con clima mite, febbraio o marzo sono i mesi migliori per piantare l'aglio. Aggiungere i chiodi di garofano nel terreno alcuni giorni prima di piantare, assicurandosi che il terreno sia ben drenato con molta materia organica. 

Irrigazione dell'aglio

Innaffiare le piante d'aglio ogni 3-5 giorni (da metà maggio a giugno).

Aglio - Malattie

L'aglio ha pochissimi problemi con i parassiti, poiché è un repellente naturale, pertanto anche le malattie sono poche e rare. L'unico pericolo è rappresentato dal Phanerochaete chrysosporium, un fungo che causa la degenerazione di questa pianta e può attaccare l'aglio durante l'inverno.

Non si può fare molto per controllare o prevenire questo problema, ad eccezione della rotazione delle colture e della pulizia dell'area dopo la raccolta. Le spore possono vivere nel terreno per molti anni e il fungo colpisce la base delle foglie e delle radici.

Propagazione dell'aglio

Per propagarsi, l'aglio richiede adeguati livelli di azoto, che deve essere aggiunto sotto forma di fertilizzante specialmente se le foglie sono ingiallite.

Raccolta e conservazione dell'aglio

Il tempo di raccolta dell'aglio dipende da quando lo si pianta, ma un segnale di preavviso che ne indica la raccolta sono le parti superiori gialle. Raccogliere l'aglio quando le cime iniziano a ingiallire e a cadere, prima che siano completamente secche.

Nei climi nordici, la raccolta dalle piantagioni d'aglio avviene a fine luglio o agosto, mentre nelle zone miti dipenderà dalla data di piantagione.

Controllare la dimensione del bulbo e la qualità dell'involucro. Per raccogliere l'aglio, sollevare con cura i bulbi con una vanga o una forchetta da giardino, tirare le piante, spazzolare delicatamente il terreno e lasciare le teste in un luogo arioso e ombreggiato per due settimane, appendendole a testa in giù su un filo in mazzi da 4 a 6. Assicurarsi che tutti i lati abbiano una buona circolazione d'aria.

I bulbi sono polimerizzati e pronti per essere conservati quando gli involucri sono asciutti e hanno una consistenza cartacea, mentre le radici devono essere secche. Una volta che i bulbi d'aglio sono secchi, possono essere conservati. Rimuovere lo sporco e tagliare eventuali radici o foglie, mantenendo l'involucro.

L'aglio può essere conservato singolarmente oppure possono essere intrecciati ed appesi in cucina o nel ripostiglio. Devono essere conservati in un luogo fresco, buio ed asciutto per diversi mesi. Non conservare in cantina se questa è umida. Il sapore aumenterà con l'essiccazione dei bulbi.

Se si prevede di piantare nuovamente l'aglio la prossima stagione, conservare alcuni bulbi più grandi e meglio formati per poterli piantare di nuovo in autunno.

Varietà di aglio raccomandate

Ci sono tre tipi di varietà di aglio che possono essere coltivate: quello rosa, quello rosso e quello di Vessalico. La maggior parte dei tipi richiede circa 90 giorni per la raccolta, una volta iniziata la crescita.
 

  • L'aglio rosa ha dei colli che rimangono morbidi dopo il raccolto, e quindi è la varietà che può essere intrecciata. Particolarmente consigliato per chi vive in climi più caldi, poiché è meno resistente all'inverno rispetto ad altri tipi. Il sapore è forte e intenso. 
  • L'aglio rosso si coltiva con i chiodi di garofano attorno ad uno stelo, è estremamente resistente al freddo, ma non si conservano bene o a lungo come altre varietà. Il sapore è più delicato.
  • L'aglio di Vessalico è meno resistente e più strettamente legato ai porri rispetto ad altre varietà. Il suo sapore è più simile alla cipolla.

Come fare l'orto: semina e trapianto