Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Cyphostemma Juttae o vite della Namibia: come fare a rendere più veloce la fioritura della pianta?

Il 16/09/2016, Stefano Sangiorgio di Erba chiede:

Buongiorno, a maggio ho seminato in vasetti con terriccio sabbioso semi di vite della Namibia (Cyphostemma juttae). I vasetti sono stati tenuti su un davanzale soleggiato esposto a sud e tenuti sempre leggermente umidi. A tutt'oggi non è nato ancora nulla (i semi sono rimasti come erano stati piantati). So che è una pianta a germinazione molto lunga: attendo ancora o devo buttare via il tutto? Grazie e cordiali saluti.

Il 16/09/2016, Marco Alberti risponde:

Gentile sig. Stefano,

la germinazione della vite della Namibia o Cyphostemma Juttae può durare anche più di 1 anno!

Ecco alcuni accorgimenti per fare in modo che la germinazione avvenga con successo e in pochi mesi (non meno comunque di 3-5): si procuri un terriccio composto per metà da perlite e per metà da torba sterile, aggiungendovi una manciata di sabbia che mescolerà con il resto; vi interri i semi e bagni subito in modo che sia umido, ma ben drenato (la perlite e la sabbia servono a questo); copra con un telo di plastica il vaso sino a che i semi non germinano, poi lo rimuova subito; perchè tutto avvenga al meglio deve mantenere la temperatura del terreno a circa 20-25 °C per il tempo necessario alla germinazione, quindi esposizione in pieno sole o in prossimità di termosifoni durante l'inverno (in primavera e in estate ponga il vaso sul balcone soleggiato il più possibile): si creerà un effetto serra che stimolerà la germinazione; bagni solo ogni volta che il terreno le sembra troppo asciutto.

Cordiali saluti

Dott. Marco Alberti

Voto:
Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Marco Alberti Marco Alberti

Marco Alberti è Dottore Forestale, esperto in Piante Cactacee e Succulente, e autore di alcuni studi e volumi sulla flora spontanea e ornamentale. In particolare si occupa di piante succulente coltivate in Italia sia nei giardini pubblici che a livello amatoriale e acquistabili presso vivai specializzati.

La lunga carriera professionale del professor Alberti è costellata di esperienze lavorative di successo, arricchite da Studi botanici, ecologici e paesaggistici, Consulenze per progettazione di aree verdi con analisi paesaggistica, valutazione di impatto ambientale, studi d’incidenza ecologica, Pianificazione forestale per le proprietà di numerosi comuni ed istituzioni locali; Progettazione e direzione lavori in ambito forestale.

Il professor Alberti è docente e autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative ed è stato relatore in seminari e convegni.

Se desideri saperne di più sulle Piante Cactacee e Succulente, contatta Marco Alberti:

Dottore Forestale Marco Alberti
via Giulio Cesare, 61
18012 Bordighera (IM)
cellulare: 3293115080