Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Ciliegi che perdono i frutti prima della maturazione

Il 19/12/2016, parente vincenzo di corbetta chiede:

le ho appena spedito un domanda sui kaki,e mi sono ricordato che ho anche problemi seri con i ciliegi; a fine primavera dopo la fioritura appena che i frutticini raggiungono i 3 o 4 millimetri di grandezza circa 20 giorni dopo fine fioritura da verdi cominciano ad arrossarsi e cadere tutti, le piante sono di vari tipi una sicuramente lapin di oltre dieci anni 3 anni fà ha fruttificato bene ma sono più le annate perse che quelle buone ora ho fatto in novembre un spennellatura con pazienza a base di prodotti rameici con vinavil per fissarli datemi una risposta buona se quello che faccio é valido o fare altro a risentirci presto grazie.

Il 21/12/2016, Fabio Di Gioia risponde:

Buongiorno gentilissimo signor Vincenzo

Venendo invece alla domanda sul ciliegio, le dico solamente che la maggior parte delle varietà coltivate sono autoincompatibili.

L'autoincompatibilitá, è definita come l'incapacità del polline emesso da un determinato fiore di ciliegio, di andare a fecondare fiori diversi della stessa varietà.

Questa incapacità fecondativa, spesso dovuta a cause genetiche ma occasionalmente dovuta anche a cause climatiche o nutrizionali, si manifesta con la mancata germinazione del granulo pollinico sullo stigma del fiore, il quale non raggiungendo l'ovulo all'interno dell'ovario, non riesce a fecondarlo.

Di conseguenza come ha descritto lei, dopo circa 20 giorni dopo la fioritura, i fiori cominciano ad arrossare a livello del peduncolo e cadere senza andare incontro all'allegagione.

In poche parole si tratta di un meccanismo o strategia adattativa che la pianta ha messo in atto al fine di favorire l'impollinazione incrociata tra varietà diverse ed incrementare la sua biodiversità. Quindi a livello naturale è un processo favorevole per la selezione.

Tuttavia però non è favorevole dal punto di vista agronomico e produttivo. Per questo quando si va a fare un impianto di una determinata varietà di ciliegio, è fondamentale consociare nello stesso appezzamento varietà diverse tra di loro, in modo da ricreare le condizioni naturali per favorire la riuscita dell'impollinazione, questo perché:

1) Varietà uguali tra loro sono autoincompatibili.

2) Varietà diverse tra loro sono intercompatibili.

Per quanto riguarda la varietà di ciliegio Lapins che lei ha menzionato, sicuramente non è tra quelle considerate autoincompatibili, perché si tratta di una varietà autofertile, capace di impollinarsi da sola tanto da venire considerata come impollinatore universale. 

Si tratta bensì di varietà diverse dalla Lapins, anche se in ogni caso per avere una buona fruttificazione è sempre bene consociare con altre varietà.

Per quanto riguarda infine, la spennellatura con prodotti a base di rame a cui associare anche dei prodotti protettitivi alla base del tronco, è un'operazione molto importante perché oltre a proteggere le piante dal danno da freddo, serve ad disinfettare gli organi legnosi della pianta proteggendoli al tempo stesso dall'attacco di funghi lignicoli in particolare quelli che sono causa della gommosi o cancro delle drupacee.

Rimanendo a sua disposizione per qualsiasi dubbio o ulteriore domanda, la saluto cordialmente.


Dott. Fabio Di Gioia

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Fabio Di Gioia Fabio Di Gioia

Fabio Di Gioia è nato a Montelupo Fiorentino nel febbraio del 1980, da una famiglia caratterizzata da una lunga e radicata tradizione contadina. Esperto di recupero e valorizzazione delle varietà vegetali antiche.

Dal 2010 a oggi organizza corsi e seminari sulle buone pratiche di conservazione e coltivazione delle varietà antiche vegetali sia in ambito erbaceo e orticolo che arboreo e frutticolo.

Lo scopo principale del suo lavoro è quello principalmente di recuperare le varietà locali e poterle reinserire in un contesto agricolo e produttivo, verso tutti coloro come le aziende agricole credono sempre di più nelle potenzialità di questo settore.

Blog: fabio13280 - fabio13280.wordpress.com