Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Bosco di castagno, posso piantare anche noce e nocciolo?

Il 09/12/2016, Dario Galasso di FORIO chiede:

Salve, sto recuperando un bosco di castagno da frutto di circa duemila metri, non innestato e abbandonato da oltre quaranta anni a Forio, isola d'Ischia. Vorrei sapere se assieme alle piante di castagno da frutto si possono piantare noci e nocciole. Grazie per la risposta, Dario.

Il 09/12/2016, Simone Bartolini risponde:

Ciao Dario, castagno, noce e nocciolo sono piante con esigenze molto diverse in fatto di terreno.

Il nocciolo è una pianta molto adattabile; predilige terreni di collina e alta collina ma vive bene anche in pianura. I terreni migliori per il nocciolo sono quelli calcarei, umidi e sciolti. La noce preferisce terreni di pianura con buona disponibilità idrica; sono da evitare i terreni argillosi dove facilmente si crea ristagno idrico.  Noce e nocciolo vivono bene in terreni alcalini e si adattano anche ai terreni leggermente acidi. Il castagno predilige i terreni di alta collina e montagna, sciolti e con buona disponibilità idrica ma, a differenza di noce e nocciolo, con ph tendenzialmente acido. Il castagno non vive bene in terreni alcalini questo spiega la scarsa diffusione della pianta sul territorio nazionale.

Per rispondere alla tua domanda, in un terreno dove da anni si coltiva castagno puoi tentare di coltivare anche noce e nocciolo ma sapendo che non sono i terreni ideali per queste due colture. Se pianterai noce e nocciolo tra piante di castagno adulte attento a fare in modo che queste ultime non siano in ombra.

Saluti, dr. Simone Bartolini.

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Simone Bartolini Simone Bartolini

Il dott. Simone Bartolini è Responsabile Commerciale di Umbraflor, importante azienda vivaistica nata nel 2001 su iniziativa della Regione Umbria e del Comune di Gubbio, con l'obiettivo di dare forte impulso allo sviluppo economico regionale, alla promozione dell’ambiente e alla tutela della biodiversità.

Il dott. Bartolini è esperto di:

  • Piante Tartufigine;
  • Piante Forestali;
  • Perenni e Graminacee;
  • Noci e castagne innestate.

Tra le attività principali di Umbraflor vi sono:

  • Attività Vivaistica e Forestale all'interno dei vivai di Spello, Gubbio e Spoleto;
  • Ricerca applicata in collaborazione con le associazioni CRN, CRA e Parco Tecnologico 3A di Todi;
  • Formazione ed aggiornamento per studenti ed operatori del settore; 
  • Diagnosi ed analisi delle condizioni di stabilità di tutte le specie arboree;
  • Assistenza, realizzazione e gestione di impianti di arboricoltura per verde pubblico e privato.

Umbraflor si occupa della produzione di:

  • Piante micorizzate con tartufi di provenienza locale certificate dall’ Universita di Perugia; 
  • Cultivar di pregio di Noci e Castagni innestati per frutticoltura e arboricoltura da legno e pioppi che non producono lanuggine;
  • Cipressi resistenti al cancro e brevettati dall’IPP-CNR; 
  • Olmi resistenti alla grafiosi; 
  • Alberi, arbusti, siepi e piante forestali certificate ai sensi D.Lgs 386/2003. 

Azienda Vivaistica Regionale UmbraFlor
Via Castellaccio, 8 - 06038 SPELLO (PG)
Tel./Fax 0742.315007 - Cell. 335.1225760
www.umbraflor.it

Vivaio "Il Castellaccio" - via Castellaccio, 6 - 06038 Spello (PG)
Vivaio "La Torraccia" - frazione S. Secondo - 06024 Gubbio (PG)
Vivaio di Capezzano - loc. Capezzano - Spoleto (PG)