Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Coltivare i piselli: che tipo di reti e paletti utilizzare?

Il 13/03/2017, Filippo di Pantelleria chiede:

Ho coltivato i piselli con scarsi risultati. Per coltivarli con la rete che tipo di rete occorre e che paletti Grazie Filippo

Il 15/03/2017, Sara Petrucci risponde:

Gentile Filippo, per la coltivazione dei piselli rampicanti e a mezza rama (semirampicanti) vanno bene reti leggere e a maglie grandi, con pali robusti messi almeno ogni 2 metri.
Se la zona di Pantelleria in cui lei vive è molto ventosa è meglio optare per pali metallici ben infissi a terra.
Tuttavia immagino che lo scarso successo del suo tentativo di coltivare i piselli non sia legato soltanto a reti e pali. Potrebbe dipendere anche da altri fattori come l'epoca di semina (i piselli richiedono un clima temperato fresco, immagino che da lei si possano seminare al massimo entro febbraio), l'eventuale contenuto salino dell'acqua che ha a disposizione per irrigare, il tipo di terreno.
L'ideale è seminarli su terreno ricco di sostanza organica a distanze di circa 5 cm tra un seme e l'altro.
Non devono essere interrati molto, circa 2 volte la loro stessa dimensione.
Le auguro una buona riuscita della sua coltivazione di piselli e del resto dell'orto.
Cordialmente, Sara

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Sara Petrucci Sara Petrucci

La dott.ssa Sara Petrucci è Agronomo, specializzato in agricoltura biologica e multifunzionale. 

Ha studiato a Pisa alla facoltà di Agraria, Scienze Agrarie ad indirizzo "agricoltura biologica e multifunzionale", prendendo sia la laurea triennale (2003) sia la specialistica (2005). L'anno successivo ha poi superato l'esame di stato e preso l'abilitazione a Dottore Agronomo e Dottore Forestale. Dal 2005 al 2007, ha maturato diverse esperienze su trappole alimentari sulla cattura delle mosca dell'ulivo; vendemmia e raccolta delle olive.

Dopo le prime esperienze in Toscana tra agriturismi e cantine, esplorando le diverse declinazioni della multifunzionalità dell'agricoltura, la dott.ssa Sara trovò un'annuncio pubblicato da una cascina lombarda, la Cascina S. Brera - www.cascinasantabrera.it, San Giuliano Milanese (MI), che cercava collaboratori per un progetto di orticoltura biologica permaculturale. Si candidò e venne scelta per il ruolo. Lasciò dunque la Versilia, per trasferirsi in Lombardia e mettersi in gioco nella nuova esperienza.

Fu questo il primo passo verso la sua specializzazione professionale nell'orticoltura biologica.

Tuttavia, non volendo limitare le sue esperienze alla sola orticoltura, attualmente si sta affanciando anche alla risicoltura e alla frutticoltura.

Dal 2009 al 2012 la dott.ssa Petrucci ha lavorato a tempo pieno presso l'azienda Corbari Bio a Cernusco sul Naviglio (MI) per vendita diretta, preparazione ordini GAS e lavori nel vivaio di piantine da orto. Nel 2012 ha iniziato l'attività di libera professione, con iscrizione all'Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Milano (2013).

Dott.ssa Sara Petrucci
www.sarapetrucci.it