Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come si cura e si effettua la manutenzione del prato pencross? A quale altezza e con quale frequenza devo tagliare il prato?

Il 22/09/2016, Francesco di Cagliari chiede:

Possiedo un prato pencross nella casa al mare esposto al sole. Vorrei sapere quanto devo irrigare e quanti minuti. Ogni quanto devo fertilizzare? Ha un'estensione di 200 mq. Chiedo anche a quale altezza e frequenza devo tagliare? Ringrazio anticipatamente.

Il 24/09/2016, Marco Assirelli risponde:

Buongiorno Francesco,

Grazie per avermi interpellato sapendo che è sempre un piacere potervi dare informazioni per ottenere sempre maggiori risultati per il vostro tappeto erboso. Premetto che la tua domanda è complessa in quanto per essere più precisi servirebbero altre informazioni più dettagliate, non dimentichiamoci che hai a che fare con una cultivar, quella del prato pencross, davvero eccezionale quanto delicata. Detto ciò, comunque posso darti qualche indicazione che certamente potranno essere una linea guida per una eccellente gestione:

Irrigazione: in base alle temperature puoi variare dai 5 mm (primavera e autunno dalle 2 alle 4 volte alla settimana in base alle temperature e alla tipologia di terreno) ai 10 mm (nei mesi più caldi tutti i giorni);

Fertilizzazione: dipende sempre da che prodotti utilizzi, il mio consiglio è comunque la concimazione da "farmacista" ossia a bassi dosaggi (15 gr/mq) ogni tre settimane con fertilizzanti microgranulati (1/1,5 mm diametro del granulo). Ti consiglio di visitare il sito www.bottos1848.com e scaricare le schede tecniche dei prodotti SUPER TURF 24-6-9 MINI PRILLS (primavera e autunno e l'AUTUMN K 18-0-18 MINI PRILLS (estate e pre inverno);

Sfalcio: premesso che dò per scontato lei abbia una macchina elicoidale, il taglio ottimale è di 13 mm, dipende tutto anche dal tipo di manutenzione di cui è in grado di godere il prato stesso. La frequenza ottimale, nei mesi di vegetazione dovrebbe essere a giorni alternati o massima pausa di due giorni per evitare eccessiva produzione di feltro e conseguenti problematiche di attacchi fungini o ingiallimenti poco gradevoli.

Spero di esserle stato di aiuto e che possa avere risultati soddisfacenti.

Dott. Marco Assirelli
Consulente tecnico cura e manutenzione tappeti erbosi

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Marco Assirelli Marco Assirelli

Marco Assirelli, di Imola, nel 2000 si è diplomato all’Istituto Tecnico Agrario Statale G. Scarabelli di Imola come Perito
Agrario e, pochi anni dopo, ha conseguito la Laurea in Scienze Forestali e Ambientali all’Università degli Studi di Firenze,
Facoltà di Agraria.

Dal 2007 segue il settore professionistico, specializzandosi nell’analisi e cura dei tappeti erbosi naturali.

La sua affidabilità, disponibilità, professionalità e capacità di crescita sono confermate da un pronto servizio di consulenza tecnica, che è in grado di soddisfare e risolvere le più svariate problematiche. Con il tempo, la sua professionalità ha ben presto suscitato l’interesse da parte di aziende fra le più riconosciute e affermate del settore verde a livello nazionale ed europeo, che lo hanno quindi voluto nel loro staff: tra le più importanti ricordiamo BOTTOS - www.bottos1848.com (PN) e LACOGREEN - www.lacogreen.it (TV).

In pochi anni Marco è diventato un punto di riferimento per molti suoi collaboratori, che ora possono disporre di consulenza, prodotti e servizi di primissima qualità a supporto del proprio lavoro.

Dott. Marco Assirelli

https://www.linkedin.com/in/marcoassirelli