Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Come coltivare l'acero

Il 10/11/2016, Cristina Forni di Baruchella / Italia chiede:

Salve, ho provato piantare un acero palmatum nel mio giardino ben tre volte e neanche una di questa la pianta è sopravvissuta. Il giardino ha la terra argillosa "a mezzo impasto" come si usa dire qua, prende sole dalla mattina alla sera. Ho provato di tutto, mi piacerebbe molto piantarne un'altra, però ho paura. Cosa posso fare? Grazie mille

Il 14/11/2016, Paolo Zacchera risponde:

Gentile Cristina,

La pianura della zona di Rovigo non è decisamente ostile agli Aceri:
sono piante che soffrono la troppa umidità, ma nello stesso tempo dato che non esistono foglie altrettanto leggere e delicate quanto quelle degli aceri, la pianta può facilmente perdere le foglie nelle settimane di grande calura estiva e anche se non muore si indebolisce.

Consigli per Acero Palmatum:

  • In qualche maniera, ombreggiare la giovane pianta almeno per i primi 2 anni
  • Tenere il colletto della pianta (il punto in cui le radici si diramano dal tronco) lievemente sollevato fuori terra in modo che le si vedano le radici allargarsi dal tronco
  • Alleggerire il suolo con molta sostanza organica e sabbia per garantire la massima leggerezza possibile del suolo e che possa quindi bagnarsi e asciugarsi con una certa celerità
  • Suggerisco di piantare piante coltivate in vaso appena dopo l’inverno appena prima della ripresa primaverile delle foglie

Saluti,

Paolo Zacchera
Compagnia del Lago Maggiore

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico
Paolo Zacchera Paolo Zacchera

Paolo Zacchera è titolare dell'azienda florovivaistica Compagnia del Lago Maggiore, attiva dal 1977 nel campo della produzione di varietà specifiche, come la camelia e l'azalea.

Ciò che caratterizza la filosofia di produzione di Compagnia del Lago Maggiore è l'attenzione all'utilizzo di tecniche naturali: l'intento è quello di seminare e riprodurre piante, facendole crescere con le metodologie più semplici e più naturali possibili. Una volta completato il primo ciclo in serra, la camelia e le altre varietà di piante vengono coltivate all'aperto con un moderato uso di fertilizzanti di origine naturale. Il pregio di queste piante è proprio quello di essere rustiche e in grado di adattarsi a crescere in maniera ottimale su qualunque terrazzo e giardino.  

Compagnia del Lago Maggiore produce: Azalee, per un assortimento di oltre 50 varietà; Camelie, per oltre 20 varietà di camelia sasanqua e 200 di camelia japonica; Aceri, in forme e colori diversi; Rododendri, piccoli, medi e molto grandi; Hydrangee Ortensie, in vasi medio grandi per il giardino; Cornus Florida e Kousa; Stewartia, in 3 specie diverse.

Compagnia del Lago Maggiore
Via della Chimica 2
28924 Verbania Fondotoce
Tel. +39.0323.496332
Fax +39.0323.497341
www.compagniadellago.com