chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

Le piante acidofile, dove e come crescono

Le piante acidofile, dove e come crescono

Le piante acidofile sono una tipologia di piante perenni che hanno bisogno di un terreno con un pH che si aggira attorno a 6.5 per crescere nella maniera adeguata. Questo parametro è facilmente verificabile tramite l'utilizzo di un phmetro, facilmente reperibile su internet.

Nello specifico, quali sono le piante acidofile? Esistono varie tipologie di specie vegetative che hanno bisogno di un terriccio particolarmente acido come: le camelie, le azalee, le ortensie, le magnolie e le gardenie, solamente per citarne alcune. Molte di queste piante acidofile si trovano spesso nei giardini grazie alla loro fioritura particolare e grazie anche al fatto di essere perenni.
La loro coltivazione non è complessa, è necessario seguire dei piccoli consigli fondamentali, specialmente per quanto riguarda il tipo di terriccio per piante acidofile che è necessario utilizzare al fine di garantire la loro crescita. 

Irrigazione delle piante acidofile

Per quanto concerne le irrigazioni delle piante acidofile, è bene procedere con cautela e assicurandosi che il terreno sia ben asciutto dalla bagnatura precedente. Nel caso in cui questa condizione non venga rispettata, si andrà incontro alla formazione di ristagni idrici e del conseguente marciume radicale che può portare la pianta alla morte.

E' fondamentale preoccuparsi anche del fatto che il terreno deve essere mantenuto costantemente umido al fine di non perdere i boccioli e di evitare un dimezzamento della fioritura.
E' possibile irrigare queste piante acidofile anche durante l'autunno e l'inverno se questi mesi dovessero presentarsi piuttosto secchi.

Per quanto concerne le piante acidofile coltivate in vaso è bene utilizzare uno strato drenante che le aiuti durante il processo di assorbimento dell'acqua

Come curare le piante acidofile

La regola generale per quanto riguarda la coltivazione delle piante acidofile consiste nella poca esposizione di queste specie vegetative al sole. Queste piante hanno bisogno di essere posizionate in una zona d'ombra o mezz'ombra. Ovviamente anche questa esigenza può variare a seconda della tipologia di pianta scelta e bisogna tenere conto di quali solo le piante acidofile di cui si dispone.

Ci sono sempre, infatti, delle specie che tollerano leggermente di più il sole e che quindi è bene scegliere se si dispone di un giardino non particolarmente ombreggiato. Tra queste troviamo, ad esempio, la Camellia sasanqua, che tollera abbastanza bene sia il sole sia il caldo estivo.

Le piante acidofile devono essere protette dal freddo. Per questo motivo è possibile creare uno strato di pacciamatura base di foglie secche, che protegga le radici durante i mesi freddi.
Lo spessore consigliato deve essere di circa 8 0 10 cm. Sarebbe ampiamente consigliato riuscire a spostare queste piante acidofile in un vaso durante i mesi freddi che andrà posto in una zona riparata dai venti

Il terriccio per piante acidofile

Ovviamente l'elemento fondamentale che garantisce una crescita sana e una fioritura rigogliosa delle piante acidofile è il terriccio. Queste specie vegetative hanno bisogno di una situazione di pH perfetta alle loro esigenze per svilupparsi.
Il terriccio per piante acidofile che spesso si trova in commercio è costituito prevalentemente da torba. Questo elemento è acquistabile presso i vivai in forma compressa e quando andrà riutilizzato sarà necessario frantumarlo e reidratarlo.

Tuttavia, sebbene la torba sia un ottimo terriccio per piante acidofile, essa risulta costosa e impegnativa dal punto di vista del lavoro di messa in posa ed è possibile, quindi, optare per dei terricci già pronti specifici per piante acidofile.
Questo tipo di substrato è caratterizzato da una miscelta di elementi quali: torba, degli elementi drenanti come la pietra pomice e il lapillo ed infine del fertilizzante.

Qualora si volessero porre in giardino diverse varietà di piante acidofile, è bene tenere sotto controllo direttamente il pH di tutto il terreno. Sarà possibile effettuare questo procedimento mediante l'aggiunta di preparati che contegano zolfo miscelato con del terriccio specifico per piante acidofile e della corteccia, oppure degli aghi di pino.
Ovviamente tutto questo è possibile quando il terreno non è particolarmente basico.

Quando, purtroppo, il pH non rientra negli standard richiesti è praticamente inutile effettuare delle operazioni per acidificare il terreno, il cui pH ritornerà basico dopo circa 2 mesi.
Inoltre se si prende in considerazione anche il fatto che spesso l'acqua degli acquedotti è particolarmente ricca in calcare, si può capire bene come spesso gli sforzi per acidificare un intero terreno siano inutili.
In questo caso, se il giardino non si dovesse presentare adeguato, è bene ripiegare sulla scelta di piante a comportamento basico.

Quando, invece, il terreno ha già un pH acido o comunque abbastanza alto, l'aggiunta di zolfo addizionato di varie altre sostanze può essere effettuata anche solo una volta all'anno giusto per rinvigorire il pH del terreno. Quando il pH tende ad essere particolarmente elevato, è sufficiente aggiungere, solo a livello superficiale, del terriccio per piante acidofile che sarà in grado di riportare l'equilibrio in poco tempo.

Leggi le risposte dell'esperto su PIANTE ACIDOFILE:

Quali sono le malattie delle piante acidofile e come su curano

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.