Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Photinia

Famiglia: Rosaceae

La Photinia, o Fotinia, è una pianta da giardino ibrida, originaria della Nuova Zelanda e dell'Australia.
La sua particolarità più nota è il colore rosso brillante delle foglie, motivo principale della sua diffusione, anche se in primavera presenta una dolce fioritura bianca.
Vengono utilizzate soprattutto come piante da siepe grazie alla loro rigogliosità, ma sono splendide anche come esemplare singolo in vaso. Ne esistono di diversi tipi, anche se la più comune è la Photinia Red Robin, che si trova facilmente nelle zone verdi delle città.

Photinia Red Robin: a che distanza e quante piante devo piantare per creare una siepe?

Photinia x FRASERI 'RED ROBIN'

Photinia x FRASERI 'RED ROBIN'

Photinia x FRASERI 'ROBUSTA COMPACT'

Photinia x FRASERI 'ROBUSTA COMPACT'

Le Varietà di Photinia

  • Photinia Red Robin, è la più comune e presenta un colore vermiglio delle foglie che solo in crescita tornano al verde.
  • Photinia Birningham, che presenta foglie leggermente più scure, tendenti al rame, e tondeggianti.
  • Photinia Robusta, è la più rustica delle tre, presenta foglie spesse e di un rosso pieno.
  • Photinia Nana, coltivata prevalentemente in vaso, ha una crescita più lenta e mal sopporta i climi troppo freddi, difatti è considerata una pianta da interni.

Utilizzo della Photinia

Essendo una pianta così resistente, la Photinia può essere tranquillamente usata come siepe da giardino, soprattutto vista la sua crescita che si aggira sui 5m d'altezza; cresce bene nei climi austeri e spesso si trova come arbusto decorativo delle aiuole o come pianta da ingresso.
Resiste bene anche allo smog ed è quindi spesso presente nei parchi cittadini o nelle zone di alto traffico.
Posta in vaso è una deliziosa pianta decorativa, in particolare la Photinia Red Robin riesce a catturare l'attenzione in qualunque ambiente, soprattutto durante la fioritura primaverile, dove il contrasto rosso-bianco è molto apprezzabile.

Leggi le risposte dell'esperto alle domande su PHOTINIA:

La Potatura della Photinia

Essendo una pianta così rigogliosa, bisogna tenere conto della sua crescita imponente; la potatura della Photinia è un po' particolare, va infatti effettuata dopo la fioritura, altrimenti questa viene interrotta dato che i boccioli sono già pronti in inverno, si consiglia quindi di farla a fine agosto.
Va effettuata sui rami più esterni e più se ne tagliano, più si avranno nuovi boccioli rossi in autunno.
La potatura invernale invece va fatta non più tardi di metà Dicembre, e solo per un problema contenitivo o ornamentale.

Moltiplicazione della Photinia

Il metodo più efficace per far attecchire la nuova pianta è la talea: tagliate alla radice una rametto promettente, di 25 cm massimo, nel periodo tra agosto e inizio novembre e ponetelo in un vaso colmo d'acqua o di terriccio composto da sabbia, perlite e torba, è molto probabile che si innesti grazie alle proprietà rigenerative della piante, ma tenetelo lontano da fonti di freddo o calore troppo intense. La moltiplicazione della Fotinia è possibile anche per seme, acquistabile nei vivai.
Si consiglia di piantare a fine estate e di tenere il terreno ben idratato.

Le Malattie della Photinia

Una comune infestazione della Photinia è quella causata dall'oziorrinco adulto, una bruco che si nutre delle sue radici, identificabile dai segni rotondi su fusto e foglie.
Un altro insetto fastidioso, in particolare per la varietà di Photinia Red Robin, è l'afide che, pur non essendo fatale, è particolarmente fastidioso perchè ne rovina le foglie e quindi la capacità ornamentale.
Nella Fotinia giovane inoltre si ci ritrova spesso a combattere con il fungo Pythium, dato da piccole macchie scure sulle foglie.


Le esigenze della Photinia

La Fotinia è una pianta che si adatta bene pressoché a qualunque terreno e non necessita di cure particolari.
Questa pianta cresce con poca acqua, l'annaffiatura è però importante nel periodo estivo, anche se si deve assolutamente evitare il ristagno dell'acqua alla base del fusto. Per la concimazione si consiglia lo stallatico durante il periodo invernale e concimi organici in quello estivo, se si vuole aumentare la crescita bisogna preferire quelli con molto azoto.
Se la Fotinia è in vaso però, è meglio un concime a rilascio graduale di azoto e potassio, preferibilmente prima di agosto.

Curiosità sulla Photinia

Viene classificata nel 1821 da John Lindley, botanico inglese, che gli dà un nome particolare: Photinia, un composto col significato di foglie lucenti e seghettate.
Nelle zone della Nuova Zelanda è spesso utilizzata per intrecciare i tipici costumi delle feste tradizionali.

Leggi le altre risposte dell'esperto su PHOTINIA: