chiudi X
chiudi X
Elaborazione della richiesta in corso. Si prega di attendere.
Portale del Verde
 
 

L'inesplorato mondo delle orchidee: scopriamolo insieme

L'inesplorato mondo delle orchidee: scopriamolo insieme

Orchidea, una pianta esotica, che con le cure adatte offre meravigliose infiorescenze con cui abbellire gli ambienti domestici.

L’orchidea appartiene alla famiglia delle Orchidaceae, delle piante erbacee monocotiledoni, che assorbono dall'acqua presente nell'ambiente i nutrienti utili per la loro vegetazione.

Originaria delle zone tropicali o sub-tropicali di Asia, America centrale e Sudamerica, è una pianta che riesce ad adattarsi a vari habitat naturali, esclusi quelli troppo freddi.
Esistono più di 775 generi di orchidee, quelle più diffuse a scopo ornamentale sono: Brassia, Cambria, Cattleya, Cymbidium, Dendrobium, Dracula, Laelia, Lycaste, Miltonia, Miltoniopsis, Odontoglossum, Oncidium, Paphiopedilum, Phalaenopsis, Phragmipedium, Pleione e Vanda.

Caratteristiche dell'orchidea

L’orchidea è una pianta epifita, formata solo da radici aeree, può crescere su rami e tronchi di altre piante oppure su rocce coperte da frammenti vegetali, muschi e licheni. Inoltre esistono anche varietà acquatiche.
L’orchidea è composta da uno stelo eretto, con foglie lineari, disposte in modo alternato, in coppia o solitarie, possono essere carnose o di forma tubolare e di colore verde intenso.
Alla base sviluppano degli pseudobulbi, che secondo la specie possono essere corti e rotondi, appiattiti e di forma ovale o cilindrica. La loro funzione è di creare una riserva di nutrienti utili al fabbisogno vegetativo della pianta.

Per quanto riguarda i fiori, si presentano con una struttura a farfalla, con un perianzio di tre sepali superiori e tre petali inferiori. Uno di questi ultimi, chiamato labello, può avere forme e dimensioni diverse in base al genere e si differenzia dagli altri ed è in grado di attirare gli insetti impollinatori.
Le radici aeree nelle orchidee tropicali sono carnose e sottili, rivestite da un velo detto velamen, che permette loro di assorbire l’umidità.
Quelle mediterranee ed europee invece sono formate da bulbi o rizotuberi. Questi ultimi possono essere rotondi, ovali, formati da tante digitazioni o filamentosi.

Leggi le risposte dell'esperto su MALATTIE ORCHIDEE:

Coltivazione e cura dell'orchidea

La coltivazione dell'orchidea, prestando un po' di attenzione, può essere svolta in casa.
A secondo del genere, fiorisce una volta l’anno o più volte, come quelle appartenenti alle Phalaenopsis, Paphiopedilum a foglie colorate, Cambria e Zygopetalum.

OrchideeAl fine di assicurare la nascita dei fiori è necessario ricostruire il suo ambiente naturale che deve essere fatto di luce e del giusto grado di umidità.
Essa deve essere collocata in un luogo ben illuminato, evitando i raggi diretti del sole che potrebbero bruciare le foglie. Inoltre, deve stare lontana da fonti di calore o alle correnti d’aria.
Il posto ideale per la pianta è posizionarla su una finestra con vetri schermati da una tenda.
È una pianta che teme il gelo, per questo in inverno si adatta alle temperature interne di un’abitazione.
L’importante è che sia superiore ai 15 gradi.

Essendo una pianta tropicale, deve essere mantenuta umida. Ciò non significa che deve essere continuamente bagnata e soprattutto si devono evitare i ristagni di acqua, che potrebbero far marcire le radici; per ovviare a tale rischio basta mettere dei sassi o dell’argilla espansa sul fondo del vaso. 


Innaffiatura orchidea

Le innaffiature devono avvenire quando l’orchidea è asciutta. Per capirlo basta soppesare il vaso, se risulta abbastanza leggero si può procedere con le innaffiature, le quali devono avvenire indicativamente una volta ogni 8/10 giorni, in inverno, mentre nei periodi più caldi con una maggiore frequenza.
Il modo corretto per innaffiarle è a bagnomaria, in altre parole mettendo il contenitore in un altro riempito con un po’ d’acqua a temperatura ambiente.

Per garantire l’umidità alla pianta soprattutto in caso di caldo eccessivo, è consigliabile nebulizzare le foglie con acqua minerale, mentre è da evitare quella del rubinetto contenente cloro che potrebbe ingiallirle o danneggiarle.

Rinvaso e concimazione dell’orchidea

La pianta può essere coltivata in contenitori di plastica, sia trasparenti sia opachi.
Essa predilige i substrati acidi, ben areati formati da un miscuglio di torba, sfagno o muschio di torbiere, cortecce di conifere, radici di felci e terra di bosco.
Mentre il rinvaso dell'orchidea deve avvenire in primavera e solo quando le radici sono cresciute troppo e fuoriescono dal vaso.
La concimazione dell’orchidea deve avvenire utilizzando fertilizzanti liquidi specifici, ricchi di azoto soprattutto nel periodo di ripresa vegetativa.
Mentre per favorire una fioritura rigogliosa, è opportuno usare in autunno e in inverno prodotti contenenti. L’operazione deve avvenire due volte al mese aggiungendo il fertilizzante all’acqua dell’innaffiatura

Leggi le altre risposte dell'esperto su CURA E COLTIVAZIONE ORCHIDEE:

Leggi anche "Il mondo delle Orchidee" e "La mia passione per le Orchidee", gli e-book di Giancarlo Pozzi scaricabili gratuitamente dal nostro Portale!

Orchidea Phalaenopsis: un po di storia e l'origine del suo nome

Ti è piaciuto e ti è stato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici tramite i tasti social qui sotto. Aiuterai così il nostro portale a crescere!
Stampa la pagina Invia ad un amico

Questo articolo è stato scritto da Redazione

Redazione

Portale del Verde è l'enciclopedia online del giardinaggio e delle piante con oltre 5000 schede di varietà botaniche e oltre 17.000 aziende che operano nel settore orto florovivaistico. È l'unico portale web in Italia che dà la possibilità a tutti gli appassionati di giardinaggio di fare domande e ricevere una risposta gratuitamente da una redazione formata da oltre 50 esperti autorevoli, uno per ogni specifica nicchia, provenienti dal mondo del verde. 

E' presente inoltre l'unica libreria online GRATUITA con 27 e-book di altissima qualità sul mondo del Giardinaggio.

E per chi amasse approfondire tramite video, può visitare il canale Youtube dove gli esperti approfondiscono varie tematiche sulle specifiche varietà di piante e fiori da loro trattate.