Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come far ramificare la Cleistocactus strausii

Il 04/02/2017, Stefano Sangiorgio di Erba chiede:

Buongiorno, ho una pianta di Cleistocactus strausii, in buone condizioni di salute, che ha un unico fusto colonnare alto circa due metri senza ramificazioni laterali e con un diametro uniforme di circa 9 cm. Il problema è che, pur essendo in un vaso di dimensioni adeguate, la pianta, a causa della sua altezza e del suo stesso peso, non sta in piedi se non è tutorata. Preciso che ora che è inverno è su un pianerottolo luminoso delle scale con una T di circa 10-15 °C e ora la tengo asciutta per non incorrere in marciumi. Quello che le volevo chiedere è: è possibile in primavera quando la riporterò all'aperto al sole (che la mantiene con il colore tipico della specie e cioè con le spine di un bel colore bianco-grigio e un aspetto sano) segarla a circa 10-20 cm dalla base per farla ramificare ottenendo all'apice reciso più "colonne" (cioè germogli) nuovi) in modo che, oltre a restar stabile sia più bella da vedere e, nel frattempo, usare l'apice reciso, dopo che il taglio si sarà ben asciugato, come talea? La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti.

Il 13/02/2017, Marco Alberti risponde:

Gentile signor Stefano,
 
è possibile tagliare la pianta nei pressi del suolo per far sviluppare le gemme latenti presenti lungo il fusto (a 20-30 centimetri può andare bene): dovrebbero così accrescersi nuovi getti (ma questa specie in genere è un pò difficile in tal senso, ossia non ramifica volentieri direttamente dal fusto); poi farà asciugare il taglio della parte del fusto che vorrà far radicare (se è alto 2 metri, il suo esemplare è davvero prestante, infatti in genere non supera il metro!)  per trapiantarla in terreno analogo a quello in cui si trova attualmente: la radicazione dovrebbe avvenire in poche settimane; il momento ideale per tale operazione è la primavera, aiutandosi magari con ormoni radicanti.


Marco Alberti

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Marco Alberti Marco Alberti

Marco Alberti è Dottore Forestale, esperto in Piante Cactacee e Succulente, e autore di alcuni studi e volumi sulla flora spontanea e ornamentale. In particolare si occupa di piante succulente coltivate in Italia sia nei giardini pubblici che a livello amatoriale e acquistabili presso vivai specializzati.

La lunga carriera professionale del professor Alberti è costellata di esperienze lavorative di successo, arricchite da Studi botanici, ecologici e paesaggistici, Consulenze per progettazione di aree verdi con analisi paesaggistica, valutazione di impatto ambientale, studi d’incidenza ecologica, Pianificazione forestale per le proprietà di numerosi comuni ed istituzioni locali; Progettazione e direzione lavori in ambito forestale.

Il professor Alberti è docente e autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative ed è stato relatore in seminari e convegni.

Se desideri saperne di più sulle Piante Cactacee e Succulente, contatta Marco Alberti:

Dottore Forestale Marco Alberti
via Giulio Cesare, 61
18012 Bordighera (IM)
cellulare: 3293115080