chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Cuphea HYSSOPIFOLIA

Cuphea HYSSOPIFOLIA

Copyright immagini by ©Nova-Photo-Graphik.
Vietata la riproduzione.

Legenda Icone

Fogliame Persistente Fogliame Persistente
Fogliame Caduco Fogliame Caduco
Fogliame Semi persistente Fogliame Semi persistente
Esposizione soleggiata Esposizione soleggiata
Esposizione a mezz'ombra Esposizione a mezz'ombra
Esposizione in ombra Esposizione in ombra
Adatto ai climi miti Adatto ai climi miti
Sensibile al freddo Sensibile al freddo
Pianta poco diffusa Pianta poco diffusa
Varietà brevettata Varietà brevettata
Fogliame Persistente

Descrizione:

Cuphea Hyssopifolia è una pianta mediterranea a portamento arrotondato e vegetazione compatta, con fogliame persistente di colore verde intenso azzurrino e foglie strette dai 2 ai 3 cm.

Raggiunge un'altezza e un diametro che vanno da 0,40 a 0,50 m.

Tutta l'estate e fino ad Ottobre, sboccia una moltitudine di piccoli fiori a grappoli nei colori porpora violaceo (il più diffuso), rosa o bianco.

La Cuphea è un arbusto adatto per tutti i terreni, in posizione soleggiata o mezz'ombra. Resiste fino a -2°C.

Per ottenere delle piante più compatte, è consigliato tagliare l'estremità dei rami dopo la fioritura.

La Cuphea si riproduce per seme e per talea a primavera avanzata.

Cuphea Hyssopifolia è ideale per giardini rocciosi, bordure, vasi e fioriere o su terrazze e balconi, dove è facile ripararle durante l'inverno nelle regioni meno favorevoli.

Cuphea Hyssopifolia: come coltivarla

Caratteristiche generali della Cuphea Hyssopifolia

Conosciuta anche come erica messicana o erba elfa, la falsa erica (Cuphea Hyssopifolia) cresce da 20 fino a 60 centimetri di altezza e si presenta con foglie verdi lucide, strette e lunghe da 1 a due centimetri. La Cuphea Hyssopifolia è un arbusto sempreverde e si può propagare sia per talea che da seme. Inoltre la pianta viene raccolta dall'ambiente naturale per uso medicinale e per la creazione di insetticidi. Vive in alcuni paesi tropicali e viene spesso coltivata come ornamentale nei vasi, e si presta molto bene sia per ambienti esterni che interni. Piccoli fiori a forma di tromba di circa 3 millimetri di diametro appaiono negli assi delle foglie di solito nei toni del viola, anche se sono disponibili varietà rosa e bianche. Originaria del Messico, dell'America centrale e degli Stati Uniti sudorientali, la Cuphea Hyssopifolia è una pianta perenne e le sue dimensioni compatte la rendono adatta per un appartamento. Nel terrapieno di un giardino si sviluppa invece facilmente purché in un suolo di media consistenza, ben drenato ed esposto in pieno sole. La Cuphea Hyssopifolia può essere coltivato da seme (in casa) 8-10 settimane prima dell'ultima data di gelata. Questo esemplare tollera il caldo estivo e cresce bene in un clima con fenomeni di siccità, anche se un pò di umidità serve ad ottimizzare il risultato. Le piante possono essere svernate all'interno in luoghi caldi e soleggiati e sono facilmente propagabili grazie a dei tagli di punta. Tra le altre caratteristiche degne di nota, va aggiunto che la Cuphea Hyssopifolia è un sub-arbusto tropicale e densamente ramificato. Il nome invece deriva dalla parola greca kyphos che significa curvo o gibboso probabilmente in riferimento alla forma delle sue capsule di semi. La pianta in oggetto è particolarmente apprezzata non solo per interni ma anche per guarnire le bordure di un giardino, per fungere da sentiero ornamentale e per abbellire patii, ponti o portici. In casa in genere si preferisce tenerla sospesa quindi adagiata nei cesti.

Cuphea Hyssopifolia: Irrigazione e concimazione

La Cuphea Hyssopifolia non essendo delicata tollera bene il clima eccessivamente caldo, e richiede l’uso di un terreno ben drenato quindi delle innaffiature abbondanti specie quando la superficie del suolo si presenta secca al tatto. In sostanza non bisogna permettere mai al terreno che si inzuppi o si asciughi completamente. Nutrire questo esemplare di pianta è altresì importante per godere della sua splendida e rigogliosa fioritura estiva. In tal caso per massimizzare il risultato nel periodo che va dalla primavera all'autunno è necessario somministrargli del concime appropriato del tipo 15-30-15 mescolando 1/2 cucchiaino dei suoi cristalli con 1 litro d'acqua, ma bisogna astenersi dal concimare la pianta durante i mesi invernali. Da maggio a settembre è necessario invece procedere con la concimazione una volta ogni 15 giorni con una sostanza organica, oppure se la pianta viene coltivata in un vaso si consiglia di concimarla con 40 gr. di fertilizzante per ogni decalitro di terra. Ogni 15 giorni è poi opportuno aggiungere all'acqua di irrigazione circa 20 gr. di concime ternario. Per essere sicuri di somministrare il concime giusto, il consiglio ulteriore è di farvi consigliare da un vivaista o anche da un esperto fioraio.

