Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Cipollatura del melograno: come rimediare?

Cipollatura del melograno: come rimediare?

Il 10/10/2017, Francesco di Scanzorosciate chiede:

Buonasera, Ho diverse piante di melograno che presentano questa spaccatura nella corteccia! Mi saprebbe dire da cosa è causato e qual è il rimedio? Cordiali saluti

Il 12/10/2017, Fabio Di Gioia risponde:

Salve gentilissimo Francesco.
La spaccatura che nota sulla corteccia delle sue piante di melograno, è stata provocata probabilmente dal freddo invernale ed è chiamata con il termine di cipollatura.
Si chiama cipollatura, in quanto le fenditure longitudinali della corteccia e del legno, vanno ad interessare anche la parte interna del tronco necrotizzandosi a sua volta e assumendo una forma rigonfia e allargata a forma di bulbo di cipolla.

Queste danno è di solito molto frequente nelle piante esposte a sud, dove lo scarto termico tra il giorno e la notte è molto ampio e le possibilità che la pianta venga danneggiata è molto maggiore. 
Nei casi più gravi si può avere anche il completo distacco della corteccia dal tronco, andando a compromettere il normale processo di cicatrizzazione.

Per ridurre il danno provocato dal freddo e cercare di limitare le cipollature, l'unico rimedio è quello di eseguire un intervento terapeutico attraverso l'applicazioni di idonee sostanze ad azione cicatrizzante per favorire la riparazione della ferita e impedire sia il completo disseccamento del legno che la penetrazione di eventuali patogeni.

Ringraziandola della domanda, la saluto cordialmente.
Fabio Di Gioia

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Fabio Di Gioia Fabio Di Gioia

Fabio Di Gioia è nato a Montelupo Fiorentino nel febbraio del 1980, da una famiglia caratterizzata da una lunga e radicata tradizione contadina. Esperto di recupero e valorizzazione delle varietà vegetali antiche.

Dal 2010 a oggi organizza corsi e seminari sulle buone pratiche di conservazione e coltivazione delle varietà antiche vegetali sia in ambito erbaceo e orticolo che arboreo e frutticolo.

Lo scopo principale del suo lavoro è quello principalmente di recuperare le varietà locali e poterle reinserire in un contesto agricolo e produttivo, verso tutti coloro come le aziende agricole credono sempre di più nelle potenzialità di questo settore.

Blog: fabio13280