chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Il mio frutteto di meli, peschi, albicocchi e ciliegi si è ammalato: è la malattia detta 'bolla'?

Il 14/05/2016, Massimo Z. di Lurate Caccivio chiede:

Buongiorno, avrei bisogno di un vostro consiglio per delle piante da frutto e spero che la categoria indicata (malerbe, patogeni, parassiti ecc.) sia quella giusta. Vengo al problema: l'anno scorso ho creato un nuovo frutteto con 16 piante tra cui meli, peschi, albicocche e ciliegie. Il primo anno hanno addirittura fatto dei buonissimi frutti con mio sommo stupore. Quest'anno purtroppo una pianta di pesco noce ha cominciato ad ammalarsi sulle foglie (penso si chiami "bolla") e pian piano anche le altre si sono ammalate. La mia domanda è: "si può fare ancora qualcosa ora che sono già presenti i frutti?" "Inoltre questi frutti hanno la possibilità di arrivare a maturazione?" Un'ultima cosa: "questa malattia può intaccare anche le piante di mela e pera che per ora sembrano sanissime?" Grazie mille per la risposta Max Z.

Il 16/05/2016, A. Crescenzi Bioagritest risponde:

Salve Massimo,

Accomunare tante specie diverse di piante ad una sola malattia non trova riscontro nella letteratura fitopatologia, per cui è molto difficile darti una risposta tecnica adeguata.

Mentre per il pesco posso immaginare la bolla del pesco, malattia dovuta ad un micete fitopatogeno (Taphrina deformans).

Per il noce e/o altre specie da te indicate non sono in grado di immaginare di quale malattia si tratti. Se invii delle foto dei sintomi che hai osservato possiamo essere più precisi nella diagnosi e suggerirti una corretta terapia.

Sperando di esserti stato utile, ti ringrazio per la cortesia e la gentilezza.

Cordialmente

Professor Aniello Crescenzi
Bioagritest
 

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
A. Crescenzi Bioagritest A. Crescenzi Bioagritest

Il professor Aniello Crescenzi dirige l'equipe di ricerca e studio del Centro Interregionale di Diagnosi Vegetale Bioagritest, con sede in Pignola (PZ), fondamentale risorsa tecnico-scientifica nel cuore della Basilicata e del Mezzogiorno.

Specializzata nel settore agroindustriale, l'azienda è attiva anche come Centro di formazione professionale e centro di ricerca applicata alle sementi, al cui interno operano l’Ente di formazione professionale, il Centro di saggio e il Laboratorio fitosanitario. Nasce nel 2005 come Laboratorio Fitosanitario, accreditato dalla Regione Basilicata ed ottiene nello stesso anno anche l’accreditamento da parte del MiPAF come Centro di Saggio riconosciuto idoneo a condurre le prove ufficiali di campo con prodotti fitosanitari.

Bioagritest è specializzata in:

  • Malerbe;
  • Patogeni e parassiti delle piante;
  • Stress biotici ed abiotici;
  • Difesa delle piante;
  • Difesa integrata;
  • Prodotti e sostanze naturali e di sintesi per il controllo delle malattie, dei parassiti e delle piante infestanti e parassitarie delle piante.

Bioagritest Srl - Centro Interregionale di Diagnosi Vegetale
Contrada Molino Di Capo Pantano
85010 Pignola (PZ)
P.I. 01294330764
Tel. +39 0971 421450 - 287558
Fax +39 0971 1972102
www.bioagritest.it