Moltiplicazione e potatura della Cuphea Hyssopifolia

Per mantenere la compattezza della Cuphea Hyssopifolia è necessario ridurla di volume di circa la metà nel periodo primaverile. Anche se non è solitamente infastidita dagli insetti, la pianta può infatti incorrere nell’invasione di acari e ragni se la si lascia troppo spessa. La durata della vita e la moltiplicazione della Cuphea Hyssopifolia è rispettivamente breve e ridotta; infatti, può iniziare a deteriorarsi dopo uno o due anni. Tuttavia per propagarla facilmente, è sufficiente recuperare le piantine che si sono seminate accanto alla pianta madre. I rami più bassi spesso si radicano e riposano anche sul terreno. In tal caso, vale la pena ringiovanire l'intera pianta tagliando gli steli originali a soli 2 centimetri al suolo. Come per tutte le potature è vivamente consigliato usare cesoie ed altri attrezzi da taglio sempre ben sterilizzati per evitare di trasmettere malattie alla pianta, specie se in precedenza sono stati utilizzati per la medesima operazione su altri esemplari o alberi predisposti a invasioni parassitarie.

La fioritura

La Cuphea Hyssopifolia produce dei fiori caratteristici che si presentano molto piccoli, a forma di tromba con sei petali sparsi e con dei calici di colore verde. I fiori appaiono singolarmente lungo i gambi ricchi di foglie verdi lucide e a forma di lancia (lunghe circa 3 cm) che fioriscono copiosamente dall'estate al gelo. Benché simile all'erica, la pianta non appartiene a questa famiglia da cui deriva il nome comune di falsa erica. Sottolineato ciò, va altresì aggiunto che sono disponibili anche alcuni esemplari con i fiori di una tonalità bianca e rosa che risultano i preferiti dai colibrì e dalle farfalle. La bellezza indubbia dei fiori di Cuphea Hyssopifolia rendono questa pianta ideale non solo per un appartamento, ma anche per abbellire dei giardini rocciosi, per creare delle fantastiche bordure, oppure per esporla su una terrazza in vasi e fioriere ovvero in una zona dove è molto più facile proteggerla dal gelo invernale come ad esempio con l’utilizzo di teloni di cellophane trasparenti. Con questi ultimi infatti si evita che la pianta possa seccarsi e nel contempo ottenga la dose quotidiana di luce solare.

Cuphea Hyssopifolia: malattie e rimedi

La Cuphea Hyssopifolia è una pianta che non è soggetta a malattie anche se potrebbero comunque manifestarsi, e ciò dipende dal luogo in cui si coltiva e dalla vicinanza di altri esemplari maggiormente vulnerabili all’invasione di afidi. Tuttavia ce ne sono alcune che si possono presentare in determinati periodi dell’anno ed in particolare in quello post inverno. Nello specifico si tratta del cosiddetto "mal bianco" ovvero la presenza di una muffa grigia in cui proliferano degli afidi. Le macchie sulle foglie e l’evidente marciume dei germogli se eventualmente presenti vanno in questo caso trattati con appositi prodotti. Per la carenza di ferro che in questo caso comporta l'ingiallimento delle foglie, si consiglia vivamente l’intervento con sostanze a base di chelati di ferro. Se si sospetta che ci sia la presenza degli insetti e le foglie hanno un aspetto screziato tali da sembrare rivestite con delle ragnatele, questo è l’inequivocabile conferma della presenza di afidi. Per cercare di eliminarli o comunque prevenire la loro invasione, il consiglio è di mescolare 1/4 di sapone insetticida in un litro di acqua. Una volta agitato bene il composto lo si può spruzzare accuratamente sulla pianta, coprendo entrambe le superfici e le parti inferiori delle foglie. Per massimizzare il risultato l’operazione va eseguita una volta alla settimana e per tre consecutive. A margine va altresì aggiunto che in tali condizioni la Cuphea Hyssopifolia deve essere annaffiata abbondantemente nel periodo estivo, mentre in quello invernale (e in vaso) poca acqua è più che sufficiente per scongiurare che alcune malattie parassitarie possano svilupparsi e pregiudicare la bellissima fioritura che caratterizza questo esemplare di pianta.

Condividi
Stampa la pagina Invia ad un amico